User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    sempre soccombente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sparagonìa
    Messaggi
    895
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I miei problemi intestinali



    Egregi forumisti,

    riporto qui un Mio stupido intervento, pubblicato il 23 novembre 2000 sul defunto sito della P.O.L.Com.
    Trattasi del resoconto (scritto sotto forma di "sfogo" e, di conseguenza, abbastanza sciatto da un punto di vista letterario) di una Mia giornata trascorsa in campagna e dei guaj intestinali che hanno "allietato" la giornata stessa.
    Ho deciso di pubblicarlo di nuovo perché, rileggendolo dopo molti mesi (più di un anno!), e per giunta dopo la Mia drammatica dipartita (forumistica, ma non solo), Mi pare sinceramente un intervento gradevole ed assai divertente (Mi si perdoni l'immodestia). Ma questo - vo' dirlo - è soltanto il Mio, personalissimo, punto di vista.

    Cordiali saluti a tutti e buona lettura,

    G.L.-

    ------------------------

    "Oggi sono nero come la morte. Vengo qui perché ho necessità di sfogarmi, perdonateMi.
    La Mia giornata d’oggi è stata davvero terribile.

    L’altro jeri, martedì - chissà perché - ho avuto la balzana idea di prepararmi un poco di riso al burro. E, per pranzo, ho mangiato quello.
    Tutti voi sapete – e se non lo sapete, lo saprete adesso – che più volte Io, sulle colonne degl'innumerevoli forum a' quali sono iscritto ed anche in varie conversazioni private, Mi son vantato - con un'ineguagliabile faccia tosta - d’avere un intestino dal funzionamento a dir poco perfetto: puntuale come un orologio elvetico.
    Ebbene, ci credereste? Quel risotto di martedì è stato per Me deleterio.
    Ed ora vi racconto perché.
    Jeri mattina Mi sono alzato e, a differenza degli altri giorni, non ho concluso nulla: non sono, cioè, riuscito ad andar di corpo.
    Pazienza, ho detto, sarà stato il riso.
    Stamattina stessa musica. Niente.
    Mi son seduto sul vaso e niente.
    Alle otto è arrivata la Sig.ra Viola, la signora che Mi fa le pulizie, ed Io - più sciocco di un'ùpupa di mare - ho avuto l’infelice idea di lamentarMi con lei del Mio problema.
    Quella, di rimando, M’ha suggerito di prendere, diluite nell’acqua, due cucchiaiate di sciroppo lassativo. Quello, per intenderci, agli estratti di aloe e prugna.
    Io – pazzo! – le ho dato retta.
    Non contenta, la Viola, M’ha altresì invitato a prendere anche una pasticca, sempre all’aloe, e d’inghiottirla con un sorso d’acqua minerale. E Io – doppiamente pazzo – ho ubbidito.

    Alle nove meno un quarto sento suonare il campanello.
    Roba da matti! M’ero scordato che doveva passare il Sig. De Luca, un Mio confinante, per andare in campagna e stare lì tutta la giornata per via d’alcuni problemi agl’impianti d’irrigazione all’agrumeto.
    Io Mi preparo in fretta, scendo, e monto in macchina con De Luca.

    Andiamo lassù al Mastro Eughenèio, dove ci sono le Mie proprietà, e controlliamo.
    Sapete cos’era accaduto all’impianto d’irrigazione?
    Se ve lo racconto, non ci credete: quello sconclusionato del mio figliolo, che certe volte mi fa saltare fuor dai gangheri, ne ha combinata una che sarebbe da scrivere sul giornale. E la colpa è sua, benedetto Iddio! La colpa è sua, visto che chiama degli incapaci a lavorare in campagna che quando aggiustano una cosa, poi ne guastano un'altra!

    Non sto qui a narrarvi tutti i guai di stamattina e tutte le congetture del Sig. De Luca per cercar di spiegare la rottura dell’impianto d’irrigazione. Fatto sta che un certo Costa (parente dei Bonarrigo e dei Famà), un cataplasma più che un uomo, chiamato da Alfredo per ripulire dalle erbacce, con il decespugliatore ha, inavvertitamente, tagliuzzato decine di tubicini messi lì per irrigare le piante di limone. Con danni incalcolabili. E fortuna che non è successo in estate!
    Roba da pazzi!
    Non potete immaginare l’arrabbiatura che M’ha colto, tanto ne' confronti di mio figlio, quanto in quelli del Sig. Costa, quell’imbranato!

    E fosse finita qui!
    Mentre stavamo, Io e il Sig. De Luca, tutta la mattina là, come due allocchi o due ùpupe, a camminare su e giù per valutare i danni all’impianto (poi, fra l’altro, l’erba e la terra erano anche bagnate per la pioggia dei giorni passati…), Io pativo le pene dell’inferno per via delle medicine lassative che M’aveva fatto prendere la Sig.ra Viola… Benedetto Iddio, avevo lo stimolo e non sapevo dove batter la testa…
    Che potevo fare? Mica sono un ragazzo io che mi posso mettere a fare i miei bisogni anche all’aria aperta… Oltretutto non posso neppure chinarMi…
    Fatto sta, che l’ho trattenuta tutto il giorno.

