User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Restituire vigore all'Occidente (in inglese)

    Un grandioso articolo di H.H. Hoppe, tratto da LewRockwell.com di oggi.

    Reviving the West
    by Hans-Hermann Hoppe

    Patrick Buchanan's new book The Death of the West identifies a social problem of the first order, and it deserves the widest possible readership.

    To identify a problem, even a big one, is not in itself a noteworthy achievement. What makes Buchanan's contribution remarkable is that he identifies a problem that the ruling elites tell us does not exist, or is not a problem but a blessing. In today's intellectual climate, it requires independence of mind and even courage to say what Buchanan does. And the book's bestseller status indicates that there are still plenty of people who have retained their good sense.

    Buchanan argues that the West – the lands of Christendom – is doomed. Birthrates everywhere have sunk below replacement levels. At the same time, masses of third-world immigrants have infiltrated the West, where they rapidly outbreed the indigenous populations. Within just a few decades, the West and its treasures will be taken over, without a fight, by people alien or hostile to Western civilization. Our children will be minorities in foreign lands.

    This suicidal development is the culmination of a cultural revolution that Buchanan describes as the de-Christianization of the West. Promoted from within by leftist intellectuals, and associated with the ideas of secular humanism, feminism, egalitarianism, moral relativism, multiculturalism, affirmative action, sexual liberation, and hedonism, the revolution has eroded man's will to live a productive life, to multiply, and to affirm and defend his own culture.

    The evidence Buchanan presents in support of this thesis is impressive. Unfortunately, his answer concerning cause and strategy is not. In a nutshell, his proposed counterrevolution consists of making him or someone like him president.

    He proposes to reinvigorate the Republican party by adopting a program of sharply selective immigration restrictions, the exit from and defunding of a host of international organizations, and the withdrawal of troops from most foreign lands. All to the good. On the other hand, he wants a government family policy. Revenue-neutrally funded through taxes on consumption and various imports, this policy would eliminate the inheritance tax for estates worth less than five million dollars, provide for a three thousand dollar tax credit per child, and establish tax incentives for employers for the preferential hiring of parents vs. non-parents and single vs. dual family earners. Buchanan would also appoint like-minded Supreme Court judges, of course, and decentralize the public education system.

    There is no need to examine the details of this program and its many inconsistencies. Its flaw is fundamental and obvious as soon as it is realized what it does not involve (hence, what Buchanan must believe not to be responsible for the problem he wishes to solve). He believes that the counterrevolution can be carried out within the institutional framework of a modern, centralized democratically organized nation state complete with its core "welfare" institutions of social security, medicare, medicaid, unemployment subsidies, and public education.

    But this thesis stands in contradiction to common sense and elementary economic and political theory, which point directly to the democratic welfare state as the cause of the problem.

    Democracy – majority rule – necessarily involves a compulsory income and wealth redistribution, i.e., the taking from some – the havers of something – and giving it to others – the non-havers. The incentive to be a haver is reduced and that of being a non-haver increased. And since what the havers have is something "good," and what the non-havers suffer is "bad," the result of any such redistribution is to stifle the production of "goods" and stimulate the production of "bads."

    More specifically, in relieving individuals of the obligation to provide for their own income, health, safety, old age, and children's education, compulsory government "insurance" is a systematic attack on personal responsibility and the institutions of family, kinship, community, and church. The range and horizon of private provision is reduced, and the value of family, kinship relations, children, community, and church diminished. Responsibility, farsightedness, civility, diligence, health, and conservatism (goods) are punished, and their opposites (bads) promoted.

    To revive the West, these debilitating institutions must be abolished and security returned to private provision, insurance, and charity.

    But it is not just democracy that is at fault. More fundamentally, what lies at the root of the problem is the institution of the state, i.e., a compulsory territorial monopoly of ultimate decision making and arbitration complete with the power to legislate and tax.

    For one, one can only ask how it was possible that the ideas deplored by Buchanan of secularism, feminism, relativism, multiculturalism, etc., could become more than the privately held views of some isolated individuals? The obvious answer is only by virtue of the power to legislate, i.e., to impose uniform rules on all inhabitants and their private property within a given territory. If these ideas had not been incorporated in legislation, they would have done little or no harm. And it is only the state that can legislate.

    More fundamentally, however, the state is not merely an instrument but an agent in all this. Public education and welfare, and the ideas of secularism, moral relativism, etc., did not have to be "forced" upon the state. Rather, the state has its own interest in promoting such an agenda.

