User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 30
  1. #1
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Comunismo, il bene e la demonizzazione degli avversari

    Nel contesto di quello che Max Weber chiamava il "disincantamento dell'uomo moderno", destinato a vivere "in un'epoca estranea a Dio e senza profeti", avviene quel processo di "secolarizzazione" della pulsione religiosa che si concretizza nelle ideologie politiche salvifiche. Nel comunismo moderno, che trova nel marxismo la sua sistematizzazione teorica ed ideale, vi è una fedele riproduzione del modello teologico giudaico-cristiano: una teleologia storica che si presenta... come escatologia "materialistica". Lo schema tuttavia è completamente importato dall'idealismo hegeliano e dalla sua "dialettica", per la quale la storia è "la realizzazione dell'idea della libertà".
    La triade dialettica affermazione/negazione/negazione della negazione, si riproduce nello storicismo marxista, nello schema che conduce dal "comunismo primitivo", attraverso la negazione della società divisa in classi, al comunismo moderno. Questo schema è, nella sua sostanza, tendenzialmente ineluttabile.
    La società che profetizzano Marx, Engels e poi Lenin, come "processo di storia naturale" e con "metodo scientifico", è il novello Eden, la società senza Stato, senza gerarchie sociali, politiche, senza denaro, senza tribunali, senza prigioni, senza divisione del lavoro, senza diseguaglianze. La "nuova età dell'oro", già immaginata da molti utopisti, alcuni dei quali eretici cristiani, che si presenta però non più come utopia, come sogno, ma appunto come "previsione scientifica". Un paradiso terreste senza Dio, creato direttamente dagli uomini come realizzazione del loro divenire finalmente integralmente tali. Non dimentichiamo che per Marx la storia è, infatti, "l'umanizzazione della scimmia".
    Dunque il comunismo ha come fine la felicità umana, una felicità generale ed universale (ed in ciò si differenzia senz'altro dal nazionalsocialismo che persegue la felicità della sola razza ariano-nordica, ovvero ritiene che il bene dell'umanità consista nella dominazione di questa e nell'eliminazione della "peste giudaica").
    Quindi, si dice, come ci si può contrapporre ragionevolmente all'IDEA del comunismo?
    Contrapporsi all'idea del bene significa logicamente e necessariamente essere malvagi, essere dalla parte del male.
    Se il comunismo persegue il bene, allora l'anticomunismo è l'anti-bene, ossia il male.
    Semplice no? Elementare direi...in apparenza.
    Il processo rivoluzionario che porterà al nuovo Eden, è ovviamente un processo complesso, che determinato dalle "contraddizioni insanabili della società borghese", porterà nel fuoco delle lotte di classe e nell'edificazione dei nuovi rapporti sociali di produzione, a forgiare "l'uomo nuovo socialista".
    Nei manoscritti economici-filosofici Marx attribuisce all'uomo una natura "al di fuori di sè". L'uomo è "un essere naturale", ed un essere che non ha la propria natura "fuori di sè", NON è per il giovane Marx un essere naturale. Il Marx più maturo completerà il ragionamento affermando che la "coscienza sociale dell'uomo" è DETERMINATA dal suo "essere sociale", per cui al mutare di questo ultimo muta necessariamente anche la coscienza. La liberazione non è pertano per il "materialismo storico" un processo ideale, ma materiale. Marx ed Engels ridicolizzeranno, a loro dire, Bauer, Stirner e la sinistra hegeliana e le sue prediche sul mutamento della coscienza degli uomini come base del mutamento della società, o della liberazione dell'individuo.
    Tuttavia la coscienza di classe, in quanto determinata da un lato dalla posizione che gli individui occupano nei rapporti di produzione, e dall'altro dalla "ideologia socialista portata agli operai dall'esterno"(Lenin), è un elemento fondamentale del processo.
    Quello che appare assurdo o impossibile all'interno della società borghese, non è tale nel contesto di rapporti di produzione comunistici ove è abolita l'appropriazione privata del prodotto del lavoro, ossia il lavoro alienato e, il che è lo stesso, lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo.
    La società paradisiaca descritta dai comunisti vuole essere pertanto la realizzazione e realizzabilità dell'utopia. Non è vero, si dice, che essa contrasta con la natura umana e con le "leggi dell'economia e della storia", giacchè la natura dell'uomo è determinata dalla struttura sociale, e con il mutare di questa si trasforma a propria volta.
    Questa mondanizzazione scientista della speranza religiosa, della sua escatologia, ha necessariamente esiti totalitari. E' proprio in virtù del fatto che i fini del comunismo sono buoni e paradisiaci, chiunque li ostacoli è forzatamente ritenuto in malafade, e lo fa evidentemente in difesa di propri interessi meschini ed egoistici.
    La demonizzazione dell'avversario è connaturata a questa visione allucinata della storia, e non può non estendersi anche alle varianti della stessa ideologia comunista (le eresie), giacchè pare evidente che "qualunque allontanamento dall'ideologia comunista rappresenta un rafforzamento dell'ideologia borghese" (Lenin). Qualunque rottura del fronte unito per il comunismo, qualunque dissidenza che indebolisca l'unità del partito, rafforza oggettivamente l'avversario, e pertanto rappresenta una deviazione da combattere impietosamente, giacchè si frappone di fatto al perseguimento del bene, il comunismo. "L'inferno è lastricato di buone intenzioni" amava ripetere Lenin, soprattutto contro le altre correnti socialiste, quando gli si faceva rilevare che anch'esse perseguivano, in qualche modo, lo stesso scopo finale.
    Scrive Ignazio Silone: "Tra il 1921 e il 1927 ebbi varie occasioni di recarmi a Mosca per partecipare, quale membro delle delegazioni comuniste italiane, ad alcune riunioni e congressi dell'esecutivo. Ciò che più mi colpì nei comunisti russi, anche in personalità veramente eccezionali come Lenin e Trotzky, era l'assoluta incapacità di discutere lealmente le opinioni contrarie alle proprie. L'avversario,per il semplice fatto che osava contraddire, era senz'altro un opportunista, se non addirittura un traditore ed un venduto. Un avversario in buona fede sembra per i comunisti inconcepibile(...) E' stato giustamente già osservato che per trovare un'infatuazione analoga bisogna risalire agli antichi processi contro gli eretici"
    Mentre la religione teistica cristiana può distinguere la Chiesa come "Corpo Mistico del Cristo" e in quanto tale "indefettibilmente santa", dalla chiesa - comunità di uomini immersa nella storia, fatta da quindi da peccatori, difficilmente il comunismo moderno, avendo ucciso Dio nel proprio cuore, può separare la sua idea dalla sua prassi. Anche perchè proprio la certezza "scientifica" di conseguire il bene e della sua ineluttabile realizzabilità storica, fornisce la base logica e psicologica del suo potenziale totalitario. E ciò a prescindere addirittura dall'elementare constatazione, fatta già dai liberali e democratici radicali tedeschi a Marx ed Engels nel 1847, che l'abolizione della proprietà privata è incompatibile con la conservazione o con la realizzazione delle libertà individuali e politiche.
    "L'inferno è lastricato dalle buone intenzioni" amava dire il comunista Lenin. Appunto!

    Cordiali saluti.

    ------------------


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rosa Luxemburg e il bolscevismo

    Autore Topic: Rosa Luxemburg e il Bolscevismo - per il singor Roderigo
    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 15-08-2000 13:07
    --------------------------------------------------------------------------------
    Rosa Luxemburg fu, sostanzialmente, una socialdemocratica della sinistra rivoluzionaria del partito, che non gradì affatto il cambiamento del nome del gruppo
    spartachista in PC tedesco, piegandosi democraticamente alla maggioranza....
    La Luxembug ha espresso, durante la sua vita politica, apprezzamento per l'intelligenza e la coerenza di Lenin, ma anche costante denuncia (fin dalla polemica sulla
    natura del partito rivoluzionario, nei primi anni del novecento) alla concezione autoritaria, ultracentralista e sostanzialmente "asiatica" del leninismo. La Luxemburg
    attaccò duramente le misure illiberali del potere sovietico, criticò con rigore marxista e internazionalista il dogma leniniano della "autodeterminazione nazionale", prese
    le distanze da molte misure di Lenin e Trotzky.
    Come socialista di sinistra, tuttavia, la Luxemburg riteneva che le deformazioni antidemocratiche e dispotiche del potere bolscevico fossero determinate
    dall'arretratezza sociale della Russia, della sua classe proletaria, e marxisticamente, della sua stessa avanguardia rivoluzionaria. Sempre da socialista di sinistra la
    Luxemburg riteneva tuttavia che lo sviluppo della rivoluzione potesse, in futuro, spazzare via le distorsioni iniziali, e, finita la guerra civile, indurre i bolscevichi a
    democratizzarsi, anche in vista dell'estensione internazionale della rivoluzione proletaria in paesi evoluti.
    In ultima analisi per la Luxemburg la vittoria della rivoluzione tedesca avrebbe fatto della socialdemocrazia rivoluzionaria di quel paese la nuova avanguardia del
    movimento mondiale, ridimensionando naturalmente l'influenza dei bolscevichi (che avevano comunque il merito di aver avviato un processo rivoluzionario
    progressivo) e inducendoli a seguire gli esempi dei socialisti occidentali su tutte le questioni ove questi manifestavano posizioni più democraticamente mature.
    Per questo la Luxemburg, al contrario del grande marxista ortodosso Kautsky, non ritenne di dover rompere del tutto con il bolscevismo ed accettò, sebbene senza
    risparmiare critiche assai dure, sostanzialmente la loro transitoria egemonia (dovuta evidentemente al possesso del potere statale nel primo stato socialista del
    mondo) nella nuova internazionale proletaria.
    Va da sè che la LUxemburg, assassinata nel 1919, non fece in tempo a vedere che la fine della guerra civile non contribuì per nulla alla democratizzazione del
    potere sovietico, ma all'opposto alla radicalizzazione della sua natura totalitario-terroristica,fino a sfociare del terrore staliniano.
    La Luxemburg non fece neppure in tempo a vedere la repressione di Kronstadt da parte di Lenin e Trotzky, con il massacro dell'avanguardia proletaria della
    rivoluzione!
    Come la Kollontaj sarebbe stata senz'altro dalla parte degli insorti, come fu dalla parte degli anarchici arrestati dai bolscevichi nel 1918.
    Stalin attaccò duramente la Luxemburg come una democratica piccolo-borghese, pur ricordando il suo martirio. Ttotzky ne prese le difese, ma non si mise mai alla
    sua scuola, nemmeno quando scriverà le parole autocritiche sulla rivoluzione che ho in altro post di altro forum riportato.Trotzky rimase un comunista, seppur "critico", Rosa
    Luxeburg rimase, di fatto, una rivoluzionaria del tipo della socialista di sinistra.
    Come liberale non posso certo accettare le teorie di Rosa Luemburg, che restano utopiche, irrealizzabili, comunque violente, e si fondano su un'analisi del capitalismo che i fatti hanno
    smentito (soprattutto riguardo al preteso "crollo"), ma non posso nemmeno non rilevare come queste teorie siano decisamente più compatili con il pluralismo
    democratico che non quelle comuniste di Lenin, Trotzky, Bordiga, Stalin, Gramsci, Mao, Castro, Pol Pot, che pur molto diversi fra loro hanno alla loro base la
    stessa origine bolscevica, con il peccato originale denunciato da Rosa Luxemburg con le seguenti parole "soppressione della democrazia".
    Cordiali saluti.

