User Tag List

Pagina 43 di 44 PrimaPrima ... 33424344 UltimaUltima
Risultati da 421 a 430 di 440
Like Tree39Likes

Discussione: La mafia non esiste!

  1. #421
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,060
    Mentioned
    67 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Peggio del Kosovo.
    E qui non abbiamo neanche i serbi come opposizione.Solo dei padani armati di telefonino.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #422
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Mafia: corteo di Libera a Padova. "Siamo 50 mila" - Veneto - ANSA.it

    Ci sarà mai un magistrato che indaghi sulle collusioni di questi con la mafia?

  3. #423
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Amministrative in Sicilia, si vota in 34 comuni. Alle 12 affluenza al 15,06% - Sicilia - ANSA.it
    Si vota anche a Castelvetrano, paese di Messina Denaro.
    Lui non si candida, gli basta la lista del PD.

  4. #424
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Quando un radical chic scopre la mafia nigeriana

    Cosa succede quando un radical chic dopo anni di insulti ai controinformatori liberi online che cercavano di mettere in guardia dalla troppo facile accoglienza scopre improvvisamente la mafia nigeriana?

    Semplice, scrive una recensione sull’Espresso su di un libro che parla appunto di mafia nigeriana come se fosse stato lui a scoprirla, facendone una specie di apologia e chiudendo il pezzo venendoti a spiegare che in pratica la colpa è la tua che non sei abbastanza includente, che non sai accogliere come si deve perchè troppo egoista e troppo razzista. Questo fa Saviano di mestiere. É un intellettuale imposto. Non ce lo siamo scelti noi, se lo sono scelti loro, gli serviva così, e ora ce lo fanno sorbire per l’eternità. Una volta c’erano i Pasolini, oggi abbiamo i Saviano. E prova a non parlare di decadenza culturale.

    “La marginalizzazione e l'esclusione dal mercato del lavoro sono le prime cause di affiliazione tanto per gli italiani quanto per gli stranieri. Continuino pure i nostri politici a urlare #primagliitaliani e #lamafiafaschifo: non avranno risolto nulla, ma tutti quegli hashtag li avranno fatti sentire almeno al passo con i tempi. Magra consolazione"

    Così conclude il suo articolo il nostro premio Nobel per l’anestesia. Certo, se ti offrono un lavoro onesto puoi anche smettere di fare il pappone, smettere di spacciare e appendere la mannaia al chiodo, però dica, l’intellettuale che nel settimanale cura una rubrica chiamata in modo quanto mai appropriato ‘l’antitaliano’ – per quale motivo dovremmo essere in grado di creare le condizioni socio economiche ideali per immigrati clandestini che vengono qui già affiliati alla famigerata Black Axe (una delle mafie più feroci del mondo) se abbiamo problemi seri a garantire un minimo di dignità ai nostri stessi ragazzi italiani? Saviano è passato dalla negazione totale del fenomeno al dover rispondere in qualche modo ai fatti per poi infine provare a manipolarli e stravolgerli. Alle invettive dello psichiatra forense e medico legale Meluzzi che lo invitava con sarcasmo a parlare finalmente di mafia nigeriana (già un anno e mezzo fa) alla fine Saviano rispondeva nell’intervista per l’Huffingtonpost in cui a gennaio di quest’anno (cit. letterale) ammetteva il problema ma diceva: “...È una cazzata dire che sono frutto dell'immigrazione. La verità è che la mafia nigeriana è un capitolo della mafia italiana, al netto della retorica sovranista: gli spacciatori magrebini rispondono alle mafie italiane, la mafia nigeriana vende a quella italiana...”. Infine, appunto, notizia di attualità, se ne esce con una intera recensione ergendosi ad esperto e profondo conoscitore del fenomeno.

    Il suicidio di Karl Marx - olio su tela
    © FOTO : A.TROVATO (ELAB.GRAFICA)
    Il Radicalchiccometro
    E tutti questi radical chic da cattedrale più odiano Salvini, più provocano la reazione uguale e contraria generandogli potere. L’opposizione più scema del mondo. Ve lo ricordate Pasolini in ‘La ricotta’? A Orson Welles alla domanda “che cosa ne pensa della socità italiana” nella scena dell’intervista gli faceva rispondere: “Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa”. ‘La Ricotta’ è un cortometraggio del ’63, non mi sento di sottoscrivere lo sfogo di Pasolini, oggi i tempi sono cambiati. Il problema non è più che la gente è analfabetizzata e la borghesia ignorante, il problema è piuttosto che siamo alfabetizzati fin troppo ma male, di informazioni ne abbiamo fin troppe, ma manipolate. Viviamo in un mondo in cui gli intellettuali si autoproclamano e le mafie diventano dei serial televisivi che fanno ancora più soldi delle mafie vere. A breve avremo forse un ‘Black Axe’ anche su Netflix o Sky, senti come suona bene? Diritti d’autore già prenotati da chi di dovere, ovvio.

    https://it.sputniknews.com/opinioni/...viano-Meluzzi/
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  5. #425
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Quando un radical chic scopre la mafia nigeriana

    Cosa succede quando un radical chic dopo anni di insulti ai controinformatori liberi online che cercavano di mettere in guardia dalla troppo facile accoglienza scopre improvvisamente la mafia nigeriana?

