User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 26

Discussione: I Celti

  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow I Celti




    Capito itaglioni??
    Negare la VERITA' sghignazzando sulle nostre origini celte,non serve a nulla!!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    NORTH ITALIAN KINGDOM OF THE LOMBARDS
    AD 568 - 773

    Originated in Slesia (now western Poland). Migrated south in the 6th century, filling the gap left on the north bank of the Danube in Hungary by the collapse of the Huns. After being used as a mercenary army by the Byzantine Emperor Justinian, the Lombards began to invade northern Italy after his death, diminishing the influence of the Byzantine Exarchate at Ravenna.

    568 - 573
    Alboin
    573 - 575
    Celph
    584 - 590
    Autharis
    590 - 591
    Theodelinda
    591 - 615
    Agilulf
    615 - 625
    Adaloald
    625 - 636
    Arioald
    636 - 652
    Rotharis
    652 - 661
    Aribert I
    662 - 671
    Grimoald
    671 - 674
    Garibald
    674 - 688
    Bertharit
    688 - 700
    Cunibert
    701 - 712
    Aribert II
    712 - 744
    Liutprand
    744 - 749
    Rachis of Fruili
    749 - 756
    Aistulf
    756 - 774
    Desiderius
    750 - 773
    Rome is reduced to her ancient territory from Viterbo to Terracina, from Narni to the mouth of the Tiber. The Lombards subdue Ravenna, ending the Exarchate, and attack Rome. Rome is delivered by Pepin, King of the Franks, and the Lombards finally surrender to his son, Charlemagne in AD 774. The ex-Byzantine Exarchate is handed to the Pope as the Papal States. Northern Italy becomes part of the Frankish Empire. The Pope also gains part of the Duchy of Benevento.

  3. #3
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Origins

    The Lombards, or Langobards, originated in the lower Elbe Valley. They are mentioned by Tacitus (Germania, 40) as one of the many tribes collectively known as the Suebi. He notes that they were small in number and hemmed in by more powerful tribes but that they found safety not in submission but in battle…

    However, they played little or no part in the overthrow of the West Roman Empire, only moving into northern Austria in the wake of the Rugii in about 486, long after the Romans had departed.

    Early in the Sixth Century, they moved into Pannonia (modern Hungary) where they established themselves as a powerful presence. They enjoyed friendly relations with the Eastern Empire under their king, Wacho (c.510-540).

    It was at this time that they converted to (Arian) Christianity. Under Wacho’s successor, Audoin, they became federates (foederati) of the Empire some time after the year 540. Under the terms of this agreement, they assisted Justinian in his wars against the Ostrogoths and the Franks, forming the core of Narses’ centre at the Battle of Taginae (552).



    The Conquest of Italy

    It was during their campaigns for Justinian that they became familiar with the Po Valley and its incomparable fertility. When, in the 560s, Pannonia came under pressure from the Avars, their new king, Alboin, found support from Constantinople less then he had hoped for. He decided that the best hope for his people lay in Italy itself; the lands which they had recently helped the Empire to reconquer from the Ostrogoths.

    In 568, Alboin led a host of Lombards, Gepids, Sarmatians and other peoples (including Hunnic Bulgars, according to the historian Paul the Deacon). Others, amongst them Bavarians, Saxons and Taifali, joined the invasion en route. As they advanced, the vacuum left behind them was filled by Avars, Bulgars and Slavs.

    Alboin quickly seized Aquileia and much of the Venetian plain. Within a year he had taken Milan and was largely in control of the Po Valley. He swept southwards into Tuscany and by 575 had reached Rome itself, with only a few fortified cities and mountain strongholds remaining in Imperial hands.

    Alboin was murdered in 572. He had forcibly married the Gepid princess, Rosamund, daughter of King Cunimund, and it was she who had him killed, after he had made her drink from her father’s skull. His successor, Cleph, was also murdered soon afterwards and for the next decade the Lombards were ruled by an alliance of, traditionally, thirty-five duces, as a federation under the overall command of one Zaban, who ruled from Pavia.

    For a whole generation, the Lombards behaved in the worst traditions of barbarian conquerors; murdering landlords and seizing their lands, plundering the countryside and taking the cities for themselves. Italy had no government in the proper sense of the word and the Emperor was powerless to intervene. Justinian’s triumph in having reconquered Italy was exposed as a terrible error in judgment; all he had achieved was to replace the stable and relatively friendly Kingdom of the Ostrogoths with a barbarian anarchy.

    Pope Gregory, writing of the Lombard occupation, said, "On all sides we see war, on all sides we hear groans. Our cities are destroyed, our strongholds razed, the countryside desolate. There is no one to till the fields; no one almost to keep the towns… Some have gone into slavery, some are left limbless, some slain."



    The Lombard Kingdom

    It was not until about 580, after the Lombards had made a couple of abortive attacks on eastern Gaul, that the Byzantines armies in Italy began to recover. Under this threat, and with the presence of hostile Slavs and Avars in Istria, the Lombards re-established a unified monarchy under Authari son of Cleph.

