User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Le regioni "rosse" e la natalita':un rapporto DRAMMATICO

    Decline in birthrates threatens to shape lopsided societies
    By MICHAEL SPECTER - The New York Times

    STOCKHOLM, Sweden -- Mia Hulton is a woman of the late 20th century. Soft-spoken, well-educated and thoughtful, she sings Renaissance music in a choral group, lives with a man and works seven days a week.
    At 33, she is in full pursuit of an academic career. And despite the fact that she lives in Sweden -- which provides more support for women who want families than any other country -- Hulton doesn't see how she can possibly make room in her life for babies. Someday maybe, but not soon.
    "There are times when I think perhaps I will be missing something important if I don't have a child," she said. "But today, women finally have so many chances to have the life they want. To travel and work and learn. It's exciting and demanding. I just find it hard to see where the children would fit in."
    Hulton would never consider herself a radical, but she has joined one of the fundamental social revolutions of the century.
    Driven largely by prosperity and freedom, millions of women throughout the developed world are having fewer children than ever before. They stay in school longer, put more emphasis on work and marry later. As a result, birthrates in many countries are now in a rapid, sustained decline.
    Never before -- except in times of plague, war and deep economic depression -- have birthrates fallen so low for so long.
    What was once regarded universally as a cherished goal -- incredibly low birthrates -- has in the industrial world suddenly become a cause for alarm. With life expectancy rising at the same time that fertility drops, most developed countries soon may find themselves with lopsided societies that will be nearly impossible to sustain: a large number of elderly people and not enough young people working to support them.
    There is no longer a single country in Europe where people are having enough children to replace themselves when they die. Italy recently became the first nation in history in which there are more people older than 60 than there are younger than 20.(L'Italia recentemente e' diventata la prima nazione nella STORIA in cui la popolazione con + di 60 anni e' maggiore di quella sotto i 20) This year Germany, Greece and Spain probably will cross the same eerie divide.
    "Europe is old and rigid," said Jean-Claude Chesnais, director of research at France's National Institute for the Study of Demography. "So it is fading. You can see that as the natural cycle of civilization, perhaps something inevitable. And in many ways, low population growth is wonderful. Certainly to control fertility in China, Bangladesh, much of Africa -- that is an absolute triumph.
    "Yet we must look beyond simple numbers. And here I think Europe may be in the vanguard of a very profound trend. Because you cannot have a successful world without children in it."

    Experts confounded

    The effects of the shift will resonate far beyond Europe. Last year Japan's fertility rate -- the number of children born to the average woman in a lifetime -- fell to 1.39, the lowest level it has ever reached. In the United States, where a large pool of new immigrants helps keep the birthrate higher than in any other prosperous country, the figure is still slightly below an average of 2.1 children per woman -- the number needed to keep the population from starting to shrink.
    Even in the developing world, where overcrowding remains a major cause of desperation and disease, the pace of growth has slowed almost everywhere. Since 1965, according to U.N. population data, the birthrate in the Third World has been cut in half -- from six children per woman to three. In the last decade alone, for example, the figure in Bangladesh has fallen from 6.2 children per woman to 3.4. That's a bigger drop than in the previous two centuries.
    Little more than 25 years have passed since a famous set of computer studies sponsored by the Club of Rome, a global think tank, showed that population pressures would devastate the world by the mid-1990s.
    Nothing of the kind has come to pass. The authors of that dire forecast could not have foreseen 30 years ago that women in countries such as Italy by now would be producing an average of fewer than 1.2 children, the lowest figure ever recorded among humans.(L'Italia ha un tasso di nascite con MENO di 1,2 figli per famiglia,una tasso MAI registrato tra gli umani.) Or that the Berlin Wall would disappear, creating economic uncertainties that have frozen the birthrate from the Black Forest to Vladivostok.
    In a world in which women work more than ever before and contraception remains readily available, it is hard to find somebody who thinks that someday soon large families will make a comeback.
    "I'm thinking of having children in the future, perhaps two," said Roberta Lenzi, 27, who is single and studies political science in Bologna, Italy, the city with the lowest birthrate in the world.(Bologna e' la citta col tasso di natalita' + BASSO DEL MONDO)
    "I'm an only child and, if I could, I'd have more than one child. But most couples I know wait until their 30s to have children. People want to have their own life; they want to have a successful career. When you see life in these terms, children are an impediment. At most you'll have one; more are rare."
    There has long been an assumption that low birthrates were better than high ones. Fewer people put less strain on the resources of the planet. And as a country becomes richer, its people always have fewer children. If more people are needed, immigration can be a solution -- and in many places, specialists now think it's the only one left. But Europe, unlike the United States, has been resistant to immigration.
    "What is happening now has simply never happened before in the history of the world," said Nicholas Eberstadt, a demographer based at the American Enterprise Institute in Washington. "This is terra incognita. If these trends continue, in a generation or two there may be countries where most people's only blood relatives will be their parents."
    Incentives no longer work
    Perhaps no country has tried harder to change its future than Sweden.
    Decades ago, with its birthrate dwindling, Sweden decided to support family life with a public generosity found nowhere else. Couples who both work and have small children enjoy cash payments, tax incentives and job leaves combined with incredible flexibility to work part time for as many as eight years after a child's birth.
    Sweden spends 10 times as much as Italy or Spain on programs intended to support families.(La Svezia spende 10 volte + di Spagna e Italia per supportare le famiglie) It spends nearly three times as much per person on such programs as the United States. So there should be no surprise that Sweden had the highest birthrate in Europe by 1991.
    "We were a model for the world," said Marten Lagergren, undersecretary in the Ministry of Social Health and Welfare, and the man responsible for figuring out what is happening with Sweden's birthrate. "They all came to examine us. People thought we had some secret. Unfortunately, it seems that we do not."
    Sometime after 1990, the bottom dropped out of Sweden's baby boom. Between then and 1995, the birthrate fell sharply, from 2.12 to 1.6. Most people blamed the economy, which had turned sour and forced politicians to trim -- ever so slightly -- the country's benefit program. It is normal for people to put off having children when the future looks doubtful, so the change made sense.
    But then the economy got better, and the birthrate fell faster and further than ever. By March of this year the figure for Sweden was almost the same as that in Japan -- 1.42. And though it's too soon to say, officials think it may be falling still.
    "Nobody on Earth can tell you what is going on here," said Mac Murray, a philosopher trained in statistics who is in charge of planning for the nation's school system. "I believe we are seeing a fundamental shift in human behavior."
    All content © 1998 The Kansas City Star

