l’ONU, erede della società delle Nazioni, è stata fondata - a detta degli organizzatori – per risolvere le controversie internazionali su un tavolino invece che sul campo. Quest’organizzazione soprannazionale, dovrebbe così essere arbitra imparziale delle parti contendenti, facendo rispettare le risoluzioni come altre decisioni che possano stabilizzare la situazione instabile fra due o più nazioni. Questo in teoria. In realtà, è la longa manus del governo mondiale americano, l’ONU, funzione se gli U$A lo vogliono, e dorme se gli U$A lo vogliono. Sarebbero tanti i casi che si potrebbero citare. Basta pensare che quando l’Iraq fu attirato dagli Stati Uniti nel tranello d’invadere il Kuwait, l’ONU non perse tempo a condannare “l’invasione” e a mettere in piedi una squadra militare che non c’era dalla seconda guerra mondiale. Gli U$A in prima fila condussero l’operazione, bombardando qualunque cosa si muovesse, in territorio iracheno, ma senza dimenticare i resti dell’antica civiltà babilonese. Questa operazione demonizzò totalmente l’Iraq e Saddam Hussein, gli U$A si elevarono a paladini del mondo, instauratori del Nuovo Ordine Mondiale, oltre che a far crescere in maniera smisurata la vendita dei mezzi da guerra ai paesi alleati degli U$A. Israele non ha mai rispettato nessuna risoluzione ONU, non è mai stato minacciato nessun embargo, nonostante è certo che possiede armi nucleari, al contrario dei continui e pretestuosi controlli che vengono fatti a Baghdad, non ha mai ricevuto nessuna ritorsione per non aver messo a disposizione. Due pesi e due misure, insomma, anche la NATO, sempre pronta a difendere i diritti umanitari, non ha mai preso in considerazione l’ipotesi di bombardare israele. Questo elenco si commento da solo.



Consiglio di sicurezza delle nazioni unite, risoluzioni dal 1952 al 1992.

Numero risoluzione
Motivazione
risoluzione num. 106
Condanna i. per i raid su Gaza
risoluzione num. 111
Condanna i. per i raid sulla Siria che hanno provocato 56 vittime

risoluzione num. 127
Raccomanda a i. di non interferire nella zona di nessuno, a Gerusalemme

risoluzione num. 167
Esorta i. al rispetto delle risoluzioni ONU

risoluzione num. 171
Dichiara flagranti violazioni di i. durante l’attacco in Siria

risoluzione num. 228
Censura i. per il suo attacco a Sammou, nella West Bank

risoluzione num. 237
Raccomanda i. il ritorno dei profughi palestinesi del 1967

risoluzione num. 248
Condanna i. per il massiccio uso della forza a Karameh, in Giordania

risoluzione num. 250
Chiede a i. di evitare le parate militari a Gerusalemme

risoluzione num. 251
Deplora fermamente la parata militare i. a Gerusalemme, a dispetto della ris. 250

risoluzione num. 252
Dichiara “nullo” il tentativo di unificare Gerusalemme come capitale

risoluzione num. 256
Condanna i raid i. in Giordania come “pesanti violazioni”

risoluzione num. 259
Deplora fermamente il rifiuto d’i. di una commissione d’indagine sull’occupazione

risoluzione num. 262
Condanna i. per il raid sull’aeroporto di Beirut

risoluzione num. 265
Condanna i. per gli attacchi aerei a Salt, in giordania

risoluzione num. 267
Censura i. per gli atti amministrativi volti a mutare lo status di Gerusalemme

risoluzione num. 270
Condanna i. per i suoi attacchi sui villaggi libanesi.

risoluzione num. 271
Condanna il rifiuto d’i. di obbedire alle risoluzioni UNO su Gerusalemme

risoluzione num. 279
Chiede l’evacuazione delle forze i. dal Libano

risoluzione num. 280
Condanna gli attacchi d’i.contro il Libano

risoluzione num. 285
Chiede l’immediato ritiro di i. dal Libano

risoluzione num. 313
Deplora la variazione dello status di Gerusalemme da parte di i.

