User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Francia e l' "integrazione":20.000 auto all'anno bruciate per vandalismo puro

    Dal Corriere di oggi:

    Criminalità, in Francia vota anche la paura
    Aumento dei reati comuni e allarmismo fanno crescere la protesta e il malessere dell’elettorato


    DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
    PARIGI - Ogni fine settimana, nelle periferie delle città, decine di vetture vengono date alle fiamme. Ventimila all’anno, per vandalismo puro. Una buona notizia per un mercato dell’auto in crisi, ma incubo dei francesi che leggono le statistiche e hanno fatto della criminalità il tema centrale della campagna elettorale.
    L’aumento dei reati fa impressione: oltre quattro milioni, undicimila al giorno, il 7,69 per cento in più nel 2001, con punte record a Parigi, Nizza, Marsiglia e in realtà emergenti come Nantes e Tolosa.
    La domanda di sicurezza condiziona voto e stato d’animo dei francesi.
    Assalti a municipi e stazioni di polizia, scippi e furti, decreti di coprifuoco per i minori, danneggiamenti di treni, metrò, giardini e scuole, popolano le cronache dei giornali, che denunciano anche micro illegalità, corruzione, «clonaggio» di telefonini e carte di credito, truffe, come quella dei cassieri della Tour Eiffel che, in nove anni, hanno intascato l’incasso di 450 mila ingressi, facendo figurare biglietti difettosi nella contabilità.
    Omicidi di poliziotti, rapine finite nel sangue e la strage di Nanterre hanno ammorbato il clima della «Francia felix». Le certezze di un modello sociale sono minate dalla realtà e dalla sua percezione, dall’allarmismo innescato dalle statistiche e nei comizi.
    A Marsiglia, un autista di autobus ha denunciato un’aggressione notturna e l’incendio del mezzo. Poi ha confessato di essersi inventato tutto, con il proposito di essere trasferito dall’abituale percorso nei quartieri a rischio. Poliziotti e gendarmi sfilano in corteo, sotto i Palazzi del potere, chiedendo più mezzi e più soldi. Casalinghe e commercianti dei quartieri periferici mettono in piazza la loro quotidiana paura.
    Le analisi concordano sul disagio giovanile (il suicidio è la seconda causa di morte, dopo gli incidenti stradali), sulla percezione negativa delle autorità, nelle scuole come nei municipi, su una «frattura sociale» di un Paese ricco che non riesce a provvedere a quattro milioni di poveri e a ridurre dolorose disparità, anche nei settori pubblici, come la scuola e la sanità. A Parigi i prezzi delle case sono più alti nei quartieri dove ci sono le scuole migliori. Il sistema sanitario garantisce record di longevità e nascite sane, ma in misura diversa a seconda delle regioni e delle classi sociali.
    Dati economici e statistiche non rompono il silenzio sulla geografia sociale dell’insicurezza. Parigi e le grandi città non sono meno sicure di prima o di altre metropoli europee, ma intere periferie sono diventate territori off limits anche per la polizia. Ad Opera de Massy (Essone), una ventina di giovani sono stati arrestati per aver costituito la «brigata antiflics», una banda protagonista di vandalismi, incendi di autobus e cassonetti dell’immondizia, che accoglieva i poliziotti a colpi di pietre e bottiglie molotov.
    E una nube un po’ ipocrita avvolge le origini dei giovani delle periferie: immigrati, clandestini, maghrebini della seconda e terza generazione, la maggioranza della popolazione carceraria, la maggioranza degli esclusi dalla «Francia felix» e principali indiziati dell’ondata di antisemitismo che ha attraversato in questi mesi il Paese.
    Fenomeno a parte, più complesso della criminalità, poco collegabile ai fantasmi storici dell’estrema destra francese. I giovani della «banlieu» incendiano e assaltano simboli. Reagiscono all’esclusione delimitando il proprio territorio. S’identificano con profughi e vittime del Terzo Mondo. A Melun hanno fatto irruzione nel municipio per imporre un minuto di silenzio per la Palestina. Molti giocano all’intifada, contro il benessere della Francia bianca.

