User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28
  1. #1
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Fenomenologia del trentenne. Adesso che ne ho quasi quaranta, di anni, mi sento finalmente nella condizione di indossare la mia barba finta, e dire apoditticamente la mia sulla generazione che mi segue a ruota. Perché abbiamo di sicuro trasalito tutti, quarantenni e non, alla notizia della sentenza della Cassazione, secondo la quale un padre separato era tenuto a versare l’assegno di mantenimento al pargolo trentaduenne, appunto, laureato, avvocato civilista, a quanto risulta, nonché, a detta del padre medesimo, intestatario di casa e di società finanziaria. Il poveretto – psicologicamente, s’intende, perché economicamente invece se la cava eccome – ha fatto presto sapere di non aver bisogno di quel denaro, di non averlo chiesto e di non volerlo neppure tenere, ma ciò non è bastato a ripulirgli l’immagine, compromessa, a causa di questa singolare vicenda, da un crudele alone di pigrizia ed opportunismo.

    Si potrebbe anzi dire che, se per caso suo padre avesse avuto motivi di risentimento, ora potrà considerare l’importo dell’assegno un efficace investimento a danno del prestigio professionale del figlio. Detto ciò, la partita sarebbe chiusa, se non fosse che l’Italia, ma anche la Francia, a quanto pare, ed altri paesi dell’Europa mediterranea (dati Eurstat), pullulano di trentenni, con un lavoro, una fidanzata, o fidanzato, anche decennale, relazioni sociali, hobbies, eccetera da adulto, che tuttavia vivono con i genitori, in uno stato adolescenziale indefinitamente prolungato. Ed è questo che disorienta: la generalizzazione del fenomeno, che sostanzialmente prescinde da eventuali costrizioni economiche, ma anche da altri elementi caratterizzanti il nucleo familiare, come la condizione dei genitori, coniugati, separati, o conviventi, rivelandosi così scelta culturale di fondo, opzione di valore, orizzonte vitale stabile.

    E’ quello che il Rapporto Italia di Eurispes definiva, già dall’anno scorso, “aspirazione ad essere figli”, e cioè l’aspirazione dell’individuo, indipendentemente dalla sua età o ruolo all’interno del nucleo familiare, ad essere scopo ultimo della famiglia stessa, destinatario naturale dei vantaggi che da essa derivano, come appunto “il bambino, che giustamente esige le cure parentali”. Con ciò incarnando il contrario esatto della cultura familiare tradizionale, per la quale ogni membro della famiglia investe le proprie migliori risorse a sostegno di essa, e ne fa il proprio primo “fine sociale ed orizzonte etico”. L’attaccamento alla famiglia di questi post-giovanotti, insomma, in quanto fondamentalmente egoistico, sarebbe il segno più rilevante del processo degenerativo al quale la famiglia tradizionale rischia di soccombere. Se così stanno le cose, diventa necessario rivedere lo schema classico secondo il quale si articola di solito ogni analisi sulla famiglia oggi. Gli indicatori di crisi che vengono più spesso presi in considerazione, infatti, sono di solito il numero delle separazioni e dei divorzi, nonché il numero delle convivenze, in rapporto ai matrimoni celebrati, quindi, con riguardo alla dimensione intergenerazionale, il numero dei figli per coppia ed il numero dei componenti il nucleo familiare (inclusi i nonni ed altri parenti anziani).

    Di fronte all’allarmante fragilità di ciascuno di questi legami, la prolungata permanenza dei figli entro le mura domestiche è allora considerata quasi un sintomo di ritrovato benessere, un indicatore di speranza nella ripresa della famiglia stessa. Nulla di più ingannevole: nel momento in cui i familiari, e cioè le persone conviventi, qualunque sia il loro grado di parentela reciproca, non sono il fine delle azioni del singolo, ma un mezzo per l’appagamento delle sue necessità, la famiglia ha perso la sua lunga battaglia contro l’individualismo. E, di ciò, il rapace trentenne porta tutta la gloria.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by Sir Demos
    Fenomenologia del trentenne. Adesso che ne ho quasi quaranta, di anni, mi sento finalmente nella condizione di indossare la mia barba finta, e dire apoditticamente la mia sulla generazione che mi segue a ruota. Perché abbiamo di sicuro trasalito tutti, quarantenni e non, alla notizia della sentenza della Cassazione, secondo la quale un padre separato era tenuto a versare l’assegno di mantenimento al pargolo trentaduenne, appunto, laureato, avvocato civilista, a quanto risulta, nonché, a detta del padre medesimo, intestatario di casa e di società finanziaria. Il poveretto – psicologicamente, s’intende, perché economicamente invece se la cava eccome – ha fatto presto sapere di non aver bisogno di quel denaro, di non averlo chiesto e di non volerlo neppure tenere, ma ciò non è bastato a ripulirgli l’immagine, compromessa, a causa di questa singolare vicenda, da un crudele alone di pigrizia ed opportunismo.