    Predictably, if an agency is permitted to legislate and tax, its agents will not only use these powers but show a tendency toward increasing their tax income and range of legislative interference. And because in so doing they encounter resistance among their subjects, it is in the state's agents' interest to weaken such powers of resistance. Such is the nature of the state, and to expect anything else of it is naive.

    For one, this means disarming the citizenry. But it also means eroding and ultimately destroying all intermediating institutions such as the family, clan, tribe, community, association, and church with their internal layers and ranks of authority. Even if only in some limited area of jurisdiction, these institutions and authorities rival the state's claim as ultimate territorial decision maker. The state, in order to enforce its claim as ultimate judge, must eliminate all independent jurisdictions and judges, and this requires the erosion or even destruction of the authority of the heads of households, families, communities, and churches.

    This is the underlying motive of most state policies. Public education and welfare serve this destructive purpose, and so do the promotion of feminism, non-discrimination, affirmative action, relativism, and multiculturalism. They all undermine family, community, and church. They "liberate" the individual from the discipline of these institutions, in order to render him "equal," isolated, unprotected, and weak vis-a-vis the state.

    In particular the extension of the multicultural agenda to the area of immigration so lamented by Buchanan is thus motivated. After the erosion of familial, communal, regional, and religious affiliations, a heavy dose of foreign immigrant invasion, especially if it comes from strange and far-away places, is calculated by the ruling neoconservative-social democratic elites to destroy whatever remains of national identities and attachments in order to promote the ultra-statist goal of a US-led multicultural One World Order.

    Even more radically, reviving the West requires that the central nation state be whittled away, and that the restrictive-protective institutions of family, community, and church be restored to their original position as parts of a natural order composed of a multitude of competing jurisdictions and ranks of authority.

    None or little of this should be news to conservatives, yet Buchanan appears to be unaware of it all. To be sure, he offers a few criticisms of democracy, but does not put forward a principled argument. In fact, he claims that "if America has ceased to be a Christian country, it is because she has ceased to be a democratic country." This is an astonishing pronouncement in light of the fact that neither the family nor the Christian church are democratic institutions (and to the extent they are, they are in trouble).

    In any case, Buchanan does not pursue his criticism to an end. There is no hint of anti-statism in his book. The status quo of a central democratic nation state is accepted unquestioningly. The struggle is between Republicans and Democrats, the solution is to come from Washington DC, and Richard Nixon and Ronald Reagan (and to a lesser extent Robert Bork, John Ashcroft, and George W. Bush) are "good guys." Buchanan does not conclude what common sense and theoretical reflection suggest: that both parties, the congress, the supreme court, and the president (and all of his good guys) – the democratic system – may have something to do with the death of the West.

    Nor is Buchanan's failure entirely surprising. One need only recall his attacks on the classic free trade doctrine and the "dead Austrian economist" Mises, or his protectionist pleas to "buy-American." The same ignorance of economic theory displayed in these instances prevents him from penetrating to the essence of the matter at hand.

    Throughout his failed presidential campaigns, Buchanan posed as a revolutionary. In fact, as a statist to the core and life-long fixture of Washington, DC, he is part of the establishment (although he may be its enfant terrible). It is not likely that he will now learn what he has not yet learnt. Instead, he will continue to waste much of his great talent in counter-productive political campaigns and maneuverings. Yet, his Death of the West could become the catalyst for the creation of a genuine counterrevolutionary movement to revive the West, if only the brightest and most curious among its readership recognize the role played in the demise of the West by the state and democracy.

    April 13, 2002

    Hans-Hermann Hoppe, whom Lew Rockwell has called "a national treasure," is senior fellow at the Ludwig von Mises Institute, professor of economics at the University of Nevada, Las Vegas, and editor of The Journal of Libertarian Studies. Democracy: The God That Failed is his eighth book.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Puoi tradurlo in italiano x gli ignoranti(io x primo) a digiuno d'inglese?Dev'essere interessante...Grazie

  3. #3
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Passando da ignorante ad ignorante ......provo io (ahahah
    con una traduzione alquanto improbabile, ma spero di non travisare troppo il filo del discorso

    Introduzione...

    Il nuovo libro di Patrick Buchanan, "La morte dell'Ovest" identifica un problema sociale di prim'ordine, sì da meritarsi la più larga diffusione.