  3. #3
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito replica di Roderigo e controreplica di PFB

    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 15-08-2000 14:29
    --------------------------------------------------------------------------------
    L'evocazione di Rosa Luxemborg a sostegno di una critica democratica al bolscevismo, è compatibile con la pretesa di stabilire un principio assoluto d'incompatibilità tra libertà e comunismo?
    Roderigo

    P.s. come mai Rosa Luxemborg non visse abbastanza?


    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 15-08-2000 143
    --------------------------------------------------------------------------------
    Guarda che il post più sopra è proprio una risposta alla tua domanda, già formulata in termini simili in altro forum.
    Comunque, rissumendo:
    1) la Luxemburg era una socialista di sinistra, una rivoluzionaria internazionalista, NON una comunista in senso leniniano;
    2) la Luxemburg si distingueva dai comunisti leninisti (bolscevichi), per una diversa concezione della democrazia politica, sia interna al partito proletario, sia nella società;
    3) la Luxemburg attacco' duramente, l'ultracentralismo leninista e le sue implicazioni dispotico-autoriatarie sin dal 1904, soprattutto nel suo articolo "Problemi organizzativi della socialdemocrazia russa", in particolare la Luxemburg critica due testi sacri leninisti : "Che Fare?" e "Un passo avanti e due indietro".
    In tale articolo la Luxemburg scrive testualmente : "L'ultracentralismo sostenuto da Lenin a noi appare come permeato non già di uno spirito positivo e creatore, bensì dello spirito sterile del guardiano notturno.";
    4) la Luxemburg attacco' le misure antidemocratiche, dispotiche e terroriste del giovane governo sovietico accusandolo (testuale) di "soppressione della democrazia" ed enunciando il celebre principio, contro la tirannide di Lenin e Trotzky : "La libertà è pur sempre la libertà di chi la pensa diversaente";
    5) la Luxemburg critico' molte posizioni, anche teoriche, dei bolscevichi, prima fra tutti quella della "autodeterminazione delle nazioni", e lo fece da un punto di vista internazionalista;
    6) la Luxemburg restava una sovversiva, seppur non comunista, ma socialista di sinistra (accettò per deferenza verso la maggioranza il cambiamento di nome del partito, non senza protestare);
    7) le sue azioni insurrezionali ed eversive non potevano non scatenare la reazione dello Stato tedesco, retto da un governo di centrosinistra;
    8) la polizia la assassino' con il suo compagno K.L., simulando probabilmente un tentativo di fuga dopo un suo arresto.
    9) tutto ciò dimostra che il comunismo moderno, nato con Lenin, è incompatibile fin dal principio con la democrazia e la libertà, giacchè gli elementi patologici insiti nella sua ideologia dispotica furono rilevati persino dalla socialdemocrazia rivoluzionaria di estrema sinistra;
    10) il comunismo leniniano non è uno sviluppo moderno del marxismo-rivoluzionario, ma una sua involuzione che ha cancellato decenni di marcia della socialdemocrazia (anche nelle sue ali più estreme) verso la democrazia pluralistica;
    11) mentre, come la socialdemocrazia ha dimostrato, può esserci un'evoluzione democratica del marxismo classico, sia nella forma revisionista che in quella massimalista, non vi può essere evoluzione democratica del comunismo, senza una rottura radicale con le proprie origini;
    12) l'evoluzione democratica del comunismo, è in una parola, inevitabilmente, convergenza verso il socialismo democratico, sebbene verso le sue correnti più a sinistra;
    13) ciò si è compiuto con il PDS in Italia (ma non del tutto completamente);
    14) chi si dichiara comunista, o si inganna sulla storia e la denominazione che usa, o è potenzialmente disposto a ripercorrere il processo storico che ha generato le mostruosità dei regimi che conosciamo.
    Cordiali saluti.

  4. #4
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ancora battibecchi con Roderigo

    Caro Pieffebì, di solito, coloro che hanno torto, evocano a sostegno delle proprie presunte ragioni un elenco interminabile di argomenti di modo che almeno qualcuno vada bene.
    Il pensiero essenziale di Rosa Luxemburg sul bolscevismo e la Rivoluzione d'Ottbre era il seguente:

    "Lenin e Trotsky [...] sono stati i primi che hanno dato l'esempio al proletariato mondiale [...] questo è l'elemento essenziale e duraturo della politica bolscevica. In questo senso resta loro l'immortale merito storico di aver marciato alla testa del proletariato internazionale, conquistando il potere politico e ponendo praticamente il problema della realizzazione del socialismo [...]. In Russia il problema poteva essere soltanto posto. Non poteva essere risolto. Ed è in questo senso che l'avvenire appartiene ovunque al bolscevismo"

    Rosa Luxemburg, La rivoluzione russa, ora in: Scritti politici, Editori Riuniti, Roma 1974, p.595

    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 16-08-2000 21:44
    --------------------------------------------------------------------------------

    quote:
    --------------------------------------------------------------------------------
    Messaggio originario di Roderigo:
    Caro Pieffebì, di solito, coloro che hanno torto, evocano a sostegno delle proprie presunte ragioni un elenco interminabile di argomenti di modo che almeno qualcuno vada bene.
    Il pensiero essenziale di Rosa Luxemburg sul bolscevismo e la Rivoluzione d'Ottbre era il seguente:

    "Lenin e Trotsky [...] sono stati i primi che hanno dato l'esempio al proletariato mondiale [...] questo è l'elemento essenziale e duraturo della politica bolscevica. In questo senso resta loro l'immortale merito storico di aver marciato alla testa del proletariato internazionale, conquistando il potere politico e ponendo praticamente il problema della realizzazione del socialismo [...]. In Russia il problema poteva essere soltanto posto. Non poteva essere risolto. Ed è in questo senso che l'avvenire appartiene ovunque al bolscevismo"

    Rosa Luxemburg, La rivoluzione russa, ora in: Scritti politici, Editori Riuniti, Roma 1974, p.595

    Roderigo


    --------------------------------------------------------------------------------

    Caro Roderigo,
    l'argomento è perfettamente da me anticipato sopra, laddove dico chiaramente che la Luxemburg considerava la rivoluzione russa come l'inizio della rivoluzione proletaria mondiale e si aspettava dall'estensione internazionale della rivoluzione la "correzione" delle deformazioni antidemocratiche impresse dai bolscevichi al processo.
    Infatti scrivevo: "Come socialista di sinistra, tuttavia, la Luxemburg riteneva che le deformazioni antidemocratiche e
    dispotiche del potere bolscevico fossero determinate
    dall'arretratezza sociale della Russia, della sua classe proletaria, e marxisticamente, della sua stessa
    avanguardia rivoluzionaria. Sempre da socialista di sinistra la
    Luxemburg riteneva tuttavia che lo sviluppo della rivoluzione potesse, in futuro, spazzare via le
    distorsioni iniziali, e, finita la guerra civile, indurre i bolscevichi a
    democratizzarsi, anche in vista dell'estensione internazionale della rivoluzione proletaria in paesi
    evoluti.
    In ultima analisi per la Luxemburg la vittoria della rivoluzione tedesca avrebbe fatto della
    socialdemocrazia rivoluzionaria di quel paese la nuova avanguardia del
    movimento mondiale, ridimensionando naturalmente l'influenza dei bolscevichi (che avevano comunque
    il merito di aver avviato un processo rivoluzionario
    progressivo) e inducendoli a seguire gli esempi dei socialisti occidentali su tutte le questioni ove questi
    manifestavano posizioni più democraticamente mature.
    Per questo la Luxemburg, al contrario del grande marxista ortodosso Kautsky, non ritenne di dover
    rompere del tutto con il bolscevismo ed accettò, sebbene senza
    risparmiare critiche assai dure, sostanzialmente la loro transitoria egemonia (dovuta evidentemente al
    possesso del potere statale nel primo stato socialista del
    mondo) nella nuova internazionale proletaria."


    Io non ho mai detto che Rosa Luxemburg fosse altro che una rivoluzionaria marxista socialista di sinistra, non ho mai voluto farla passare per una liberale. Ho solo dimostrato che PERSINO per una siffatta rivoluzionaria marxista:
    1) Lenin e Trotzky avevano ingiustificatamente "soppresso la democrazia";
    2) che la dittatura del proletariato, nella visione del socialismo dell'epoca (prima dell'involuzione fanatica e da dispotismo asiatico del bolscevismo) non era affatto come riteneva Lenin "un potere di ferro, al di fuori di qualsiasi legge", assolutamente incompatibile con "le superstizioni democratiche piccolo-borghesi", ma al contrario un rapporto di classe, egemonico, che prevedeva TUTTE le libertà politiche, civili e sociali della "democrazia borghese".
    Caro Roderigo il torto è tutto tuo, e dei mostruosi sistemi politici che con fanatica ciecità di ostini a difendere contro ogni evidenza.
    E smettila con i grappini !!!

    Cordiali saluti.

  5. #5
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito il dibattito con Roderigo continua

    posted 17-08-2000 22:43
    --------------------------------------------------------------------------------

    quote:
    --------------------------------------------------------------------------------
    Messaggio originario di Roderigo:
    Caro Pieffebi, se ti diperdi tra mille particolari, può risultarti difficile cogliere la sostanza delle cose.
    Rosa Luxemburg criticò gli aspetti antidemocratici del bolscevismo, non malgrado, ma proprio perché fu una marxista, socialista rivoluzionaria. Questo le conferì gli strumenti analitici e il titolo morale per farlo. Titolo morale che i liberali non potevano e non possono avere.

    La differenza di fondo tra la Luxemburg e Lenin riguarda la dittatura del proletariato. Per la prima, essa si traduce nella dittatura dei consigli operai, per il secondo nella dittatura del partito. Tale differenza derivava dal fatto che la Luxemburg operava in Germania, il cuore dell'Europa industrializzata, con una forte classe operaia, mentre Lenin operava in un paese arretrato e con una popolazione al 90% contadina. Lenin quindi non poteva puntare sui consigli operai.

    Sia la Luxemburg che Lenin erano convinti che la Rivoluzione russa non avrebbe avuto futuro senza una rivoluzione mondiale che investisse in primo luogo i paesi dell'Occidente, i quali avrebbero poi trainato lo sviluppo e la realizzazione del socialismo in Russia. I bolscevichi non attribuivano a se stessi un ruolo egemonico nel futuro del socialismo mondiale, infatti progettavano di stabilire a Berlino la sede dell'Internazionale comunista ed il tedesco fu e rimase negli anni successivi la lingua ufficiale del Komintern.

