User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
Like Tree10Likes

Discussione: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

  1. #1
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Dopo aver per lungo tempo soppesato il problema di questa inopinata regressione economica, dopo aver letto migliaia di pagine di querimonie e di accorate proteste, qui su internet e sulla stampa di tutto il mondo, dopo aver ragionato da solo e in compagnia e dopo aver ascoltato in tutta umiltà centinaia di pareri, di uomini illustri e sapienti come di umile gente del popolo, sono arrivato a concepire un ragionamento come quello che segue e che prenderà corpo in questa modesta proposta per un sano agire politico.




    Posto che le condizioni di vita dei poveri del mondo, e di quelli di casa nostra, continuano a peggiorare costituendo in primo luogo una preoccupazione indesiderata per quella parte della comunità, sana e vivace, che riesce ad uscire da ogni momento di crisi più ricca e più in salute di prima, dichiarato con tutta la forza dell'evidenza che questa parte sana è motore di un'economia a sè stante, come testimonia la baldanza del mercato dei beni di lusso, considerate le grida d'appello e d'allarme che tutta la comunità tecnico scientifica lancia sulla insostenibilità di questo modello di sviluppo, dal punto di vista ecologico come da quello igienico sanitario e di approvigionamento di ciò che è essenziale ad una vita dignitosamente acconciata, acclarato il fatto che Europa e Stati Uniti d'America, per ragioni storiche, culturali, artistiche e di coscienza politica, sono ancora il cuore spirituale del mondo, considerato tutto questo ed altro che qui, per brevità e chiarezza, si ritiene comunemente conosciuto, accettato e, per ciò, scontato, si propone una via pietosa alla ripresa sostenibile.




    Si propone l'eradicazione di tutta la popolazione, di qualsiasi età e condizione di salute, del continente africano. Con l'esclusione mirata degli euroamericani che, per turismo od affari, si trovassero nel continente, più o meno stabilmente.
    In questo modo la benedetta terra d'Africa, liberata dai milioni di umani che la infestano, tornerebbe ad essere il giardino lussureggiante come è stato creato in origine. Culla dell'uomo e luogo di sport e di svago. Diventerebbe luogo di biodiversità e di rafforzamento delle specie che l'uomo, nella sua inanità, ha condannato all'estinzione quasi certa. Ricoperta di foreste e di vegetazione, tornerebbe ad essere una produttrice d'ossigeno, una inesausta idrovora di anidride carbonica e darebbe una mano a ridurre, sino alla cessazione del pericolo, il rischio di innalzamento delle temperature globali.




    Si propone l'eradicazione totale di tutta la popolazione asiatica, eccetto quella del Giappone. In un colpo solo si otterrebbe la fine della minaccia cinese per le nostre produzioni locali, la conseguente ripartenza della nostra economia, maxime del comparto delle calzature ma auspicabilmente anche di quello dell'auto. Si ridurrebbe il consumo di petrolio e di altri combustibili fossili, ora ingurgitati dall'industria dei paesi orientali, con conseguente ritorno all'abbondanza degli stessi combustibili, alla diminuzione del prezzo della benzina, al ritorno alle spensierate gite fuori porta e alla fine di ogni sproloquio sulla decadenza della civiltà occidentale.




    Anche solo limitandoci a questo ridurremmo la popolazione terrestre di circa 5 miliardi e cento milioni.
    Si propone, peraltro, il totale (o parziale, è da discutere) azzeramento della popolazione del Centro e Sud America.
    Il disboscamento dell'Amazzonia potrebbe procedere con ritmo razionale e del tutto sostenibile, tutta la vasta estensione della foresta primeva potrebbe tornare a funzionare come polmone del mondo, le immense distese d'acqua dolce potrebbero costituire una riserva idrica di totale sicurezza, laddove questa proposta fosse accolta con ritardi che rendessero di più lungo periodo il ritorno all'equilibrio ecologico da tutti noi sperato, con conseguenti possibili anche se malaugurate crisi di disponibilità del prezioso elemento, soprattutto nei più vicini Stati Uniti d'America. Con questo dettaglio si arriverebbe a eliminare altri 400 milioni di esseri umani, bambini compresi. Portando il totale, fin qui, a circa 5 miliardi e mezzo sui sette e mezzo circa del totale odierno.





