User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Presidene Yasser Arafat.

    Born: Yasser Arafat was born in Jerusalem-Palestine in 1929.
    Education: Engineering degree from King Fuad University, Cairo-Egypt.
    1956: Joined the reserve officers of the Egyptian Army and fought against the tri-partite aggression on Egypt.
    1953- 1968: Joined early in his youth, the Palestine National Movement as represented by the League of Palestinian Students 1944, and chaired it later on.
    1968: Formed “Fatah” movement together with other brothers in the fifties and was declared its spokesman
    1973: Commander in Chief of the forces of the Palestinian Revolution.
    1974: Addressed the General Assembly of the United Nations in New York.
    Achievements and Peace awards: -
    1979: Joliet Curie Gold Medal-World Peace Council.
    1981: Honorary Ph.D. from Jamaat Islamiya in Haidar Abad, India.
    1982: Led the heroic battle against the invasion of Lebanon and the battle of steadfastness during the siege of Beirut by the Israeli forces.
    Nov.1984 & April 1987:


    Re - elected Chairman of the Executive Committee of the Palestine Liberation Organization by the 17th, 18th and the 19th sessions of the Palestine National Council
    13 Sept. 1988: Addressed the Socialist Group of the European Parliament
    15 Nov. 1988: Announced the Declaration of Independence and the establishment of an independent Palestinian State.
    13 Dec. 1988: Addressed the UNGA, which convened in Geneva to hear him because the then US Secretary of State denied Chairman Arafat an entry Visa to the US to address the UNGA in New York. Addressed the Security Council in Geneva on February & May 1990 for the same reason.
    13-14 Dec. 1989: Launched the Palestinian peace initiative for establishing peace in the Middle East. Following that, on 14 Dec. 1988, the US Administration led by President Reagan decided to open a substantial dialogue with the PLO in Tunis.
    30 March 1989: Chosen President of the State of Palestine by Central Council of the PLO and elected as such by the Palestine National Council directly on 15 Nov. 1988.



    13 Sep. 1993: Launched and directed the policy of “Peace of the Braves” that culminated in the signing of the Palestinian Israeli Declaration of Principles at the White House, Washington.
    12 Oct. 1993: Elected by the Central Council of the PLO to be the President of the Palestinian National Authority (PNA).
    31 Oct. 1993: President of Palestine Economic Council for Development and Reconstruction (PECDAR).
    July 1994: Awarded Felix Houphouet Boigny peace prize.
    Oct. 1994: Received Laureate Nobel Peace Prize.
    Nov. 1994: Awarded Prince of Sturias Prize.
    28 Sep. 1995: Signed Oslo agreement with the late Israeli Prime Minister, Mr. Rabin, and witnessed by the U.S.A. and Russia.
    20 Jan. 1996: Elected as President of the PNA in general election.
    23 Oct. 1998: He signed “Wye River” memorandum with the former Israeli Prime Minister, Mr. Netenyahu.
    31 Aug. 1999: Awarded an Honorary Ph.D. in Business Administration from the Masstricht University of Holland.
    President Arafat is Vice – Chairman of NAM and the permanent Vice-Chairman of the Organization of Islamic Conference


    Merita di essere ucciso?
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    nessuno lo vuole ammazzare.
    gli israeliani si sono semplicemente scocciati di Giano-bi-fronte.

  3. #3
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' rinchiuso in un bunker, continuano a bombardare il suo palazzo e gli hanno tagliato luce e viveri... Sicuri che nessuno lo vuole morto?

    E Finalmente Bush...


    Bush: Israele si ritiri.

    Il segretario di Stato americano ha ribadito che “il ritiro israeliano dai Territori palestinesi ri-occupati deve avvenire il prima possibile”, e Bush lo ha detto con forza dopo l'incontro con il premier britannico Tony Blair: "Israele deve fermare le incursioni nelle zone controllate dai palestinesi e cominciare senza indugio il ritiro dalle città che ha recentemente occupato”.

    Buona Serata.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  4. #4
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Serve un Piano Marshall per l'intero Medio Oriente

    La pace israelo-palestinese non risolverà nulla
    I regimi autoritari e corrotti bloccano lo sviluppo
    Bisogna negoziare aiuti in cambio di democrazia
    Per molteplici motivi l’Europa e il mondo occidentale sono tradizionalmente attenti al dipanarsi del conflitto tra Israele e palestinesi, e al suo impatto sul mondo arabo, ma meno informati sulle altre realtà mediorientali. La crescente simpatia che la causa palestinese riscuote, specialmente in Europa, e i differenti interessi economici nella regione che l’Europa ha rispetto agli USA – tra cui la maggior dipendenza dal petrolio – hanno offuscato la comprensione del delicato scacchiere mediorientale, creando l’illusione che, risolto il conflitto in Palestina, si aprirebbe in Medio Oriente una stagione di prosperità e cooperazione.