    Roderigo



    --------------------------------------------------------------------------------
    PIEFFEBI:


    Un passo avanti : ammetti finalmente che la concezione della dittatura del proletariato, da parte di Lenin, implicava necessariamente la dittatura del partito e che vi erano aspetti antidemocratici nel bolscevismo;
    due passi indietro: "contestualizzi" questa differenza (meramente teorica e intellettuale) con la particolare arretratezza capitalistica della Russia. Ancora una volta una giustificazione del delitto con il pretesto della "contestualizzazione". D'altro canto in altro forum hai giustificato niente meno che lo sterminio della famiglia imperiale, BAMBINI COMPRESI. Ah, potere della contestualizzazione !!!
    Ma torniamo alla Russia del 1917:
    Detta arretratezza, secondo i canoni classi del marxismo, difesi, ad esempio, dai menscevichi, avrebbero escluso la possibilità di una rivoluzione socialista.
    Lo stesso Lenin aveva formulato, a suo tempo, contro, ad esempio il giovane Trotzky, la teoria della "dittatura democratica degli operai e contadini", che vedeva il giovane proletariato russo, e la sua "avanguardia", alla guida della rivoluzione borghese. Prima dell'aprile 1917, e del ritorno di Lenin, lo stesso partito bolscevico aveva continuato a difendere detta strategia, scatenando le ire del capo.
    Trotzky, nel 1905, aveva contrapposto al Lenin della "dittatura democratica" il seguente ragionamento : nella conduzione della rivoluzione borghese il proletariato non può non travalicare i limiti della rivoluzione stessa, ponendosi già da subito delle parole d'ordine socialiste e dei compiti socialistici, ad esempio infrangendo il diritto di propietà (teoria della Rivoluzione Permanente).
    Bordiga formulerà a propria volta, più tardi, la teoria della "doppia rivoluzione", secondo la quale la rivoluzione russa del 1917 fu contemporaneamente borghese e socialista. Ossia la rivoluzione socialista, in un paese arretrato, comprendeva in sè l'espletamento dei compiti democratico-nazionali e borghesi.
    Nella concezione di Bordiga lo stalinismo, è da interpretarsi come progressivo ACCORCIAMENTO della DOPPIA RIVOLUZIONE, in virtù del fallimento della rivoluzione in occidente e del suo isolamento internazionale in un paese arretrato, alla sola fase borghese.
    La CONTRORIVOLUZIONE stalinista per Bordiga ha dato origine, infine, ad un sistema dispotico-bonapartista (falso comunismo staliniano) riconducibile, dal punto di vista economico-sociale, al un CAPITALISMO MONOPOLISTICO DI STATO.

    Cordiali saluti.

  6. #6
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito continua....

    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 18-08-2000 13:08
    --------------------------------------------------------------------------------
    Sul fatto che, senza rivoluzione mondiale, la Rivoluzione d’Ottobre non potesse andare oltre la costruzione di un “capitalismo di stato” lo pensavano pure i bolscevichi.
    Caro Pieffebi, che tu sia un attento lettore delle mie battute è meglio che niente. Perciò, riguardo al contenuto dei miei messaggi mi limito a ripeterli. Lo scorso 10 agosto, in una delle mie tante repliche, ho scritto che Lenin, insieme con Berstein, è stato il più grande revisionista del marxismo. A cosa mi riferivo se non al fatto che in Marx il soggetto rivoluzionario è il proletariato ed in Lenin il partito? È ovvia conseguenza che per il primo, il regime transitorio al comunismo sia la “dittatura del proletariato” e per il secondo “la dittatura del partito”. Poteva pensare in modo diverso Lenin, in un paese dove il proletariato industriale era di fatto inesistente?

    In un’altra replica ho scritto che i bolscevichi, impegnati anche in una lotta politico-ideologica in seno al movimento socialista internazionale, cercarono di dimostrare la coerenza delle proprie scelte, dettate dalle necessità delle condizioni russe e della guerra civile, con l’ortodossia marxista, quindi provarono anche a dimostrare la coerenza della “dittatura del partito” con la “dittatura del proletariato”.

    Siccome parliamo, non di filosofi che pensavano comodamente seduti sotto un albero, ma di leader rivoluzionari che attraversano anni di ferro e di fuoco, non ha senso giudicare il loro pensiero e la loro azione al di fuori di un contesto. I fatti, anche i più elementari, al di fuori di un contesto non hanno nessun significato. Prova altrimenti a rispondere alla domanda se sia giusto oppure no, che un funzionario pubblico circoli in costume da bagno, senza riferirti ad alcun contesto.

    Roderigo

    P.s. Riguardo alla soppressione della famiglia dello zar, essa fu decida dal Soviet regionale dell’Ural, a Ekaterinburg, mentre la città era tenuta sotto assedio dalle truppe ceche, nel periodo più cruento della guerra civile. La città sarebbe caduta dieci giorni dopo, e la famiglia reale liberata. Il significato della decisione compiuta dal Soviet dell’Ural era chiaro: togliere alla reazione qualsiasi simbolo attorno a cui potersi raccogliere. Dal mio punto di vista, quella decisione fu comprensibile e in fondo giusta. Chi invece ha passato la vita a dire che “i comunisti mangiano i bambini”, potrà vedere in quella decisione una conferma delle sue opinioni.



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 18-08-2000 16:12
    --------------------------------------------------------------------------------
    Roderigo prendiamo due frasi "a caso" postate da te :
    "Il monopartitismo ed il monofrazionismo sono parte integrante del marxismo-leninismo, solo se ci si riferisce al “vero” marxismo-leninismo (quello scritto con il trattino), cioè all’interpretazione del pensiero di Marx e di Lenin condensata nel “Breve corso di storia del Partito comunista bolscevico russo”, il cui autore è Stalin. Questa è l’autentica ideologia ufficiale dell’Urss. Basarsi su di essa, per dire e ribadire affermazioni generali e definitive su Marx e Lenin o sul comunismo, non è una operazione culturale seria.

    ---

    L'Urss non ha conferito tutto il potere ad un solo partito, quello bolscevico. Semmai è stato il partito bolscevico l'unico partito a costruire l'Urss, quindi ne è derivata la simbiosi tra stato e partito. Quello che si potrebbe imputare ai bolscevichi è di non aver promosso un regime democratico e pluralistico, ma non di averlo abolito, dato che esso non esisteva neppure prima del loro avvento al potere."

    ---
    Queste due affermazioni sono insostenibili, in relazione al "contesto" ideologico e storico di riferimento.
    I bolscevichi hanno soppresso altri partiti, e in primo luogo altri partiti popolari e socialisti (menscevichi, trudovichi, menscevichi internazionalisti, socialisti rivoluzionari di destra, socialisti rivoluzionari di sinistra) oltre che liberali (costituzional democratici, liberalpopolari).
    Almeno i partiti socialisti erano rappresentati oltre che nell'Assemblea Costituente (la cui soppressione fu un atto delittuoso contro la democrazia, IN QUEL CONTESTO) anche nei Soviet. Il sistema "elettorale" dei soviet era poi "indiretto" ed "ineguale" (ci volevano più contadini per eguagliare il voto di un solo operaio), quindi assolutamente NON democratico (come insegnava lo stesso Lenin, democrazia vuole dire eguaglianza).
    Cosa avrebbero dovuto fare i bolscevichi? : se i liberali non erano in grado di condurre la rivoluzione borghese e conquistare la democrazia in senso pieno, secondo lo stesso programma bolscevico del 1905, difeso dalla redazione della Pravda contro Lenin ancora nell'aprile 1917, dovevano trasformarsi in "combattenti d'avanguardia per la democrazia" (già in Che Fare? - 1902!), imponendola se del caso alla stessa borghesia (soluzione giacobina, in cui la dittatura è "il dispotismo della libertà"). Questo era ciò che, in fondo, i socialisti di tutto il mondo si aspettavano da un partito marxista-rivoluzionario in umn paese "capitalisticamente immaturo" quale la Russia.
    Che Fare ? In primo luogo un partito "proletario" in un paese capitalistico arretrato doveva, per il marxismo, spingere fino in fondo la rivoluzione borghese e democratica, iniziando pure incursioni di carattere socialistico sul diritto di propietà (tesi della rivoluzione permanente), ed in secondo tempo fare trascendere la rivoluzione borghese in rivoluzione socialista mutando il contenuto di classe della DEMOCRAZIA con il mutare dei rapporti di forza sociali.

    Detto questo, la concezione leninista della dittatura del proletariato non è stata concepita per la situazione particolare della Russia, e nemmeno per i soli paesi "capitalisticamente arretrati".
    Lenin combatte le critiche di Kautsky (e della Luxemburg) alla sua visione dispotica della dittatura rivoluzionaria, affermandone la portata ed il valore universale. Non a caso Lenin accusa (a torto) Kautsky di essere un rinnegato, e di avere una concezione LIBERALE della democrazia.
    Ovviamente Lenin difende anche la situazione particolare russa, ma solo per meglio affermare i principi generali del suo teorizzare, che è rivolto al movimento operaio internazionale.
    Lenin sosteneva che in occidente la guerra civile avrebbe preceduto la presa del potere, laddove il Russia l'aveva seguita. Questa era la principale differenza, a suo avviso, fra i due "contesti".
    Lenin non si poneva gli scrupoli di Roderigo per stabilire chi era l'aggressore e chi l'aggredito nella guerra civile, era freddamente "oggettivo" e detestava la "politica moraleggiante", ed era evidente che la rivoluzione non aveva necessità della minaccia della reazione per essere "oggettivamente" giustificata.
    La parola d'ordine "O dittatura del proletariato o dittatura reazionaria" era ideologico-propagandistica ed accessoria.
    La concezione stalinista del marxismo-leninismo del "breve corso", che (almeno questo!!!) Roderigo critica, non è che una volgarizzazione ed estremizzazione della concezione leninista. La vera differenza attiene (oltre al livello intellettuale, abissamente più elevato in Lenin) al rapporto fra rivoluzione Russa e rivoluzione mondiale.
    Il vero contenuto "reazionario" dell'ideologia stalinista sta nella concezione della "costruzione del socialismo in un paese solo", con le conseguenze che questa ha comportata per l'intero impianto teorico e per la prassi del potere (psicosi da fortezza assediata, teoria dell'acutizzarsi della lotta di classe nella fase di transizione ... prassi dell'epurazione continua della dirigenza del partito). Ma TUTTI gli elementi della struttura statale monopartitica, nonofrazionista, dispotico-totalitaria erano già presenti (e non solo in embrione...) nella visione leninista e nella pratica "edificazione" dello Stato sovietico durante il governo di Lenin e Trotzky.
    Questo distingue per sempre il comunismo leniniano (prima ancora di quello staliniano, sua radicale conseguenza) dal socialismo di sinistra.
    In altre occasioni dimostrerò come, nella prassi, le visioni socialiste di sinistra fossero inattuabili.
    Se per contestualizzazione, caro Roderigo, intendi che l'unica "rivoluzione proletaria" possibile è quella comunista-leninista, perchè, ad esempio, quella luxemburghiana non può vincere o durare, hai perfettamente ragione. Ma questo non in Russia ....ma ovunque.
    In questo, sul piano della politica come arte del possibile, o della machiavellica separazione fra politica ed etica, aveva ragione Lenin... anche contro Rosa Luxemburg.
    In efetti, dialetticamente, si può dire che dal punto di vista etico-politico ed ideale la posizione della Luxemburg era superiore a quella di Lenin e rappresentava un grado di evoluzione del socialismo verso la democrazia infinitamente più alto. Sul piano pratico della realpolitik, quella leninista è l'unica via rivoluzionaria al socialismo, non in Russia, non nel 1917, ma ovunque. La dittatura proletaria si configura necessariamente, essendo frutto di un moto violento, come dittatura del partito rivoluzionario. E la disciplina del partito rivoluzionario deve essere necessariamente di ferro, trattandosi di un "partito-esercito" in guerra permanente.
    Per questo si può dire che l'unico sbocco pratico dell'evoluzione democratica del socialismo sia il riformismo, che implica la profonda revisione del marxismo promossa, ad esempio da un E.Bernstein.
    Bernstein aveva ragione contro Rosa Luxemburg, perchà portava alle sue logiche conseguenze l'analisi della "stabilizzazione del capitalismo" e della evoluzione democratica del socialismo. "Il movimento è il tutto, il fine è il nulla", la rivoluzione è la lotta per le riforme, per "la conquista della democrazia" e la sua estensione dal piano politico-istituzionale a quello economico-sociale. Questo è il riformismo revisionistico socialdemocratico, che in ultima analisi rinuncia ad ogni abbattimento del capitalismo, limitandosi a promuoverne il governo.
    Ma il mio contendere con Roderigo non si spingeva a questo, voleva solo mettere a fuoco, da parte mia, il peccato originale IDEOLOGICAMENTE antidemocratico e totalitario del bolscevismo.
    Chi vuole rifondare il comunismo non può non volerne le conseguenze, e se non le vuole, si inganna e inganna coloro (la classe operaia) al quale offre l'idea e la prassi della della "rifondazione".
    Per quanto riguarda il criminale assassinio dei principini imperiali da parte dei bolscevichi la questione è ancora una volta di etica politica:
    - possono dei bimbi essere eliminati scientemente e barbarmante in quanto simboli, dimenticando appunto che sono dei bimbi, delle giovanissime ed incolpevoli persone umane ?
    La mia risposta, come quella della stragrande maggioranza delle persone oneste di destra, centro e sinistra, è un gigantesco NO !
    Sull'argomento non ho altro da aggiungere.

