User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Spiacenti,ma non condivido per nulla

    Il Friuli proporzionalista toglie il sonno al senatur


    La Regione a statuto speciale fa dietro front sull'elezione diretta del presidente e viaggia a vele spiegate verso il proporzionale. I leghisti si difendono: "Dobbiamo tutelare la varie identità".
    di Gianluca Roselli

    TRIESTE - Se l'elezione diretta dei presidenti regionali era stata salutata come la prima crepa nel muro dello stato centralista, primo passo verso il federalismo e simbolo del passaggio da prima a seconda repubblica, da qualche tempo i cosiddetti governatori danno fastidio a molti esponenti del mondo politico italiano.

    In testa, proprio lui, Umberto Bossi, che mal sopporta il narcisismo di Roberto Formigoni (che ormai parla a nome della Lombardia con i Capi di Stato), le osservazioni di Giancarlo Galan, le critiche di Enzo Ghigo, le bordate di Francesco Storace. Quando poi, un paio di mesi fa, i governatori si sono messi di traverso criticando apertamente le lungaggini della legge sulla devolution e chiedendo a gran voce l'applicazione del federalismo varato dal centrosinistra, i rapporti tra il leader della Lega e i presidenti regionali si è incrinato definitivamente.

    Oltretutto ogni provvedimento che esce dalle stanze del ministro delle Riforme in campo di ordinamento statale viene poi passato al setaccio dalla Conferenza Stato Regioni, ovvero deve ottenere l'ok proprio dai governatori o dai loro rappresentanti. Quanto basta per far saltare i nervi a uno da sempre abituato ad esercitare in solitudine l'arte del comando come Bossi.

    Quindi il senatur ha deciso di cambiare rotta: quando nei prossimi mesi si discuterà la seconda parte della devolution con la modifica del titolo V della Costituzione, è probabile che il potere dei governatori venga radicalmente limitato.

    Il laboratorio politico di tale scenario è il Friuli Venezia Giulia. Una decina di giorni fa la regione a statuto speciale ha varato la nuova legge elettorale regionale che, invece di andare verso l'elezione diretta del presidente, va nella direzione opposta limitandone non poco i poteri: sulla scheda il nome del candidato è solo indicativo e, se il presidente decade, il consiglio ne elegge un altro senza dover tornare al voto. In pratica, si tratta di una legge proporzionale con premio di maggioranza e sbarramento al 4 per cento, fortemente voluta, manco a dirlo, dalla Lega, che qui governa con Forza Italia e Alleanza nazionale.

    "Il Friuli Venezia Giulia è una realtà troppo complessa per essere governata in modo troppo accentrato - spiega la vicepresidente regionale Alessandra Guerra, leghista doc - in consiglio regionale sono rappresentate tutte le minoranze etnico linguistiche che devono poter controllare le scelte politiche del presidente. Abbiamo fatto una buona legge che media in modo giusto tra il governatorato e la rappresentanza democratica di tutte le parti con un giusto equilibrio. Mi auguro possa diventare una sperimentazione a livello nazionale".

    Ma se Alessandra Guerra, per il suo ruolo istituzionale, deve essere diplomatica, lo sono molto meno altri esponenti friulani del carroccio. "Si è voluto limitare uno strapotere del governatore che altrimenti godrebbe di un margine di manovra troppo alto su giunta e consiglio mettendo in pericolo gli stessi principi democratici - afferma il capogruppo leghista in Regione, Claudio Violino - Formigoni e Galan sono quasi dei dittatori in grado di ricattare il consiglio e i partiti che li hanno fatti eleggere. Anche nelle altre regioni stanno cercando di correre ai ripari: mi risulta che in Veneto e in Piemonte, infatti, stiano studiando una correzione attraverso una legge ordinaria per limitare i poteri del presidente e aumentare la facoltà di controllo del consiglio regionale a cui, non dimentichiamolo, spetta la facoltà legislativa".