    M. Na.


    «Questo è un Paese dove è impossibile vivere sicuri»
    La provocazione dello scrittore Houellebecq: «Sono stufo di questa sinistra afflitta dai complessi, ipocrita e razzista»


    Sono cittadino francese, cittadino europeo o cittadino del mondo? La terza soluzione, a lungo termine, è probabilmente la migliore; ma la politica non è un’arte di lungo termine, e non deve diventarlo. Nel momento storico in cui viviamo, propenderei per la seconda soluzione: quella europea. La Francia è un’entità che ha smesso di funzionare verso il 1918, di fronte all’orrore della carneficina: nessuna entità politica, in nessun’epoca, ha il diritto di chiedere ai propri cittadini un simile sacrificio. Così, penso che sarei stato favorevole agli accordi di Monaco nel 1938, collaborazionista e pétainista qualche anno dopo. Non sarei stato un pétainista entusiasta, erano pochissimi i pétainisti entusiasti; ma è certo che nessuno aveva più voglia di battersi. Scrivo queste righe dalla Germania. Amo questo Paese, lo sento vicino; so che Jean-Pierre Chevènement, candidato all'Eliseo, ha fama d’essere anti-tedesco. Finora, non ho esposto alcuna delle ragioni che mi spingono a votare per lui. Certo, potrei addurre la rabbia, stabilire la nullità dei suoi principali avversari (il pretesto, sebbene insufficiente, è reale). Credo inutile attardarsi su Chirac: evidentemente, è pronto a dire o a fare più o meno qualsiasi cosa pur di restare al potere. E’ una specie di Mitterrand, in formato più grande e più stupido. Votare Chirac non è neanche votare.
    Il caso di Jospin è più triste. Non metto in dubbio il gusto di quest’uomo per «l'ordine repubblicano», ma lo credo incapace di domare i sauvageons , i selvaggi di periferia, prigioniero com’è della sua alleanza con i Verdi e, più generalmente, dell’appoggio di quella che viene chiamata la «sinistra morale» (quale morale? quale sinistra?). Questo mi sembra sufficiente per squalificarlo; perché mai pagare le tasse se è impossibile vivere sicuri all’interno del territorio che il governo controlla? E’ così che subito si rompe il patto sociale. Per le stesse ragioni legate all’esistenza della «sinistra morale», credo Jospin incapace di mettere in opera una politica d’immigrazione pragmatica, cioè che tenga conto della situazione demografica del Paese e delle sue evoluzioni. Invece, lo ritengo perfettamente capace di avviare misure liberticide, a condizione che la «sinistra morale» non abbia nulla da obiettare.
    Nel 1992, il trattato di Maastricht fu un errore; si sarebbe dovuto rinegoziare, in un senso meno liberale; Chevènement, allora, invitò a votare per il no.
    Passiamo ad altro. Per quanto gli Stati Uniti siano un Paese insopportabile da tutti i punti di vista, la guerra che conducono contro Bin Laden è la nostra guerra. E qualche mese fa Chevènement ha sostenuto l'impegno della Francia al fianco degli Stati Uniti. La guerra del Golfo, invece, comunque la si osservi, non ci riguardava per nulla (certo, era in gioco il petrolio. Se avessimo ascoltato meno gli ecologi e dato la priorità al nucleare, non saremmo a questo punto) e l’impegno della Francia accanto agli Stati Uniti fu comunque un errore. Allora, Chevènement si dimise da ministro della Difesa per protesta.
    Lo sporco piccolo segreto della «sinistra morale» francese è di essere affascinata dall’America, perché in fondo è affascinata dalla forza e dai soldi. Così, va a trastullarsi a Porto Alegre, o a deporre suppliche commoventi sulla scrivania del presidente Bush affinché accordi la grazia a qualche assassino. Ma l’idea che la potenza e la forza possano smettere d’essere americane (che per esempio diventino europee o asiatiche) non la sfiora neanche per un attimo. Se qualcosa come una «terza via» europea deve venir fuori, non bisognerà contare su quella gente per inventarla.
    Per riuscire a capire un’entità tortuosa, ipocrita e perversa come la «sinistra morale», è bene fare una digressione su quel semplice tema che è il razzismo. Infatti, non c'è nulla di più facile da combattere del razzismo. Basta aver messo qualche volta il naso fuori casa per rendersi conto che le differenze individuali all'interno di una razza sono assai più importanti delle differenze razziali.
    Malgrado l’estrema facilità della lotta anti-razzista, malgrado i tanti intellettuali mobilitati a questo scopo, il fallimento, da una ventina d’anni, è totale. Tale fallimento può sorprendere, finché non si realizza (a me ci sono voluti anni) che il vero fine non è di «lottare contro il razzismo», ma di creare un razzismo di tipo nuovo. E’ triste da dire, difficile da credere, ma è vero: a partire da una «identità negra» ampiamente fantasticata, la «sinistra morale» tenta in realtà di creare in Europa un razzismo anti-bianchi; ed essendo questo razzismo poco giustificato come quello contrario, risulta difficile mobilitare le popolazioni.
    Per analogia, questo ci permette di capire l'atteggiamento della «sinistra morale» francese verso gli Stati Uniti. Così come pratica una discriminazione positiva nei confronti della razza nera, essa pratica fin dalla sua origine una discriminazione positiva nei confronti della cultura americana. Il nemico ideale, la sintesi di tutte le abiezioni è il franchouillard : il francese grasso, stupido, brutto, popolare, razzista, volgare, incapace d’imparare l’inglese e che vota generalmente per Le Pen.
    Poco importa se questo tipo di personaggio non esiste quasi più e che sia sempre più chiaramente sostituito da un europeo: finché esisterà, anche la «sinistra morale» potrà continuare ad esistere.
    Si tratta semplicemente di questo? Del desiderio d'esistere anche quando non si ha più nulla da dire? Sì, c'è un patetico desiderio d'esistenza residuale, ma c'è anche, più profondo, un autentico desiderio di scomparire, e tutto questo è già presente in Sartre. Che Sartre sia stato animato, a titolo personale, da un'intensa smania di scomparire, lo si può capire, ed eventualmente compatire; ma in una discussione razionale questo non dovrebbe costituire un argomento.
    L’auspicio segreto della «sinistra morale» presto si realizzerà: confrontata a un orizzonte europeo più ampio, essa sparirà veramente. E con lei spariranno il suo masochismo puerile, la sua colpevolezza truccata, il suo eterno complesso del borghese originale alla ricerca di un proletario introvabile. Ancora, la sua ipocrisia, la sua giudeo-fobia larvata, la sua incredibile condiscendenza nei confronti dei criminali palestinesi, la sua balorda ammirazione per terroristi e assassini; e la sua stupida attrazione per il male; in una parola, il suo insopportabile tanfo cristiano. Abbiamo appena cambiato secolo, stiamo diventando europei e la «sinistra morale» francese sarà presto soltanto un ricordo.
    Michel Houellebecq / Amh
    (traduzione di Daniela Maggioni)