    Identificare un problema non è di per se' un gran merito. Cio che rende rimarcabile il contributo di Buchanan è che indentifica un problema che le elite dominanti ci dicono non esistere, o peggio, non essere un problema, ma una benedizione. Nel clima culturale odierno serve sia coraggio che independenza di pensiero per dire ciò che Buchanan dice.
    Il fatto che questo libro sia un bestseller indica che ci sono ancora molte persone che hanno mantenuto il loro buon senso.

    Buchanan sostiene che l'Occidente, la terra della cristianità, è in rovina. Il tasso di crescita è ovunque sotto i livelli di ripopolamento. E allo stesso tempo, masse di immigrati dal terzo mondo si sono infiltrate in Occidente, dove hanno rabidamente surclassato le popolazioni locali. In un paio di decadi, l'Occidente e i suoi tesori saranno depredati, senza lottare, da persone che sono aliene o ostili alla civilità occidentale. I nostri figli saranno minoranza in terra straniera.

    Questa evoluzione suicida è il culmine di una rivoluzione cultura che Buchanan descrive come la de-cristianizzazione dell'Occidente. Promossa da intellettuali di sinistra e associata agli ideali secolari (quali l'umanismo, il femminismo, l'egalitarismo, il relativismo morale, il multiculturalismo, la liberazione sessuale, e l'edonismo,) la rivoluzione ha eroso la volontà umana di vivere una vita produttiva, moltiplicarsi, e affermare e difendere la propria culutra.

    Le prove che Buchanan porta a supporto della sua tesi sono convicenti. Sfortunatamente la sua risposta no.
    In poche parole, la sua proposta di controrivoluzione consiste nel fare di lui, o qualcuno simile a lui presidente....


    to be continued
    (se ci riesco la parte interessante perchè tutta basata su un'ottica libertaria antistatalista arriva ora)...

  4. #4
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ......

    Egli propone di rinvigorire il partito Repubblicano adottando un programma che preveda un intelligente programma di immigrazione selettiva, l'uscita (e lo smettere di finanziare) dalle organizzazioni internazionali, e il ritiro delle truppe da molte terre straniere. Tutto bene.
    Dall'altro lato, egli propone un governo paternalista ( government family policy??). Un sistema fiscale neutro (forse nd.pIII) basato su tasse sul consumo e importazioni, questa politica dovrebbe eliminare le tasse di successioni per patrimini minori di 5 milioni di dollari, dare detrazioni 3 mila dollari per figlio, e stabilire incentivi fiscali per l'assunzione di lavoratori che porti a privilegiare chi ha figli e i monoredditi.
    Buchanan vorrebbe anche nominare in questo modo i giudici della Suprema Corte, e ovviamente, decentralizzare il sistema di pubblica istruzione.

    Non c'è bisogno di esaminare nel dettaglio questo programma e le sue molte incongruenze. Le sue fondamenta si sgretolano come ovvio non appena si mette a fuoco ciò che non è stato coinvolto (cioè coò che Buchanan non ritiene sia responsabile dei problemi che egli vuole risolvere). Egli crede che la controrivoluzione può essere superata con ento l'intelaiatura istituzionale di una moderna organizzazione statale centralizzata democratica completa del suo cuore gli istituti "sociali" quali la sicurezza pubblica, l'assistenza medica, il sussidio di disoccupazione, e la pubblica istruzione.

    Ma questi passaggi sono in contraddizione con il comune buon senso e con le più elementari teorie economico-politiche, che puntano al democratico welfare state come causa dei problemi.


    Detto ciò passa all'attacco di tale sistema......ma per questo un po' di pazienza (nel frattempo qui s'è scatenato un temporale.....non gartatisco di finire )

  5. #5
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dopo la sosta-temporale continuo


    La democrazia, il governo della maggioranza, necessariamente porta con sè un sistema fiscale coercitivo e la redistribuzione del reddito, cioè, il prendere da qualcuno (i produttori--haver?) e il darlo agli altri (i non produttori). L'incentivo a essere un produttore è ridotto mentre quello a essere un non produttore è aumentato. E dato che ciò che i produttori hanno sono "beni", e ciò che patiscono i non-produttori è "male", il risultato è che questo tipo di ridistribuzione (forzata n.d.PIII) deprime la produzione di "beni" e stimola la produzione di "mali" (....non ho capito che significa haver....so' gnurant ).