    Semplice, scrive una recensione sull’Espresso su di un libro che parla appunto di mafia nigeriana come se fosse stato lui a scoprirla, facendone una specie di apologia e chiudendo il pezzo venendoti a spiegare che in pratica la colpa è la tua che non sei abbastanza includente, che non sai accogliere come si deve perchè troppo egoista e troppo razzista. Questo fa Saviano di mestiere. É un intellettuale imposto. Non ce lo siamo scelti noi, se lo sono scelti loro, gli serviva così, e ora ce lo fanno sorbire per l’eternità. Una volta c’erano i Pasolini, oggi abbiamo i Saviano. E prova a non parlare di decadenza culturale.

    “La marginalizzazione e l'esclusione dal mercato del lavoro sono le prime cause di affiliazione tanto per gli italiani quanto per gli stranieri. Continuino pure i nostri politici a urlare #primagliitaliani e #lamafiafaschifo: non avranno risolto nulla, ma tutti quegli hashtag li avranno fatti sentire almeno al passo con i tempi. Magra consolazione"

    Così conclude il suo articolo il nostro premio Nobel per l’anestesia. Certo, se ti offrono un lavoro onesto puoi anche smettere di fare il pappone, smettere di spacciare e appendere la mannaia al chiodo, però dica, l’intellettuale che nel settimanale cura una rubrica chiamata in modo quanto mai appropriato ‘l’antitaliano’ – per quale motivo dovremmo essere in grado di creare le condizioni socio economiche ideali per immigrati clandestini che vengono qui già affiliati alla famigerata Black Axe (una delle mafie più feroci del mondo) se abbiamo problemi seri a garantire un minimo di dignità ai nostri stessi ragazzi italiani? Saviano è passato dalla negazione totale del fenomeno al dover rispondere in qualche modo ai fatti per poi infine provare a manipolarli e stravolgerli. Alle invettive dello psichiatra forense e medico legale Meluzzi che lo invitava con sarcasmo a parlare finalmente di mafia nigeriana (già un anno e mezzo fa) alla fine Saviano rispondeva nell’intervista per l’Huffingtonpost in cui a gennaio di quest’anno (cit. letterale) ammetteva il problema ma diceva: “...È una cazzata dire che sono frutto dell'immigrazione. La verità è che la mafia nigeriana è un capitolo della mafia italiana, al netto della retorica sovranista: gli spacciatori magrebini rispondono alle mafie italiane, la mafia nigeriana vende a quella italiana...”. Infine, appunto, notizia di attualità, se ne esce con una intera recensione ergendosi ad esperto e profondo conoscitore del fenomeno.

    Il suicidio di Karl Marx - olio su tela
    © FOTO : A.TROVATO (ELAB.GRAFICA)
    Il Radicalchiccometro
    E tutti questi radical chic da cattedrale più odiano Salvini, più provocano la reazione uguale e contraria generandogli potere. L’opposizione più scema del mondo. Ve lo ricordate Pasolini in ‘La ricotta’? A Orson Welles alla domanda “che cosa ne pensa della socità italiana” nella scena dell’intervista gli faceva rispondere: “Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa”. ‘La Ricotta’ è un cortometraggio del ’63, non mi sento di sottoscrivere lo sfogo di Pasolini, oggi i tempi sono cambiati. Il problema non è più che la gente è analfabetizzata e la borghesia ignorante, il problema è piuttosto che siamo alfabetizzati fin troppo ma male, di informazioni ne abbiamo fin troppe, ma manipolate. Viviamo in un mondo in cui gli intellettuali si autoproclamano e le mafie diventano dei serial televisivi che fanno ancora più soldi delle mafie vere. A breve avremo forse un ‘Black Axe’ anche su Netflix o Sky, senti come suona bene? Diritti d’autore già prenotati da chi di dovere, ovvio.

    https://it.sputniknews.com/opinioni/...viano-Meluzzi/
    Quando un radical chic scopre di essere radical shit.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #426
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    53 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Falcone era già stato ‘ucciso’ da Leoluca Orlando – VIDEO
    maggio 23, 2019

    Oggi, nel 1992, moriva Giovanni Falcone. Ma in realtà era morto molto prima. Ucciso da un clima che molti gli avevano creato attorno.
    Tra questi, l’attuale sindaco di Palermo, il mafiologo Leoluca Orlando:



    Interessante lo scambio di Falcone con un altro magistrato, sul concetto di ‘responsabilità dei magistrati’. In cui Falcone denota di essere una spanna sopra tutti: non ‘un magistrato’, ma un italiano che faceva il magistrato.
    Oggi, nel 1992, moriva Giovanni Falcone. Ma in realtà era morto molto prima. Ucciso da un clima che molti gli avevano creato attorno.
    Tra questi, l’attuale sindaco di Palermo, il mafiologo Leoluca Orlando:



    Interessante lo scambio di Falcone con un altro magistrato, sul concetto di ‘responsabilità dei magistrati’. In cui Falcone denota di essere una spanna sopra tutti: non ‘un magistrato’, ma un italiano che faceva il magistrato.