    Di certo appare auspicabile anche la eliminazione globale della popolazione araba e, ovviamente, di quella musulmana non africana. Il petrolio sarebbe così disponibile senza sottostare ad alcun ricatto politico. E la democrazia occidentale non dovrebbe più scendere a compromessi con le sanguinarie dittature col turbante. E' del tutto inutile qui ripetere tutte le ragioni, culturali e spirituali, oltre che economiche, che sarebbero immediatamente risolte con la scomparsa delle popolazioni arabe.
    Al compimento di questo progetto, semplice e chiaro nella sua natura anche se di non immediata realizzazione, la popolazione terrestre sarebbe ridotta ad un più naturale e fisiologicamente sostenibile miliardo, con il mantenimento del livello di sviluppo tecnico, scientifico, politico, etico e morale, medico e urbanistico, senza detrimento per le comunicazioni e la continuazione delle necessarie scoperte scientifiche. La produzione di beni e servizi continuerebbe senza traumi, anche se sarà necessario procedere ad una riconversione culturale delle masse lavoratrici dell'Occidente salvato. Il ritorno al lavoro manuale, nelle officine e nei campi, aiutato e reso sostenibile dall'uso delle macchine intelligenti e dalla diffusione della robotica, darà vita al rafforzamento fisico e spirituale della popolazione euroamericana. Con conseguente sollievo per i sistemi sanitari nazionali e per il debito pubblico.






    In un siffatto pianeta può essere realizzata quella che fino ad ora è stata considerata una vaga utopia: la democrazia collaborativa e basata sulla solidarietà tra i simili. Piccole comunità locali di eguali che in concordia e ciascuna secondo le sue necessità e le sue prerogative perseguono il bene comune in regime di libertò individuale, basata sulla proprietà privata e sulla minima ingerenza dello Stato. Disarmo. Progresso scientifico. Progresso nelle conoscenze. Pace e prosperità. Libertà per chiunque di nutrirsi dei frutti della terra. Di carne felicemente e umanamente allevata in liberi pascoli per chi scegliesse la via carnivora. Di frutta e verdura coltivata con l'occhio alla qualità e non più alla quantità, per chi volesse seguire la strada vegetariana e puranco vegana. Oceani ripieni di pesce dove tornerebbero a nuotare anche le nobili balene.
    Qua e là sarebbe pure possibile seguire la strada etica ma insieme estrema delle comunità di raccoglitori cacciatori, per raggiungere l'estasi mistica del minimo peso ecologico della specie umana.


    I nostri scienziati ed i nostri politici sapranno sicuramente come perseguire questo colorato progetto, senza danneggiare l'umanità e la sua casa. Io, modestamente, proporrei di seguire la via batteriologica verso lo sterminio purificatore, usando con sapienza virus e vaccini, obblighi sanitari e voli intercontinentali. Ma è solo un'idea che qualcuno, di certo, si premurerà di rendere perseguibile pulitamente.
    Gigionaz: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi
    Ultima modifica di gigionaz; 10-11-13 alle 14:49
    Malandrina and Hermes like this.
    Succede che la Camusso e Landini restino gli unici rappresentanti della sinistra italiana e, paf!, mi si cambia l'avatar glorioso. Tutto d'un tratto... FACEPALM

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Buonista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    53,359
    Mentioned
    674 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    gigionaz likes this.

    Teniamoci stretti, che c'è vento forte.

    Io sono per la chirurgia etica: bisogna rifarsi il senno.

    {;,;}

  3. #3
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Citazione Originariamente Scritto da gigionaz Visualizza Messaggio
    Dopo aver per lungo tempo soppesato il problema di questa inopinata regressione economica, dopo aver letto migliaia di pagine di querimonie e di accorate proteste, qui su internet e sulla stampa di tutto il mondo, dopo aver ragionato da solo e in compagnia e dopo aver ascoltato in tutta umiltà centinaia di pareri, di uomini illustri e sapienti come di umile gente del popolo, sono arrivato a concepire un ragionamento come quello che segue e che prenderà corpo in questa modesta proposta per un sano agire politico.




    Posto che le condizioni di vita dei poveri del mondo, e di quelli di casa nostra, continuano a peggiorare costituendo in primo luogo una preoccupazione indesiderata per quella parte della comunità, sana e vivace, che riesce ad uscire da ogni momento di crisi più ricca e più in salute di prima, dichiarato con tutta la forza dell'evidenza che questa parte sana è motore di un'economia a sè stante, come testimonia la baldanza del mercato dei beni di lusso, considerate le grida d'appello e d'allarme che tutta la comunità tecnico scientifica lancia sulla insostenibilità di questo modello di sviluppo, dal punto di vista ecologico come da quello igienico sanitario e di approvigionamento di ciò che è essenziale ad una vita dignitosamente acconciata, acclarato il fatto che Europa e Stati Uniti d'America, per ragioni storiche, culturali, artistiche e di coscienza politica, sono ancora il cuore spirituale del mondo, considerato tutto questo ed altro che qui, per brevità e chiarezza, si ritiene comunemente conosciuto, accettato e, per ciò, scontato, si propone una via pietosa alla ripresa sostenibile.