    Niente male l' "integrazione" degli immigrati in Francia?
    Ah...gia',ma dimenticavo che e' colpa nostra che siamo brutti,sporchi,cattivi e razzisti se non si sono integrati...chiaro no?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non a caso gente come Le Pen(e) si aggira intorno al 15% di consensi e sono in aumento.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by ario1
    Eppure la Francia è riuscita a dare di s'è una immgine di " Paese sicuro dove la legge funziona " I francesi sanno fare marketing sia per il loro Paese che per i loro prodotti molto meglio di quanto lo facciano gli altri. Il loro Champagne non è migliore del Prosecco..... ma è Champagne !!!
    basta non berlo......io preferisco il Moscato , il Clinto e il Fragolino..... vini non nobili mà VERI..........

  4. #4
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Shaytan
    Non a caso gente come Le Pen(e) si aggira intorno al 15% di consensi e sono in aumento.




    Beh, pare vada al ballottaggio con Chirac, notizia a dir poco straordinaria, visto come si stavano mettendo le cose, forse è meglio così.
    ----pensiero--------

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    317
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by pensiero



    Beh, pare vada al ballottaggio con Chirac, notizia a dir poco straordinaria, visto come si stavano mettendo le cose, forse è meglio così.
    ----pensiero--------
    Il rischio che si corre in questo caso (e che corriamo anche noi qui in itaglia) è quello di vedere affermarsi sempre di più in tutta europa dei movimenti nazionalisti.
    Se così fosse, credo che per noi e per tutti i movimenti autonomisti, il prossimo futuro non sarà tanto roseo.
    Meditate gente.
    Padania libera.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Padova
    Messaggi
    498
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Stefano

    Il rischio che si corre in questo caso (e che corriamo anche noi qui in itaglia) è quello di vedere affermarsi sempre di più in tutta europa dei movimenti nazionalisti.
    Se così fosse, credo che per noi e per tutti i movimenti autonomisti, il prossimo futuro non sarà tanto roseo.
    Meditate gente.
    Padania libera.
    Forse per quanto riguarda Le Pen e la sua visione nazionalista, che non prevede devoluzioni tipo quella che sarebbe dovuta ai corsi, hai ragione, per quanto riguarda Stoiber la situazione mi pare un po diversa, con delle proposte piu' orientate verso un'europa dei popoli.

  7. #7
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by brave_heart


    Forse per quanto riguarda Le Pen e la sua visione nazionalista, che non prevede devoluzioni tipo quella che sarebbe dovuta ai corsi, hai ragione, per quanto riguarda Stoiber la situazione mi pare un po diversa, con delle proposte piu' orientate verso un'europa dei popoli.

    Beh, ma cazzo, ognuno penserà al suo paese, cosa c'entra adesso Le Pen con le ns. regioni?
    Mica noimettiamo lingua in Francia?
    E' in Europa che ci serve la destra, contro sta invasione soprattutto!!!!! al momento è la cosa più pericolosa, cosa mi interessa di avere la libertà se è condizionata da un'infinità di allogeni.
    ----pensiero--------

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Padova
    Messaggi
    498
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by pensiero



    Beh, ma cazzo, ognuno penserà al suo paese, cosa c'entra adesso Le Pen con le ns. regioni?
    Mica noimettiamo lingua in Francia?
    E' in Europa che ci serve la destra, contro sta invasione soprattutto!!!!! al momento è la cosa più pericolosa, cosa mi interessa di avere la libertà se è condizionata da un'infinità di allogeni.
    ----pensiero--------
    Ops, pensiero, hai detto "cazzo"!!???

    Comunque io facevo solo delle precisazioni riguardanti i post precedenti.
    E cerchiamo di ficcarci nella testolina, che gli immigrati non sono l'unico pericolo per noi.
    Il vero e fondante pericolo, padre di tutti i pericoli, immigrazione compresa, è la negazione della libertà dei popoli, i quali, se venissero finalmente riconosciuti e si assumessero i propri diritti, sarebbero poi liberi anche di decidere sull'immigrazione.

    Mentre Le Pen, sarà anche contro l'immigrazione, ma è anche favorevole agli stati nazione, che se in francia fa lo stesso, qui da noi ha causato danni da far paura, immigrazione di dx compresa ( vedi attuale governo).
    per cui, a mio modesto parere, la questione non è, meglio dx che sx, tanto esse sono uguali nel negare libertà di autogovernarsi, ma di chi vuole un'europa dei popoli, e chi no.

    Poi se vi accontentate di una battaglia sull'immigrazione, magari a prezzo di un'ulteriore pietra tombale sul concetto di mitteleuropa dei popoli, contenti voi........

    E nel caso, cominciate almeno a non sputare su chi , come Haider, è sia contro l'immigrazione selvaggia, sia favorevole all'europa dei popoli.


    ............tanto adesso arriverà il "controordinen cameraten" di Bossi, che rinnegherà anche Le Pen, come Haider prima, tranquilli quindi prima di prendere "posizionen".......

 

 

Discussioni Simili

  1. Capodanno: duemila auto bruciate in Francia
    Di taxydriver nel forum Cronaca
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 07-01-13, 21:07
  2. Francia : bruciate 1447 auto durante la notte di capodanno.
    Di Donald 2 nel forum Politica Estera
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 04-01-09, 10:28
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 03-10-07, 16:04
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-04-02, 14:05
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-04-02, 11:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226