User Tag List

Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 125
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Localitā
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nč con Fini nč con Quagliariello

    Nč con Fini nč con Quagliariello

    La destra deve tornare alle origini



    Questa politica che in Italia, oggi, vede contrapposti laicisti e ciellini, a me non piace. In quanto non mi ritengo nč laicista nč ciellino, ma conservatore, di destra. Sono uno che ha fatto una scelta chiara: quella di militare contro la sinistra. Diversamente, il movimento di Comunione e Liberazione non č mai stato, non č, e (credo) mai sarā un movimento di destra. E' infatti trasversale agli schieramenti, come il Vaticano. E questo a me non piace. Non mi piace che un movimento trasversale alla politica intenda influenzarla, scombinarne le regole, ridurla ad uno scontro tra guelfi e ghibellini, favorendo i primi sui secondi.

    A mio parere la politica - che si occupa della "cosa pubblica" e non di angeli e demoni - deve avere il suo riferimento ultimo nello Stato e non nella Chiesa. Con quest'ultima lo Stato si allea se gli conviene, altrimenti no. E' sempre stato cosė in Occidente e non vedo il bisogno di cambiare il rapporto gerarchico. Questo non significa che lo Stato non debba seguire le indicazioni del Vaticano, tutt'altro. Ciō che si deve evitare, a mio avviso, č di scambiare delle valide ragioni sociali per questioni teologiche che non convengono ad uno Stato occidentale.

    Ad esempio, la maggioranza di coloro che negli anni settanta si professava contro l'aborto, era spinta da motivazioni opposte a quelle proprie del femminismo, che tanti danni causerā nella scomposizione della famiglia e della societā. Oggi invece lo scontro politico e culturale ricalca la diatriba tra scienza e fede: cosa importa ad un vero Stato di tutto ciō? Uno Stato costretto ad inseguire la scienza e la religione sul proprio terreno non č pių un vero Stato.

    Questo discorso vale anche per questioni come la famiglia eterosessuale, il divorzio, l'appoggio alle scuole private. In tutti i casi l'attuale centrodestra si oppone alla sinistra utilizzando il linguaggio dei preti. Quasi si vergognasse a difendere le proprie ragioni laicamente. Quasi non ritenesse pių possibile che uno Stato difenda le proprie ragioni in base alla propria autoritā e senza l'avallo della Chiesa.

    Tra l'altro, a ben vedere, le posizioni classiche della destra e quelle attuali della Chiesa sono agli antipodi.

    La Chiesa č a favore del liberalismo e della democrazia. La Chiesa difende i diritti dell'uomo. La Chiesa č per un governo mondiale. La Chiesa č antinazionale, antiautoritaria, antirazzista. La Chiesa č pacifista. Sensibile alle pretese degli immigrati come a quelle dei popoli del Terzo Mondo. La Chiesa č contro la pena capitale. Vorrebbe un mondo senza carceri, senza assassini e senza prostitute. Un'utopia, questa, che puō piacere alla sinistra libertaria, non certo alla destra realista.

    Francamente mi fanno sorridere quanti continuano ad identificare la destra col cattolicesimo. E' esistito un tempo in cui l'Europa č coincisa con la Cristianitā e dove l'autoritā dello Stato feudale, la "destra", si accompagnava felicemente con la Parola di Cristo. Ma questi son tempi andati e oggi la destra e i cattolici sono due entitā separate dimentiche dei loro lontani trascorsi. Una responsabilitā questa che non puō essere addebitata alle forze politiche quanto a quelle religiose, da sempre poco propense a sottostare all'autoritā del potere temporale.

    Bisogna riconoscere che mentre le ragioni del Vaticano sono sulla bocca di tutti gli attori politici, quelle del vero Stato languono, venendo banalmente scambiate per quelle dello Stato liberale che ne č per molti versi la negazione. Cosicchč, in uno Stato che non č pių Stato, la politica non č pių politica: si ritengono superati i tempi delle ideologie, dei pensieri "forti" e persino la divisione fra destra e sinistra viene negati da quanti - e il numero aumenta sempre pių - si pongono ormai oltre la destra e la sinistra. Per quanto mi riguarda, essere di destra si fonda proprio sul riconoscermi in una forma mentis alternativa a quella della sinistra. Cosicchč, concordo con chi ha obiettato che oltre le ideologie c'č solo il centro, ovvero la palude.