    Ne fa una questione di filosofia politica, invece, il consigliere regionale Beppino Zoppolato: "Si elegge l'uomo o il programma? La persona o un'idea? Io propendo per la seconda ipotesi, quindi non è giusto che, se cade il governatore, si debba tornare al voto. La devolution non deve sostituire il centralismo statale con quello regionale, altrimenti le nostre battaglie di anni non sono servite a niente".

    Ora la legge voluta con forza dalla Lega è passata, ma la partita non è chiusa. Nonostante il voto compatto, infatti, alcuni esponenti di An e Forza Italia già dal giorno dopo hanno iniziato a criticarla. "Gli alleati devono essere interlocutori credibili - dice Violino - non possono prima votare a favore e poi chiamarsi fuori. Al limite si può capire An, da sempre presidenzialista, ma certamente non Forza Italia".

    Ora però sulla nuova normativa aleggia il fantasma del referendum confermativo chiesto a gran voce dalle forze di opposizione: se verranno raccolte le firme, a settembre si andrà al voto popolare che, stando alle avvisaglie di questi giorni, rischia di mandare in pezzi l'alleanza di centrodestra. E se la legge non dovesse essere confermata, lo schiaffo brucierà soprattutto per la Lega.

    Tanto più Riccardo Illy, possibile candidato del centrosinistra alle prossime regionali (giugno 2003), ha detto chiaramente che accetterà di presentarsi solo se ci sarà l'elezione diretta del presidente come nelle altre regioni. Insomma, la legge elettorale friulana è diventata un terreno su cui tutti hanno deciso di giocare la loro partita. Il cui esito rischia di turbare il sonno anche a Formigoni, Storace & C.

    (1 APRILE 2002; ORE 11:40)


    A me sta cosa sa tanto di interesse di bottega: cosa vuol dire togliere l'elezione diretta del presidente della regione?Che verrebbe nominato a elezioni avvenute?Cioe' che io voterei alla cieca?
    Non mi sta per niente bene.
    Cara Lega o si fa i padani e si agisce come tali o si e' itagliani e si fa i furbi come al solito,pronti a cambiare idea seconda delle occorrenze.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Spiacenti,ma non condivido per nulla

    Originally posted by Dragonball
    Il Friuli proporzionalista toglie il sonno al senatur


    La Regione a statuto speciale fa dietro front sull'elezione diretta del presidente e viaggia a vele spiegate verso il proporzionale. I leghisti si difendono: "Dobbiamo tutelare la varie identità".
    di Gianluca Roselli

    TRIESTE - Se l'elezione diretta dei presidenti regionali era stata salutata come la prima crepa nel muro dello stato centralista, primo passo verso il federalismo e simbolo del passaggio da prima a seconda repubblica, da qualche tempo i cosiddetti governatori danno fastidio a molti esponenti del mondo politico italiano.

    In testa, proprio lui, Umberto Bossi, che mal sopporta il narcisismo di Roberto Formigoni (che ormai parla a nome della Lombardia con i Capi di Stato), le osservazioni di Giancarlo Galan, le critiche di Enzo Ghigo, le bordate di Francesco Storace. Quando poi, un paio di mesi fa, i governatori si sono messi di traverso criticando apertamente le lungaggini della legge sulla devolution e chiedendo a gran voce l'applicazione del federalismo varato dal centrosinistra, i rapporti tra il leader della Lega e i presidenti regionali si è incrinato definitivamente.

    Oltretutto ogni provvedimento che esce dalle stanze del ministro delle Riforme in campo di ordinamento statale viene poi passato al setaccio dalla Conferenza Stato Regioni, ovvero deve ottenere l'ok proprio dai governatori o dai loro rappresentanti. Quanto basta per far saltare i nervi a uno da sempre abituato ad esercitare in solitudine l'arte del comando come Bossi.

    Quindi il senatur ha deciso di cambiare rotta: quando nei prossimi mesi si discuterà la seconda parte della devolution con la modifica del titolo V della Costituzione, è probabile che il potere dei governatori venga radicalmente limitato.