    Cordiali saluti.

  7. #7
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito e ancora.....

    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 19-08-2000 11:19
    --------------------------------------------------------------------------------
    Caro Pieffebi, le due affermazioni da me postate, che hai cortesemente riproposto, sono difficilmente attaccabili. I bolscevichi non hanno messo fine ad alcun regime democratico parlamentare ed hanno fondato e costruito l'Urss. Quel che gli si può rimproverare è di non aver saputo poi sviluppare un modello di democrazia popolare alternativo alla democrazia borghese.
    Infatti, la soppressione dei partiti ai quali tu ti riferisci non avviene in un contesto di pacifica, stabile, consolidata e democratica legalità istituzionale (come accade invece con i fascismi), ma di guerra civile promossa dalle forze reazionarie, nella quale è in gioco, non solo la sopravvivenza della Rivoluzione, ma della stessa vita dei bolscevichi.

    I bolscevichi di fatto svolsero un ruolo di supplenza nei confronti dei liberali, poiché promossero una forma di capitalismo di stato e l'industrializzazione della Russia. Essi attuarono lo sviluppo capitalistico nelle forme possibili in una Russia con una debole borghesia ed un debole proletariato industriale. Non poterono invece applicare il tradizionale principio marxista, secondo cui i comunisti si alleano con i liberali e la borghesia, ogni qualvolta essi combattono contro le forze reazionarie dell'antico regime, poiché in Russia, nel vuoto rivoluzionario apertosi con il crollo del regime zarista, borghesia e aristocrazia furono alleate. Liberali e Borghesi, nella Russia del 1917, non furono insufficientemente rivoluzionari. Furono reazionari.

    Ho già scritto, che i bolscevichi, impegnati in una lotta per l'egemonia in seno al movimento socialista mondiale, cercarono di dimostrare la coerenza delle loro scelte con l'ortodossia marxista, e quindi di attribuire una portata universale alle loro teorie, le quali in ogni caso furono maturate in un paese pre-capitalistico. L'alternativa rivoluzione-reazione, propagandistica o meno, si rivelerà vera in tutti e quattro i paesi investiti dall'ondata rivoluzionaria causata dalla "grande guerra": Russia, Germania, Italia, Ungheria.

    Ragionare in termini di "peccato originale" è assai poco laico e conduce a propositi di lotta politica di tipo paranoico, quali per esempio il "maccartismo" o, in misura per adesso minore, l'anticomunismo berlusconiano". Chi vuole "rifondare" il comunismo, vuole appunto "rifondarlo", cioè rifarlo dalle fondamenta. Non penso affatto, che quello leninista sia l'unico modello valido di rivoluzione. Lo fu per la Russia del 1917, e lo stesso Lenin, nel 1921, ai partiti comunisti occidentali, indicava la via della partecipazione alle elezioni ed alle organizzazioni sindacali, tanto da essere accusato di "revisionismo besteiniano" da parte dell'ala sinistra di quei partiti.

    Sul piano moralistico, a proposito dell'eliminazione della famiglia dei Romanov, puoi aver ragione, non solo per quanto riguarda i bambini, ma anche per le donne e gli adulti. Infatti, finchè poterono i bolscevichi li mantennero prigionieri. Ma sul piano della logica politico-militare non si poteva pretendere che il soviet regionale dell'Ural concedesse in dono i Romanov alle truppe controrivoluzionarie ceche, assedianti la città di Ekaterinburg.

    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 19-08-2000 210
    --------------------------------------------------------------------------------
    Una sola precisazione, è del tutto inesatto che Lenin abbia sostenuto la tattica della partecipazione dei comunisti ai parlamenti borghesi come accettazione di
    quella istituzione, e del gioco democratico in occidente. Basta leggere "L'estremismo, malattia infantile del comunismo" per rendersi conto come quanto a
    proposito detto da Roderigo, come in molte altre occasioni, è profondamente inesatto.
    Lenin concepiva, contro gli ultrasinistri e contro Bordiga, la TATTICA elettoralistica come "utilizzazione rivoluzionaria della tribuna parlamentare" nell'ambito
    della "combinazione del lavoro legale e del lavoro illegale".
    Lenin non ha mai cessato, nemmeno per un secondo, di attaccare il parlamentarismo e il cretinismo parlamentare dei "socialtraditori", semplicemente rilevava
    la stupidtà moralistica degli estremisti nel rinunciare ad utilizzare un'arma di lotta.
    Per Lenin, come per il marxismo ottocentesco (Engels), le elezioni parlamentari non erano nulla più che "un termometro" ed un'occasione di agitazione e
    propaganda rivoluzionaria.
    Contro gli estremisti, Lenin illustrò,tra gli altri, l'esempio della partecipazione dei bolscevichi alle elezioni della Duma (pseudoparlamento zarista) in più
    occasioni, a fronte di un solo caso di boicottaggio, motivato dalla situazione particolare.
    Non solo, Lenin attaccava la rinuncia degli estremisti (ma non di Bordiga, che su questo era leninista) al lavoro nei sindacati "reazionari", per lo stesso motivo.
    Lenin inseriva tutti questi ragionamenti in continuità alla sua concezione della coscienza politica di classe, che come specificato dal "Che fare?", può essere
    portata alla classe operaia, solo "dall'esterno", cioè dal partito rivoluzionario, che non deve semplicemente offrire al proletariato dogmi ed analisi precostituite,
    ma la pratica dimostrazione, attraverso l'esperienza della lotta concreta, della giustezza dei propri principi.
    I pregiudizi piccolo-borghesi e democraticisti della classe operaia, devono essere combattuti, fra l'altro, dimostrando nella prassi ai lavoratori l'insufficienza del
    parlamentarismo borghese, la sua natura di classe. Il parlamentarismo è parte integrante dello Stato borghese, che "si abbatte e non si cambia".
    "Nel parlamento non si fa altro che chiacchierare con lo scopo deliberato di turlupinare il popolino" scrive Lenin ne "il rinnegato Kautsky", riferendosi non alla
    Duma russa, ma alle assemblee elettive della Germania e dell'occidente democratico.
    Le motivazioni dello scioglimento dell'Assemblea Costituente e quelle della sua stessa convocazione, appartengono a questa visione della lotta rivoluzionaria, e
    del rapporto fra avanguardia cosciente e massa proletaria. Altro che contestualizzazione.
    Trotzky in "Terrorismo e COmunismo" dichiara apertamente che i bolscevichi permisero le elezioni in ragione delle superstizioni piccolo borghese degli operai e
    dei contadini, nella speranza tuttavia di vincerle. Una volta perse le elezioni lo strumento non serviva, e lo sviluppo delle istituzioni sovietiche poteva svolgere la
    funzione di educazione della coscienza politica, oltre che di organizzazione dello Stato della dittatura comunista del proletariato.
    La scelta fu ideologica e non "contestualizzata" ad uno stato d'emergenza, che fu poi invocato a rafforzamento delle motivazioni già addotte sul piano
    meramente teorico-ideologico.
    L'ostilità bolscevica alla democrazia parlamentare era radicale, su scala mondiale, ma non ottusa, non infantile, non masochista.
    Per questo fu imposta la tattica dell'utilizzo rivoluzionario della tribuna parlamentare...

    Cordiali saluti.

  8. #8
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito seguita....

    Autore Topic: Rosa Luxemburg e il Bolscevismo - per il singor Roderigo
    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 15-08-2000 13:07
    --------------------------------------------------------------------------------
    Rosa Luxemburg fu, sostanzialmente, una socialdemocratica della sinistra rivoluzionaria del partito, che non gradì affatto il cambiamento del nome del gruppo
    spartachista in PC tedesco, piegandosi democraticamente alla maggioranza....
    La Luxembug ha espresso, durante la sua vita politica, apprezzamento per l'intelligenza e la coerenza di Lenin, ma anche costante denuncia (fin dalla polemica sulla
    natura del partito rivoluzionario, nei primi anni del novecento) alla concezione autoritaria, ultracentralista e sostanzialmente "asiatica" del leninismo. La Luxemburg
    attaccò duramente le misure illiberali del potere sovietico, criticò con rigore marxista e internazionalista il dogma leniniano della "autodeterminazione nazionale", prese
    le distanze da molte misure di Lenin e Trotzky.
    Come socialista di sinistra, tuttavia, la Luxemburg riteneva che le deformazioni antidemocratiche e dispotiche del potere bolscevico fossero determinate
    dall'arretratezza sociale della Russia, della sua classe proletaria, e marxisticamente, della sua stessa avanguardia rivoluzionaria. Sempre da socialista di sinistra la
    Luxemburg riteneva tuttavia che lo sviluppo della rivoluzione potesse, in futuro, spazzare via le distorsioni iniziali, e, finita la guerra civile, indurre i bolscevichi a
    democratizzarsi, anche in vista dell'estensione internazionale della rivoluzione proletaria in paesi evoluti.
    In ultima analisi per la Luxemburg la vittoria della rivoluzione tedesca avrebbe fatto della socialdemocrazia rivoluzionaria di quel paese la nuova avanguardia del
    movimento mondiale, ridimensionando naturalmente l'influenza dei bolscevichi (che avevano comunque il merito di aver avviato un processo rivoluzionario
    progressivo) e inducendoli a seguire gli esempi dei socialisti occidentali su tutte le questioni ove questi manifestavano posizioni più democraticamente mature.
    Per questo la Luxemburg, al contrario del grande marxista ortodosso Kautsky, non ritenne di dover rompere del tutto con il bolscevismo ed accettò, sebbene senza
    risparmiare critiche assai dure, sostanzialmente la loro transitoria egemonia (dovuta evidentemente al possesso del potere statale nel primo stato socialista del
    mondo) nella nuova internazionale proletaria.
    Va da sè che la LUxemburg, assassinata nel 1919, non fece in tempo a vedere che la fine della guerra civile non contribuì per nulla alla democratizzazione del
    potere sovietico, ma all'opposto alla radicalizzazione della sua natura totalitario-terroristica,fino a sfociare del terrore staliniano.
    La Luxemburg non fece neppure in tempo a vedere la repressione di Kronstadt da parte di Lenin e Trotzky, con il massacro dell'avanguardia proletaria della
    rivoluzione!
    Come la Kollontaj sarebbe stata senz'altro dalla parte degli insorti, come fu dalla parte degli anarchici arrestati dai bolscevichi nel 1918.
    Stalin attaccò duramente la Luxemburg come una democratica piccolo-borghese, pur ricordando il suo martirio. Ttotzky ne prese le difese, ma non si mise mai alla
    sua scuola, nemmeno quando scriverà le parole autocritiche sulla rivoluzione che ho in altro post di altro forum riportato.Trotzky rimase un comunista, seppur "critico", Rosa
    Luxeburg rimase, di fatto, una rivoluzionaria del tipo della socialista di sinistra.
    Come liberale non posso certo accettare le teorie di Rosa Luemburg, che restano utopiche, irrealizzabili, comunque violente, e si fondano su un'analisi del capitalismo che i fatti hanno
    smentito (soprattutto riguardo al preteso "crollo"), ma non posso nemmeno non rilevare come queste teorie siano decisamente più compatili con il pluralismo
    democratico che non quelle comuniste di Lenin, Trotzky, Bordiga, Stalin, Gramsci, Mao, Castro, Pol Pot, che pur molto diversi fra loro hanno alla loro base la
    stessa origine bolscevica, con il peccato originale denunciato da Rosa Luxemburg con le seguenti parole "soppressione della democrazia".
    Cordiali saluti.