    Tuttavia, senza togliere nulla alla gravità dell’attuale scontro in corso, tale correlazione causale è sbagliata. Il fatto è che il Medio Oriente è oggi una bomba a orologeria che aspetta di esplodere, con gravi conseguenze per l’Occidente, a causa di processi di lungo periodo che ben poco hanno a che vedere con la questione palestinese, ma che stanno arrivando a maturazione. La causa palestinese è semplicemente il grido di battaglia di un malcontento diffuso che ha origini lontane dalla Palestina, e anche se Israele non esistesse l’incontrollabile esplosione demografica della regione, lo stato di povertà cronica e la stagnazione economica produrrebbero il vento fondamentalista che sta spazzando la regione e rischia di travolgerne i regimi.


    In una regione in cui la crescita demografica è in media del 2% annuo, la crescita della forza lavoro del 2,8%, il 70% della popolazione è sotto i 35 anni e la crescita economica non basta a far fronte all’esplosione del mercato del lavoro, basti l’esempio dell’Arabia Saudita.


    Con un salto di popolazione da circa 6 milioni nel 1980 a quasi 22 milioni nel 2002, una riduzione del reddito medio pro capite da oltre 20.000 USD nel 1980 a 7.300 USD, con una crescita del PIL di 0,4% nel 1999 e un aumento della forza lavoro del 2,6% annuo, l’Arabia Saudita si trova a dover far fronte a una crescente pressione interna: una popolazione giovane e disoccupata, un mercato del lavoro saturo e non in grado di creare nuovi posti al ritmo necessario, un’economia stagnante sostenuta quasi solo ed esclusivamente dal settore degli idrocarburi, un regime repressivo e corrotto, sono tutti ingredienti che creano un forte malcontento e fomentano l’opposizione al regime.


    Questa situazione è comune a tutto il mondo arabo. Popolazioni sempre più giovani, dotate di un tasso di istruzione medio-alto, con forti aspettative di miglioramento del livello di vita, sono condannate alla disoccupazione. La mancanza più totale di una pianificazione familiare in tutto il Medio Oriente (tra il 1980 e il 2000 l’Egitto passa da 43 a 64 milioni di abitanti, l’Iran altrettanto, la Giordania da 3 a 5 milioni, l’Iraq da 14 a 23 milioni) sostiene questo circolo vizioso: aumento della forza lavoro, della disoccupazione, e della povertà a causa dell’insufficiente crescita economica, il tutto all’interno di società controllate da regimi autoritari e corrotti che impediscono la mobilità sociale, l’introduzione di principi meritocratici nella gestione della cosa pubblica e nel settore industriale (controllato dallo stato) e l’adozione di criteri di trasparenza negli apparati governativi e nell’amministrazione delle finanze pubbliche. Tutto questo, nonostante la ricchezza in materie prime (gas e petrolio), il potenziale umano, e l’afflusso di massicci aiuti economici (46 miliardi di dollari all’Egitto dal 1979 a oggi in aiuti economici e militari americani soltanto). In altre parole, all’aumento incontrollato di una popolazione giovane e assetata di sapere e benessere, i regimi hanno risposto non con più accorte politiche di apertura, democratizzazione e sviluppo, ma negando loro persino la speranza di un futuro migliore.


    L’Europa non ha avuto mai difficoltà a mantenere buoni e cordiali rapporti coi paesi della regione senza criticarne la discriminazione religiosa e contro le donne e la brutale repressione dei diritti umani e delle libertà civili. L’importanza strategica della regione, il garantito afflusso di risorse energetiche, e le importanti commesse governative nella costruzione di infrastruttura così come nella vendita di armamenti ha creato una situazione in cui l’Occidente garantiva il sostegno economico e la sopravvivenza dei regimi in cambio di petrolio e affari. Ma tale benevola condiscendenza non giova più agli interessi occidentali: con o senza uno stato palestinese, le pressioni sociali, le ingiustizie e l’abietta povertà in cui inspiegabilmente versa una regione così ricca di risorse prima o poi ne sconvolgeranno gli assetti e l’onda lunga della rivolta arriverà anche in Europa. Il Medio Oriente oggi non ha bisogno di un piano Marshall per la Palestina, ma di un piano Marshall per la regione intera, che sia negoziato in cambio di democratizzazione, apertura dei mercati, trasparenza e meritocrazia, progresso e giustizia sociale, e controllo delle nascite. Altrimenti la pace in Palestina sarà solo una breve e illusoria calma prima della tempesta.

