User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 2 "pacifisti" trentini a Ramallah

    Un trentino «irriducibile» a Ramallah
    Magnocavallo dentro l'ospedale: «Seppelliamo i cadaveri nel cortile»
    LA GUERRA IN PALESTINA

    di Gianpaolo Tessari

    TRENTO. Un pacifista trentino, Luca Magnocavallo, 25 anni, ieri sera si è rifiutato di lasciare Ramallah. E' rimasto asseragliato all'interno dell'ospedale nonostante le autorità israeliane, su sollecitazione del Governo italiano, avessero concesso un salvancondotto per portare i non militari al di fuori della città che ospita il quartier generale di Arafat: «In questa struttura la nostra presenza è vitale» ha detto. Arman Cunego, 23 anni di Rovereto, verso le 19 ha invece raggiunto, in salvo, Gerusalemme.
    Non vi è dubbio di come si stia facendo di ora in ora più rischiosa la presenza dei pacificisti in Medio Oriente. I soldati israeliani ieri mattina avevano addirittura sparato contro i due giovani che da lunedì operavano a Ramallah.
    Cunego e Magnocavallo sono stati sfiorati da colpi di armi automatiche mentre assieme ad un gruppetto di italiani (tra cui il leader delle tute bianche Luca Casarini), stavano cercando di portare al riparo dentro l'ospedale un'anziana donna palestinese colpita dal fuoco di un cecchino.
    Vani i soccorsi alla poveretta e pacifisti sconvolti dall'acCADUTO anche perché guardati con crescente sospetto dalle forze di invasione di Sharon: «Chiediamo con forza l'intervento dei politici. Non tanto per fare uscire noi da una Ramallah martoriata dalla guerra e assediata, quanto per mettere fine a questa carneficina. Mentre vi parlo i cadaveri di 27 palestinesi uccisi dal fuoco dei soldati israeliani vengono sepolti nel parcheggio dell'ospedale poiché nell'obitorio non c'è più posto nelle celle frigorifere. Un bulldozer ha cominciato poco fa a sollevare l'asfalto del parcheggio. I medici dell'ospedale hanno adottato la decisione nel timore che i cadaveri ormai in putrefazione possano provocare epidemie» spiega con voce rotta dall'emozione Luca Magocavallo nella tarda mattinata durante un fortunoso collegamento telefonico.
    Magnocavallo ha deciso di non tornare domani in Italia come prevedeva il loro programma originale, mentre il roveretano Cunego in serata ha raggiunto Gerusalemme: «I militari israeliani impediscono a chiunque di lasciare Ramallah, ma non è questo il problema. I medici dell'ospedale della città ci hanno supplicato di non andarcene. Senza di noi europei anche questo presidio medico verrebbe, come è accaduto all'altro ospedale della città, chiuso dall'esercito: sono entrati, armi alla mano, e hanno fatto uscire tutti, medici compresi» insisteva invece un motivatissimo Magnocavallo.
    I due trentini che, passaporto ben in vista sopra alla testa, avevano da poco raggiunto l'ospedale di Ramallah sono stati dunque involontari testimoni dell'uccisione della donna palestinese da parte di un cecchino.
    Con loro in quel momento vi era Beppe Caccia, assessore ai servizi sociali del comune di Venezia ed il pro sindaco della città lagunare Gianfranco Bettin. Hanno spiegato come il loro gruppetto sia stato preso di mira dai tank israeliani e di alcuni militari appostati nei pressi del luogo dell'uccisione. La donna era appena uscita dall'ospedale per un piccolo intervento ambulatoriale quando, borsa della spesa alla mano, è stata freddata con un sol colpo dal cecchino. Successivamente, nel disperato tentativo di soccorrerla, dall'ospedale sono usciti dei barellieri e quattro medici affiancati, come scudi umani, da una decina di pacifisti, tra cui Caccia, Bettin, Casarini, Cunego e Magnocavallo. Giunti accanto al cadavere, riscontrata la morte della donna, il gruppo ha fatto rientro all'ospedale ma date le spalle ai militari israeliani, questi hanno aperto il fuoco sparando una decina di colpi.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'onorevole Kessler oggi vola a Gerusalemme

