User Tag List

Pagina 1 di 60 121151 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 599
Like Tree56Likes

Discussione: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

  1. #1
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    229 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    Che cos’è il culto dei Santi?




    Molto spesso si sente condannare il culto dei santi come una forma di negromanzia. Per cui basta citare qualche passo della Bibbia, dove giustamente viene condannata, e la dimostrazione è bella che pronta. Per chi è abbastanza superficiale da crederci.
    Se invece vogliamo vedere le cose per quelle che sono, dobbiamo capire prima di tutto cosa si intenda esattamente per negromanzia e cosa, invece, per culto dei santi. E poi stabilire se vi sia qualche connessione. Partiamo da qualche definizione di necromanzia:
    «Arte divinatoria che comprende diverse pratiche occulte di magia, prima fra tutte l’evocazione degli spiriti e delle anime di persone morte SIN stregoneria»

    «La necromanzia (dal greco νεκρομαντία, nekromantía) è una forma di divinazione in cui i praticanti (detti necromanti) cercano di evocare degli “spiriti operativi” o “spiriti della divinazione” per varie ragioni, dalla protezione spirituale alla saggezza. La parola deriva dal greco νεκρός (nekrós), “morto”, e μαντεία (manteía), “divinazione”. Comunque, a partire dal medioevo, la necromanzia è stata associata ampiamente alla magia nera e all’evocazione di demoni in genere, perdendo a volte il suo significato originario: la forzatura dello spirito di un morto in un corpo umano utilizzando energia astronomica.»

    Insomma, è una pratica che ha a che fare coi morti. E i santi sono morti. Ma è un po’ poco per creare un’associazione. La già citata condanna biblica si trova nel Deuteronomio:
    «Non si trovi in mezzo a te chi immola, facendoli passare per il fuoco, il suo figlio o la sua figlia, né chi esercita la divinazione o il sortilegio o l’augurio o la magia;
    né chi faccia incantesimi, né chi consulti gli spiriti o gli indovini, né chi interroghi i morti,
    perché chiunque fa queste cose è in abominio al Signore»
    (Deut 18, 10-12)

    Che cosa si intende, invece, per “culto dei santi”? Il culto non è qualcosa da rendere solo a Dio? Il passo più citato, a riguardo, è senza dubbio quello delle tentazioni di Cristo:
    «Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse:

    “Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai”.
    Ma Gesù gli rispose: “Vattene, satana! Sta scritto:
    Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto”.»
    (Matteo 4, 8-10)

    Solo che una lettura un pò meno superficiale di quella che circola di solito in certi ambienti, permette di capire meglio la giusta interpretazione di questo passo. Satana ha chiesto a Cristo di adorarlo, e Cristo ha risposto che il culto di adorazione è solo per Dio. Tutto qui. Il punto è che le parole possono assumere significati diversi, si tratta di intendersi. Il dizionario etimologico chiarisce che per culto si può intendere quello di adorazione legato alla divinità, o semplicemente un più laico “Onore e Venerazione affettuosa verso persone o cose che ne siano degne”. E il culto dei santi rientra proprio in questa seconda categoria, essendo un culto di venerazione. Venerazione che a sua volta può essere intesa come adorazione oppure come “profondo rispetto, ammirazione, stima: trattare qualcuno, qualcosa con v.”. Davvero dovremmo credere che il messaggio di Matteo 4, 8-10 sia quello di vietare ogni forma di profondo rispetto verso persone? Non sarebbe solo un’interpretazione sbagliata, vorrebbe dire operare un grave fraintendimento del senso logico e grammaticale del passo stesso.

    L’INTERCESSIONE DEI SANTI


    Quindi, anche secondo la Bibbia, è negromanzia invocare i morti per interrogarli o per altri fini. Cosa che richiede dei rituali magici ben precisi. Ora, invece, il culto dei santi si basa semplicemente sulla convinzione della potenza della preghiera in comune (vedi Matteo 18, 19-20). Cioè sulla richiesta di intercessione, che si può fare anche con i vivi. In altre parole, se qualcuno vi chiede di pregare, non sta cercando di invocare il vostro spirito a fini divinatori ma solo di unirvi a lui nella preghiera. Questo vale per i vivi come per i morti. Pertanto, anche se i santi sono morti, chiedere la loro intercessione non ha nulla a che fare con la stregoneria e consimili.