    Dopo che Falcone accettò l’invito di dirigere gli Affari penali al ministero della Giustizia, durante una puntata di Samarcanda del maggio 1990, Orlando Cascio vomitò le accuse peggiori: Falcone – disse – ha una serie di documenti sui delitti eccellenti ma li tiene chiusi nei cassetti. Per l’esattezza il riferimento era a otto scatole lasciate da Rocco Chinnici e a un armadio pieno di carte.

    E «io sono convinto», urlava con quel suo tono millenaristico Orlando, «che dentro i cassetti del Palazzo di Giustizia ce n’è abbastanza per fare chiarezza su quei delitti».
    Falcone rispose: «È un modo di far politica che noi rifiutiamo… Se Orlando sa qualcosa faccia i nomi e i cognomi, citi i fatti, si assuma la responsabilità di quel che ha detto, altrimenti taccia. Non è vero che le inchieste sono a un punto morto. È vero il contrario: ci sono stati sviluppi corposi, con imputati e accertamenti».
    Ma Orlando «diede inizio», scrisse Maria Falcone, a una vera e propria campagna denigratoria contro mio fratello, sfruttando le proprie risorse per lanciare accuse attraverso i media».
    E tornò alla carica il 14 agosto 1991, quando rilasciò un’intervista su l‘Unità poi titolata «Indagate sui politici, i nomi ci sono»: «Sono migliaia e migliaia i nomi, gli episodi a conferma dei rapporti tra mafia e politica. Ma quella verità non entra neppure nei dibattimenti, viene sistematicamente stralciata, depositata, e neppure rischia di diventare verità processuale… Si è fatto veramente tutto, da parte di tutti, per individuare responsabilità di politici come Lima e Gunnella, ma anche meno noti come Drago, il capo degli andreottiani di Catania, Pietro Pizzo, socialista e senatore di Marsala, o Turi Lombardo? E quante inchieste si sono fermate non appena sono emersi i nomi di Andreotti, Martelli e De Michelis?». Orlando citò espressamente, tra i presunti insabbiatori, «la Procura di Palermo» e implicitamente Falcone. Per il resto, tutte le accuse risulteranno lanciate a casaccio. Poco tempo dopo, il 26 settembre 1991, al Maurizio Costanzo Show, ad attaccare Falcone fu il sodale di Orlando, Alfredo Galasso.
    Lo stesso Galasso assieme a Carmine Mancuso e a Leoluca Orlando, l’11 settembre precedente, aveva fatto un esposto al Csm che sarà il colpo finale: si chiedevano spiegazioni sull’insabbiamento delle indagini sui delitti Reina, Mattarella, La Torre, Insalaco e Bonsignore e anche sui rapporti tra Salvo Lima e Stefano Bontate e sulla loggia massonica Diaz e poi appunto sulle famose carte nei cassetti.
    Così, dopo circa un mese, il 15 ottobre, Falcone, l’eroe che stava davvero combattendo la mafia, non in televisione, dovette discolparsi davanti al Csm: «Non si può andare avanti in questa maniera, è un linciaggio morale continuo… Non si può investire della cultura del sospetto tutto e tutti. La cultura del sospetto non è l’anticamera della verità, la cultura del sospetto è l’anticamera del komeinismo». Racconterà Francesco Cossiga nel 2008, in un’intervista al Corriere della Sera: «Quel giorno lui uscì dal Csm e venne da me piangendo. Voleva andar via».
    Orlando, poi, da faccia di culo qual è, il 23 maggio 1992, a macerie fumanti, tornò amico di Falcone, come se nulla fosse stato.
    Il 25 gennaio 1993, intervenendo telefonicamente a Mixer su Raidue, Maria Falcone disse a Leoluca Orlando: «Hai infangato il nome, la dignità e l’onorabilità di un giudice che ha sempre dato prova di essere integerrimo e strenuo difensore dello Stato. Hai approfittato di determinati limiti dei procedimenti giudiziari, per fare, come diceva Giovanni, politica attraverso il sistema giudiziario».

    https://voxnews.info/2019/05/23/falc...orlando-video/
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #427
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    Strage Capaci, Orlando diserta la cerimonia nell’aula bunker a Palermo
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #428
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  9. #429
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!


  10. #430
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,559
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La mafia non esiste!

    https://it.sputniknews.com/intervist...talia-parte-1/
    Ricordo, nel caso qualcuno non lo sapesse, che la sinistra unita NEGA il fenomeno della mafia nigeriana.
    Come nega qualsiasi altra porcheria legata all'invasione che hanno creato e che continuano a spingere e difendere in ogni modo attraverso tutte le branche della loro struttura stalinista: magistratura, politica, squola, media, ong, associazionismo, volontariato, coop e via discorrendo. Ovviamente ben retribuiti da chi li gestisce.
    Il popolo naturalmente aspetta Salvini 😂

 

 
Pagina 43 di 44 PrimaPrima ... 33424344 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226