Fecia di Cossato
Nuovo Iscritto

Registered: Mar 2002
Location: Piacenza
Posts: 6
la riforma dell'articolo 18 è solo rimandata...
In pochi giorni Umberto Bossi è riuscito a fare più danno al governo di quanto non gli è riuscito nei cinque anni durante i quali è stato all'opposizione...
Lo scorso fine settimana certe sue affermazioni irresponsabili riguardo alla UE, qualificata addirittura con attributi 'staliniani' e ieri il diktat a Bobo Maroni, da sempre la 'marionetta' di Bossi in quanto non dotato di cervello in grado di 'ragionare' in modo autonomo, perchè stralci di fatto l'articolo 18 dalla riforma del mercato del lavoro. In entrambi i casi le sue uscite, non richieste da nessuno e fuori dei suoi ambiti governativi [egli è ministro per le riforme istituzionali], si sono unicamente rivelate preziose opportunità per fassino e Cofferati per mandare colpi a segno contro il governo...opportunità che ovviamente non si sono lascaiti sfuggire.
Una cosa deve essere chiara...chi occupa la posizione di ministro in questo governo deve sottostare senza discussioni alla linea politica del governo stesso...chi non si adegua, come è stato nel caso del ministro degli esteri Ruggero, se ne va a casa!...
Questo è meglio che Bossi lo capisca e capisca soprattutto un dato essenziale che propbabilmente ancora gli sfugge: di lui e della Lega si può all'occorrenza tranquillamente fare a meno.

cordiali saluti!...

--------------

Nobis ardua

Comandante CC Carlo Fecia di Cossato



Report this post to a moderator | IP: Logged

08-03-2002 084



mustang
Nuovo Iscritto

Registered: Mar 2002
Location: roma
Posts: 14
Innanzi tutto è necessario evidenzare la poca padronanza dei media dimostrata dal ministro Maroni. E' incredibile che un ministro del governo Berlusconi, riconosciuto imbattibile nell'arte della comunicazione, non riesca a pubblicizzare sufficentemente i perchè e i vantaggi della riforma contestata. Tutta la controversia è stata gestita dai sindacati, che hanno potuto comunicare tranquillamente una serie di notizie parzialmente false.

Dietro Cofferati e lo sciopero annunciato si sta schierando tutto il malconcio sinistrume italico, guidato dai lavoratori della mente e dello spettaccolo, a cominciare dall'ex presidente Rai.
Perchè regalare all'opposizione un eventuale importante palcoscenico?

Una volta dietro Bossi c'era tutta la forte schiera della piccola e media impresa "padana". Oggi son rimasti i "ragazzotti" figli di papà e probabilmente qualche meridionale lavoratore che teme appunto di perdere quelle "assicurazioni" che i sindacati offrono a chi il lavoro ce l'ha, mentre chi governa "deve" principalmente pensare a coloro che il lavoro ancora non l'hanno.

Riguardo alle esternazioni "europee" sono molto critico sul modo con i quali concetti giustissimi e condivibilissimi sono stati presentati alla piazza leghista.
Ha detto cose giuste usando toni sbagliati.
Dovrebbe dimenticare di essere stato un "popolare" leader politico.
saluti


Visto nebbia?
C.V.D.
(come volevasi dimostrare)
A Berlusconi e agli ministri tutto il merito quando le cose vanno bene,mentre la colpa delle questioni non risolte e' data alla solita cattiva Lega che cambia sempre idea.Non invece ai vari Storace-Alemanno-Fini che da mesi chiedevano di non toccare l'art.18!Macche'!!Tutta colpa della Lega.