    Under Authari and his son Agilulf (590-616), an embryonic Lombard kingdom began to take shape. The autonomous duces were replaced by an army-controlled system of territories, each still ruled by a Dux. The destruction of the old Roman landed classes necessitated their replacement with a new, more Germanic one.

    Under the influence of the Bavarian princess, Theudelinde (already related to the Lombard royal house through her mother, and the wife first of Authari, then of her step-son, Agilulf), the Lombards gradually began to convert to Catholicism, although their kings initially resisted this.

    Under Agilulf the Lombard Kingdom expanded into central Italy and was consolidated in the north. He reached a settlement with the Franks and put down a rebellion by some of the duces before resuming the struggle with Byzantium. Several years of fighting followed before, with the Empire accepting it could never recover the whole of Italy, the situation stabilised. By the 680s, Catholicism was well-established amongst the Lombards, which helped the Empire to swallow an enduring peace.

    The Lombards’ power reached its peak during the reign of King Liutprand (712-744) but after his death, the Popes began to see the possibility of enlisting the help of the Franks in overthrowing them. In 755, Pepin the Short invaded Italy at the direct invitation of the Pope and defeated the Lombard King Aistulf. Lombard rule in Italy was all but over, being finally destroyed in 773 by Pippin’s son, Charlemagne. Nonetheless, the two-hundred-year occupation had left its inevitable mark, and the heartland of the kingdom in northern Italy is known, to this day, as Lombardy.



    Certo che ste cose raga,con la devolution o VANNO STUDIATE COME SI DEVE NELLE ORE DI STORIA NELLE SCUOLE,o mi INCA**O DAVVERO!!

  4. #4
    Paul Atreides
    Ospite

    Predefinito

    Se è per questo, Salerno ha fatto parte del ducato beneventano longobardo sino all'840 d. C. Poi è stata sede di un autonomo principato longobardo sino al 1077 (con Gisulfo II), quando venne conquistata dai normanni di Roberto il Guiscardo.

  5. #5
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.fernweb.pwp.blueyonder.co.uk/mf/people.htm

    Hai ragione Pippo

    Ma temo che tra un po' altro che Celti,Lombardi e ducato beneventano longobardo avremo qui.
    Una "bella" Repubblica marocchina/pakistana islamica...ecco cosa ci attende

  6. #6
    Paul Atreides
    Ospite

    Predefinito

    Già. Triste ma vero.

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Dragonball, xchè ti diverti ad infierire (una bella repubblica marocchia), è sotto gli occhi di tutti purtroppo la cosa, che tu ce lo ricordi in continuazione, non fa altro che aumentare la ns. disperazione

  8. #8
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Da Microsoft Encarta:

    2. Il "fiore dell'Italia"-La Gallia Cisalpina


    La Gallia cisalpina divenne pertanto, nel corso dell'ultima fase dell'età repubblicana, e per buona parte dell'età imperiale, una delle regioni più ricche dell'Italia romana (Cicerone la definì "il fiore dell'Italia"), caratterizzata da una fiorente economia, una vivace dinamica demografica, una decisa urbanizzazione. Oltre alle città già menzionate, bisogna ricordare infatti – tra le molte – le ricche Verona e Patavium (Padova), nell'area veneta, le colonie augustee di Augusta Taurinorum (Torino) e Brixia (Brescia) e le civitates insubres di Comum (Como) e Mediolanum (Milano): quest'ultima, a partire dal 284, divenne addirittura una delle capitali dell'impero. L'urbanesimo si accompagnò ovunque, nella Gallia cisalpina, a una sistematica organizzazione del territorio, attraverso la centuriazione e la creazione di un'efficientissima rete stradale, le cui tracce sono ancor oggi ben presenti nel paesaggio agrario della Pianura Padana. A partire dal V secolo la regione seguì le sorti del resto dell'Italia, coinvolta nel processo di disgregazione dell'impero d'Occidente.

  9. #9
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Brescia
    Città della Lombardia, capoluogo di provincia; è situata al limite settentrionale della Pianura Padana, ai piedi delle Prealpi, presso lo sbocco della Val Trompia, sulla sinistra del fiume Mella. Fondata probabilmente dai galli cenomani nei secoli III-II a.C., divenne città dei romani, che fecero di Brixia il principale centro della loro espansione nella Gallia Transpadana. Sede vescovile dal IV secolo, nel 452 fu saccheggiata dagli unni di Attila. Divenne successivamente sede di un ducato longobardo, poi libero comune (secoli XI-XII). Annessa nel 1428 alla Repubblica di Venezia, la città le appartenne fino al 1797, quindi seguì le sorti politiche della regione. Durante il Risorgimento, combatté strenuamente gli austriaci nelle cosiddette Dieci giornate (23 marzo-1° aprile 1849) che le valsero l'appellativo di "leonessa d'Italia".