risoluzione num. 316
Chiede la cessazione degli attacchi d’i contro il Libano

risoluzione num. 317
Deplora il rifiuto di i. di rilasciare i prigionieri rapiti in Libano

risoluzione num. 332
Condanna i ripetuti attacchi di i. contro il Libano

risoluzione num. 337
Condanna i per la violazione della sovranità territoriale del Libano

risoluzione num. 347
Condanna gli attacchi d’i. sul Liano

risoluzione num. 425
Chiede a i. di ritirare le sue forze dal Libano

risoluzione num. 427
Chiede ad i. di completare il suo ritiro dal Libano

risoluzione num. 444
Deplora I. per il suo rifiuto a collaborare con le forze di pace delle Nazioni Unite
risoluzione num. 446
Afferma che gli insediamenti ebraici sono un serio ostacolo alla pace e chiede ad I. il rispetto della Convenzione di Ginevra

risoluzione num. 450
Chiede ad I. di fermare gli attacchi sul Libano

risoluzione num. 452
Chiede ad I. di fermare la costruzione degli insediamenti nei Territori

risoluzione num. 465
Deplora gli insediamenti d'I. e chiede agli stati membri di non sostenere la politica degli insediamenti ebraici

risoluzione num. 467
Deplora fortemente l'intervento militare d'I. in Libano

risoluzione num. 468
Chiede ad I. di revocare l'espulsione illegale di due sindaci e di un giudice palestinesi e di facilitarne il rientro

risoluzione num. 469
Deplora con fermezza la mancata osservanza, da parte di I. degli ordini del Consiglio riguardo le espulsioni

risoluzione num. 471
Esprime profondo rincrescimento per la mancata osservanza, da parte di I. della Quarta Convenzione di Ginevra

risoluzione num. 476
Ribadisce che le pretese israeliane su Gerusalemme sono nulle e non valide

risoluzione num. 478
Censura I. nei termini piu' fermi I. per la sua pretesa su Gerusalemme, inserita nelle Basic Law

risoluzione num. 484
Dichiara imperativo il ritorno dei due sindaci palestinesi espulsi da I.

risoluzione num. 487
Condanna fermamente I. per il suo attacco all' Iraq

risoluzione num. 497
Dichiara che l'annessione delle alture del Golan da parte di I. e' nulla e chiede che I. receda dalla sua posizione

risoluzione num. 501
Chiede ad I. il ritiro dal Libano

risoluzione num. 509
Chiede ad I. di fermare gli attacchi e ritirare le sue truppe dal Libano

risoluzione num. 515
Chiede che I. si ritiri immediatamente e incondizionatamente dal Libano

risoluzione num. 517
Chiede che I. metta fine all'assedio su Beirut e lasci passare viveri in citta

risoluzione num. 518
Censura I. per il suo rifiuto a obbedire alle risoluzioni ONU per il Libano

risoluzione num. 520
Esige che I. collabori pienamente con le forze delle N.U. in Libano

risoluzione num. 573
Condanna l'attacco di I. a Beirut ovest

risoluzione num. 587
Condanna vigorosamente I. per l'attacco aereo al quartier generale dell'OLP a Tunisi

risoluzione num. 592
Prende nota dei precedenti richiami ad I. riguardo l'evacuazione del Libano

risoluzione num. 605
Deplora fortemente I. per l'uccisione degli studenti palestinesi all'Universita' di Bir Zeit

risoluzione num. 607
Deplora fortemente I. per negare I diritti umani dei palestinesi

risoluzione num. 608
Chiede ad I. di fermare le deportazioni e di rispettare la IV Convenzione di Ginevra

risoluzione num. 636
Si duole profondamente del fatto che, ignorando le ingiunzioni delle N.U., I. continua a deportare civili palestinesi

risoluzione num. 641
Deplora I. per le continue deportazioni

risoluzione num. 672
Condanna I. per le violenze contro I palestinesi ad Haram el Sharif

risoluzione num. 673
Deplora I. per il suo continuo rifiuto a collaborare con le Nazioni Unite

risoluzione num. 681
Deplora la ripresa da parte di I. della pratica delle deportazioni

risoluzione num. 694
Deplora la deportazione di civili palestinesi e chiede il loro immediato ritorno

risoluzione num. 726
Condanna fortemente I. per le continue deportazioni

risoluzione num. 799
Condanna con decisione la deportazione di 413 intellettuali palestinesi e chiede il loro rientro immediato