    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 15-08-2000 14:29
    --------------------------------------------------------------------------------
    L'evocazione di Rosa Luxemborg a sostegno di una critica democratica al bolscevismo, è compatibile con la pretesa di stabilire un principio assoluto d'incompatibilità tra libertà e comunismo?
    Roderigo

    P.s. come mai Rosa Luxemborg non visse abbastanza?


    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 15-08-2000 143
    --------------------------------------------------------------------------------
    Guarda che il post più sopra è proprio una risposta alla tua domanda, già formulata in termini simili in altro forum.
    Comunque, rissumendo:
    1) la Luxemburg era una socialista di sinistra, una rivoluzionaria internazionalista, NON una comunista in senso leniniano;
    2) la Luxemburg si distingueva dai comunisti leninisti (bolscevichi), per una diversa concezione della democrazia politica, sia interna al partito proletario, sia nella società;
    3) la Luxemburg attacco' duramente, l'ultracentralismo leninista e le sue implicazioni dispotico-autoriatarie sin dal 1904, soprattutto nel suo articolo "Problemi organizzativi della socialdemocrazia russa", in particolare la Luxemburg critica due testi sacri leninisti : "Che Fare?" e "Un passo avanti e due indietro".
    In tale articolo la Luxemburg scrive testualmente : "L'ultracentralismo sostenuto da Lenin a noi appare come permeato non già di uno spirito positivo e creatore, bensì dello spirito sterile del guardiano notturno.";
    4) la Luxemburg attacco' le misure antidemocratiche, dispotiche e terroriste del giovane governo sovietico accusandolo (testuale) di "soppressione della democrazia" ed enunciando il celebre principio, contro la tirannide di Lenin e Trotzky : "La libertà è pur sempre la libertà di chi la pensa diversaente";
    5) la Luxemburg critico' molte posizioni, anche teoriche, dei bolscevichi, prima fra tutti quella della "autodeterminazione delle nazioni", e lo fece da un punto di vista internazionalista;
    6) la Luxemburg restava una sovversiva, seppur non comunista, ma socialista di sinistra (accettò per deferenza verso la maggioranza il cambiamento di nome del partito, non senza protestare);
    7) le sue azioni insurrezionali ed eversive non potevano non scatenare la reazione dello Stato tedesco, retto da un governo di centrosinistra;
    8) la polizia la assassino' con il suo compagno K.L., simulando probabilmente un tentativo di fuga dopo un suo arresto.
    9) tutto ciò dimostra che il comunismo moderno, nato con Lenin, è incompatibile fin dal principio con la democrazia e la libertà, giacchè gli elementi patologici insiti nella sua ideologia dispotica furono rilevati persino dalla socialdemocrazia rivoluzionaria di estrema sinistra;
    10) il comunismo leniniano non è uno sviluppo moderno del marxismo-rivoluzionario, ma una sua involuzione che ha cancellato decenni di marcia della socialdemocrazia (anche nelle sue ali più estreme) verso la democrazia pluralistica;
    11) mentre, come la socialdemocrazia ha dimostrato, può esserci un'evoluzione democratica del marxismo classico, sia nella forma revisionista che in quella massimalista, non vi può essere evoluzione democratica del comunismo, senza una rottura radicale con le proprie origini;
    12) l'evoluzione democratica del comunismo, è in una parola, inevitabilmente, convergenza verso il socialismo democratico, sebbene verso le sue correnti più a sinistra;
    13) ciò si è compiuto con il PDS in Italia (ma non del tutto completamente);
    14) chi si dichiara comunista, o si inganna sulla storia e la denominazione che usa, o è potenzialmente disposto a ripercorrere il processo storico che ha generato le mostruosità dei regimi che conosciamo.
    Cordiali saluti.



    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 16-08-2000 21:02
    --------------------------------------------------------------------------------
    Caro Pieffebì, di solito, coloro che hanno torto, evocano a sostegno delle proprie presunte ragioni un elenco interminabile di argomenti di modo che almeno qualcuno vada bene.
    Il pensiero essenziale di Rosa Luxemburg sul bolscevismo e la Rivoluzione d'Ottbre era il seguente:

    "Lenin e Trotsky [...] sono stati i primi che hanno dato l'esempio al proletariato mondiale [...] questo è l'elemento essenziale e duraturo della politica bolscevica. In questo senso resta loro l'immortale merito storico di aver marciato alla testa del proletariato internazionale, conquistando il potere politico e ponendo praticamente il problema della realizzazione del socialismo [...]. In Russia il problema poteva essere soltanto posto. Non poteva essere risolto. Ed è in questo senso che l'avvenire appartiene ovunque al bolscevismo"

    Rosa Luxemburg, La rivoluzione russa, ora in: Scritti politici, Editori Riuniti, Roma 1974, p.595

    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 16-08-2000 21:44
    --------------------------------------------------------------------------------

    quote:
    --------------------------------------------------------------------------------
    Messaggio originario di Roderigo:
    Caro Pieffebì, di solito, coloro che hanno torto, evocano a sostegno delle proprie presunte ragioni un elenco interminabile di argomenti di modo che almeno qualcuno vada bene.
    Il pensiero essenziale di Rosa Luxemburg sul bolscevismo e la Rivoluzione d'Ottbre era il seguente:

    "Lenin e Trotsky [...] sono stati i primi che hanno dato l'esempio al proletariato mondiale [...] questo è l'elemento essenziale e duraturo della politica bolscevica. In questo senso resta loro l'immortale merito storico di aver marciato alla testa del proletariato internazionale, conquistando il potere politico e ponendo praticamente il problema della realizzazione del socialismo [...]. In Russia il problema poteva essere soltanto posto. Non poteva essere risolto. Ed è in questo senso che l'avvenire appartiene ovunque al bolscevismo"

    Rosa Luxemburg, La rivoluzione russa, ora in: Scritti politici, Editori Riuniti, Roma 1974, p.595

    Roderigo


    --------------------------------------------------------------------------------

    Caro Roderigo,
    l'argomento è perfettamente da me anticipato sopra, laddove dico chiaramente che la Luxemburg considerava la rivoluzione russa come l'inizio della rivoluzione proletaria mondiale e si aspettava dall'estensione internazionale della rivoluzione la "correzione" delle deformazioni antidemocratiche impresse dai bolscevichi al processo.
    Infatti scrivevo: "Come socialista di sinistra, tuttavia, la Luxemburg riteneva che le deformazioni antidemocratiche e
    dispotiche del potere bolscevico fossero determinate
    dall'arretratezza sociale della Russia, della sua classe proletaria, e marxisticamente, della sua stessa
    avanguardia rivoluzionaria. Sempre da socialista di sinistra la
    Luxemburg riteneva tuttavia che lo sviluppo della rivoluzione potesse, in futuro, spazzare via le
    distorsioni iniziali, e, finita la guerra civile, indurre i bolscevichi a
    democratizzarsi, anche in vista dell'estensione internazionale della rivoluzione proletaria in paesi
    evoluti.
    In ultima analisi per la Luxemburg la vittoria della rivoluzione tedesca avrebbe fatto della
    socialdemocrazia rivoluzionaria di quel paese la nuova avanguardia del
    movimento mondiale, ridimensionando naturalmente l'influenza dei bolscevichi (che avevano comunque
    il merito di aver avviato un processo rivoluzionario
    progressivo) e inducendoli a seguire gli esempi dei socialisti occidentali su tutte le questioni ove questi
    manifestavano posizioni più democraticamente mature.
    Per questo la Luxemburg, al contrario del grande marxista ortodosso Kautsky, non ritenne di dover
    rompere del tutto con il bolscevismo ed accettò, sebbene senza
    risparmiare critiche assai dure, sostanzialmente la loro transitoria egemonia (dovuta evidentemente al
    possesso del potere statale nel primo stato socialista del
    mondo) nella nuova internazionale proletaria."


    Io non ho mai detto che Rosa Luxemburg fosse altro che una rivoluzionaria marxista socialista di sinistra, non ho mai voluto farla passare per una liberale. Ho solo dimostrato che PERSINO per una siffatta rivoluzionaria marxista:
    1) Lenin e Trotzky avevano ingiustificatamente "soppresso la democrazia";
    2) che la dittatura del proletariato, nella visione del socialismo dell'epoca (prima dell'involuzione fanatica e da dispotismo asiatico del bolscevismo) non era affatto come riteneva Lenin "un potere di ferro, al di fuori di qualsiasi legge", assolutamente incompatibile con "le superstizioni democratiche piccolo-borghesi", ma al contrario un rapporto di classe, egemonico, che prevedeva TUTTE le libertà politiche, civili e sociali della "democrazia borghese".
    Caro Roderigo il torto è tutto tuo, e dei mostruosi sistemi politici che con fanatica ciecità di ostini a difendere contro ogni evidenza.
    E smettila con i grappini !!!

    Cordiali saluti.


    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 17-08-2000 20:13
    --------------------------------------------------------------------------------
    Caro Pieffebi, se ti diperdi tra mille particolari, può risultarti difficile cogliere la sostanza delle cose.
    Rosa Luxemburg criticò gli aspetti antidemocratici del bolscevismo, non malgrado, ma proprio perché fu una marxista, socialista rivoluzionaria. Questo le conferì gli strumenti analitici e il titolo morale per farlo. Titolo morale che i liberali non potevano e non possono avere.

    La differenza di fondo tra la Luxemburg e Lenin riguarda la dittatura del proletariato. Per la prima, essa si traduce nella dittatura dei consigli operai, per il secondo nella dittatura del partito. Tale differenza derivava dal fatto che la Luxemburg operava in Germania, il cuore dell'Europa industrializzata, con una forte classe operaia, mentre Lenin operava in un paese arretrato e con una popolazione al 90% contadina. Lenin quindi non poteva puntare sui consigli operai.

    Sia la Luxemburg che Lenin erano convinti che la Rivoluzione russa non avrebbe avuto futuro senza una rivoluzione mondiale che investisse in primo luogo i paesi dell'Occidente, i quali avrebbero poi trainato lo sviluppo e la realizzazione del socialismo in Russia. I bolscevichi non attribuivano a se stessi un ruolo egemonico nel futuro del socialismo mondiale, infatti progettavano di stabilire a Berlino la sede dell'Internazionale comunista ed il tedesco fu e rimase negli anni successivi la lingua ufficiale del Komintern.