    «Non posso restare con le mani in mano». Domani parte la Cogo


    TRENTO. L'appello ai politici lanciato dai pacifisti presenti in Medio Oriente non è caduto nel vuoto. Oggi parte per Gerusalemme il parlamentare dell'Ulivo Gianni Kessler con una delegazione di parlamentari dei Ds che comprende anche Mussi e Folena. Domani sarà la volta dell'ex presidente della Regione Margherita Cogo: «Parto perché i ragazzi laggiù mi hanno assicurato che serve il nostro intervento. Quello che faremo in Palestina si vedrà, ma restare con le mani in mano non era possibile. Ci sono degli incontri ufficiali già programmati e poi vedremo di curare gli interessi dei ragazzi trentini» spiegava ieri sera Kessler. Ieri si parlava di un possibile viaggio anche di Vincenzo Passerini e delle verdi Alessandra Zendron e Cristina Kury.
    Intanto l'onorevole dei Ds Gigi Olivieri ieri ha scritto all'ambasciatore italiano a Tel Aviv Gian Paolo Cavarai, e per conoscenza, anche al presidente del Consiglio Berlusconi. Nella lettera il parlamentare chiede soprattutto assistenza per i due ragazzi trentini, Cunego e Magnocavallo, fino a ieri bloccati a Ramallah.
    Ma sulla guerra in Palestina ha preso posizione anche il presidente del Consiglio provinciale di Trento, Mario Cristofolini, in una nota diffusa oggi. "La terra culla delle religioni monoteiste - scrive Cristofolini - è ancora una volta terreno di scontro feroce e sanguinoso, in una spirale di azioni e reazioni che sembra non avere fine. Eppure appare ogni giorno più chiaro che la guerra non può essere una soluzione ai problemi della sicurezza di Israele e del diritto del popolo palestinese ad avere una propria patria ed un proprio Stato".
    "Questo - prosegue il presidente del Consiglio provinciale - era apparso molto chiaro sin dall' autunno del 2000 alla delegazione del Consiglio provinciale che aveva partecipato all' iniziativa di solidarietà e di pace con Israele e Palestina. Per questo intendiamo aggiungere la nostra voce a quella delle più alte autorità politiche, istituzionali e morali».
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Divina attacca:Calci nel sedere a questi ragazzi

    TRENTO. «I pacifisti che sono in Medio Oriente chiamano all'appello i politici trentini?. Ma se quei ragazzi fossero figli miei, andrei lì subito, ma per portarli a casa a calci nel sedere. Ma ma siccome i loro genitori sembra che approvino queste loro azioni non mi resta che sperare bene per loro. E non so darmi una risposta al quesito: ma abbiamo proprio bisogno di altri eroi, o di altro sangue da versare?» è l'intervento, provocatorio del capogruppo della Lega Nord Sergio Divina.
    Che continua: «Pensando però a quei genitori mi chiedo se non sarebbe meglio se si preoccupassero di trovare un lavoro normale ai loro figli. O forse preferiscono che, come sta facendo Casarini, acquisiscano stabilmente la "professione" di "no global"? In Medio Oriente, si sa, vi è una vera e propria guerra. Una crisi diplomatica, in caso di un incidente che coinvolgesse un europeo (e quei ragazzotti lo sono) sarebbe pericolosissima. Ed allora? Credendo di propagandare la pace, stanno invece rischiando di far dilagare quel conflitto. E poi, cosa pensano di concludere? Sperano forse di far mutare idee al premier israeliano. Ma siamo obiettivi; quanti tentativi a livello internazionale sono falliti, pur partendo con le massime buone intenzioni? E poi se vogliamo guardare il fenomeno con occhi non strabici, quanti attentati hanno fatto le varie fazioni palestinesi (Ezbollah-Tanzim-Al Fatha-Jiad islamica)?».
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  4. #4
    Moralista dal 20 Jan 2021
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    43,454
     Likes dati
    4,705
     Like avuti
    9,635
    Mentioned
    728 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Concordo

    Concordo con il sig. Sergio divina: sarebbe ora che si trovassero un lavoro vero. E, se fossero figli miei, gli manderei a lavorare calci nel sedere.
    -N-

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 21-03-07, 15:52
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 26-07-05, 12:58
  3. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 28-03-03, 13:32
  4. Divina:"Che dispersione coi soldi dei trentini"
    Di Shaytan (POL) nel forum Trentino Alto Adige/Süd Tirol
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-02, 17:53
  5. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 04-04-02, 21:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •