User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Mantova e dintorni

  1. #1
    allevatore
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    campagna lombardo-veneta
    Messaggi
    4,930
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Mantova e dintorni

    ho trovato questo piccolo sito su Mantova, non un gran chè però pütòst che gnint l'è mei pütòst

    http://www.mantovaedintorni.com/n3/indexn3.htm

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Cocco.

    Da Libero di oggi.
    Di Giuseppe Pederiali.


    Il Santuario delle Grazie in quel di Mantova,è uno degli edifici più cari all'immaginario religioso della gente di Padania. Commissionato a metà del XIV secolo da Francesco I° Gonzaga all'architetto Bartolino da Novara,il medesimo che ha progettato i castelli estensi di Ferrara,Finale Emilia e quello mantovano di S. Giorgio,custodisce al suo interno molti e notevoli esempi di arte sacra,ma anche,e specialmente,mirabili testimonianze di fede così come veniva espressa dal popolo e dai suoi artisti e artigiani. Notevoli sono gli ex voto,i simboli anatomici in cera,le statue polimateriche,oggetti che si sono accumulati a partire dal Cinquecento. Le statue votive e i simboli anatomici in cera colpiscono la fantasia,e spesso impressionano per il loro realismo,illuminanti flash su particolari della vita quotidiana di molti secoli fa,con in evidenza le fatiche e la sofferenza di stare al mondo.
    L'oggetto che più attirava l'attenzione di pellegrini e viaggiatori,ieri come oggi,era il coccodrillo impagliato che se ne stava incatenato alla campata d'ingresso del santuario. Di sicuro il rettile più famoso di tutta la Padania,simbolo del Male contrapposto alla Madonna. Non a caso il coccodrillo appartiene alla medesima famiglia dei draghi,animali che per secoli hanno popolato la fantasia di questa gente che aveva faticosamente strappato alle paludi e alle foreste la terra da coltivare. Paludi e foreste abitate da creature misteriose che,con il diffondersi del cristianesimo,finirono per essere identificate con il diavolo in persona,o con gli animali suoi aiutanti. Però,sottosotto,permaneva e covava il fascino dell'antica religione,un paganesimo apparentato con religioni ancora più remote,vicine a una natura non sempre considerata nemica. Così il coccodrillo si prendeva la sua parte di preghiere, e non come perno di simbologie negative.
    Siccome il coccodrillo appeso al soffitto della chiesa delle Grazie cominciava a mostrare tutti i suoi anni e c'era il rischioche cadesse a pezzi,una benemerita associazione culturale mantovana,gli Amici di Palazzo Te,lo ha mandato a restaurare. In questi giorni,rimesso a nuovo dagli specialisti dell'università di Heidelberg,i medesimi che hanno lavorato alla mummia preistorica di Similaun,viene esposto al pubblico presso il museo diocesano insieme ad altri due rettili delle medesima specie che giacevano nel seminario e a Palazzo d'Arco.
    Il coccodrillo tornerà presto sull'ingresso della chiesa delle Grazie,ma intanto ha fatto notizia la scoperta della sua vera età,stabilita con il metodo del Carbonio 14. Considerata la lunghezza,il rettile è morto quando aveva due o tre anni,ma la sua vita trascorsa da impagliato è almeno un secolo più lunga di quanto si credeva. Il particolare è molto importante perchè significa che il coccodrillo è stato presente nella chiesa fin dai tempi della sua erezione. Dunque non più uno dei tanti simulacri inseriti all'interno del santuario insieme a immagini sacre e a ex voto d'epoca rinascimentale,bensì una figura centrale della simbologia religiosa all'interno di un edificio tardo medievale.
    Da secoli molte leggende sono nate attorno al coccodrillo delle Grazie. Si dice che l'animale non provenga dall'Egitto o dall'Africa nera,ma che sia stato pescato direttamente nelle acque del Mincio.
    Come molti corsi d'acqua della Padania,i laghi di Mantova (relitti di antiche paludi) e il Mincio hanno ospitato per molto tempo draghi,basilischi e serpenti giganteschi,nati a allevati dalla fantasia popolare che da queste parti è particolarmente brillante,grazie forse a quel cibo padanissimo che è la zucca mantovana,particolarmente saporosa e cucinata in cento modi diversi. Non a caso una delle suddette leggende racconta di una pianta di zucche gigantesche,grandi quanto una casa,che prosperava nel folto più folto della foresta. Uno solo di questi frutti avrebbe potuto sfamare la pololazione di un intero villaggio. Ma nessuno riuscì mai a trovare la pianta, e neppure il seme della favolosa zucca. Così la gente della Bassa seguitò a fare la fame,e a sognare.


    http://www.itis.mn.it/grazie/img/coccodrillo.jpg

    Se vedòm!
    Se vedòm!

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226