User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    stanziale
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Terra di Ezzelino
    Messaggi
    3,177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ecco le pecore nere di Ciampi...

    Assalto al municipio in nome del tricolore
    Vittorio Veneto, un gruppo contro il Comune leghista: esponga la bandiera


    VITTORIO VENETO. Il palazzo municipale della città della Resistenza ieri è stato occupato dalle forze dell'estrema destra. Per due ore tre esponenti del Movimento italiano d'azione, capeggiati da Gianfranco Foti, e un gruppetto di skinhead si sono piazzati in municipio, per protestare - in quella che hanno definito la «roccaforte del potere leghista» - contro la mancata esposizione del tricolore, prevista per legge. Le forze dell'ordine sono intervenute in forze, allontanando i manifestanti. Ma, intanto, il gruppetto è entrato nella sala consiliare interrompendo con la forza una riunione del comitato di direzione.



    --------------------------------------------------------------------------------
    VITTORIO VENETO. Il palazzo municipale della città della Resistenza, ieri è stato occupato dalle forze dell'estrema destra. Si è trattato di un'azione temporanea, durata solo un paio d'ore, che però ha richiesto l'intervento degli agenti della Digos, dei carabinieri e dei vigili. Le forze dell'ordine, si sono riversate al piano nobile del municipio per bloccare la provocatoria iniziativa di tre esponenti del Movimento italiano d'azione, decisi a insediarsi in quella che hanno definito la «roccaforte del potere leghista». Gianfranco Foti, presidente del movimento, Benvenuto Rocchetto e Adriano Agostinetto, appoggiati da un gruppo di skinhead, alle 10, sono infatti entrati nella sala consiliare interrompendo con la forza una riunione del comitato di direzione.
    L'operazione, provocatoria e dimostrativa, era stata organizzata nei minimi dettagli. Alle 10 in punto Gianfranco Foti e due dei suoi «camerati», dopo aver aperto le porte della sala consiliare vi fanno irruzione, depositando sul pavimento e sul tavolo borse, zaini, un registratore, alcune assi di legno. L'aula, in quel momento, ospita una riunione dei dirigenti, ma Foti non ci fa caso.
    Non ha alcuna intenzione di retrocedere dai suoi propositi. «Siamo qui - dice - per rivendicare la nostra italianità. Da un anno chiediamo alla giunta di esporre sui pennoni di piazza del Popolo il Tricolore, simbolo della nostra patria. Da un anno le nostre richieste, avvallate dal Prefetto, vengono disattese. Interloquire con il potere è impossibile, perché i suoi rappresentanti si barricano nei palazzi e così, per far valere le nostre ragioni, siamo costretti a un'azione di forza». Alle 10.20 l'atmosfera del palazzo diventa incandescente. Nel municipio, che pullula di agenti, arriva il sindaco Giancarlo Scottà. Il capitano dei carabinieri, Andrea Desideri e i poliziotti invitano Scottà e Foti a un confronto. Le parti si riuniscono per qualche minuto nell'ufficio del sindaco per cercare una mediazione. E l'accordo viene trovato. Il sindaco e i suoi collaboratori assicurano a Gianfranco Foti che dal prossimo 2 giugno il Tricolore sventolerà in modo permanente sulla piazza. «Se non l'abbiamo esposto prima - dichiara il sindaco - è stato solo per problemi tecnici. Le bandiere che abbiamo a disposizione sono infatti troppo piccole rispetto all'altezza dei pennoni e ci stiamo dando da fare per confezionarne alcune di dimensioni adeguate». L'annuncio del sindaco soddisfa solo parzialmente i rappresentanti del movimento d'azione. «Finora - dichiara Rocchetto - Scottà ci ha preso per i fondelli: non ha mai risposto alle richieste sul tricolore. Se il 2 giugno la promessa non verrà mantenuta, siamo pronti a occupare di nuovo il municipio». Alle 11.20 l'accordo è sottoscritto e il sindaco e Foti si concedono insieme un aperitivo. La «marcia sul municipio» si è conclusa si è conclusa con l'impegno formale da parte della giunta leghista a esporre il Tricolore, insieme ai vessilli regionali e cittadini. E, nel frattempo, arrivano i primi commenti della Sinistra. «Sono allibito - dice il consigliere Ds, Giovanni Napol -. Se la destra occupa il municipio, noi siamo pronti a liberarlo come abbiamo fatto settant'anni fa. Non capisco però perché la battaglia sul Tricolore la portino avanti le forze della destra che l'hanno infangato. Sono i partiti democratici usciti dalla Resistenza gli unici a poter rivendicare questo diritto». Però, in verità, finora non l'hanno fatto, lasciando, appunto, spazio all'azione dimostrativa della destra

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    www.leganordromagna.org
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Romagna Nazione Padana
    Messaggi
    4,777
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: ecco le pecore nere di Ciampi...

    Originally posted by carbonass
    Assalto al municipio in nome del tricolore
    Vittorio Veneto, un gruppo contro il Comune leghista: esponga la bandiera


    VITTORIO VENETO. Il palazzo municipale della città della Resistenza ieri è stato occupato dalle forze dell'estrema destra. Per due ore tre esponenti del Movimento italiano d'azione, capeggiati da Gianfranco Foti, e un gruppetto di skinhead si sono piazzati in municipio, per protestare - in quella che hanno definito la «roccaforte del potere leghista» - contro la mancata esposizione del tricolore, prevista per legge. Le forze dell'ordine sono intervenute in forze, allontanando i manifestanti. Ma, intanto, il gruppetto è entrato nella sala consiliare interrompendo con la forza una riunione del comitato di direzione.



    --------------------------------------------------------------------------------
    VITTORIO VENETO. Il palazzo municipale della città della Resistenza, ieri è stato occupato dalle forze dell'estrema destra. Si è trattato di un'azione temporanea, durata solo un paio d'ore, che però ha richiesto l'intervento degli agenti della Digos, dei carabinieri e dei vigili. Le forze dell'ordine, si sono riversate al piano nobile del municipio per bloccare la provocatoria iniziativa di tre esponenti del Movimento italiano d'azione, decisi a insediarsi in quella che hanno definito la «roccaforte del potere leghista». Gianfranco Foti, presidente del movimento, Benvenuto Rocchetto e Adriano Agostinetto, appoggiati da un gruppo di skinhead, alle 10, sono infatti entrati nella sala consiliare interrompendo con la forza una riunione del comitato di direzione.
    L'operazione, provocatoria e dimostrativa, era stata organizzata nei minimi dettagli. Alle 10 in punto Gianfranco Foti e due dei suoi «camerati», dopo aver aperto le porte della sala consiliare vi fanno irruzione, depositando sul pavimento e sul tavolo borse, zaini, un registratore, alcune assi di legno. L'aula, in quel momento, ospita una riunione dei dirigenti, ma Foti non ci fa caso.
    Non ha alcuna intenzione di retrocedere dai suoi propositi. «Siamo qui - dice - per rivendicare la nostra italianità. Da un anno chiediamo alla giunta di esporre sui pennoni di piazza del Popolo il Tricolore, simbolo della nostra patria. Da un anno le nostre richieste, avvallate dal Prefetto, vengono disattese. Interloquire con il potere è impossibile, perché i suoi rappresentanti si barricano nei palazzi e così, per far valere le nostre ragioni, siamo costretti a un'azione di forza». Alle 10.20 l'atmosfera del palazzo diventa incandescente. Nel municipio, che pullula di agenti, arriva il sindaco Giancarlo Scottà. Il capitano dei carabinieri, Andrea Desideri e i poliziotti invitano Scottà e Foti a un confronto. Le parti si riuniscono per qualche minuto nell'ufficio del sindaco per cercare una mediazione. E l'accordo viene trovato. Il sindaco e i suoi collaboratori assicurano a Gianfranco Foti che dal prossimo 2 giugno il Tricolore sventolerà in modo permanente sulla piazza. «Se non l'abbiamo esposto prima - dichiara il sindaco - è stato solo per problemi tecnici. Le bandiere che abbiamo a disposizione sono infatti troppo piccole rispetto all'altezza dei pennoni e ci stiamo dando da fare per confezionarne alcune di dimensioni adeguate». L'annuncio del sindaco soddisfa solo parzialmente i rappresentanti del movimento d'azione. «Finora - dichiara Rocchetto - Scottà ci ha preso per i fondelli: non ha mai risposto alle richieste sul tricolore. Se il 2 giugno la promessa non verrà mantenuta, siamo pronti a occupare di nuovo il municipio». Alle 11.20 l'accordo è sottoscritto e il sindaco e Foti si concedono insieme un aperitivo. La «marcia sul municipio» si è conclusa si è conclusa con l'impegno formale da parte della giunta leghista a esporre il Tricolore, insieme ai vessilli regionali e cittadini. E, nel frattempo, arrivano i primi commenti della Sinistra. «Sono allibito - dice il consigliere Ds, Giovanni Napol -. Se la destra occupa il municipio, noi siamo pronti a liberarlo come abbiamo fatto settant'anni fa. Non capisco però perché la battaglia sul Tricolore la portino avanti le forze della destra che l'hanno infangato. Sono i partiti democratici usciti dalla Resistenza gli unici a poter rivendicare questo diritto». Però, in verità, finora non l'hanno fatto, lasciando, appunto, spazio all'azione dimostrativa della destra
    maledetti fasci!!
    vergogna a tutti quelli che hanno partecipato a manifestazioni della destra estrema anche se per obiettivi comuni come l'immigrazione, loro sono sempre stati nostri nemici e lo devono rimanere lasciamoli perdere, tanto non contano niente in Padania!
    tolleranza zero con i fascisti triculoruti!

