User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
Like Tree4Likes
  • 2 Post By Metabo
  • 1 Post By John Orr
  • 1 Post By Qassim

Discussione: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    L?Ungheria si è liberata dai debiti. E l?Italia? ? LinkSicilia
    L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?



    13 nov 2013 Posted by Riccardo Gueci 0 Comment





    2
    E’ ARRIVATO IL MOMENTO, A POCH MESI DALLE ELEZIONI EUROPEE, DI INTERROGARCI SU QUALE EUROPA UNITA VOGLIAMO
    L’Ungheria, Paese membro dell’Unione europea, rispetto alla zona euro è in fase di ‘rodaggio’. Nel senso che staziona temporaneamente nella zona Sme 2, che è una fase propedeutica obbligatoria di avvicinamento all’euro, procedura stabilita dall’Unione per incanalare i Paesi che vengono ammessi ad approssimarsi all’area euro vera e propria.
    Recentemente, in fase di adeguamento delle proprie strutture economiche ai parametri richiesti per far parte della zona euro, si è trovata nelle condizioni di dovere ricorrere agli aiuti del Fondo monetario internazionale. Ha scontato, cioè, sulla propria viva pelle cosa significa entrare nelle grinfie del sistema finanziario internazionale. Quanto di peggio possa capitare ad un Paese che necessiti di quegli aiuti.
    Non è per puro orgoglio che il Governo Monti si è categoricamente rifiutato di ricorrervi, sapendo benissimo (e lui, Monti, sì che sene intende!) che una volta dentro ai meccanismi e agli obblighi pretesi dal Fmi, sono guai seri.
    Il ministro ungherese dell’Economia, Viktor Orban (nella foto a destra), ha dichiarato a questo proposito come e perché l’Ungheria ha saldato in anticipo il debito di oltre 2 miliardi di dollari, contratto con il Fondo monetario internazionale attraverso “una pratica di bilancio disciplinata ha ripagato in anticipo, il 12 agosto 2013 anziché alla scadenza del marzo 2014. L’Ungheria gode della fiducia degli investitori che non sono né il Fmi, né la Fed, né altri tentacoli dell’impero finanziario dei Rothschild”.
    Il riferimento è agli investitori che producono in Ungheria per gli ungheresi, creando crescita economica vera e non già ‘crescita di carta’. ”Così l’Ungheria pur di liberarsi dagli schiavisti del debito ha chiuso anticipatamente le sue pendenze finanziarie”. Adesso l’Ungheria stampa moneta senza debito.
    Alcune di queste notizie le abbiamo ricavate da Informare.over-blog. Notizie che abbiamo arricchito con altre tratte direttamente dai siti ungheresi. Da questi, tra l’altro, si apprende che il governatore della Banca centrale ungherese, Gyorgy Matolscsy, aveva scritto a Christine Lagarde, la signora francese che dirige il Fondo monetario internazionale, di togliere l’ufficio del Fondo da Budapest perché l’Ungheria non ne ha bisogno, stante che il suo Paese è in grado di finanziarsi in autonomia.
    La vicenda ungherese dimostra, ancora una volta, che il sistema finanziario internazionale è malato e continua a nuocere alla rapida ripresa economica dalla crisi che lo stesso sistema finanziario internazionale ha provocato a partire da cinque-sei anni addietro, attraverso l’emissione di titoli tossici da parte delle banche statunitensi. Quest’operazione ha creato un’economia di carta a tutto discapito dell’economia reale.
    Abbiamo ripreso questa notizia per la semplice ragione che è emblematica della considerazione nella quale viene tenuta l’alta finanza da chi ha solo voglia di lavorare e di produrre ricchezza. Costoro avvertono sulla propria pelle l’azione parassitaria della finanza e prima si riesce a liberarsene meglio è.
    A questo proposito la recente decisione della Banca centrale europea (Bce) di abbassare i tassi si presta ad una doppia lettura. Da una parte, all’origine, c’è l’intenzione di mettere al servizio della ripresa economica denaro a minor costo, purché questo venga messo a disposizione delle imprese e delle famiglie; dall’altra parte c’è il rischio che il minor costo avvantaggi le banche nel processo di accumulazione derivante dagli impieghi delle loro disponibilità nell’acquisto di titoli del debito pubblico dei Paesi che versano in difficoltà. In questo modo realizzando margini di guadagno senza eccessivi costi e senza rischio di mercato. Non è un caso che al provvedimento di Mario Draghi le Borse hanno esultato e brindato alla buona novella.
    A questo proposito viene avanti una preoccupazione: ha senso abbassare i tassi per concedere prestiti alle banche senza vincolo di mandato?
    La Banca centrale europea amministra denaro pubblico e perciò stesso i suoi impieghi debbono avere finalità d’interesse pubblico. Ora queste agevolazioni finanziarie accordate alle banche a quale finalità sono vincolate?
    In questa semplice operazione c’è tutta la precarietà della funzione che attualmente è affidata alla Bce. In assenza di un organo di direzione politica che indichi le priorità e le finalità, la Banca centrale le politiche se le dà da se, ma i soldi sono i nostri.
    Ora esaminiamo il provvedimento della Bce e rapportiamolo alle politiche prevalenti nell’Unione europea. Queste in atto sono contrassegnate dalla Austerità. Bene, se assumiamo questo indirizzo, quale linea strategica l’Europa deve assumere per superare la crisi (cosa assai difficile da dimostrare)? La linea dell’abbassamento dei tassi è in palese antitesi con la strategia economica. Se, viceversa, l’abbassamento dei tassi vuole favorire la ripresa produttiva dell’economia e del mercato, l’affidamento di denaro a basso costo senza vincoli di destinazione alla finalità dello sviluppo appare una eresia economica.
    Com’è facilmente intuibile la questione europea è tutta politica. E dovrà essere questo il tema centrale della prossima campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento europeo: quale Europa vogliamo? Se è una Europa politica dei popoli e della federazione di Stati, varrà la pena di andare a votare. Se, invece, si tratterà di rivotare per una Europa-area di libero scambio non è il caso nemmeno di scomodarsi ad andare alle urne, perché di questa Europa ne facciamo volentieri a meno.
    A questo proposito ci permettiamo di suggerire al presidente del Consiglio, Enrico Letta, un consiglio per il prossimo semestre di presidenza europea dell’Italia. Abbiamo sei mesi pieni di preparazione dell’agenda da proporre in quel semestre. Poniamo al primo punto dell’ordine del giorno di quel semestre strumenti finalizzati a creare le istituzioni di governo unitario dell’Unione europea: poteri del Parlamento, Governo e sistemi di partecipazione della cittadinanza, nonché proposte, magari, accompagnate da misure economiche che abbandonino la strada del rigore e si avviino su quella dello sviluppo e della crescita.
    Siamo uno dei principali Paesi fondatori dell’Europa unità. Bene, recuperiamo le finalità originarie e imponiamole al dibattito pubblico europeo ed al vaglio degli attuali organi di decisione e di governo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore EU
    Data Registrazione
    09 Apr 2013
    Località
    Toscana - EU
    Messaggi
    4,161
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    La risposta alla domanda è contenuta nell'articolo: Monti si è rifiutato categoricamente di indebitarsi con l'FMI, risolvendo il problema evitando proprio di crearlo.
    Sostanzialmente l'Italia è stato il paese in cui l'effetto domino si è fermato, visto e considerato che il paese messo immediatamente peggio, la Spagna, si è dovuta indebitare per salvare le proprie banche.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    Citazione Originariamente Scritto da Jeff. Visualizza Messaggio
    La risposta alla domanda è contenuta nell'articolo: Monti si è rifiutato categoricamente di indebitarsi con l'FMI, risolvendo il problema evitando proprio di crearlo.
    Sostanzialmente l'Italia è stato il paese in cui l'effetto domino si è fermato, visto e considerato che il paese messo immediatamente peggio, la Spagna, si è dovuta indebitare per salvare le proprie banche.
    Ma ancora stiamo sotto alla BCE che è un altro tentacolo del mostro.
    John Orr and Arikel like this.