    Esempi di richieste di intercessioni fatte a santi, ce ne sono nella stessa Bibbia. Basta pensare al passo degli Atti dove si legge:

    «Dio intanto operava prodigi non comuni per opera di Paolo, al punto che si mettevano sopra i malati fazzoletti o grembiuli che erano stati a contatto con lui e le malattie cessavano e gli spiriti cattivi fuggivano» (Atti 19, 11)

    Oggi qualcuno griderebbe all’idolatria, soprattutto per l’uso dei fazzoletti. E in effetti taluni sembrano avere un concetto talmente stretto di idolatria che, se applicato alla Bibbia, perfino questa ne uscirebbe a pezzi. Il culto dei santi, quindi, è la semplice credenza nel potere di intercessione di figure come Paolo (e non nella divinizzazione della sua persona): niente di più e niente di meno.
    Il mondo dei morti nella Bibbia

    Sgombrato il campo da questo primo equivoco, bisogna affrontare il problema del ruolo e dello stato dei morti. Fra i Testimoni di Geova e gli evangelici (una coincidenza?) è molto forte l’idea che i morti vivano in uno stato di incoscienza, una specie di limbo. Convinzione questa che – paradossalmente – non trova alcuno sostegno nelle Scritture, anzi. Potrebbe sembrare questo un aspetto secondario, in realtà è una questione importante visto che Lutero non esitò a sforbiciare dalla Bibbia tutti quei passi – e talvolta interi libri – colpevoli di non accordarsi alle sue teorie.
    Il più famoso è senza dubbio il passo del secondo Libro dei Maccabei (12, 38-45) dove si legge un esempio di vivi che intercedono per i morti. Testimoniando cioè di un rapporto dinamico vivi-morti. Forse anche il terzo capitolo del libro di Daniele è stato tagliato per il verso 86 che recita:
    «Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore,
    lodatelo ed esaltatelo nei secoli.»

    Ma da questa opera di rimaneggiamento, qualcosa si è salvato. Soprattutto passi del Nuovo Testamento che nemmeno Lutero ebbe il coraggio di toccare. Il primo è senza dubbio quello della trasfigurazione di Gesù (cfr. Matteo17, 1-8) dove Mosè ed Elia appaiono per conversare amabilmente. Se si può obiettare che, secondola Bibbia, Elia non sia morto lo stesso non si può dire per Mosè. Il quale invece morì senza dubbio e fu sepolto (Deuteronomio 34, 5-8). Quindi il Nuovo Testamento, ci offre l’esempio di un morto (Mosè) che appare sulla terra e conversa con Cristo. Niente magia e niente “limbo”, quindi, in cui i morti riposano senza avere più niente a che fare con le vicende terrestri. Ma non potrebbe trattarsi di un caso straordinario, di un antico profeta che esce dal limbo (di cui, ripetiamo, non si parla mai nella Scrittura) per rendere omaggio al Messia?
    No, anche perché il Nuovo Testamento offre un passo ancora più significativo a riguardo. Nell’Apocalisse si legge
    «Poi venne un altro angelo e si fermò all’altare, reggendo un incensiere d’oro. Gli furono dati molti profumi perché li offrisse insieme con le preghiere di tutti i santi bruciandoli sull’altare d’oro, posto davanti al trono.
    E dalla mano dell’angelo il fumo degli aromi salì davanti a Dio, insieme con le preghiere dei santi.»
    (Ap. 8, 3-4)

    È però necessario interrogarsi sui personaggi di questi due passi biblici. Si riferiscono davvero a dei morti? Per quanto riguarda il libro di Daniele, è lo stile del capitolo che ci dà informazioni in questo senso. Infatti tutto il finale del capitolo segue uno schema fisso, quello del “benedite…il Signore, lodatelo ed esaltatelo nei secoli”. Il soggetto è, di volta in volta, espresso in vocativo senza mai riferimento a spiriti e anime. Ovvero, sono gli angeli, i servi, i sacerdoti ecc… che devono benedire il Signore, non le loro anime. Il fatto che questa precisazione si trovi solo per i giusti, vuole indicare che si tratta di persone che ormai sono solo “spiriti a anime”.