    Più in dettaglio, sollevare gli individui dall'obbligo di provvedere al proprio reddito, alla propria salute, alla vecchiaia, all'educazione dei figli, come fa' l'"assicurazione" obbligatoria governativa (meglio statuale) è un sistematico attacco alla responsabilità personale e all'istituzioni (naturali nd.PIII) quali la famiglia, il parentato, la comunità locale e la chiesa. La profondità e l'orizzonte della precauzione privata sono ridotti, e il valore della famiglia, delle relazioni di parentela, dei figli, della comunità e della chiesa sono diminuite. Responsabiltà, previdenza, civiltà, diligenza, e conservatorismo (i beni) sono puniti, gli opposti (i mali) promossi.

    Per risuscitare l'Occidente, queste istituzioni debilitanti devono essere abolite e ritornate nelle mani sicure della previsione, nell'assicurazione e carità privata.


    Ma non solo la democrazia è in errore. Più in profondità, cosa c'è alle radici del problema è l'istituzione "Stato", cioè, un monopolio territoriale obbligatorio con facoltà di ultima decisione (meglio monopolio territoriale della forza?) e arbitarietà assoluta con potere di legiferare e tassare (traduzion pessima, lo sò........ma non me ne veniva nessuna che rendesse l'idea )

    Ci si può solo chiedere come è possibile che le idee deplorate da Buchanan, secolarismo, femminismo, relativismo, mulitculturalismo ecc, possano divenire qualcosa di più che la singola visione di qualche isolato individuo? L'unica risposta ovvia è che solo in virtù del potere, cioè, la capacità di imporre regole uniformi a tutti gli abitanti e alle loro proprietà entro un determinato territorio.
    Se queste idee non fossero incorporate nella legislazione, esse avrebbero fatto poco o nessun danno. Ed è solo lo stato che può legiferare

  6. #6
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by aran banjo
    Puoi tradurlo in italiano x gli ignoranti(io x primo) a digiuno d'inglese?Dev'essere interessante...Grazie


    Aran, guarda che ci sono degli ottimi programmi di traduzione, io ne ho trovato uno che mi risolve il problema, visto che dragone spesso e volentieri posta in inglese, e anch'io come te non ci capisco un acca, con sto programma faccio il copia -incolla e mi traduce il tutto.
    Ciao---pensiero--------

  7. #7
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    Ed ancora più fondamentale far notare che lo stato non è un mero strumento ma è un agente attivo in tutto questo
    La pubblica istruzione, il welfare, e le idee secolariste, relativiste ecc, non hanno dovute essere inserite "a forza" entro lo stato. Lo stato ha i suoi interesse nel promuoverli.

    Se ad una agenzia è permesso legiferare ed imporre tasse, i suoi agenti non userano i loro poteri solo per questo, ma si vedrà una tendenza verso l'aumento di tasse e di portata dell'interferenza legislativa.
    E poichè in quest'opera troveranno l'opposizione dei soggeti al loro potere, e nell'interesse degli agenti di stato indebolire questo potere di resistenza. Questo è nella natura dello stato, aspettarsi dell'altro è errato.

    Questo significa disarmare la cittadinanza. Ma questo significa anche erode ed, in ultima analisi, distruggere tutte le istituzioni "intermedie" come la famiglia, il clan, la tribù, la comunità, l'associazione e la chiesa con la loro legislazione ed organizzazione interna. E anche se solo in limitate aree di giursidizione, queste istituzioni ed autorità rivelaggiano con la pretesa dello stato di essere il "giudice di ultima istanza" in un determinato territorio. Lo stato, per assicurare la sua pretesa di essere l'ultimo a decidere, deve eliminare tutte le giuridizioni ed i giudici indipendenti, e questo richiede la lesione se non la distruzione delle autorità a capo delle famiglie, delle comunità...delle chiese.

    Questo è il motivo recondito di molte politiche statali. La pubblica istruzione ed il welfare sono il mezzo per realizzare questo proposito distruttivo, e così pure la promozione del femminismo, della non-discriminazione, del relativismo e del multiculturalismo. Così minano la famiglia, la comunità e la chiesa.
    Essi "liberano" l'individuo dalla disciplina delle istituzioni (naturali ndPIII), per rendelo "uguale"!, isolato, nonprotetto, e debole in fronte allo stato.

    In particolare l'estensione dell'agenda multiculturale all'area dell'immigrazione, lamentata da Buchanan, si motiva in questo modo. Dopo l'erosione del sentimento familiare, comunale, regionale e religioso, un pesante dose di immigrazione, meglio se proveniente da molto lontano, è quanto voluto dall'elite neocoservativa-socialdemocratica dominante per distruggere ciò che rimane dell'identià nazionale per poter così promuovere un multiculturale Nuovo Ordine Mondiale quidato dagli U.S.A.


    la soluzione..