    Si propone l'eradicazione di tutta la popolazione, di qualsiasi età e condizione di salute, del continente africano. Con l'esclusione mirata degli euroamericani che, per turismo od affari, si trovassero nel continente, più o meno stabilmente.
    In questo modo la benedetta terra d'Africa, liberata dai milioni di umani che la infestano, tornerebbe ad essere il giardino lussureggiante come è stato creato in origine. Culla dell'uomo e luogo di sport e di svago. Diventerebbe luogo di biodiversità e di rafforzamento delle specie che l'uomo, nella sua inanità, ha condannato all'estinzione quasi certa. Ricoperta di foreste e di vegetazione, tornerebbe ad essere una produttrice d'ossigeno, una inesausta idrovora di anidride carbonica e darebbe una mano a ridurre, sino alla cessazione del pericolo, il rischio di innalzamento delle temperature globali.




    Si propone l'eradicazione totale di tutta la popolazione asiatica, eccetto quella del Giappone. In un colpo solo si otterrebbe la fine della minaccia cinese per le nostre produzioni locali, la conseguente ripartenza della nostra economia, maxime del comparto delle calzature ma auspicabilmente anche di quello dell'auto. Si ridurrebbe il consumo di petrolio e di altri combustibili fossili, ora ingurgitati dall'industria dei paesi orientali, con conseguente ritorno all'abbondanza degli stessi combustibili, alla diminuzione del prezzo della benzina, al ritorno alle spensierate gite fuori porta e alla fine di ogni sproloquio sulla decadenza della civiltà occidentale.




    Anche solo limitandoci a questo ridurremmo la popolazione terrestre di circa 5 miliardi e cento milioni.
    Si propone, peraltro, il totale (o parziale, è da discutere) azzeramento della popolazione del Centro e Sud America.
    Il disboscamento dell'Amazzonia potrebbe procedere con ritmo razionale e del tutto sostenibile, tutta la vasta estensione della foresta primeva potrebbe tornare a funzionare come polmone del mondo, le immense distese d'acqua dolce potrebbero costituire una riserva idrica di totale sicurezza, laddove questa proposta fosse accolta con ritardi che rendessero di più lungo periodo il ritorno all'equilibrio ecologico da tutti noi sperato, con conseguenti possibili anche se malaugurate crisi di disponibilità del prezioso elemento, soprattutto nei più vicini Stati Uniti d'America. Con questo dettaglio si arriverebbe a eliminare altri 400 milioni di esseri umani, bambini compresi. Portando il totale, fin qui, a circa 5 miliardi e mezzo sui sette e mezzo circa del totale odierno.





    Di certo appare auspicabile anche la eliminazione globale della popolazione araba e, ovviamente, di quella musulmana non africana. Il petrolio sarebbe così disponibile senza sottostare ad alcun ricatto politico. E la democrazia occidentale non dovrebbe più scendere a compromessi con le sanguinarie dittature col turbante. E' del tutto inutile qui ripetere tutte le ragioni, culturali e spirituali, oltre che economiche, che sarebbero immediatamente risolte con la scomparsa delle popolazioni arabe.
    Al compimento di questo progetto, semplice e chiaro nella sua natura anche se di non immediata realizzazione, la popolazione terrestre sarebbe ridotta ad un più naturale e fisiologicamente sostenibile miliardo, con il mantenimento del livello di sviluppo tecnico, scientifico, politico, etico e morale, medico e urbanistico, senza detrimento per le comunicazioni e la continuazione delle necessarie scoperte scientifiche. La produzione di beni e servizi continuerebbe senza traumi, anche se sarà necessario procedere ad una riconversione culturale delle masse lavoratrici dell'Occidente salvato. Il ritorno al lavoro manuale, nelle officine e nei campi, aiutato e reso sostenibile dall'uso delle macchine intelligenti e dalla diffusione della robotica, darà vita al rafforzamento fisico e spirituale della popolazione euroamericana. Con conseguente sollievo per i sistemi sanitari nazionali e per il debito pubblico.






    In un siffatto pianeta può essere realizzata quella che fino ad ora è stata considerata una vaga utopia: la democrazia collaborativa e basata sulla solidarietà tra i simili. Piccole comunità locali di eguali che in concordia e ciascuna secondo le sue necessità e le sue prerogative perseguono il bene comune in regime di libertò individuale, basata sulla proprietà privata e sulla minima ingerenza dello Stato. Disarmo. Progresso scientifico. Progresso nelle conoscenze. Pace e prosperità. Libertà per chiunque di nutrirsi dei frutti della terra. Di carne felicemente e umanamente allevata in liberi pascoli per chi scegliesse la via carnivora. Di frutta e verdura coltivata con l'occhio alla qualità e non più alla quantità, per chi volesse seguire la strada vegetariana e puranco vegana. Oceani ripieni di pesce dove tornerebbero a nuotare anche le nobili balene.
    Qua e là sarebbe pure possibile seguire la strada etica ma insieme estrema delle comunità di raccoglitori cacciatori, per raggiungere l'estasi mistica del minimo peso ecologico della specie umana.