    Essere di sinistra o di destra, per me, non č questione che riguarda la spartizione del reddito (come vorrebbero i socialisti); non intende il diverso grado di ingerenza dello Stato nella vita pubblica (come vorrebbero i liberali); e non si riduce nemmmeno alla mera questione di professarsi cattolici o materialisti. Significa piuttosto credere in una visione verticale e non orizzontale dell'esistenza umana. Propendere per l'istituto gerarchico, che rende a ciascuno ciō che č suo, piuttosto che a quello democratico, che costringe la libera decisionalitā del singolo entro i limiti imposti dalla maggioranza. Questa č, per me, la destra.

    Ritengo sia sbagliato pensare che l'Ottantanove abbia rappresentato un'aggressione ai valori e agli interessi della Chiesa. Ciō č senz'altro vero, tuttavia la Sinistra Rivoluzionaria ha inteso combattere, innanzitutto, il principio di autoritā incarnantesi in quel sistema d'impronta feudale che col tempo aveva assunto caratteri sempre pių "assoluti". In tal senso, ha colpito la Chiesa nella misura in cui essa si era svelata complice di questo sistema; ma non appena i cattolici hanno dimenticato il Re per la democrazia, guarda caso i preti sono diventati i migliori alleati tanto dei liberali quanto dei socialisti.

    Nel Novecento sono stati i cattolici, pių degli ortodossi, degli anglicani e degli stessi luterani, a combattere l'autoritarismo politico ogni qualvolta tentasse di ricomparire all'orizzonte. E anche quando la Chiesa si č battuta contro la sinistra, lo ha fatto spinta da motivazioni proprie assolutamente non riconducibili ad un pensiero di destra. L'opposizione cattolica al comunismo reale fu dovuta infatti essenzialmente alla mancanza in quei Paesi della libertā religiosa. Viceversa, con l'eurocomunismo, che non metteva in discussione questa libertā, si č avuto il compromesso storico. Con tanti saluti alle destre, destinate eternamente all'opposizione per via dell'arco costituzionale.

    Per queste ragioni chi ancora oggi sogna di una fantomatica "reazione cattolica" č a mio avviso un illuso. I cattolici governativi, anche quelli pių ostili alla sinistra, sono pienamente inseriti nella liberaldemocrazia, di cui intendono semplicemente correggere alcuni aspetti edonistici ed utilitaristici, senza per questo mettere in discussione lo status quo. In Europa la Chiesa č saldamente al "centro" dello spettro politico e cosė anche in America, dove essa č portata - per ragioni non solo politiche, ma anche storiche ed etniche - a preferire un dialogo col mondo liberal in luogo di quello conservative. Non a caso negli USA la destra religiosa č in buona parte rappresentata dall'elettorato protestante fondamentalista, da coloro che credono nella teoria dispensazionalista, dai premillenaristi che aspettano l'imminente fine del mondo, dai creazionisti che leggono la Bibbia letteralmente e che in barba alla scienza liberale ritengono che il mondo abbia 6000 anni di storia. Questa č la destra religiosa USA. Semmai anche i mormoni e gli ebrei ortodossi. Ma non i cattolici di Ratzinger, che tuttalpių propendono per il neoconservatorismo, ovvero per il cattolicesimo liberale. Potrebbero costituire una destra cattolica i "tradizionalisti", tra cui i cosiddetti "Fatimisti", ma la loro presenza specifica nell'area č talmente insignificante da far venir meno l'ipotesi.

    Mi sembra evidente che il Vaticano segua un proprio percorso, che č distinto e spesso confliggente con quello della destra laddove essa si manifesti nei singoli Paesi. Dal canto suo, la destra dovrebbe darsi una propria autonomia politica senza per questo inseguire il mondo laico liberale sul suo terreno che č quello della sinistra d'ispirazione illuminista, massonica e globalista.

    La destra dovrebbe a mio parere preservare i valori della gerarchia e della Tradizione in accordo con l'interesse nazionale. Dovrebbe rispettare la natura e dunque le differenze ineliminabili di sesso e di razza. Dovrebbe riconoscersi nella cultura che le č propria e dunque aborrire l'esotismo e il cosmopolitismo. Dovrebbe rispettare il cambiamento, ma solo quando questo č prodotto dalle forze della storia e non quando č conseguenza di astratti teoremi.