    L'odierna città conserva nel centro storico notevoli monumenti medievali, tra cui il Broletto (1223-1298); la Rotonda o Duomo vecchio (XI secolo, affiancata dal Duomo nuovo dei secoli XVII-XIX); le chiese di San Salvatore (del IX secolo, nell'ex complesso monastico di origine franca); Santa Maria in Solario (XII secolo) e San Francesco (1254-1265). Di grande interesse anche alcuni edifici rinascimentali, quali la Loggia (Palazzo Comunale, 1491-1574) e il Palazzo del Monte di Pietà (1484-1597), entrambi sulla bella piazza della Loggia. Nella piazza del Foro, nucleo della città romana, si trova il tempio capitolino parzialmente ricostruito (73 d.C.), cui è adiacente il Museo romano (con la celebre Vittoria alata). La Pinacoteca Tosio-Martinengo, una delle più importanti raccolte di pittura lombarde, espone fra l'altro numerose opere dei pittori bresciani Romanino e Moretto (magnifica la sala con cinque tele dell'Adorazione dei pastori, di questi, del Savoldo, del Lotto e di Callisto Piazza). Tra le numerose chiese che custodiscono dipinti di grande interesse, si ricorda in particolare la chiesa settecentesca dei Santi Nazaro e Celso. Sul colle Cidneo (luogo del primo insediamento), sorge il Castello cinquecentesco che ospita i musei del Risorgimento e delle Armi.

    La città è un ricco mercato della regione e un importante centro industriale, attivo in tutti i settori (numerosi gli stabilimenti metallurgici e metalmeccanici). La provincia, che comprende 206 comuni in un territorio in gran parte montuoso e collinare, è dedita all'agricoltura nelle valli prealpine, in pianura, sui rilievi morenici del lago d'Iseo (Franciacorta) e del Garda (vini). Importante la produzione di energia elettrica.

    Abitanti (bresciani): 190.909 (1999).


    Ricrodiamo la storia per capire chi siamo,da dove veniamo e soprattutto dove stoamo andando

  10. #10
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Torino
    Fondata nel 28 a.C. forse sul sito di precedenti insediamenti dei galli taurini, la romana Augusta Taurinorum svolse, in età imperiale, un ruolo di colonia militare per il presidio delle comunicazioni stradali con le Gallie. Fu sede di ducato sotto i longobardi (dal 572), di contea sotto i franchi (dal 773), di marchesato sotto Berengario I e gli Ottoni (IX-XI secolo). Poi, dopo due secoli di scontri fra il governo vescovile e comunale da una parte e i conti di Savoia dall'altra, questi ultimi acquisirono stabilmente (dal 1280) la signoria della città. Fu tuttavia solo con Amedeo VI il Conte Verde (1343-1383), Amedeo VII il Conte Rosso (1383-1391), Amedeo VIII (dal 1418 duca del Piemonte) e Carlo II il Buono (1504-1553) – costantemente e strenuamente impegnati a contenere l'espansionismo francese – che i Savoia intrapresero il tentativo di costruire un loro stato al di qua delle Alpi. Stato che poté dirsi formato nel 1563, quando il duca Emanuele Filiberto ne proclamò Torino capitale. Si aprì allora, e continuò nel XVII secolo, una fase di rafforzamento del ducato e di rinnovamento urbanistico della città, ma anche di violenti contrasti interni, fra il 1639 e il 1642, tra le fazioni filofrancese e filospagnola.

    Il secolo successivo ebbe pure un avvio favorevole ai Savoia (nel 1706 Vittorio Amedeo II riuscì a spezzare l'assedio posto dai francesi a Torino, e nel 1713 ottenne il titolo di re), ma si chiuse nel 1802 con l'invasione napoleonica, seguita dall'annessione del Piemonte alla Francia. Dopo il periodo incolore della Restaurazione e il contraddittorio regno di Carlo Alberto (1831-1849), Torino riuscì ad assumere, con Vittorio Emanuele II e sotto l'accorta guida politica di Cavour (primo ministro dal 1852), il ruolo di centro di aggregazione del movimento risorgimentale. Ceduto a Firenze (1865) il rango di capitale del nuovo Regno d'Italia, la città trovò nell'industrializzazione la via a un suo specifico sviluppo, con particolare successo nel settore automobilistico. Nel 1971, sotto la spinta di un'impetuosa immigrazione proveniente soprattutto dalle regioni meridionali, la sua popolazione raggiunse il numero di 1.167.968 unità.

    Abitanti (torinesi): 904.000 (2000).

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. IPOTESI SUI CELTI
    Di GILANICO nel forum Storia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-06-13, 17:56
  2. Sui Celti
    Di Miles nel forum Patria Italiana
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-04-13, 17:13
  3. I Celti In Friuli
    Di padus996 (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-08-02, 23:50
  4. I Celti In Friuli
    Di padus996 (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-08-02, 19:59
  5. Trà celti e romani
    Di Josto nel forum Lombardia
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 02-06-02, 13:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226