    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 17-08-2000 22:43
    --------------------------------------------------------------------------------

    quote:
    --------------------------------------------------------------------------------
    Messaggio originario di Roderigo:
    Caro Pieffebi, se ti diperdi tra mille particolari, può risultarti difficile cogliere la sostanza delle cose.
    Rosa Luxemburg criticò gli aspetti antidemocratici del bolscevismo, non malgrado, ma proprio perché fu una marxista, socialista rivoluzionaria. Questo le conferì gli strumenti analitici e il titolo morale per farlo. Titolo morale che i liberali non potevano e non possono avere.

    La differenza di fondo tra la Luxemburg e Lenin riguarda la dittatura del proletariato. Per la prima, essa si traduce nella dittatura dei consigli operai, per il secondo nella dittatura del partito. Tale differenza derivava dal fatto che la Luxemburg operava in Germania, il cuore dell'Europa industrializzata, con una forte classe operaia, mentre Lenin operava in un paese arretrato e con una popolazione al 90% contadina. Lenin quindi non poteva puntare sui consigli operai.

    Sia la Luxemburg che Lenin erano convinti che la Rivoluzione russa non avrebbe avuto futuro senza una rivoluzione mondiale che investisse in primo luogo i paesi dell'Occidente, i quali avrebbero poi trainato lo sviluppo e la realizzazione del socialismo in Russia. I bolscevichi non attribuivano a se stessi un ruolo egemonico nel futuro del socialismo mondiale, infatti progettavano di stabilire a Berlino la sede dell'Internazionale comunista ed il tedesco fu e rimase negli anni successivi la lingua ufficiale del Komintern.

    Roderigo



    --------------------------------------------------------------------------------



    Un passo avanti : ammetti finalmente che la concezione della dittatura del proletariato, da parte di Lenin, implicava necessariamente la dittatura del partito e che vi erano aspetti antidemocratici nel bolscevismo;
    due passi indietro: "contestualizzi" questa differenza (meramente teorica e intellettuale) con la particolare arretratezza capitalistica della Russia. Ancora una volta una giustificazione del delitto con il pretesto della "contestualizzazione". D'altro canto in altro forum hai giustificato niente meno che lo sterminio della famiglia imperiale, BAMBINI COMPRESI. Ah, potere della contestualizzazione !!!
    Ma torniamo alla Russia del 1917:
    Detta arretratezza, secondo i canoni classi del marxismo, difesi, ad esempio, dai menscevichi, avrebbero escluso la possibilità di una rivoluzione socialista.
    Lo stesso Lenin aveva formulato, a suo tempo, contro, ad esempio il giovane Trotzky, la teoria della "dittatura democratica degli operai e contadini", che vedeva il giovane proletariato russo, e la sua "avanguardia", alla guida della rivoluzione borghese. Prima dell'aprile 1917, e del ritorno di Lenin, lo stesso partito bolscevico aveva continuato a difendere detta strategia, scatenando le ire del capo.
    Trotzky, nel 1905, aveva contrapposto al Lenin della "dittatura democratica" il seguente ragionamento : nella conduzione della rivoluzione borghese il proletariato non può non travalicare i limiti della rivoluzione stessa, ponendosi già da subito delle parole d'ordine socialiste e dei compiti socialistici, ad esempio infrangendo il diritto di propietà (teoria della Rivoluzione Permanente).
    Bordiga formulerà a propria volta, più tardi, la teoria della "doppia rivoluzione", secondo la quale la rivoluzione russa del 1917 fu contemporaneamente borghese e socialista. Ossia la rivoluzione socialista, in un paese arretrato, comprendeva in sè l'espletamento dei compiti democratico-nazionali e borghesi.
    Nella concezione di Bordiga lo stalinismo, è da interpretarsi come progressivo ACCORCIAMENTO della DOPPIA RIVOLUZIONE, in virtù del fallimento della rivoluzione in occidente e del suo isolamento internazionale in un paese arretrato, alla sola fase borghese.
    La CONTRORIVOLUZIONE stalinista per Bordiga ha dato origine, infine, ad un sistema dispotico-bonapartista (falso comunismo staliniano) riconducibile, dal punto di vista economico-sociale, al un CAPITALISMO MONOPOLISTICO DI STATO.

    Cordiali saluti.


    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 18-08-2000 13:08
    --------------------------------------------------------------------------------
    Sul fatto che, senza rivoluzione mondiale, la Rivoluzione d’Ottobre non potesse andare oltre la costruzione di un “capitalismo di stato” lo pensavano pure i bolscevichi.
    Caro Pieffebi, che tu sia un attento lettore delle mie battute è meglio che niente. Perciò, riguardo al contenuto dei miei messaggi mi limito a ripeterli. Lo scorso 10 agosto, in una delle mie tante repliche, ho scritto che Lenin, insieme con Berstein, è stato il più grande revisionista del marxismo. A cosa mi riferivo se non al fatto che in Marx il soggetto rivoluzionario è il proletariato ed in Lenin il partito? È ovvia conseguenza che per il primo, il regime transitorio al comunismo sia la “dittatura del proletariato” e per il secondo “la dittatura del partito”. Poteva pensare in modo diverso Lenin, in un paese dove il proletariato industriale era di fatto inesistente?

    In un’altra replica ho scritto che i bolscevichi, impegnati anche in una lotta politico-ideologica in seno al movimento socialista internazionale, cercarono di dimostrare la coerenza delle proprie scelte, dettate dalle necessità delle condizioni russe e della guerra civile, con l’ortodossia marxista, quindi provarono anche a dimostrare la coerenza della “dittatura del partito” con la “dittatura del proletariato”.

    Siccome parliamo, non di filosofi che pensavano comodamente seduti sotto un albero, ma di leader rivoluzionari che attraversano anni di ferro e di fuoco, non ha senso giudicare il loro pensiero e la loro azione al di fuori di un contesto. I fatti, anche i più elementari, al di fuori di un contesto non hanno nessun significato. Prova altrimenti a rispondere alla domanda se sia giusto oppure no, che un funzionario pubblico circoli in costume da bagno, senza riferirti ad alcun contesto.

    Roderigo

    P.s. Riguardo alla soppressione della famiglia dello zar, essa fu decida dal Soviet regionale dell’Ural, a Ekaterinburg, mentre la città era tenuta sotto assedio dalle truppe ceche, nel periodo più cruento della guerra civile. La città sarebbe caduta dieci giorni dopo, e la famiglia reale liberata. Il significato della decisione compiuta dal Soviet dell’Ural era chiaro: togliere alla reazione qualsiasi simbolo attorno a cui potersi raccogliere. Dal mio punto di vista, quella decisione fu comprensibile e in fondo giusta. Chi invece ha passato la vita a dire che “i comunisti mangiano i bambini”, potrà vedere in quella decisione una conferma delle sue opinioni.



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 18-08-2000 16:12
    --------------------------------------------------------------------------------
    Roderigo prendiamo due frasi "a caso" postate da te :
    "Il monopartitismo ed il monofrazionismo sono parte integrante del marxismo-leninismo, solo se ci si riferisce al “vero” marxismo-leninismo (quello scritto con il trattino), cioè all’interpretazione del pensiero di Marx e di Lenin condensata nel “Breve corso di storia del Partito comunista bolscevico russo”, il cui autore è Stalin. Questa è l’autentica ideologia ufficiale dell’Urss. Basarsi su di essa, per dire e ribadire affermazioni generali e definitive su Marx e Lenin o sul comunismo, non è una operazione culturale seria.

    ---

    L'Urss non ha conferito tutto il potere ad un solo partito, quello bolscevico. Semmai è stato il partito bolscevico l'unico partito a costruire l'Urss, quindi ne è derivata la simbiosi tra stato e partito. Quello che si potrebbe imputare ai bolscevichi è di non aver promosso un regime democratico e pluralistico, ma non di averlo abolito, dato che esso non esisteva neppure prima del loro avvento al potere."

    ---
    Queste due affermazioni sono insostenibili, in relazione al "contesto" ideologico e storico di riferimento.
    I bolscevichi hanno soppresso altri partiti, e in primo luogo altri partiti popolari e socialisti (menscevichi, trudovichi, menscevichi internazionalisti, socialisti rivoluzionari di destra, socialisti rivoluzionari di sinistra) oltre che liberali (costituzional democratici, liberalpopolari).
    Almeno i partiti socialisti erano rappresentati oltre che nell'Assemblea Costituente (la cui soppressione fu un atto delittuoso contro la democrazia, IN QUEL CONTESTO) anche nei Soviet. Il sistema "elettorale" dei soviet era poi "indiretto" ed "ineguale" (ci volevano più contadini per eguagliare il voto di un solo operaio), quindi assolutamente NON democratico (come insegnava lo stesso Lenin, democrazia vuole dire eguaglianza).
    Cosa avrebbero dovuto fare i bolscevichi? : se i liberali non erano in grado di condurre la rivoluzione borghese e conquistare la democrazia in senso pieno, secondo lo stesso programma bolscevico del 1905, difeso dalla redazione della Pravda contro Lenin ancora nell'aprile 1917, dovevano trasformarsi in "combattenti d'avanguardia per la democrazia" (già in Che Fare? - 1902!), imponendola se del caso alla stessa borghesia (soluzione giacobina, in cui la dittatura è "il dispotismo della libertà"). Questo era ciò che, in fondo, i socialisti di tutto il mondo si aspettavano da un partito marxista-rivoluzionario in umn paese "capitalisticamente immaturo" quale la Russia.
    Che Fare ? In primo luogo un partito "proletario" in un paese capitalistico arretrato doveva, per il marxismo, spingere fino in fondo la rivoluzione borghese e democratica, iniziando pure incursioni di carattere socialistico sul diritto di propietà (tesi della rivoluzione permanente), ed in secondo tempo fare trascendere la rivoluzione borghese in rivoluzione socialista mutando il contenuto di classe della DEMOCRAZIA con il mutare dei rapporti di forza sociali.