    Questa č stata per secoli la destra, quando ancora era presente in societā come nell'arena politica. In Italia, ancora al tempo di Almirante, ci si poteva sentire e dire orgogliosamente di destra. Oggi, al contrario, esiste solo il liberalismo nella sua biforcazione laicista e cattolica: il Congresso del PD e il Meeting di Cielle. E chi intende rimanere a destra, senza confondersi con i liberali, non puō stare nč con gli uni nč con gli altri. Nč con Fini, nč con Quagliariello.


    Florian
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Localitā
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,545
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    come sempre,ci troviamo ad essere dei predicatori nel deserto....che possono solo osservare come la politca reale sia anni luce distante da noi....

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Localitā
    Roma
    Messaggi
    1,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Ti quoto in tutto e per tutto ma posso chiederti il motivo della firma con il tuo vecchio nick?

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Localitā
    venezia
    Messaggi
    6,411
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    se capiste qualcosa di politica capireste che Fini si cerca uno spazio politico che li dia una visibilitā

  5. #5
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Localitā
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,545
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    fin qua ci si era arrivati Benfy....č che si teme che a furia di cercare visibilitā,Fini perda la strada di casa....

  6. #6
    Conservatorismo e Libertā
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,352
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Da cattolico e da persona politicamente conservatrice avverto una tensione sempre pių grave fra le mille voci dei membri della Chiesa, i principi del magistero, e i capisaldi del pensiero politico della destra.

    Provo sconcerto quando sono gli stessi Vescovi a predicare la costruzione delle moschee, a giustificare ogni tolleranza buonista, a distorcere il messaggio del Vangelo, che offre non solo la pace, ma anche la giustizia di Dio. Provo sincera avversitā verso i preti che digiunano per la costruzione di una base militare americana, quando non hanno mosso un dito per protestare contro le guerre di altre potenze, gli eccidi di cristiani, le violenze contro la fede cattolica.

    E' tempo dunque di recidere un legame fin troppo stretto con una (parte) di Chiesa che nega se stessa. Sė, forse č vero: fede religiosa e fede politica vanno sganciate, anche se l'una non esclude l'altra sotto molti aspetti: io sono contro l'aborto, perchč lo dice la Chiesa, ma pure perchč - nel caso in cui la Chiesa non ci fosse, scomparisse o negasse i suoi insegnamenti - tale atto rimane oggettivamente un omicidio ed un danno. Io sono contro il divorzio, perchč lo dice la Chiesa, ma anche perchč, senza ricorrere al magistero, i legami stabili sono necessari e benefici.

    Del resto, gli insegnamenti e la Parola di Cristo non sono casuali.

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Localitā
    Roma
    Messaggi
    1,279
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    se capiste qualcosa di politica capireste che Fini si cerca uno spazio politico che li dia una visibilitā
    mega-scoop

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,635
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Citazione Originariamente Scritto da Eric Draven Visualizza Messaggio
    fin qua ci si era arrivati Benfy....č che si teme che a furia di cercare visibilitā,Fini perda la strada di casa....
    Fini ha perso la strada di casa da almeno un decennio. Il fatto č che pių passa il tempo e pių conferma il suo indirizzo politico e morale.

  9. #9
    Individuo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    770
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Questo articolo č illuminante veramente. Qui Mr.Right interpreta perfettamente il mio sentimento da "disperso" quando anche Mr.Right stesso opponeva il laicismo progressista finiano ai ciellini alla Quagliarello & Co. che francamente non mi sono mai piaciuti semplicemente perchč io sono di Destra,ho una formazione di Destra che loro non hanno,ed odio pių di ogni altra cosa il progressismo umanitario della Chiesa post-conciliare.
    Me ne fregio !
    E.Petrolini

    Non mi dite che sono incoerente,perchč lo so giā.

  10. #10
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Localitā
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Nč con Fini nč con Quagliariello

    Citazione Originariamente Scritto da Traumer Visualizza Messaggio
    Ti quoto in tutto e per tutto ma posso chiederti il motivo della firma con il tuo vecchio nick?
    Sto pensando di tornare ad usare il mio vecchio nickname.
    SADNESS IS REBELLION

 

 
Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Quagliariello e Franceschini sulla legge elettorale
    Di POL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 09-01-14, 18:01
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-11-13, 15:20
  3. Quagliariello č un saggio??????
    Di Max69 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-04-13, 19:26
  4. bocchino vs quagliariello a Ballarō
    Di stefaboy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 08-12-10, 03:25
  5. PDL: QUAGLIARIELLO, TRA BERLUSCONI E FINI DIVORZIO INEVITABILE
    Di UgoDePayens nel forum Conservatorismo
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-07-10, 12:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226