    I SANTI DELL’APOCALISSE

    Ancora più chiaro lo status dei santi di cui parla l’Apocalisse. Infatti, si legge nel capitolo immediatamente precedente che:
    «Uno dei vegliardi allora si rivolse a me e disse: “Quelli che sono vestiti di bianco, chi sono e donde vengono?”. Gli risposi: “Signore mio, tu lo sai”. E lui: “Essi sono coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello. Per questo stanno davanti al trono di Dio e gli prestano servizio giorno e notte nel suo santuario; e Colui che siede sul trono stenderà la sua tenda sopra di loro.» (Ap 7, 13-15)
    Si tratta chiaramente dei martiri, di coloro che – come abbiamo visto nel post sulle origini storiche del culto dei santi – erano chiamati, per l’appunto, santi dalle prime comunità cristiane. E i martiri, è ovvio, sono morti. L’Apocalisse, dunque, non ci parla di un “limbo” in cui ci sono dei santi persi nella contemplazione di Dio e che quindi non devono essere “disturbati”. No, abbiamo dei santi che prestano servizio come gli angeli. E come gli angeli si occupano di quello che interessa a Dio: l’umanità. E quindi pregano e le loro preghiere salgono “davanti a Dio”. Tanto che l’Apocalisse, facendo ancora un salto indietro, ci presenta anche una di queste preghiere nel sesto capitolo:
    «Quando l’Agnello aprì il quinto sigillo, vidi sotto l’altare le anime di coloro che furono immolati a causa della parola di Dio e della testimonianza che gli avevano resa.
    E gridarono a gran voce:
    “Fino a quando, Sovrano,
    tu che sei santo e verace,
    non farai giustizia
    e non vendicherai il nostro sangue
    sopra gli abitanti della terra?”.
    Allora venne data a ciascuno di essi una veste candida e fu detto loro di pazientare ancora un poco, finché fosse completo il numero dei loro compagni di servizio e dei loro fratelli che dovevano essere uccisi come loro.» (Ap 6, 9-11)

    I MORTI NELLA TRADIZIONE

    Molti vanno dicendo che pratiche come quelle di far dire messe per i morti, siano figlie della dottrina del Purgatorio che effettivamente fu consapevolmente elaborata , dal punto di vista teologico, nel Medioevo. Niente di più falso. Se guardiamo a Padri della Chiesa del calibro di sant’Agostino, sant’Ambrogio e del meno noto san Paolino di Nola, ci accorgiamo che già nei primi secoli del Cristianesimo quel rapporto dinamico morti-vivi, del resto teorizzato dalla Bibbia, era del tutto accettato e praticato. Infatti, come approfondito in un altro post , furono le sopra dette figure (spesso citate dagli stessi protestanti) a incoraggiare il culto dei santi. Certo, non mancavano abusi e polemiche ma nessuno si sognava di accostare la comunione dei santi all’evocazione dei morti. In particolare, è interessante soffermarsi su un breve scritto di Agostino intitolato sulla “Sulla cura dovuta ai morti” che è interamente consultabile online. Si tratta di una risposta sollecitata dall’amico Paolino di Nola sull’utilità della pratica – sempre più diffusa – di farsi seppellire vicino ai martiri. Quello che a noi interessa qui sono le riflessioni che il quesito induce in Agostino. Prima di entrare nel merito, infatti, il grande pensatore afferma l’utilità delle preghiere per i defunti:
    Nei libri dei Maccabei si legge che venne offerto un sacrificio per i defunti 2. Ma anche se in nessun luogo delle antiche Scritture si leggesse qualcosa di simile, non poca cosa sarebbe l’autorità della Chiesa universale che si manifesta in questa usanza quando, tra le preghiere che dal sacerdote vengono innalzate al Signore nostro Dio davanti al suo altare, c’è un posto preminente la preghiera per i defunti (1. 3)
    Qui Agostino, oltre a dirci che già ai suoi tempi le preghiere per i morti erano pratica comune, ci informa anche che si tratta di una tradizione antica. E che a prescindere dalla Scrittura, ci si può prestare fede per l’autorità della Chiesa. Come se non bastasse, continuando a leggere si trova scritto che la sepoltura nei pressi dei santuari ha una qualche utilità se intesa nel modo giusto.
    Verso la fine dello scritto, sant’Agostino si interroga anche sul problema di base: il rapporto fra i vivi e i morti. In particolare, confronta l’intervento dei morti con quella che definisce una sua opinione personale: che i defunti non possano conoscere le vicende terrestri (13. 16). Opinione che sembra basata su una considerazione particolare: in sostanza se sua madre morta potesse vedere costantemente la vita del figlio, non avrebbe pace. Opinione personale che però in alcun modo giunge alla negazione della dinamicità del rapporto vivi-morti. Infatti, nei punti successivi, l’autore suppone che ai morti sia fatto conoscere quello che loro interessa per vie traverse, tramite gli angeli oppure dalle notizie in possesso di altri defunti. Il tutto per arrivare al punto decisivo: i morti non possono fare niente (nè vedere nè intervenire), ma lo possono se Dio lo vuole (16. 9). E, ovviamente, a Dio tutto è possibile.