    Detto questo, la concezione leninista della dittatura del proletariato non è stata concepita per la situazione particolare della Russia, e nemmeno per i soli paesi "capitalisticamente arretrati".
    Lenin combatte le critiche di Kautsky (e della Luxemburg) alla sua visione dispotica della dittatura rivoluzionaria, affermandone la portata ed il valore universale. Non a caso Lenin accusa (a torto) Kautsky di essere un rinnegato, e di avere una concezione LIBERALE della democrazia.
    Ovviamente Lenin difende anche la situazione particolare russa, ma solo per meglio affermare i principi generali del suo teorizzare, che è rivolto al movimento operaio internazionale.
    Lenin sosteneva che in occidente la guerra civile avrebbe preceduto la presa del potere, laddove il Russia l'aveva seguita. Questa era la principale differenza, a suo avviso, fra i due "contesti".
    Lenin non si poneva gli scrupoli di Roderigo per stabilire chi era l'aggressore e chi l'aggredito nella guerra civile, era freddamente "oggettivo" e detestava la "politica moraleggiante", ed era evidente che la rivoluzione non aveva necessità della minaccia della reazione per essere "oggettivamente" giustificata.
    La parola d'ordine "O dittatura del proletariato o dittatura reazionaria" era ideologico-propagandistica ed accessoria.
    La concezione stalinista del marxismo-leninismo del "breve corso", che (almeno questo!!!) Roderigo critica, non è che una volgarizzazione ed estremizzazione della concezione leninista. La vera differenza attiene (oltre al livello intellettuale, abissamente più elevato in Lenin) al rapporto fra rivoluzione Russa e rivoluzione mondiale.
    Il vero contenuto "reazionario" dell'ideologia stalinista sta nella concezione della "costruzione del socialismo in un paese solo", con le conseguenze che questa ha comportata per l'intero impianto teorico e per la prassi del potere (psicosi da fortezza assediata, teoria dell'acutizzarsi della lotta di classe nella fase di transizione ... prassi dell'epurazione continua della dirigenza del partito). Ma TUTTI gli elementi della struttura statale monopartitica, nonofrazionista, dispotico-totalitaria erano già presenti (e non solo in embrione...) nella visione leninista e nella pratica "edificazione" dello Stato sovietico durante il governo di Lenin e Trotzky.
    Questo distingue per sempre il comunismo leniniano (prima ancora di quello staliniano, sua radicale conseguenza) dal socialismo di sinistra.
    In altre occasioni dimostrerò come, nella prassi, le visioni socialiste di sinistra fossero inattuabili.
    Se per contestualizzazione, caro Roderigo, intendi che l'unica "rivoluzione proletaria" possibile è quella comunista-leninista, perchè, ad esempio, quella luxemburghiana non può vincere o durare, hai perfettamente ragione. Ma questo non in Russia ....ma ovunque.
    In questo, sul piano della politica come arte del possibile, o della machiavellica separazione fra politica ed etica, aveva ragione Lenin... anche contro Rosa Luxemburg.
    In efetti, dialetticamente, si può dire che dal punto di vista etico-politico ed ideale la posizione della Luxemburg era superiore a quella di Lenin e rappresentava un grado di evoluzione del socialismo verso la democrazia infinitamente più alto. Sul piano pratico della realpolitik, quella leninista è l'unica via rivoluzionaria al socialismo, non in Russia, non nel 1917, ma ovunque. La dittatura proletaria si configura necessariamente, essendo frutto di un moto violento, come dittatura del partito rivoluzionario. E la disciplina del partito rivoluzionario deve essere necessariamente di ferro, trattandosi di un "partito-esercito" in guerra permanente.
    Per questo si può dire che l'unico sbocco pratico dell'evoluzione democratica del socialismo sia il riformismo, che implica la profonda revisione del marxismo promossa, ad esempio da un E.Bernstein.
    Bernstein aveva ragione contro Rosa Luxemburg, perchà portava alle sue logiche conseguenze l'analisi della "stabilizzazione del capitalismo" e della evoluzione democratica del socialismo. "Il movimento è il tutto, il fine è il nulla", la rivoluzione è la lotta per le riforme, per "la conquista della democrazia" e la sua estensione dal piano politico-istituzionale a quello economico-sociale. Questo è il riformismo revisionistico socialdemocratico, che in ultima analisi rinuncia ad ogni abbattimento del capitalismo, limitandosi a promuoverne il governo.
    Ma il mio contendere con Roderigo non si spingeva a questo, voleva solo mettere a fuoco, da parte mia, il peccato originale IDEOLOGICAMENTE antidemocratico e totalitario del bolscevismo.
    Chi vuole rifondare il comunismo non può non volerne le conseguenze, e se non le vuole, si inganna e inganna coloro (la classe operaia) al quale offre l'idea e la prassi della della "rifondazione".
    Per quanto riguarda il criminale assassinio dei principini imperiali da parte dei bolscevichi la questione è ancora una volta di etica politica:
    - possono dei bimbi essere eliminati scientemente e barbarmante in quanto simboli, dimenticando appunto che sono dei bimbi, delle giovanissime ed incolpevoli persone umane ?
    La mia risposta, come quella della stragrande maggioranza delle persone oneste di destra, centro e sinistra, è un gigantesco NO !
    Sull'argomento non ho altro da aggiungere.

    Cordiali saluti.


    [This message has been edited by Pieffebi (edited 18-08-2000).]


    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 19-08-2000 11:19
    --------------------------------------------------------------------------------
    Caro Pieffebi, le due affermazioni da me postate, che hai cortesemente riproposto, sono difficilmente attaccabili. I bolscevichi non hanno messo fine ad alcun regime democratico parlamentare ed hanno fondato e costruito l'Urss. Quel che gli si può rimproverare è di non aver saputo poi sviluppare un modello di democrazia popolare alternativo alla democrazia borghese.
    Infatti, la soppressione dei partiti ai quali tu ti riferisci non avviene in un contesto di pacifica, stabile, consolidata e democratica legalità istituzionale (come accade invece con i fascismi), ma di guerra civile promossa dalle forze reazionarie, nella quale è in gioco, non solo la sopravvivenza della Rivoluzione, ma della stessa vita dei bolscevichi.

    I bolscevichi di fatto svolsero un ruolo di supplenza nei confronti dei liberali, poiché promossero una forma di capitalismo di stato e l'industrializzazione della Russia. Essi attuarono lo sviluppo capitalistico nelle forme possibili in una Russia con una debole borghesia ed un debole proletariato industriale. Non poterono invece applicare il tradizionale principio marxista, secondo cui i comunisti si alleano con i liberali e la borghesia, ogni qualvolta essi combattono contro le forze reazionarie dell'antico regime, poiché in Russia, nel vuoto rivoluzionario apertosi con il crollo del regime zarista, borghesia e aristocrazia furono alleate. Liberali e Borghesi, nella Russia del 1917, non furono insufficientemente rivoluzionari. Furono reazionari.

    Ho già scritto, che i bolscevichi, impegnati in una lotta per l'egemonia in seno al movimento socialista mondiale, cercarono di dimostrare la coerenza delle loro scelte con l'ortodossia marxista, e quindi di attribuire una portata universale alle loro teorie, le quali in ogni caso furono maturate in un paese pre-capitalistico. L'alternativa rivoluzione-reazione, propagandistica o meno, si rivelerà vera in tutti e quattro i paesi investiti dall'ondata rivoluzionaria causata dalla "grande guerra": Russia, Germania, Italia, Ungheria.

    Ragionare in termini di "peccato originale" è assai poco laico e conduce a propositi di lotta politica di tipo paranoico, quali per esempio il "maccartismo" o, in misura per adesso minore, l'anticomunismo berlusconiano". Chi vuole "rifondare" il comunismo, vuole appunto "rifondarlo", cioè rifarlo dalle fondamenta. Non penso affatto, che quello leninista sia l'unico modello valido di rivoluzione. Lo fu per la Russia del 1917, e lo stesso Lenin, nel 1921, ai partiti comunisti occidentali, indicava la via della partecipazione alle elezioni ed alle organizzazioni sindacali, tanto da essere accusato di "revisionismo besteiniano" da parte dell'ala sinistra di quei partiti.

    Sul piano moralistico, a proposito dell'eliminazione della famiglia dei Romanov, puoi aver ragione, non solo per quanto riguarda i bambini, ma anche per le donne e gli adulti. Infatti, finchè poterono i bolscevichi li mantennero prigionieri. Ma sul piano della logica politico-militare non si poteva pretendere che il soviet regionale dell'Ural concedesse in dono i Romanov alle truppe controrivoluzionarie ceche, assedianti la città di Ekaterinburg.

    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 19-08-2000 210
    --------------------------------------------------------------------------------
    Una sola precisazione, è del tutto inesatto che Lenin abbia sostenuto la tattica della partecipazione dei comunisti ai parlamenti borghesi come accettazione di
    quella istituzione, e del gioco democratico in occidente. Basta leggere "L'estremismo, malattia infantile del comunismo" per rendersi conto come quanto a
    proposito detto da Roderigo, come in molte altre occasioni, è profondamente inesatto.
    Lenin concepiva, contro gli ultrasinistri e contro Bordiga, la TATTICA elettoralistica come "utilizzazione rivoluzionaria della tribuna parlamentare" nell'ambito
    della "combinazione del lavoro legale e del lavoro illegale".
    Lenin non ha mai cessato, nemmeno per un secondo, di attaccare il parlamentarismo e il cretinismo parlamentare dei "socialtraditori", semplicemente rilevava
    la stupidtà moralistica degli estremisti nel rinunciare ad utilizzare un'arma di lotta.
    Per Lenin, come per il marxismo ottocentesco (Engels), le elezioni parlamentari non erano nulla più che "un termometro" ed un'occasione di agitazione e
    propaganda rivoluzionaria.
    Contro gli estremisti, Lenin illustrò,tra gli altri, l'esempio della partecipazione dei bolscevichi alle elezioni della Duma (pseudoparlamento zarista) in più
    occasioni, a fronte di un solo caso di boicottaggio, motivato dalla situazione particolare.
    Non solo, Lenin attaccava la rinuncia degli estremisti (ma non di Bordiga, che su questo era leninista) al lavoro nei sindacati "reazionari", per lo stesso motivo.
    Lenin inseriva tutti questi ragionamenti in continuità alla sua concezione della coscienza politica di classe, che come specificato dal "Che fare?", può essere
    portata alla classe operaia, solo "dall'esterno", cioè dal partito rivoluzionario, che non deve semplicemente offrire al proletariato dogmi ed analisi precostituite,
    ma la pratica dimostrazione, attraverso l'esperienza della lotta concreta, della giustezza dei propri principi.
    I pregiudizi piccolo-borghesi e democraticisti della classe operaia, devono essere combattuti, fra l'altro, dimostrando nella prassi ai lavoratori l'insufficienza del
    parlamentarismo borghese, la sua natura di classe. Il parlamentarismo è parte integrante dello Stato borghese, che "si abbatte e non si cambia".
    "Nel parlamento non si fa altro che chiacchierare con lo scopo deliberato di turlupinare il popolino" scrive Lenin ne "il rinnegato Kautsky", riferendosi non alla
    Duma russa, ma alle assemblee elettive della Germania e dell'occidente democratico.
    Le motivazioni dello scioglimento dell'Assemblea Costituente e quelle della sua stessa convocazione, appartengono a questa visione della lotta rivoluzionaria, e
    del rapporto fra avanguardia cosciente e massa proletaria. Altro che contestualizzazione.
    Trotzky in "Terrorismo e COmunismo" dichiara apertamente che i bolscevichi permisero le elezioni in ragione delle superstizioni piccolo borghese degli operai e
    dei contadini, nella speranza tuttavia di vincerle. Una volta perse le elezioni lo strumento non serviva, e lo sviluppo delle istituzioni sovietiche poteva svolgere la
    funzione di educazione della coscienza politica, oltre che di organizzazione dello Stato della dittatura comunista del proletariato.
    La scelta fu ideologica e non "contestualizzata" ad uno stato d'emergenza, che fu poi invocato a rafforzamento delle motivazioni già addotte sul piano
    meramente teorico-ideologico.
    L'ostilità bolscevica alla democrazia parlamentare era radicale, su scala mondiale, ma non ottusa, non infantile, non masochista.
    Per questo fu imposta la tattica dell'utilizzo rivoluzionario della tribuna parlamentare...

    Cordiali saluti.