    Come va la natalita' nelle regioni "rosse".
    DATI ISTAT dell'anno 2000


    Emilia Romagna

    Nati vivi 33996
    Morti 45527
    Saldo naturale -11531


    Toscana

    Nati vivi 28386
    Morti 40988
    Saldo naturale -12602


    Umbria

    Nati vivi 6786
    Morti 9089
    Saldo naturale -2303

    Liguria

    Nati vivi 11325
    Morti 21690
    Saldo naturale -10365


    Marche

    Nati vivi 12449
    Morti 15506
    Saldo naturale -3057


    Queste regioni sono sempre state governate dalla sinistra ed e' forte la mentalita' libertina della sinistra:bene,giudicate voi.
    Certo anche alcune regioni tradizionalmente democristiane hanno un calo di nascite,MA molto meno evidente...



    Lombardia

    Nati vivi 85250
    Morti 85087
    Saldo naturale +163


    Veneto

    Nati vivi 43299
    Morti 42044
    Saldo naturale +1255

    Trentino AA

    Nati vivi 10562
    Morti 8146
    Saldo naturale +2416


    ...con naturalmente considerevoli eccezioni quali Piemonte e FVG purtroppo

    FVG

    Nati vivi 9576
    Morti 14112
    Saldo naturale -4536

    Piemonte*

    Nati vivi 35874
    Morti 48527
    Saldo naturale -12653


    * Anche se considerare il Piemonte democristiano non e' vero,vista la forte componente sinistra che c'e' nel Torinese.


    Visto che bei dati?Come pensate che vengano rimpiazzati quegli ammanchi di popolazione?
    "Ovvio",con l'immigrazione secondo la sinistra.
    Ora,capite che a vedere questi dati e' INUTILE parlare di Padania se un domani NON ci saranno + padani?


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Paul Atreides
    Ospite

    Predefinito

    E' vero che i vuoti verranno molto probabilmente riempiti dagli extra, ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere i komu che si estinguono?

  3. #3
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Paul Atreides
    E' vero che i vuoti verranno molto probabilmente riempiti dagli extra, ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere i komu che si estinguono?
    A questo punto...che dire...hai ragione.
    Parafrasando Nerone,mentre la natalita' va a fondo,invece che suonare la cetra,io bevo.Al diavolo tutti

    P.S.
    Per tutti i dati completi e regione per regione
    http://demo.istat.it

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Mar 2002
    Messaggi
    1,685
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    DRAGONBALL O'ICCHE' TU DICI????? QUELLI SO' DATI VECCHI!!!!

    NEL 2001 LE HOSE SO' DI MOLTE HAMBIATE!!!!!! NO' TOSCANI SIAMO I PIU' PIPAIOLI D'ITALIA!!!!


    DALLA NAZIONE:

    TOSCANA RECORD
    Con 865 bambini venuti al mondo nel 2001 la regione supera anche la Lombardia
    L'indice di vecchiaia è diminuito:
    significa che i giovanissimi sono di più
    Ma c'è anche dove il numero dei bebè precipita