    CONCLUSIONI

    La Bibbia dunque ci mostra dei morti che pregano Dio, e pregano per la terra. In sostanza, se davvero nel Cristianesimo delle origini (di cui, purtroppo, molto spesso si favoleggia) ci fosse stato questo orrore sacro per qualsiasi cosa che avesse a che fare coi morti, molto difficilmente si troverebbero nella Bibbia antichi profeti che scendono sulla Terra per conversare o santi che pregano davanti al trono di Dio. Del resto la comunione dei santi si trova già nel simbolo apostolico, una comunione che neanche la morte (ormai sconfitta da Cristo) può spezzare. Per questo Paolo fa notare che
    «Voi vi siete invece accostati al monte di Sion e alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e a miriadi di angeli, all’adunanza festosa e all’assemblea dei primogeniti iscritti nei cieli, al Dio giudice di tutti e agli spiriti dei giusti portati alla perfezione… » (Eb 12, 22-23)
    Cioè entrare nella Chiesa, vuol dire entrare in una comunione anche con gli “spiriti dei giusti portati alla perfezione”. Una Chiesa che non è una sorta di società a tempo determinato, un mero club umano. Bensì una realtà eterna con componenti diverse ma strettamente collegate. Del resto, come abbiamo visto nel post sopra citato, una delle più appariscenti innovazioni del Cristianesimo fu proprio l’instaurarsi di un nuovo, e più dinamico, rapporto tra i vivi e i morti.

    Che cos?è il culto dei santi? | "Chi controlla il passato, controlla il futuro... (George Orwell)
    Haxel likes this.
    Preferisco di no.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito re: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    Nei Maccabei (mi sembra che non sia nel canone protestante) ci sono le elemosine per i defunti. Il culto dei santi era in uso dai primi anni, basta andare a vedere le catacombe...
    E' un pò demodè e politically incorrect, come si dice, ma voglio proporre questo testo:
    Totus tuus network - Cammilleri: I santi militari
    Cammilleri Rino I Santi Militari
    Antidoti » Blog Archive I santi militari » Antidoti
    bello poi questo articolo per la parte sui Santi Giapponesi
    Santi guerrieri, santi militari | Venite ad Me
    Ultima modifica di Parsifal Corda; 19-11-13 alle 11:33

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito re: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    A questo proposito consiglioa tutti di vedere gli affreschi di Lucas Hasegawa nella Chiesa dei Martiri Giapponesi di Civitavecchia
    Pagina iniziale - Parrocchia Santi Martiri Giapponesi Civitavecchia
    Dal vivo però su internet non li ho trovati...