    Per pranzo, Io e De Luca, abbiamo mangiato un panino al formaggio, in un bar lì vicino al Mastro Eugheneio.
    Ebbene, arrivati lì - per giunta in prossimità delle latrine! - non avevo più lo stimolo… Cose da pazzi!

    Alle tre e mezza, dopo aver parlato con il Sig. Costa (e glien’ho dette di tutti i colori!) e con il Sig. Bruno, quello degli impianti, ce ne siamo tornati a casa con l’utilitaria del De Luca.
    Alle quattro e qualcosa arriviamo in città; De Luca mi lascia sul portone di casa e ci salutiamo.
    Salgo nel Mio appartamento, infilo la chiave, apro, entro e... Mi prende un attacco tale di diarrea, che mi pareva d’avere un rubinetto aperto al posto dell’intestino… Da stare male… Dopo averla trattenuta tutto il giorno… E poi con quelle porcherie della Viola… !
    Padre, Figlio e Spirito Santo! Maledetto il giorno che son venuto al mondo, ho urlato come faccio sempre quando sono nervoso.

    Finita la faccenda del bagno, Mi viene in mente una cosa.
    Vado in salotto e allora sì che comincio a gridare come un ossesso.
    Con le chiacchiere della Sig.ra Viola, e con la Mia testa di vecchio rincitrullito, stamattina Mi son dimenticato una cosa fondamentale!
    Tutte le volte in cui io sto fuori casa a pranzo, registro sempre - con l'apposito apparecchio - il programma di Limiti, a cui tengo tantissimo.
    Ecco, fra tutte le altre cose, oggi Mi son dimenticato, prima d’uscire, di programmare il registratore per le due!
    Mi son sentito crollare il mondo addosso.
    Dalla rabbia Mi son spogliato e Mi son cacciato dritto a letto. E dalla rabbia son riuscito finanche a dormicchiare. Cosa rarissima, per me, di pomeriggio!

    Una rabbia!

    Saluti, e scusatemi,
    Goyassel La Zucca."

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    sempre soccombente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sparagonìa
    Messaggi
    895
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Toh!
    Guarda guarda cos'ho ritrovato!


    Goyassel La Zucca


  3. #3
    sempre soccombente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sparagonìa
    Messaggi
    895
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  5. #5
    Makeru ga, katta
    Data Registrazione
    07 Sep 2002
    Località
    Before you all die ghastly, horrible deaths, let me take the hour to describe my latest plan for world domination! Uhauhauha!
    Messaggi
    35,439
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I miei problemi intestinali

    Originally posted by Goyassel La Zucca
    [i]
    Fatto sta che un certo Costa{/i]

    PCosta?????





    (ps ma guarda te che mi metto a leggere alle 4 del mattino...)
    _______________________
    Gli zeri, per valere qualcosa,
    devono stare a destra.

  6. #6
    Desaparecido
    Data Registrazione
    18 Nov 2002
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,173
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Goyassel La Zucca
    Toh!
    Guarda guarda cos'ho ritrovato!
    La mia più sincera gratitudine per ciascuno dei tuoi interventi, che rinnova il piacere della lettura come conoscenza di esperienze altre di una persona che da morto può ben dire di conoscere la vita.
    Amo poco i complimenti, tanto fatti quanto ricevuti, perché presumono la certificazione di una superiorità che consenta di esprimerli, ma, in talune rare situazioni, non è possibile esimersi dal manifestare una forma di profondo rispetto che porta sempre a ricercare fra migliaia di lettere disconnesse le saggie parole, il piacere della semplicità e dell'antichità rispetto a un mondo che pretende quotidianamente di essere più veloce di se stesso.
    La fonte a cui abbeverarsi non avrà fine, spero vivamente.
    Spira il vento.

  7. #7
    Senatore e Magno Pilastro
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,841
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nello stesso periodo il buon avvocato Goyassel aveva spesso problemi collegati con eventi fecali e concimatorii.

    Mi inviò una lettera straziante, che ho fortunosamente reperito (in questo sublime forum, ove è conservato il "Salotto dello zio Cirno") e trascrivo volentieri.
    Coraggio, vecchia mummia!

    "L'Avvocato Goyassel La Zucca mi ha inviato uno straziante messaggio privato, che non posso fare a meno di divulgare.
    Spero che non me ne vorrà.