  4. #4
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    26,708
    Mentioned
    445 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?


  5. #5
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    Dobbiamo dire no a Berlino e alle sue politiche nazionalsocialiste, alle sue politiche imperialiste, all'imposizione culturale che vuole propinarci a tutti i costi. Maledetti. No all'Euro.
    Arikel likes this.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    "Che è una frase senza senso, l'Ungheria (come tutti i paesi che vogliono entrare nell'euro) deve rispettare il trattato di Maastricht per aderire appunto all'euro e rimpiazzare la propria moneta, quindi la frase che parla di moneta sovrana senza debito e quanta ne vogliono è idiota e disinformativa, esistono criteri secondo i quali una zecca di stato può emettere moneta, non rispettarli vorrebbe dire non rientrare nei parametri fissati e non poter accedere all'euro. Si perché checchè ne dica l'autore dell'articolo l'Ungheria è dal 2003 che cerca di entrarci, e speravano di farlo nel 2008, e ancora lo vogliono...anche se hanno spostato la data per entrarci al 2020 (parole di Orbàn...non boiate tirate a caso come quelle dell'articolo bufaloso: Index - Gazdaság - Orbán: 2020-ig nem lesz eurónk)!"

    Peccato che l'ungheria non ha nessuna intenzione di entrare nell'euro, fossero scemi.
    Entrano solo se li costringono più o meno con la forza, questo dimostra la logica sbagliata che è dietro quest'articolo, gli ungheresi stanno maglio cosi.
    Ultima modifica di Metabo; 18-11-13 alle 13:09

  7. #7
    Talebano
    Data Registrazione
    08 Feb 2011
    Messaggi
    7,327
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Ungheria si è liberata dai debiti. E l’Italia?

    Ma l'euro non è una ragione necessaria e sufficiente per stare in crisi, l'Argentina e l'Islanda non hanno né euro né peg. E d'altronde ci sono paesi europei che pur avendo l'euro non sono affatto in crisi, come mai?
    Metabo likes this.
    "la Le Pen col 40% avrà incassato una grande vittoria" (Candido)


 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 03-09-19, 02:03
  2. Romania, Ungheria e Italia
    Di Ringhio nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-01-12, 09:47
  3. Ungheria - Italia 3-1
    Di Eridano nel forum Padania!
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 25-08-07, 10:24
  4. Paralleli Italia-Ungheria
    Di -Duca- nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 19-09-06, 16:14
  5. Evviva l'Italia liberata...
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 02-01-06, 15:29

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226