    Roderigo
    Membro
    Posts: 243
    Registered: May 2000
    posted 20-08-2000 11:49
    --------------------------------------------------------------------------------
    Tra il 1921 ed il 1923, diviene chiaro ai bolscevichi, che in Occidente non vi sarà una Rivoluzione socialista, sul modello di quella leninista. Il problema che si pone, non è dunque di tipo tattico, ma strategico. Lenin non avrà il tipo di sviluppare una nuova e compiuta strategia per i partiti nati dall'Ottobre, ma ne indicherà la via nella lotta, non contro, ma dentro le istituzioni liberali ed i sindacati socialdemocratici. Quindi non solo nel leninismo, ma già in Lenin, cambiando la situazione si verifica possibile un mutamento d'impostazione, a riprova della inesistenza di teorie universali sovrastoriche. La nuova impostazione sarà poi meglio sviluppata da Gramsci, nel concetto di "guerra di posizione", il quale già nel 1920, sull'Ordine Nuovo, scrisse che la Rivoluzione in due tempi, e cioè la conquista dello stato in una battaglia campale risolutiva e l'impiego della macchina statale per trasformare coercitivamente la società, non può costituire l'archetipo della rivoluzione proletaria. La Rivoluzione d'Ottobre era quindi da considerarsi l'ultima rivoluzione ottocentesca. La nuova impostazione darà effettivamente luogo ad una pratica di lotta interna alle istituzioni ed ai sindacati da parte dei partiti comunisti occidentali e costituirà per essi un punto di non ritorno. Quindi si trattò di una scelta, non tattica, ma strategica.
    Roderigo



    Pieffebi
    Membro
    Posts: 599
    Registered: Jun 2000
    posted 20-08-2000 12:29
    --------------------------------------------------------------------------------

    Caro Roderigo questo è non solo "inesatto" ma completamente FALSO, e non puoi non saperlo se conosci i "sacri testi".
    Quale fu il movente che indusse Lenin a difendere ed estendere la tattica della partecipazione dei comunisti al lavoro dei "sindaccati reazionari" ?
    Il problema della coscienza politica di classe, da portare alla classe operaia da parte del partito rivoluzionario, che deve assicurare la sua influenza sulle masse.
    "Bisogna - scrive Lenin - saper sopportare qualsiasi sacrificio, sapere superare i maggiori ostacoli per svolgere una propaganda ed un'agitazione sistematiche,
    tenaci, costanti, pazienti, proprio nelle istituzioni, nelle società, nelle leghe - anche le più reazionarie - dovunque si trovino delle masse proletarie o
    semiproletarie.E i sindacati e le cooperative operaie sono appunto le organizzazioni nelle quali si trovano le masse (....) Questi fatti dicono in modo lampante che
    (...) lo sviluppo della coscienza di classe e la tendenza all'organizzazione soprattutto nelle masse proletarie, negli strati inferiori e negli strati arretrati(...)Milioni di
    operai in inghilterra, germania, francia passano per la prima volta dalla disorganizzazione totale alla forma di organizzazione più elementare, più bassa, più
    semplice, più accessibile(..) e cioè ai sindacati - e i comunisti di sinistra, rivoluzionari ma irragionevoli, se ne stanno in disparte e gridano che vogliono le masse
    e rifiutano di lavorare in seno ai sindacati ! (...) Non è possibile immaginare una insensatezza maggiore, un maggior danno per la rivoluzione...
    Il compito dei comunisti consiste infatti tutto nel saper convincere i ritardatari, nel saper lavorare fra loro, nel non separarsi da loro con parole d'ordine *di sinistra*
    cervellotiche e puerili.." (L'estremismo, malattia infantile del comunismo - capitolo VI).
    Questa lezione di tattica leninista, non ha proprio nulla a che vedere con quanto asserisce il signor Roderigo. I comunsti, infatti, con questi medesimi
    presupposti tattici furono indotti persino al lavorare all'interno dei sindacati fascisti in pieno regime! Nulla a che vedere con le "svolte" politiche che esistono solo
    nell'immaginazione di Roderigo.
    Quanto al parlamentarismo la posizione di Lenin e dell'Internazionale Comunista, come già dimostrato, è ancora più chiara.
    Ma diamo ancora una volta, a scanso di ogni equivoco, la parola a Lenin, che così commenta la parola d'ordine dei comunisti di sinistra tedeschi sul
    "superamento del parlamentarismo":
    "Il parlamentarismo è *storicamente superato* ciò è esatto dal lato della propaganda. Ma ognuno sa che di qui ad un superamento pratico c'é ancora molta
    distanza. Molti decenni fa e con piena ragione si poteva dire che il capitalismo era storicamente superato, ma ciò no elimina affatto la necessità di una lotta
    molto lunga e molto tenace sul terreno del capitalismo. Il parlamentarismo è storicamente superato nel senso della STORIA MONDIALE, cioè è finita L'EPOCA
    del parlamentarismo borghese, ed è comunciata l'epoca della dittatura del proletariato. Questo è incontestabile. Ma su scala storica mondiale l'unità di misura
    soo i decenni(..)
    Il parlamentgarismo è *politicamente superato?* Questa è un'altra questione. Se fosse così la posizione dei sinistri sarebbe salda (..)Essi non possono portare e
    non portano neppura l'ombra di una prova(..) Come si può dire dunque che il parlamentarismo è politicamente superato se milioni e legioni di proletari non
    soltanto sono per il parlamentarismo in genere, ma sono addirittura controrivoluzionari (qui Lenin deride parole di un opuscolo comunista di sinistra, dimostrando
    le false conclusioni dalle giuste premesse). E' chiaro che in Germania il parlamentarismo NON è ancora politicamente superato. E' chiaro che i sinistri hanno
    scambiato il loro DESIDERIO, la loro posizione ideologica, per una realtà obiettiva. Questo è l'errore pi pericoloso per dei rivoluzionari.(...)
    Per i comunisti, in Germania, il parlamentarismo, s'intende, è poliicamente superato; ma si tratta precisamente di NON ritenere ciò che è superato per noi, come
    superato per la classe, per le masse(..) Voi siete in dovere di non scendere al livello delle masse, al livello degli strati arretrati della classe. Questo è
    incontestabile. Voi avete il dovere di dire loro l'amara verità.
    VOI AVETE IL DOVERE DI CHIAMARE PREGIUDIZI I LORO PREGIUDIZI DEMOCRATICI BORGHESI E PARLAMENTARI (sottolineatura mia, le altre sono di
    Lenin stesso). Ma allo stesso tempo avete il dovere di considerare PONDERATAMENTE lo stato EFFETTIVO della coscienza e della maturità della classe tutta
    intiera (e non soltanto della sua avanguardia comunista), di tutte quante LE MASSE lavoratrcici (e non soltanto dei suoi uomini avanzati)...
    Finchè voi non siete in grado di sciogliere il parlamento borghese e tutte le altre istituzioni reazionarie d'altro tipo, voi avete l'OBBLIGO di lavorare nel seno di tali
    istituzioni appunto perchè là vi sono ancora degli operai ingannati dai preti e dall'ambiente dei piccoli centri sperduti; altrimenti rischiate di essere soltanto dei
    chiacchieroni(...)
    è dimostrato che persino alcune settimane prima della vittoria della repubblica dei soviet, e persino DOPO questa vittoria, la partecipazione ad un parlamento
    democratico borghese, non solo non nuoce al proletariato rivoluzionario, ma gli rende più facile DIMOSTRARE alle masse arretrate, perchè tali parlamenti
    meritano di essere sciolti, FACILITA la riuscita di tale scioglimento, FACILITA il superamento politico del parlamentarismo borghese(..)"
    Mi scuso per la lunga citazione, ma credo che, di fronte al fatto che le sintesi del pensiero leninista da me prima operate sono state ritenute errate (su basi del
    mero pregiudizio estremistico), non avevo altra scelta.
    Questa lunga citazione conferma, infine, la reale motivazione della convocazione e poi dello scioglimento dell'Assemblea Costituente da parte dei bolscevichi,
    confutando radicalmente le tesi giustificazioniste di Roderigo, che rifiuta di ammettere l'evidenza della natura antidemocratica, ORGOGLIOSAMENTE
    antidemocratica ed illiberale del bolscevismo e quindi del comunismo fin dalle sue origini leniniane.
    Cordiali saluti.

  9. #9
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ed infine....

    quote:
    --------------------------------------------------------------------------------
    Messaggio originario di Roderigo:
    Caro Pieffebì, la storia è più importante dei testi sacri, spulciati qua e là. E tre fatti storici sono incontrovertibili: 1) Preso atto della impossibilità della Rivoluzione in Occidente sul modello dell'Ottobre, Lenin indica ai partiti comunisti occidentali la via della lotta dentro, e non contro, le istituzioni liberali ed in sindacati socialdemocratici. 2) Tale via è sviluppata da Gramsci nel concetto di "passaggio dalla guerra di movimento alla guerra di posizione". 3) Dagli anni Venti, fino ad oggi, i partiti comunisti occidentali praticano effettivamente la "guerra di posizione", svolgendo un ruolo propulsivo in senso democratico, nell'ambito istituzionale e sindacale.
    Che i comunisti negli anni Venti non esprimessero nei confronti della democrazia rappresentativa una adesione di tipo valoriale, è vero, ma è questione di secondaria importanza ed in ogni caso legittima, tanto più che un tale tipo di adesione faceva difetto anche e soprattutto alla borghesia ed ai suoi partiti, oltre che alla Chiesa. Di fronte all'emergere del proletariato quale nuovo soggetto politico di massa, la borghesia liberale non si fece scrupoli di archiviare la democrazia rappresentativa e di affidarsi ai fascismi: nella stessa Russia prima dell'Ottobre, in Italia, in Germania, in Ungheria, e poi ancora in Spagna, in Portogallo ed in Grecia. Anche i conservatori inglesi espressero il loro apprezzamento per il fascismo italiano, e senza Mussolini, pensarono di riproporlo nell'Italia del dopoguerra.

    Ma, mentre la borghesia dell'epoca preferiva il fascismo alla democrazia rappresentativa a tutela di proprietà e privilegi, i comunisti aspiravano ad un ideale di democrazia sostanziale, che rimuovesse il carattere di delega dei parlamenti (allora in prevalenza assemblee di notabili), con organismi di democrazia diretta, (i consigli operai), e democratizzasse le istituzioni non democratiche, quali la burocrazia, l'esercito, la magistratura, nonché le imprese ed i centri di potere economico e finanziario. Problemi tuttora attuali. Il problema della democrazia e della sua perfettibilità è sempre stato riproposto e riformulato, l'aspirazione alla democrazia diretta e sostanziale del comunismo, è parte di questo processo storico. Che i sostenitori intermittenti della democrazia formale e delegata, pretendano di bollare il comunismo come anti-democratico, prendendo a pretesto gli effetti della guerra civile russa (1917-1921), la quale non sconfisse la Rivoluzione ma riuscì a deformarla, è questione che non appartiene né alla storia, né al pensiero politico. Appartiene solo alla propaganda.

    Roderigo



    --------------------------------------------------------------------------------

    Povero Roderigo, la "democrazia sostanziale" da contrapporre alla democrazia formale "borghese",dei "notabili" (sic!!! se si pensa alle maggiornze parlamentari socialiste !) è appunto la dittatura del proletariato dei consigli. La democrazia sostanziale è una democrazia tendenzialmente totalitaria.
    Le tue argomentazioni sono del resto già state confutate da me sopra, e dalla storia delle rivoluzioni comuniste successive a quella russa, ben posteriori agli anni venti.
    Il comunismo è intrinsecamente illiberale e tendenzialmente totalitario, e tu non ci puoi fare niente.
    Salutami il "compagno" Giorgio Amico.

  10. #10
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    118,937
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    322 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    E' vero che voi antikomunisti non demonizzate mai i nemici komunisti?

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-11-13, 14:40
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-10-12, 19:41
  3. Sondaggio: riuscite a leggere i giornali degli avversari ?
    Di Rasputin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 20-02-10, 11:37
  4. I programmi degli avversari si leggono non si strappano.
    Di Dav. c. G. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 136
    Ultimo Messaggio: 09-03-08, 19:25
  5. Il Male Del Capitalismo Ed Il Bene Del Comunismo
    Di ivanhoe nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 23-03-06, 09:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226