    FIRENZE — Culle più affollate in Toscana, balzata al primo posto nella classifica nazionale per il numero di fiocchi azzurri e rosa con 865 nati in più nel 2001rispetto al 2000, davanti a Lombardia (seconda classificata con un più 853) e Campania (595). Ancora segno positivo per quanto riguarda Emilia Romagna e Liguria (quinta classificata con 374 nuovi nati in più rispetto al 2000), mentre nella verde Umbria il numero dei bebè precipita a... meno otto.
    Inversione di tendenza
    Finalmente, dopo anni di andamento delle nascite costantemente negativo, la Toscana torna un luogo dove venire al mondo è bello. Il dato è frutto delle stime dell'Istat, rielaborate dagli statistici dell'Istituto degli Innocenti di Firenze - sede dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e del Centro di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza - che stanno ultimando la «Relazione 2001 sulla condizione dei minori in Italia».
    Contrariamente a quanto sarebbe logico pensare se, da un lato in Toscana è aumentato il numero assoluto di bambini nati, il numero medio di figli per donna (considerando quelle in età feconda compresa fra i 15 e i 49 anni) è più basso rispetto al resto del Paese: 1,14 la stima per il 2001 (al pari dell'Umbria), contro l'1,25 della media nazionale. Ma anche in questo caso si tratta di un trend in crescita, in quanto nel 2000 alle mamme toscane sono stati attribuiti 1,10 figli a testa mentre, nel '99, solo 1,05. Si conferma invece all'ultimo posto la Liguria, con 1,04 bambini nati per donna nel 2001, anche se la tendenza si mantiene in aumento: 1 bimbo per donna nel 2000 e addirittura 0,96 nel 1999.
    Tanti «debutti»
    Tornando in terra Toscana il maggior numero dei nati si colloca in un quadro di figli per donna più basso della media nazionale: il che significa - spiegano gli statistici - che più neomamme hanno partorito più figli. Tradotto, non famiglie più numerose, quindi, ma tante nuove madri con nuovi bambini. .Dalle stime dell'Istat risulta che in Italia ci siano state, nel corso del 2001, oltre 544mila nascite: l'aumento rispetto all'anno precedente è di circa 1.500 unità, concentrate prevalentemente nel Centro-Nord e in particolare in Liguria ed in Toscana. Il tasso di natalità nazionale rimane invariato con 9,4 nascite ogni mille abitanti: valori più elevati si stimano per il Mezzogiorno, mentre la natalità è più contenuta nell'Italia Centro-settentrionale, fatta eccezione per le provincie autonome di Bolzano e Trento, che presentano livelli più alti. I valori massimi del tasso di natalità sono stati rilevati nella provincia autonoma di Bolzano e in Campania, mentre il minimo riguarda invece la Liguria, con appena 7,2 nascite ogni mille abitanti.
    Un altro dato indicativo che mette in evidenza la piccola rivoluzione demografica della Toscana, riguarda invece l'indice di vecchiaia, che si ottiene dividendo il numero delle persone di 65 anni e più per quello dei giovanissimi dagli zero ai 14 anni: più è alto l'indice di vecchiaia, maggiore è il numero della popolazione dai capelli bianchi.
    La vecchiaia
    In Toscana, l'indice di vecchiaia nel 2001 è diminuito, un fatto che può significare due cose: o sono aumentati gli individui dagli zero ai quattordici anni, o sono calati quelli dai sessantacinque anni e più. «Ma visto che la speranza di vita media in Toscana è salita dagli 83 anni del 2000 agli 83,3 del 2001 per le donne e dai 77 ai 77,3 per gli uomini — sottolineano ancora gli statistici del Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza dell'Istituto degli Innocenti di Firenze — , si evince che non è la popolazione "vecchia" ad essere diminuita, ma il numero dei giovanissimi ad essere aumentato».
    «Un dato interessante — commenta Ermenegildo Ciccotti — perché si colloca in una tendenza delle nascite fino a ieri non propriamente esaltante...». A livello nazionale, l'indice di vecchiaia è stimato intorno al 130% (cioè 130 ultrasessantacinquenni per 100 under 14), in leggero aumento rispetto al 2000 e con forti differenze territoriali: il valore più elevato della stima si presenta in Liguria, dove vivono circa 239 anziani ogni 100 giovanissimi.
    «In altre parole — conclude lo statistico dell'Istituto degli Innocenti — in Liguria circa un quarto della popolazione è costituito da individui di oltre 65 anni di età».
    di Letizia Cini

  5. #5
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pitone
    DRAGONBALL O'ICCHE' TU DICI????? QUELLI SO' DATI VECCHI!!!!

    NEL 2001 LE HOSE SO' DI MOLTE HAMBIATE!!!!!! NO' TOSCANI SIAMO I PIU' PIPAIOLI D'ITALIA!!!!


    (...)
    a parte il fatto che gli incrementi sono ridicoli e' anche accertato che questo 'incremento' demografico viene ( ma e solo l' inizio ..... ) tutto dai prolifici coloni afroislamici fatti impiantare in tutto il nord .

    che costoro nati in toscana saranno ' toscani ' e' certo da punto di vista legale , ma assai difficile che lo siano da quello culturale ..

    ma per la gente come te l' importante e' che ci siano voti nuovi per il partito .. quindi buon cous cous ...

 

 

Discussioni Simili

  1. Bersani : "referendum drammatico",Renzi con Marchionne
    Di SteCompagno nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 13-01-11, 17:55
  2. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 15-09-09, 18:49
  3. Campania: Drammatico rapporto di Legambiente!
    Di il Max nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 07-09-08, 12:34
  4. Riflessioni sul modello delle regioni "rosse"
    Di Bèrghem nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-09-06, 20:35
  5. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 13-12-03, 14:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226