User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    POL
    POL è offline
    Servizio Forum
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    20,743
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici, 12,5%. Record tra i giovani: 41,2%



    Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici. Nessuna buona notizia. I dati provvisori di Ottobre 2013 rilasciati oggi dall’Istituto Nazionale di Statistica non evidenziano segnali di ripresa e delineano un Paese ancora in piena crisi occupazionale.
    Il tasso di disoccupazione resta ai massimi storici e si attesta al 12,5%, segnando lo stesso valore di settembre: si tratta, ancora una volta, del livello più alto sia dall’inizio delle serie mensili, gennaio 2004, sia delle trimestrali, primo trimestre 1977. Anche il numero di occupati (22 milioni 358 mila) resta sostanzialmente fermo rispetto al mese precedente, mentre cala dell’1,8% su base annua: si contano cioè 408 mila persone in meno a lavoro.* Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 189 mila, rimane bloccato rispetto al mese precedente ma aumenta quasi del 10% su base annua, più 287 mila.
    GIOVANI – Sul fronte giovani si registrano i dati peggiori: la crisi qui è nera. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati o disoccupati), è pari al 41,2%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,8 punti nei dodici mesi. E ancora: a ottobre 2013 risultano occupati 946 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in calo dell’1,4% rispetto al mese precedente e addirittura del 13,7% su base annua. In soldoni i disoccupati tra 15 e 24 anni sono 663 mila.*Non va di certo meglio ai più grandicelli: per la fascia di età 18-29 anni il tasso di disoccupazione si attesta al 28% (+5,2 punti su base annua), con un numero di disoccupati che giunge a 1 milione 68 mila (+17,2%).
    NORD E SUD – La disoccupazione in Italia non fa troppe differenze a livello geografico: il dato è uniforme anche se la riduzione del numero di occupati è più intensa nelle regioni meridionali. Al Nord l’occupazione scende al 64,5% (-0,7 punti percentuali rispetto al terzo trimestre 2012), al Centro al 59,6% (-1,3%) e nel Mezzogiorno al 41,9% (-2,1 punti percentuali).
    UOMINI E DONNE – Male anche il dato che si sofferma sulle differenze di genere: in termini tendenziali infatti la disoccupazione cresce sia per gli uomini (+14,5%) sia per le donne (+4,6%). Il tasso di disoccupazione maschile, pari al 12,0%, rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta di 1,6 punti percentuali nei dodici mesi; quello femminile, pari al 13,2%, invariato rispetto a settembre, aumenta di 0,6 punti su base annua.
    INATTIVI – Nel terzo trimestre 2013 prosegue l’incremento su base annua del numero degli inattivi (persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione) in età compresa tra 15 e 64 anni: + 0,7%, pari a 96.000 unità. La crescita, diffusa su tutto il territorio, riguarda nella quasi totalità dei casi gli uomini e soprattutto i giovani tra i 15 e i 34 anni. Riguardo invece i motivi della mancata ricerca del lavoro, significativa la crescita della categoria degli ‘scoraggiati’, ossia coloro che non cercano lavoro perchè ritengono di non trovarlo (+19,1%, pari a 305.000 unità).
    EUROPA – Primo timido calo della elevata disoccupazione nell’area euro: a ottobre si è attestata al 12,1%, dal record del 12,2% di settembre. Eurostat ha così contato 61 mila disoccupati in meno in un mese. Il confronto su base annua è però inesorabile: nell’ottobre del 2012 la disoccupazione media dell’area euro era all’11,7 per cento (-0,4%).


    Scritto da: Giordano Giusti
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere l'articolo|
    ----------------------------------------------------------------
    |Clicca qui per leggere gli articoli di attualità|

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Carpe Diem
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    9,897
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Istat, disoccupazione stabile ai massimi storici, 12,5%. Record tra i giovani: 41

    sarebbe ora di farla finita con l' ISTAT

    la disoccupazione reale è molto + alta

    contando scoraggiati sottoccupati cassaintegrati e compagnia cantante la disoccupazione reale è almeno il doppio di quella ufficiale

 

 

Discussioni Simili

  1. Istat, disoccupazione nuovo record negativo
    Di POL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-01-14, 19:43
  2. Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 04-06-12, 23:02
  3. Istat, disoccupazione record
    Di stefaboy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 24-06-10, 19:38
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-06-10, 11:37
  5. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 31-01-10, 20:40

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226