    Si potrebbe anzi dire che, se per caso suo padre avesse avuto motivi di risentimento, ora potrà considerare l’importo dell’assegno un efficace investimento a danno del prestigio professionale del figlio. Detto ciò, la partita sarebbe chiusa, se non fosse che l’Italia, ma anche la Francia, a quanto pare, ed altri paesi dell’Europa mediterranea (dati Eurstat), pullulano di trentenni, con un lavoro, una fidanzata, o fidanzato, anche decennale, relazioni sociali, hobbies, eccetera da adulto, che tuttavia vivono con i genitori, in uno stato adolescenziale indefinitamente prolungato. Ed è questo che disorienta: la generalizzazione del fenomeno, che sostanzialmente prescinde da eventuali costrizioni economiche, ma anche da altri elementi caratterizzanti il nucleo familiare, come la condizione dei genitori, coniugati, separati, o conviventi, rivelandosi così scelta culturale di fondo, opzione di valore, orizzonte vitale stabile.

    E’ quello che il Rapporto Italia di Eurispes definiva, già dall’anno scorso, “aspirazione ad essere figli”, e cioè l’aspirazione dell’individuo, indipendentemente dalla sua età o ruolo all’interno del nucleo familiare, ad essere scopo ultimo della famiglia stessa, destinatario naturale dei vantaggi che da essa derivano, come appunto “il bambino, che giustamente esige le cure parentali”. Con ciò incarnando il contrario esatto della cultura familiare tradizionale, per la quale ogni membro della famiglia investe le proprie migliori risorse a sostegno di essa, e ne fa il proprio primo “fine sociale ed orizzonte etico”. L’attaccamento alla famiglia di questi post-giovanotti, insomma, in quanto fondamentalmente egoistico, sarebbe il segno più rilevante del processo degenerativo al quale la famiglia tradizionale rischia di soccombere. Se così stanno le cose, diventa necessario rivedere lo schema classico secondo il quale si articola di solito ogni analisi sulla famiglia oggi. Gli indicatori di crisi che vengono più spesso presi in considerazione, infatti, sono di solito il numero delle separazioni e dei divorzi, nonché il numero delle convivenze, in rapporto ai matrimoni celebrati, quindi, con riguardo alla dimensione intergenerazionale, il numero dei figli per coppia ed il numero dei componenti il nucleo familiare (inclusi i nonni ed altri parenti anziani).

    Di fronte all’allarmante fragilità di ciascuno di questi legami, la prolungata permanenza dei figli entro le mura domestiche è allora considerata quasi un sintomo di ritrovato benessere, un indicatore di speranza nella ripresa della famiglia stessa. Nulla di più ingannevole: nel momento in cui i familiari, e cioè le persone conviventi, qualunque sia il loro grado di parentela reciproca, non sono il fine delle azioni del singolo, ma un mezzo per l’appagamento delle sue necessità, la famiglia ha perso la sua lunga battaglia contro l’individualismo. E, di ciò, il rapace trentenne porta tutta la gloria.
    Cioè il trentenne scroccone sarebbe sintomo di individualismo?
    Permettimi di nutrire seri dubbi...

  3. #3
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by ARI6


    Cioè il trentenne scroccone sarebbe sintomo di individualismo?
    Permettimi di nutrire seri dubbi...
    diciamo che potrebbe andare a lavorare invece di domandare $ ai genitori.
    dire che è individualista non mi sembra poi tanto sbagliato, dato che pensa soltanto ai propri cazzi.

  4. #4
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by ciciolìn

    diciamo che potrebbe andare a lavorare invece di domandare $ ai genitori.
    dire che è individualista non mi sembra poi tanto sbagliato, dato che pensa soltanto ai propri cazzi.
    Se per te individualismo è pensare solo ai cazzi propri (e poi pensarci come?), allora la tesi di Demos è giusta.
    Ma tutti sappiamo che non è così.

  5. #5
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Definiscimi allora, in positivo cosa significhi essere Individualisti...

    Ciao.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  6. #6
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by ARI6


    Se per te individualismo è pensare solo ai cazzi propri (e poi pensarci come?), allora la tesi di Demos è giusta.
    Ma tutti sappiamo che non è così.
    ma quando scrivi poi rileggi?

  7. #7
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by ciciolìn


    ma quando scrivi poi rileggi?
    Perchè me lo chiedi?

  8. #8
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'uovo e la Gallina...

    Ari allora, cosa significa per te l'individualismo?

    Ciao.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  9. #9
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Figli scrocconi, piaga del secolo.

    Originally posted by ARI6


    Se per te individualismo è pensare solo ai cazzi propri (e poi pensarci come?), allora la tesi di Demos è giusta.
    Ma tutti sappiamo che non è così.
    rileggi e poi dimmi cosa ne deduci.
    cosa è per te l'individualismo e l'egoismo?

  10. #10
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Sir Demos
    Definiscimi allora, in positivo cosa significhi essere Individualisti...

    Ciao.
    Se ti volessi dare una risposta completa, domattina sarei ancora qui.
    Ti rispondo citando Mises. Egli, in "Socialismo",scrive:
    "Solo l'individuo pensa. Solo l'individuo ragiona. Solo l'individuo agisce."
    Ciò significa che non ci si può nascondere dietro concetti collettivi come lo stato o il popolo, perchè essi non hanno senso, proprio perchè dipendono dall'individuo.
    La differenza tra individualisti e collettivisti è qui: i primi negano mentre i secondi affermano che le entità collettive trascendano l'individuo.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-06-11, 20:22
  2. 3238 scrocconi ex parlamentari con il vitalizio!
    Di stefaboy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 14-11-10, 16:07
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-01-05, 14:00
  4. I Lombardi pagano per tutti. I CALABRESI FANNO gli SCROCCONI
    Di EMPEROR DOLLAR $ nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 17-08-02, 19:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226