  8. #8
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by pensiero




    Aran, guarda che ci sono degli ottimi programmi di traduzione, io ne ho trovato uno che mi risolve il problema, visto che dragone spesso e volentieri posta in inglese, e anch'io come te non ci capisco un acca, con sto programma faccio il copia -incolla e mi traduce il tutto.
    Ciao---pensiero--------
    e ma vuoi mettere il bello della traduzione fatta improprio?
    E poi con i traduttori automatici ho visto delle cose che superano di gran lunga le mie cappelle

  9. #9
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pippo III


    e ma vuoi mettere il bello della traduzione fatta improprio?
    E poi con i traduttori automatici ho visto delle cose che superano di gran lunga le mie cappelle

    Uhei, ....Pippo, grazie per l'incoraggiamento che mi dai, io che credevo di aver trovato la soluzione, tu adesso mi metti il dubbio!!!!!, allora...facciamo così....visto che tu ne capisci qualcosa, ogni qualvolta vedi che c'è un post in inglese, tu lo traduci, così ci acconteteremo delle tue cappelle, ok?......
    Bacioni affettuosi, ---pensiero---------

  10. #10
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    Così, più radicalmente, per risuscitare l'Occidente bisogna diminuire l'apparato statale delle nazioni guida (spero di aver trad. giusto ), e che le restrittive-protettive istituzioni della famiglia, della comunità e della chiesa siano ripristinate nella loro posizione originale come parte natuare di un ordine costituito da una moltitudine di giurisdizioni e autorità in competizione fra loro.

    Niente o poco di questo dovrebbe essere nuovo ai conservatori, anche se Buchanan sembra essere poco conscio di tutto ciò. Egli si spinge a muovere alcune critiche alla democrazia, ma non va avanti lungo l'argomento principale. Infatto, egli proclame "se l'America ha cessato di essere un paese cristiano, è perchè ha cessato di essere un paese democratico". Questo è un pronunciamento sconcertante alla luce del fatto che ne la famiglia ne le chiesa cristiana sono istituzioni democratiche (e per esteso, esse sono nei guai).

    In ogni caso, Bucanan non arriva con la sua critica fino in fondo. Non c'è nessun punto di antistatalismo nel suo libro. Lo status quo di una centralizzata nazione democratica è accettato senza discutere. La scelta che ci viene proposta è tra Repubblicani e Democratici, la soluzione ai problemi giungerebbe da Washington Dc, e Richard Nixon e Ronald Reagan (e per estensione in misura minoare Robert Bork, John Ashcroft, e George W. Bush) sono "bravi ragazzi". Buchanan non conclude come il senso comune e le riflessioni teoriche suggerirebbero: che entrambi i partiti, il concresso, la suprema corte, il presidente (e tutti i suoi bravi ragazzi), il sistema democratico insomma, deve avere qualcosa a che fare con la morte dell'Occidente.

    Il fallimento di Buchanan non è interamente una sorpresa. Basterebbe richiamare i suoi attacchi contro il libero mercato e all'"economista austriaco morto" Mises, o il suo protezionismo felice di "comprare americano".La stessa ignoranza mostrata nelle teorie economiche in questo caso gli preclude di penetrare l'essenza della materia in esame.

    Da quando ha fallito alle presidenziali, Buchanan posa come un rivoluzionario. Nei fatti, come statalista che sostiene il cuore e assicura lunga vita a Washinton DC, egli è parte integrante del sistema (al limite ne è l'enfant terrible). Non penso imparerà ciò che non ha fin qui imparato. Invece, continuerò a guastare molto del suo gran talento in controproduttive campagne politche.
    Ancora, il suo "Death of the West" potrebbe divenire il catalizzatore per la creazione di una genuino movimento controrivoluzionario per "risuscitare" l'Occidente, se solo se i più intelligenti e curiosi fra i suoi lettori capiranno il ruolo giocato nella demolizione dell'Occidente dallo stato e dalla democrazia.


    Beh....che dire....come ha detto il Generale...semplicemente grandioso.

    Sa£udi serenissimi da Pippo III.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 01-07-14, 23:29
  2. ke vigore!
    Di PalestinaLibera nel forum Destra Radicale
    Risposte: 145
    Ultimo Messaggio: 21-09-08, 18:27
  3. Restituire fiducia
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 19-07-08, 10:34
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 05-07-04, 18:30
  5. Ma E' In Vigore O No?.........
    Di pensiero nel forum Fondoscala
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 08-02-03, 19:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226