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    56,593
    Mentioned
    1073 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito re: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    il problema è che certe credenze popolari del sud vanno molto al di là dell'intercessione o della "amichevole" venerazione, basta vedere il culto di Padre Pio, di San Gennaro e di tanti santi e madonne sparsi per l'italia, tutto cio' deriva dal fatto che questi santi e madonne hanno sostituito le antiche divinità pagane precristiane

    E quanto business che si crea attorno a questi culti

    E non fate i finti tonti per favore, la vecchietta che adora Padre Pio o San Gennaro prega solo per lui, non per Dio
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 19-11-13 alle 17:06
    Leviathan and Jostab02 like this.

  5. #5
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    229 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito re: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    il problema è che certe credenze popolari del sud vanno molto al di là dell'intercessione o della "amichevole" venerazione, basta vedere il culto di Padre Pio, di San Gennaro e di tanti santi e madonne sparsi per l'italia, tutto cio' deriva dal fatto che questi santi e madonne hanno sostituito le antiche divinità pagane precristiane

    E quanto business che si crea attorno a questi culti

    E non fate i finti tonti per favore, la vecchietta che adora Padre Pio o San Gennaro prega solo per lui, non per Dio
    Si la vecchietta magari spende un'ora in più davanti alla statua di Padre Pio. Poi recita un Rosario chiedendo alla Madonna intercessione per tutti i suoi parrocchiani. Va alla Messa per pregare per le anime del Purgatorio. Ha cioè una vita Religiosa perfettamente ortodossa ed ortopratica.

    Per quanto concerne invece "er paganesimo dei figli di a-a-a- ttila" dato che sono nozioni di antropologia che riguardano determinati singoli e non una determinata istituzione religiosa in re ipsa , uno se volesse fare lo stronzo, potrebbe anche far notare che l'ossessione per la Bibbia tipica di tanto protestantume, ovvero che essa contenga tutto il destino e la vita del singolo, non è molto diversa dalla pratica della divinazione mediante i libri della sibilla cumana o i testi di divinazione runica.
    Dipende sempre dall'approccio cioè.

    Per quanto concerne il business ipermegastramiliardario della stamperia che vende cento santini alla Parrocchia rimando ai vari telepredicatori protestanti e chi ci fa veramente miliardi snaturando il significato stesso delle Scritture:
    ?Chi vuole ignorare la storia è dannato a ricominciarla? (B. Croce): Sulla decima e sul vangelo della prosperità

    In definitiva però , il discorso è semplice.
    I protestanti condannano la devozione verso i Santi sulla base delle Scritture, ignorando che le Scritture stesse le prevedono
    Preferisco di no.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    23 Oct 2013
    Messaggi
    4,967
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito re: Confutazioni varie delle dottrine protestanti e analisi delle varie eresie e altro

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    il problema è che certe credenze popolari del sud vanno molto al di là dell'intercessione o della "amichevole" venerazione, basta vedere il culto di Padre Pio, di San Gennaro e di tanti santi e madonne sparsi per l'italia, tutto cio' deriva dal fatto che questi santi e madonne hanno sostituito le antiche divinità pagane precristiane

    E quanto business che si crea attorno a questi culti

    E non fate i finti tonti per favore, la vecchietta che adora Padre Pio o San Gennaro prega solo per lui, non per Dio
    Casomai prega Dio, non per...comunque mi piace che hai usato l'espressione del sud, non a caso sono i luoghi (invece del Nord protestante) che la Fede la hanno conservata. E' difficile fare un processo alle intenzioni, è molto ingiusto sia generalizzare, sia giudicare il cuore delle persone che non possiamo scrutare. C'è una religiosità popolare in cui i Santi sono amici, in cui la Venerazione alla Madonna ha un posto preponderante, tanto che viene pregata tantissimo. E' sbagliato questo? A Gesù non può che far piacere tanta venerazione per la propria Madre, o sbaglio?
    Ma davvero il Cristianesimo non si vive in queste relazioni? Davvero chi pensa a Padre Pio non lo vede come un amico di Dio, stigmatizzato egli stesso, che ha vissuto in sè la Passione di Nostro Signore? Davvero Gesù non ha parlato attraverso la sua carne, la sua vita? Se questo è paganesimo allora il cristianesimo per lei è qualcosa di astratto, lontano, e allora capisco che fa paura vedere Gesù nei Santi.
    Miles likes this.

  7. #7
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    229 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito confutazione alla propaganda anticattolica e confutazione dottrine protestanti

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    purtroppo un'analisi giustissima, spero almeno che i cristiani tutti scenderanno in piazza per difendere le famiglie tradizionali e far sentire al paese la loro forza, senza compromessi

    E' una battaglia che vale la pena combattere, per il bene dei nostri figli
    Molte sette e conventucole protestanti sono pro-aborto e pro-ghei.
    Giusto per farsi due conti in tasca.
    Preferisco di no.

  8. #8
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    56,593
    Mentioned
    1073 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Matrimoni gay: come i cattolici perderanno questa battaglia in dieci passi

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    Molte sette e conventucole protestanti sono pro-aborto e pro-ghei.
    Giusto per farsi due conti in tasca.
    Lo so.
    Mi considero simpatizzante dei protestanti piu' tradizionali, quelli che si ispirano a luteranesimo e calvinismo, quelli che non demonizzano i cattolici e anzi pensano che su molti punti si possano fare tante cose insieme, come per esempio una battaglia senza quartiere contro chi minaccia la famiglia e contro chi vuole fare la guerra dei generi introducendo la figura di neutro

    Tempo fa a un culto è venuto un prete cattolico che ha fatto una bellissima predica sulle nozze di Cana, applauditissimo

    In Germania esistono partiti al 40-50% CDU-CSU di chiara ispirazione cristiana: loro non si pongono la domanda se la C di CDU-CSU vuol dire cattolico o cristiano, sono cristiani e basta

    In Italia ci sono i valdesi-metodisti, sono loro i piu' possibilisti e i piu' "moderni"

    Probabilmente se fossi nato in Germania o Austria o Ungheria non mi sarei posto la domanda cattolico-protestante ma il modo di vivere la religione cattolica in Italia per me non è accettabile
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 26-11-13 alle 14:16

  9. #9
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    229 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Matrimoni gay: come i cattolici perderanno questa battaglia in dieci passi

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    tipico esempio di come vedono il cattolicesimo gli italiani, per le belle cerimonie, vuoi mettere la bella figura con i parenti e gli amici che fai?
    Non si capisce cosa centri la validità di un Sacramento col fatto che alcuni lo festeggino in maniera un po' scintillante.
    Preferisco di no.

  10. #10
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    56,593
    Mentioned
    1073 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: Matrimoni gay: come i cattolici perderanno questa battaglia in dieci passi

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    Non si capisce cosa centri la validità di un Sacramento col fatto che alcuni lo festeggino in maniera un po' scintillante.
    ma sono queste le cose da cambiare: se qui su questo forum ci sono 6 o 7 cattolici preparati ( e me ne rallegro, infatti faccio fatica a criticarvi perchè quando uno vive in modo pieno la sua religiosità è degno di molto rispetto) con voi la fuori ci sono milioni di cattolici cheinvece vedono la chiesa solo per le sciocchezzuole estetiche e per le convenienze sociali
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 27-11-13 alle 17:50

 

 
Pagina 1 di 60 121151 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. papa Francesco ispirato dai protestanti? (e i protestanti ispirati dai massoni?)
    Di FrancoAntonio nel forum Chiese e Comunità Cristiane Evangeliche
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 03-12-13, 08:59
  2. Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 24-10-10, 19:08
  3. I protestanti ed il culto dei santi
    Di robdealb91 nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 07-07-08, 08:55
  4. interessante sito di protestanti per protestanti
    Di Shambler nel forum Cattolici
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 06-05-06, 15:55
  5. Convegno: l'ignoranza delle Scritture è ignoranza di Cristo
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-01-05, 20:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226