  3. #3
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Foti? non mi pare un cognome veneto...

  4. #4
    LN
    LN è offline
    Pastis 51
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte, Padania
    Messaggi
    596
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Totila
    Foti? non mi pare un cognome veneto...
    Chissà perchè odia cosi tanto la Lega questo foti....

  5. #5
    stanziale
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Terra di Ezzelino
    Messaggi
    3,177
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vi devo confessare che anch'io
    tanti anni fa ero impasticcato di skin-nazi-ribellismo
    Per fortuna è sorta la Lega a salvarmi
    da quella pozzanghera senza uscita.
    Queste pecore nere saranno anche coraggiose
    ma il loro coraggio è cieco
    e il sistema si è sempre servito di loro.

  6. #6
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    dunque ricapitoliamo.
    un grupo di forsennati tenta di barricarsi in un comune dicendo di essere itlaliani e che vogliono issare la bandiera della loro patria.

    avendo agito con una certa violenza vengono allontanati dalle forze del'ordine,
    poi i leghisti dicono che se ci tenogno tanto la bandiera gliela daranno per il 2 giugno
    i comunisti si arrabbiano e dicono che i fascisti non hanno diritto a chiedere la bandiera itlaina perchè possono farlo solo loro che hanno fatto i partigiani,

    vuoi vedere che a forza di litigarsela sta bandiera la rompono in due?

    poveri leghisti, ad avere a che fare con certi strani tipi...

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Poveri noi veneti che abbiamo a che fare co sti pagliacci ilaria, Vittorio Veneto è in veneto, è una bellissima cittadina, governata dalla lega, dal sindaco Scottà, Vittorio Veneto si trova in provincia di treviso, e non è la prima volta che ha a che fare co sti fascistelli, sic.!!!

  8. #8
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Il male è che Vittorio Veneto è considerato il luogo dove i generali macellai tricoloriti massoni dicono di aver vinto la Ia GM...Perchè Vittorio Veneto non torna al suo antico nome?

  9. #9
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Fosse facile caro tot, adesso poi con i triculori al governo, ncora peggio, guarda cosa vogliono fare con la lingua itagliota. sic! sic!

 

 

Discussioni Simili

  1. Pecore nere e cattiveria mediatica
    Di Cuordy nel forum Cattolici
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 07-10-09, 15:28
  2. Noi pecore nere
    Di Astolfo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-02-09, 09:57
  3. Mosche bianche e pecore nere (di MT)
    Di DrugoLebowsky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 27-12-08, 12:24
  4. Vignetta svizzera contro le pecore nere.
    Di alessandro74 (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 08-09-07, 08:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226