    Ciao.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    18 Mar 2002
    Messaggi
    377
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Serve un Piano Marshall per l'intero Medio Oriente

    Originally posted by Sir Demos
    Il Medio Oriente oggi non ha bisogno di un piano Marshall per la Palestina, ma di un piano Marshall per la regione intera, che sia negoziato in cambio di democratizzazione, apertura dei mercati, trasparenza e meritocrazia, progresso e giustizia sociale, e controllo delle nascite. Altrimenti la pace in Palestina sarà solo una breve e illusoria calma prima della tempesta.

    Ciao.
    Volete dare altri soldi? Comincia con l'aprire il tuo portafoglio e fatti una bella colletta in giro che di anime belle che ne sono tante, ma giu' le mani dai mio

  6. #6
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Serve un Piano Marshall per l'intero Medio Oriente

    Originally posted by Free-Market


    Volete dare altri soldi? Comincia con l'aprire il tuo portafoglio e fatti una bella colletta in giro che di anime belle che ne sono tante, ma giu' le mani dai mio
    Invece mi sa che dovremo pagare tutti. Che felicità...

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Sir Demos
    E' rinchiuso in un bunker, continuano a bombardare il suo palazzo e gli hanno tagliato luce e viveri... Sicuri che nessuno lo vuole morto?

    E Finalmente Bush...


    Bush: Israele si ritiri.

    Il segretario di Stato americano ha ribadito che “il ritiro israeliano dai Territori palestinesi ri-occupati deve avvenire il prima possibile”, e Bush lo ha detto con forza dopo l'incontro con il premier britannico Tony Blair: "Israele deve fermare le incursioni nelle zone controllate dai palestinesi e cominciare senza indugio il ritiro dalle città che ha recentemente occupato”.

    Buona Serata.
    se lo avessero voluto morto avrebbero fatto un bombardamento a tappeto sulla sua sede in modo istantaneo. non sarebbero avanzati a passi di lumaca sotto le telecamere di tutto il mondo.
    assassinare un leader debole in mondo visione per renderlo un martire?????
    sharon non e` un`aquila, piu` falco che aquila , ma non credo che sia neanche cosi` mentecatto.......

  8. #8
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito PALESTINESI DENUNCIANO STRAGE A JENIN

    Il rappresentante palestinese Hashem Mahmamid -
    intervenendo oggi alla Knesset - ha riferito che nel campo
    profugo di Jenin in Cisgiordania, si sta compiendo una
    strage paragonabile a quella di Sabra e Chatila. Il sito
    Internet del quotidiano Maariv, citando fonti
    giornalistiche locali, nel primo pomeriggio aveva diffuso
    la notizia che i morti potrebbero essere oltre duecento.
    Gia' stamane l'agenzia di stampa palestinese Wafa aveva
    riferito da Jenin che nelle strade del suo campo profughi
    erano abbandonati decine di cadaveri e centinaia di feriti
    i quali , mentre proseguono i combattimenti, non possono
    ricevere alcuna assistenza medica. Secondo quanto riferito
    dai posti di soccorso palestinesi, durante gli scontri di
    questa mattina, militari israeliani avrebbero ucciso almeno
    due ospiti del campo profughi di Askar, alla periferia di
    Nablus, fra cui un bambino di 12 anni. Le notizie, al
    momento, non sono ancora state confermate da fonti
    indipendenti.

    Complimenti.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    una delle tante singolarita` di questo conflitto e quella che un popolo che ha perso quattro guerre debba dettare le condizioni di pace.
    un`altra e` quella che un paese ha sotto gli occhi di tutti le proprie malefatte, mentre l`altra parte puo` tranquillamente ammazzare civili e farsi saltare in aria senza che nessuno batta ciglio. si sa poveri sono disperati. ( per informazioni in questo caso chiedere a Leon Kinghoffler ammazzato sulla sedia a rotelle dai valenti guerriglieri palestinesi e ai quattordici atleti della rappresentativa olimpica israeliana uccisi nel `72 a Monaco).
    altra anomalia e` quella che da parte di molti europei si attenda quasi con ansia le notizie di massacri di una parte, facendo passare istantaneamente nel dimenticatoio le vittime dall`altra.

    complimenti.

  10. #10
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Yasser Arafat
    Di lupodellasila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-08-07, 21:47
  2. Video su YASSER ARAFAT
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-05-06, 19:54
  3. Addio Yasser Arafat
    Di FLenzi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 57
    Ultimo Messaggio: 22-11-04, 09:46
  4. Si spegne Yasser Arafat...
    Di Egol nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-11-04, 13:13
  5. Onore a Yasser Arafat!
    Di Vis Animae nel forum Destra Radicale
    Risposte: 67
    Ultimo Messaggio: 09-11-04, 09:34

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226