    Caro Cirno Polipaide,
    Soffro di sofferenza tale da non sofferire di non parteciparla a un sodale, cosicché soffrendo, per simpatia intendo, condivida, alleviandola, la mia sofferta pena.
    Il punto è che mi è morta una amatissima Cucurbita Moscata, Simbolo e Cimiero del mio Casato, che io amorosamente coltivavo nel letamaio che sta accanto all'orticello, superstite pertinenza della mia ormai cadente magione.
    Era bella la pianta, e prometteva fiori e frutti copiosi, a maggior onore del Casato dei La Zucca. Accanto, già spuntavano piantine di Cucurbita Maxima e Cucurbita Pepo: esse, al contrario della Moscata, non erano soccombute.
    Eppure non mancava il nutrimento. Pensate che la mia fantesca a ore (non posso permettermene una fissa e così devo tollerare questa, che viene quando vuole ed è orribile, aspra e guercia) quasi ogni mattina svuota nel già grasso letamaio il bugliolo, reso necessario dal fatto che da tre mesi la latrina domestica è inutilizzabile per avaria. E voi sapete quanto le zucche amino i nutrimenti naturali...
    Mi sono chiesto il perché di questa disgrazia così ...selettiva. Non è infatti pensabile che una piantina muoia e le altre, contigue e simili, godano di ottima salute.
    Qui gatta ci cova, mi sono detto.
    Ho allora ripiantato nel letamaio, esattamente allo stesso posto, un'altra pianticella di Cucurbita Moscata, che avevo fatta germogliare in un vaso collocato vicino alla stufetta a legna che riscalda il mio spartano giaciglio.
    Sull'imbrunire, mascheratomi da spaventapasseri (cappello a pandizucchero, vecchia giacca rattoppata e copiosa paglia legata a coprirmi volto ed estremità) mi sono collocato nell'orto in posizione acconcia.
    L'attesa è stata lunga, e l'umidità della notte è penetrata nelle mie vecchie e scricchiolanti ossa (soffro da allora di una fastidiosa sciatica). Ma ne è valsa la pena.
    Verso le ore tre un'ombra furtiva è scivolata nell'orto, è penetrata nel letamaio (sacrando perché aveva pestato una odorosa sostanza fecale) e si è avvicinata alle pianticine. Accesa una torcia elettrica, ha individuato la Cucurbita Moscata e, ferocemente, sadicamente, l'ha irrorata con il contenuto di una fiaschetta.
    "Altolà, Accorruomo" ho gridato attraverso la maschera di paglia, tentando di afferrarlo per un braccio. L'effetto è stato sorprendente. L'ombra, terrorizzata, ha tentato di fuggire ma dopo pochi passi ha calcato il rastrello che avevo abbandonato per terra, azzeccandosi in grifo l'inevitabile bastonata.
    Mi sono avvicinato, quasi anchilosato, al sicario gemente e, al lume della sua torcia elettrica, mi sono avveduto trattarsi di L. B., Segretario della Locale Sezione DS.
    Non mi dilungo. Lo sciagurato ha confessato di aver compiuto il misfatto in odio alle mie "velleità nobiliari", così le ha chiamate, che egli riteneva indegne della mia conclamata militanza ulivista e dannose alla causa proletaria.
    L'ho lasciato andare (che altro dovevo fare, peraltro si era rotto il naso e due denti) e mi sono ricoverato nella mia stanza fredda e buia, preda di una duplice crisi: personale e politica.
    Che devo fare? sostituire la piantina con un'altra? perseverare nella mia militanza, tradendo a questo punto il retaggio dei miei Maggiori?
    Aiuto Cirno, sto perdendo la mia identità, sono disperato."

    Vostro Cirno

  8. #8
    sempre soccombente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Sparagonìa
    Messaggi
    895
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Ennesimo intervento di quel pelandrone di Goyassel La Zucca

    Originally posted by Creso
    La mia più sincera gratitudine per ciascuno dei tuoi interventi, che rinnova il piacere della lettura come conoscenza di esperienze altre di una persona che da morto può ben dire di conoscere la vita.
    Amo poco i complimenti, tanto fatti quanto ricevuti, perché presumono la certificazione di una superiorità che consenta di esprimerli, ma, in talune rare situazioni, non è possibile esimersi dal manifestare una forma di profondo rispetto che porta sempre a ricercare fra migliaia di lettere disconnesse le saggie parole, il piacere della semplicità e dell'antichità rispetto a un mondo che pretende quotidianamente di essere più veloce di se stesso.
    La fonte a cui abbeverarsi non avrà fine, spero vivamente.
    Grazie, Sig. Creso!
    Grazie di cuore per il cortese messaggio.

    G.L.-

    P.S. - E saluti al Sig. Cirno, naturalmente!

  9. #9
    Senatore e Magno Pilastro
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,841
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ricambio di cuore!
    A presto sentirci.
    Cirno

  10. #10
    tenates
    Ospite

    Predefinito

    Senti amico, sai dirmi dove è il cesso?
    Il mondo è tutto un cesso, ma se ti serve quello per pisciare, in fondo a destra.Attento agli schizi di merda sul vaso...

 

 

Discussioni Simili

  1. Ho capito la fonte dei miei problemi
    Di Mike Suburro nel forum Fondoscala
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 22-07-13, 08:58
  2. Perchè lo stato deve risolvere i miei problemi
    Di giacomo nel forum Fondoscala
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 14-11-12, 10:17
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-06-02, 18:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226