    Il laboratorio politico di tale scenario è il Friuli Venezia Giulia. Una decina di giorni fa la regione a statuto speciale ha varato la nuova legge elettorale regionale che, invece di andare verso l'elezione diretta del presidente, va nella direzione opposta limitandone non poco i poteri: sulla scheda il nome del candidato è solo indicativo e, se il presidente decade, il consiglio ne elegge un altro senza dover tornare al voto. In pratica, si tratta di una legge proporzionale con premio di maggioranza e sbarramento al 4 per cento, fortemente voluta, manco a dirlo, dalla Lega, che qui governa con Forza Italia e Alleanza nazionale.

    "Il Friuli Venezia Giulia è una realtà troppo complessa per essere governata in modo troppo accentrato - spiega la vicepresidente regionale Alessandra Guerra, leghista doc - in consiglio regionale sono rappresentate tutte le minoranze etnico linguistiche che devono poter controllare le scelte politiche del presidente. Abbiamo fatto una buona legge che media in modo giusto tra il governatorato e la rappresentanza democratica di tutte le parti con un giusto equilibrio. Mi auguro possa diventare una sperimentazione a livello nazionale".

    Ma se Alessandra Guerra, per il suo ruolo istituzionale, deve essere diplomatica, lo sono molto meno altri esponenti friulani del carroccio. "Si è voluto limitare uno strapotere del governatore che altrimenti godrebbe di un margine di manovra troppo alto su giunta e consiglio mettendo in pericolo gli stessi principi democratici - afferma il capogruppo leghista in Regione, Claudio Violino - Formigoni e Galan sono quasi dei dittatori in grado di ricattare il consiglio e i partiti che li hanno fatti eleggere. Anche nelle altre regioni stanno cercando di correre ai ripari: mi risulta che in Veneto e in Piemonte, infatti, stiano studiando una correzione attraverso una legge ordinaria per limitare i poteri del presidente e aumentare la facoltà di controllo del consiglio regionale a cui, non dimentichiamolo, spetta la facoltà legislativa".

    Ne fa una questione di filosofia politica, invece, il consigliere regionale Beppino Zoppolato: "Si elegge l'uomo o il programma? La persona o un'idea? Io propendo per la seconda ipotesi, quindi non è giusto che, se cade il governatore, si debba tornare al voto. La devolution non deve sostituire il centralismo statale con quello regionale, altrimenti le nostre battaglie di anni non sono servite a niente".

    Ora la legge voluta con forza dalla Lega è passata, ma la partita non è chiusa. Nonostante il voto compatto, infatti, alcuni esponenti di An e Forza Italia già dal giorno dopo hanno iniziato a criticarla. "Gli alleati devono essere interlocutori credibili - dice Violino - non possono prima votare a favore e poi chiamarsi fuori. Al limite si può capire An, da sempre presidenzialista, ma certamente non Forza Italia".

    Ora però sulla nuova normativa aleggia il fantasma del referendum confermativo chiesto a gran voce dalle forze di opposizione: se verranno raccolte le firme, a settembre si andrà al voto popolare che, stando alle avvisaglie di questi giorni, rischia di mandare in pezzi l'alleanza di centrodestra. E se la legge non dovesse essere confermata, lo schiaffo brucierà soprattutto per la Lega.

    Tanto più Riccardo Illy, possibile candidato del centrosinistra alle prossime regionali (giugno 2003), ha detto chiaramente che accetterà di presentarsi solo se ci sarà l'elezione diretta del presidente come nelle altre regioni. Insomma, la legge elettorale friulana è diventata un terreno su cui tutti hanno deciso di giocare la loro partita. Il cui esito rischia di turbare il sonno anche a Formigoni, Storace & C.

    (1 APRILE 2002; ORE 11:40)


    [color=green]A me sta cosa sa tanto di interesse di bottega: cosa vuol dire togliere l'elezione diretta del presidente della regione?Che verrebbe nominato a elezioni avvenute?Cioe' che io voterei alla cieca?
    color]
    Significa che il ministro delle Riforme vuole agire con maggiore autonomia....... Io credo che l'elezione diretta del presidente e il cosiddetto governatorato sia una grande conquista che permette alle regioni di partecipare concretamente alla vita politica del paese, e ritengo abbia poco senso parlare di centralismo regionale, vero e proprio ossimoro. Un partito come la Lega ha il dovere di difendere le conquiste della periferia, in particolar modo quelle che restituiscono la politica ai cittadini e costruiscono un contrappeso importante a Roma, dove oggi opera Bossi ma domani chissà...... Il federalismo non è politico, ma è pre-politico, è una riforma che quindi deve seguire logiche sue proprie e non quelle della faziosità.....Il governo cerchi quindi il dialogo con tutti e spinga per una devolution autentica con poche compartecipazioni e numerose competenze alle regioni e alle provincie....

  3. #3
    Clone "bryghella"
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    "Repubblica del Nord"
    Messaggi
    1,097
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Credo che "moralmente" il proporzionale sia lo specchio della democrazia, un proporzionale puro che rispecchi appunti la società in tutto e per tutto, anche per quelle parti minoritarie.

    In chiave politica è un passo indietro nella compattezza dell'alleanza di centro-destra, poichè apre spiragli di "solitudine"...

    Sono complessivamente favorevole, l'importante è non ridurre i poteri reali dei governatori, chiunque siano nell'arco della legislatura.

    Decentramento fiscale, decisionale e burocratico: questo è fondamentale, perchè morto (sfiduciato) un governatore se ne fa un altro...l'importante è il programma.

    Nasce però spontanea una domanda: con una maggioranza eterogenea, formata dopo le elezioni... quale programma sarebbe vincolante nei confronti degli elettori?

    Insomma...non semplice come questione...
    "L'essere umano ha una missione, il difficile sta nel capire quale sia..."

  4. #4
    Liberale Federalista
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    Sardegna, Isola denuclearizzata
    Messaggi
    890
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il sistema maggioritario applicato alla Regione Friuli-Venezia Giulia impedirebbe a forze politiche come l'Union Slovena o i partiti friulansti (7% alle ultime regionali) di essere rappresentati in Consiglio.

    L'articolo 6 della Costituzione recita che "La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistoche".

    Questa tutela non può e non deve essere solo di tipo culturale, ma necessariamente anche di tipo politico ed elettorale.
    http://www.artonline.it/img/large/i14g-073.jpg

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Spiacenti,ma non condivido per nulla

    Originally posted by Dragonball

    A me sta cosa sa tanto di interesse di bottega: cosa vuol dire togliere l'elezione diretta del presidente della regione?Che verrebbe nominato a elezioni avvenute?Cioe' che io voterei alla cieca?
    Non mi sta per niente bene.
    Cara Lega o si fa i padani e si agisce come tali o si e' itagliani e si fa i furbi come al solito,pronti a cambiare idea seconda delle occorrenze.
    [/B]
    Ma dov'eri tu quando fin dal 1996 la Lega chiedeva a gran voce il ritorno al proporzionale?
    Rammenti oppure fai finta di non ricordare quando nel 1999 abbiamo affrontato da soli un referendum voluto da Di Pietro, AN e tutto il centro-sinistra (PPI e P.R.C esculsi) che volevano eliminare anche il restante 25 % dei seggi assegnati nel proporzionale?
    Finalmente dunque una posizione coerente, nel mare delle scelte incoerenti fin qui fatte dalla Lega!
    La Lega è sempre stata per il proporzionale!

    Padania libera!

 

 

Discussioni Simili

  1. Gli Usa si dichiarano spiacenti per gli esperimenti medici in Guatemala
    Di Lawrence d'Arabia nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-10-10, 17:34
  2. Spiacenti Utenti, Mediaset Non Deve Pagare
    Di catilina71 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-04-08, 22:11
  3. Nulla seppi, nulla vidi, nulla udii.....
    Di Cirno nel forum Imperial Regio Apostolico Magnifico Senato
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-09-03, 21:47
  4. Nulla seppi, nulla vidi, nulla udii.....
    Di Cirno nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-09-03, 21:27
  5. Spiacenti, ma anche stavolta...
    Di Paul Atreides nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 13-03-03, 01:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226