    I nostri scienziati ed i nostri politici sapranno sicuramente come perseguire questo colorato progetto, senza danneggiare l'umanità e la sua casa. Io, modestamente, proporrei di seguire la via batteriologica verso lo sterminio purificatore, usando con sapienza virus e vaccini, obblighi sanitari e voli intercontinentali. Ma è solo un'idea che qualcuno, di certo, si premurerà di rendere perseguibile pulitamente.
    Gigionaz: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi
    Andiamoci piano eh...
    Ultima modifica di Felipe K.; 10-11-13 alle 18:41 Motivo: .
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  4. #4
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Citazione Originariamente Scritto da John Orr Visualizza Messaggio
    Andiamoci piano eh...
    c'era andato forte?
    Il tema è di grande momento, in effetti.
    Succede che la Camusso e Landini restino gli unici rappresentanti della sinistra italiana e, paf!, mi si cambia l'avatar glorioso. Tutto d'un tratto... FACEPALM

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Mar 2013
    Messaggi
    2,939
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Potrebbe sembrare proposta da letteratura fantascientifica, in realtà ritengo che qualcuno ci stia pensando per davvero.
    Bombe elettromagnetiche e guerra genetica (la guerra batteriologica è ormai superata) sono realtà applicabili con uno schiocco di dita, si spera solo che non ci sia il paranoico di turno che voglia realizzare il "sogno".
    gigionaz likes this.

  6. #6
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Infatti ne parlavo mica per cazzeggio. C'era ammirazione per Swift, che pure lui mica scherzava.
    Hermes likes this.
    Succede che la Camusso e Landini restino gli unici rappresentanti della sinistra italiana e, paf!, mi si cambia l'avatar glorioso. Tutto d'un tratto... FACEPALM

  7. #7
    nazicom
    Data Registrazione
    12 Mar 2012
    Località
    Kekistan
    Messaggi
    23,540
    Mentioned
    115 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Citazione Originariamente Scritto da Condor Visualizza Messaggio
    Bombe elettromagnetiche
    E che ci fai contro gli africani?

    e guerra genetica
    Cos'è?

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Mar 2013
    Messaggi
    2,939
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Interessante video, ma non completo del tutto. Manca la parte di come gli psicopatici del nuovo ordine mondiale hanno da tempo pianificato la riduzione delle nascite, inducendo con cibi geneticamente modificati, l'infertilità maschile; di come si accaparrano la complicità di alti funzionari di industrie farmaceutiche e delle più influenti organizzazioni mondiali che dovrebbero essere vicino ai bisogni delle popolazioni del pianeta; del meccanismo di complicità dei membri del Bilderberg, cui fa parte: Mario Monti, Enrico Letta; Romano Prodi; Mario Draghi ed altri.
    Insomma, siamo vittime della paranoia di alcuni, apparentemente furbi e potenti, che non sanno che anche la loro fine è già scritta.



  9. #9
    Più mercato (del pesce)
    Data Registrazione
    21 Jun 2006
    Messaggi
    13,658
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Niente complotti, niente misteri! Qui le cose sono chiare. Meglio noi che loro. Tutto alla luce del sole!
    Condor likes this.
    Succede che la Camusso e Landini restino gli unici rappresentanti della sinistra italiana e, paf!, mi si cambia l'avatar glorioso. Tutto d'un tratto... FACEPALM

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Mar 2013
    Messaggi
    2,939
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Modesta ma meditata proposta per uscire dalla crisi

    Citazione Originariamente Scritto da Hermes Visualizza Messaggio
    E che ci fai contro gli africani?
    Contro gli africani non ci fai niente, ma contro qualche altro sicuramente lo metti in ginocchio, mandando in avaria tutte le apparecchiature elettriche, vitali per la sopravvivenza di una nazione che ha basato il proprio progresso sulla dipendenza dalle macchine.

    Cos'è?
    Ecco, contro gli africani la guerra genetica potrebbe fare al caso.
    Limitare i danni ai soli esseri il cui bagaglio genetico e/o cromosomico produca eccesso di melanina.
    Oppure limitare i danni ai soli individui con gli occhi a mandorla.
    Pensi che sia fantascienza? No, è realtà.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-09-12, 18:06
  2. Per uscire dalla crisi
    Di Naitmer nel forum Fondoscala
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 22-11-09, 02:11
  3. PD: sei proposte per uscire dalla crisi
    Di Sant'Eusebio nel forum Emilia-Romagna
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 14:23
  4. Proposta personale per uscire dalla situazione
    Di Saint-Just nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 21-11-07, 16:02
  5. Modesta proposta per uscire dalla farsa
    Di cristiano72 nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 13-04-04, 12:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226