User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34
  1. #1
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Perchè il proporzionale?

    I sistemi elettorali si dividono in tre grandi famiglie, come è noto:
    -maggioritari;
    -proporzionali;
    -misti.
    Caratteristica capitale del maggioritario è quella di garantire, generalmente, la stabilità governativa, favorendo un sistema politico bipolare o bipartitico. Esempio paradigmatico è la Gran Bretagna: qui due soli partiti si alternano al governo. Questo sistema presenta tuttavia un grande limite: le minoranze sono eliminate dalla scena politica o, comunque, sottorappresentate; questo è un danno anche alla democraticità del sistema, dal momento che lede la rappresentatività e, di conseguenza, la legittimità del parlamento. Sempre la G.B. ci offre un esempio evidente di ciò: il partito liberal-democratico, pur raggiungendo il 19% e oltre dei suffragi totali, ha una rappresentanza parlamentare quasi inesistente. La scarsa rappresentatività del parlamento può portare anche a problemi pratici non indifferenti: taluni output, provenienti da parti della società non maggioritarie, verrebbero sistematicamente ignorati, col rischio di non affrontare talune questioni e, pertanto, di aggravarne la situazione. Altro pesante limite di tale sistema è l’incapacità di rinnovarsi: prima che un partito si esaurisca e lasci lo spazio a soggetti nuovi passano molti anni di “limbo” in cui il partito declinante è ancora troppo forte da scomparire e lasciare il passo a nuovi soggetti e troppo debole da rendersi partito di governo. Ultimo limite evidente è lo scarsa scelta che gli elettori hanno: si sceglie il partito o la coalizione, accettando il candidato del proprio collegio, che il più delle volte è scelto dall’alto.
    Diversamente, il sistema proporzionale, assegnando i seggi in proporzione ai voti ottenuti, spesso rende difficile la creazione in sede parlamentare di forti maggioranze, favorendo la creazione di partiti di piccole dimensioni. Però presenta indubbi vantaggi nel risolvere i problemi presentati dal maggioritario: la sottorappresentazione è limitata, e, quindi, il parlamento è maggiormente legittimato e rappresentativo. I partiti possono affermarsi e dimostrare la validità del proprio progetto politico in maniera graduale, senza bisogno di “uccidere” i partiti con lo stesso bacino elettorale e la nascita di questi nuovi soggetti –o la loro crescita- non è inibita dal meccanismo del “voto utile”.
    Peraltro, al sistema proporzionale, è facile attuare dei correttivi che favoriscano la governabilità. I principali sono le soglie implicite od esplicite e il premio di maggioranza.

    Questi sono, molto brevemente, alcune delle motivazioni principali che dovrebbero farci riflettere senza pregiudiziali sul ritorno di un sistema proporzionale.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Perchè il proporzionale?

    Originally posted by Alberich
    I sistemi elettorali si dividono in tre grandi famiglie, come è noto:
    -maggioritari;
    -proporzionali;
    -misti.
    Caratteristica capitale del maggioritario è quella di garantire, generalmente, la stabilità governativa, favorendo un sistema politico bipolare o bipartitico. Esempio paradigmatico è la Gran Bretagna: qui due soli partiti si alternano al governo. Questo sistema presenta tuttavia un grande limite: le minoranze sono eliminate dalla scena politica o, comunque, sottorappresentate; questo è un danno anche alla democraticità del sistema, dal momento che lede la rappresentatività e, di conseguenza, la legittimità del parlamento. Sempre la G.B. ci offre un esempio evidente di ciò: il partito liberal-democratico, pur raggiungendo il 19% e oltre dei suffragi totali, ha una rappresentanza parlamentare quasi inesistente. La scarsa rappresentatività del parlamento può portare anche a problemi pratici non indifferenti: taluni output, provenienti da parti della società non maggioritarie, verrebbero sistematicamente ignorati, col rischio di non affrontare talune questioni e, pertanto, di aggravarne la situazione. Altro pesante limite di tale sistema è l’incapacità di rinnovarsi: prima che un partito si esaurisca e lasci lo spazio a soggetti nuovi passano molti anni di “limbo” in cui il partito declinante è ancora troppo forte da scomparire e lasciare il passo a nuovi soggetti e troppo debole da rendersi partito di governo. Ultimo limite evidente è lo scarsa scelta che gli elettori hanno: si sceglie il partito o la coalizione, accettando il candidato del proprio collegio, che il più delle volte è scelto dall’alto.
    Diversamente, il sistema proporzionale, assegnando i seggi in proporzione ai voti ottenuti, spesso rende difficile la creazione in sede parlamentare di forti maggioranze, favorendo la creazione di partiti di piccole dimensioni. Però presenta indubbi vantaggi nel risolvere i problemi presentati dal maggioritario: la sottorappresentazione è limitata, e, quindi, il parlamento è maggiormente legittimato e rappresentativo. I partiti possono affermarsi e dimostrare la validità del proprio progetto politico in maniera graduale, senza bisogno di “uccidere” i partiti con lo stesso bacino elettorale e la nascita di questi nuovi soggetti –o la loro crescita- non è inibita dal meccanismo del “voto utile”.
    Peraltro, al sistema proporzionale, è facile attuare dei correttivi che favoriscano la governabilità. I principali sono le soglie implicite od esplicite e il premio di maggioranza.

    Questi sono, molto brevemente, alcune delle motivazioni principali che dovrebbero farci riflettere senza pregiudiziali sul ritorno di un sistema proporzionale.
    Come dare torto a quest'analisi puntuale e oggettiva. Il problema della rappresentanza non è una questione da poco, ma siamo sicuri che sia meglio tornare al vecchio modo di fare politica, con partiti che affermano tutti d'aver vinto e con maggioranze che si formano e si disfano senza che ci sia anticipatamente presentati agli elettori con programmi plausibili e non puramente ideologici,con i piccoli partiti che dettano legge sentendosi i classici aghi della bilancia? Il collegio uninominale non garantisce poi un maggior controllo del cittadino sul suo rappresentante, che è riconoscibile,interpellabile e del quale è possibile conoscere in real time l'attività parlamentare?
    Saluti liguri, quindi (anche) repubblicani

  3. #3
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Perchè il proporzionale?

    Originally posted by ZENA


    Come dare torto a quest'analisi puntuale e oggettiva. Il problema della rappresentanza non è una questione da poco, ma siamo sicuri che sia meglio tornare al vecchio modo di fare politica, con partiti che affermano tutti d'aver vinto e con maggioranze che si formano e si disfano senza che ci sia anticipatamente presentati agli elettori con programmi plausibili e non puramente ideologici,con i piccoli partiti che dettano legge sentendosi i classici aghi della bilancia? Il collegio uninominale non garantisce poi un maggior controllo del cittadino sul suo rappresentante, che è riconoscibile,interpellabile e del quale è possibile conoscere in real time l'attività parlamentare?
    Saluti liguri, quindi (anche) repubblicani
    Carissimo Zena -grande città-,
    hai ragione a dire che i partitini potrebbero dettare legge in maniera sproporzionata al loro effettivo potere, ma non è così già adesso col maggioritario? A me pare che le forze minori abbiano un potere di veto eccessivo, dal momento che la mancanza del loro apporto può far perdere moltissimi collegi (un esempio pratico è la lega nel '96). Almeno, col proporzionale, il loro potere si determinerebbe dopo il voto, contando i seggi vinti. Adesso è prima delle elezioni che si decide, in linea di massima, quanti seggi toccano a ciascuna forza.

    Sul secondo punto, devo dire, non so bene. A te pare che i parlamentari abbiano un certo rapporto con gli elettori del loro collegio? A me no. Ma parlo di Milano, dove si sa già che vince il Polo e tutti gli altri vanno a casa (Tanto per capircil candidato alla camera dell'Ulivo nel mio collegio non ha attaccato neppure un amnifesto; non si è visto in giro: era un nome sulla scheda). Spero proprio che in altri collegi sia diverso.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Perchè il proporzionale?

    Originally posted by Alberich


    Carissimo Zena -grande città-,
    hai ragione a dire che i partitini potrebbero dettare legge in maniera sproporzionata al loro effettivo potere, ma non è così già adesso col maggioritario? A me pare che le forze minori abbiano un potere di veto eccessivo, dal momento che la mancanza del loro apporto può far perdere moltissimi collegi (un esempio pratico è la lega nel '96). Almeno, col proporzionale, il loro potere si determinerebbe dopo il voto, contando i seggi vinti. Adesso è prima delle elezioni che si decide, in linea di massima, quanti seggi toccano a ciascuna forza.

    Sul secondo punto, devo dire, non so bene. A te pare che i parlamentari abbiano un certo rapporto con gli elettori del loro collegio? A me no. Ma parlo di Milano, dove si sa già che vince il Polo e tutti gli altri vanno a casa (Tanto per capircil candidato alla camera dell'Ulivo nel mio collegio non ha attaccato neppure un amnifesto; non si è visto in giro: era un nome sulla scheda). Spero proprio che in altri collegi sia diverso.
    E' vero....Un altro problema dell'uninominale,poi, è che nei collegi "forti", in un senso o nell'altro, gli elettori simpatizzanti del candidato perdente potrebbero disaffezionarsi alle urne, ritenendo (e come dargli torto, pensiamo all'elettore toscano del Polo) che andare a votare con una simile legge elettorale significhi buttar via del tempo,tanto scontato è l'esito del confronto. E visto che si vota anche di domenica....

    Riguardo ai piccoli partiti, non credi che il doppio turno possa essere la mossa vincente per far si che non "ricattino" le formazioni maggiori e quindi più legittimate a influenzare la vita politica del paese?

    I problemi che pone il proporzionale rimangono comunque tre: la trasparenza in sede di campagna elettorale sul candidato premier, la governabilità e quindi la partitocrazia. Io credo che l'unica riforma che giustifichi pienamente il ritorno al proporzionale sia la riforma presidenziale all'americana o alla francese....A quel punto, se non risoluzioni definitive dei problemi, una strada è già tracciata, per di più dalla volontà popolare,e soprattutto le stesse formazioni politiche, pur presentandosi autonomamente devono accordarsi sul candidato-presidente.Ma pensi che l'Italia sia un paese dove il presidenzialismo sia possibile,alla luce dei conflitti politici perennemente in atto? Tu che ne pensi?

  5. #5
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Anche nel maggioritario a doppio turno, credo, i partitini, dovendo scegliere su chi dirottare i voti potrebbero essere sovrarappresentati, secondo la logica del "io ti appoggi in questo collegio, tu mi appoggi nell'altro"; come avviene in Francia, anche se ritengo questo un sistema elettorale molto migliore del maggioritario a un turno. Comunque, come ho detto nel primo post, il problema non è amputare i partitini ma dare a tutti lo spazio politico che meritano, e non quello che riescono a raccattare.

    Sul presidenzialismo mi sono già espresso sfavorevolmente altrove: in un paese con la nostra cultura politica non lo ritengo applicabile. Notare che solo negli USA il presidenzialismo ha portato a esiti favorevoli.
    Diverso è il caso del semi-presidenzialismo, che ritengo una soluzione auspicabilissima, oltre che perfettamente compatibile con un sistema proporzionale, anzi, ritengo chepotrebbe essere un sistema che unisca i vantaggi del proporzionale con i vantaggi di un sistema governabile.

    Da ultimo vorrei esortarti a non prendere come esempio per il proporzionale l'Italia della prima repubblica, che costituisce un caso unico e particolare, non fosse altro che per un motivo di fondo: non era possibile l'alternanza.

    salut

    P.s. spero si capisca, ma sono stanco e un po' malato e mi risulta difficle scrivere; mi auguro che questo thread possa interessare altri utenti.

  6. #6
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo pienamente con te Alberich, a volte, su questioni importanti, mi sembra di leggere in ciò che scrivi i miei pensieri e ideali più sicuri...

    Buonanotte.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  7. #7
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Località
    pianeta Terra
    Messaggi
    1,544
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question

    Io proprio non riesco a capire come il Maggioritario possa soffocare le diverse formazioni politiche minoritarie. E' una bufala che fa comodo raccoltarla per non perdere quella certezza di posto fisso al Parlamento assicurato tramite alchimie di segreteria di partito.
    Noi non dobbiamo puntare sulle Segreterie ma sulle persone!!! E queste possono tranquillamente confrontarsi e fare pezzi di strada insieme per obiettivi programmati che gli elettori dovranno già sapere per dare il loro voto consensuale.
    Le segreterie di partito devono fare un passo indietro proprio come vuole, tra le righe, la nostra Costituzione.

    Wolare

    <FONT COLOR="Purple"> Scusate! Avete visto qualche Radicale Italiano dibattere nei salotti "buoni" della TV ?
    LA GENTE BEN INFORMATA NON PUO' ESSERE TRUFFATA</FONT c>
    www.radicali.it
    Wolare
    informato privilegiato da
    www.radioradicale.it
    www.radicali.it

  9. #9
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Wolare
    Io proprio non riesco a capire come il Maggioritario possa soffocare le diverse formazioni politiche minoritarie. E' una bufala che fa comodo raccoltarla per non perdere quella certezza di posto fisso al Parlamento assicurato tramite alchimie di segreteria di partito.
    Noi non dobbiamo puntare sulle Segreterie ma sulle persone!!! E queste possono tranquillamente confrontarsi e fare pezzi di strada insieme per obiettivi programmati che gli elettori dovranno già sapere per dare il loro voto consensuale.
    Le segreterie di partito devono fare un passo indietro proprio come vuole, tra le righe, la nostra Costituzione.
    Tu, quindi, proponi in ultima istanza un parlamento senza partiti?

    Comunque il thread è spostato nel forum apposito: Istituzioni e riforme.

  10. #10
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Noi non dobbiamo puntare sulle Segreterie ma sulle persone!!!
    La Realtà è che poi a decidere sono le Segreterie stesse...

    A domani per cercare di spiegare quali sono gli aspetti che rendono preferibile un sistema proporzionale, preferibilmente con sbarramento al 5%, rispetto al maggioritario.

    Buonanotte.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Perchè il CDX ha fatto la riforma elettorale proporzionale?
    Di Eyes Only (POL) nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 06-03-06, 16:45
  2. Chi di Proporzionale Ferisce di Proporzionale perisce
    Di RomagnaRossa89 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-10-05, 23:34
  3. Perché è un errore tornare al proporzionale
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-10-05, 11:50
  4. Perchè il Proporzionale è giusto per questo Forum!
    Di Danny nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 05-06-05, 22:26
  5. Perchè il proporzionale?
    Di Alberich nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 10-07-02, 15:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226