User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Lega e' razzista:lo dice una commissione europea composta da membri "indipendenti"

    Il Consiglio d’Europa: la Lega è razzista e xenofoba
    Un rapporto esprime timori anche per la «coalizione di governo». Il giallo del mancato veto dall’Italia


    DAL NOSTRO INVIATO
    STRASBURGO - Chissà se al ministero degli Esteri e al ministero della Giustizia il documento della Commissione contro il razzismo e l’intolleranza,organismo «composto da membri indipendenti» e riconosciuto dal Consiglio d’Europa, è stato letto con la dovuta attenzione. E se è stato letto, chissà chi lo ha letto. Chissà poi come i due rappresentanti italiani nella Commissione, l’ambasciatore Claudio Moreno fino al primo gennaio e l’ambasciatore Vitaliano Esposito dopo, entrambi di designazione governativa, hanno mandato giù il boccone amaro del punto 73.
    C’è da chiederselo per due buoni motivi. Primo: perché questo documento «aggiornato al 22 giugno 2001» ma che oggi acquista ufficialità a Strasburgo con la presentazione ai parlamentari di 44 Paesi, il secondo rapporto sull’Italia che porta il timbro di una istituzione europea - conviene sottolineare che la Commissione lavora in nome e per conto del Consiglio d’Europa - chiama in causa un movimento, la Lega, che con tre ministri nell’esecutivo è parte importante dell’attuale maggioranza e lo chiama in causa per dire che è «razzista e xenofobo». Secondo motivo: perché sia il ministero degli Esteri sia il ministero della Giustizia (quali uffici?) avrebbero potuto bloccarne con il veto la adozione da parte del Comitato dei ministri d’Europa, invece da Roma sono state suggerite parziali modifiche allegate come «osservazioni» e nulla più. Anzi: «il seguente allegato (le osservazioni del governo italiano) non costituisce parte integrante dell’analisi e delle proposte dell’Ecri (la Commissione Europea contro il razzismo e l’intolleranza)». Che sia un autogol (superficialità nei ministeri?), che sia un atto d’accusa sfuggito o non portato al vaglio dei responsabili politici dei due ministeri, resta la considerazione che su un documento con il timbro di una istituzione europea ci sono affermazioni imbarazzanti per l’Italia. Punto 73, stilettata numero uno: «Gli esponenti della Lega Nord hanno fatto un uso particolarmente intenso della propaganda razzista e xenofoba, quantunque si debba notare che anche dei membri di altri partiti hanno ugualmente utilizzato un discorso politico xenofobo o in altra maniera intollerante. L’Ecri (la Commissione) esprime la propria inquietudine di fronte alla influenza esercitata da tali partiti su tutta la sfera politica». Punto 73 stilettata numero due: l’Ecri (European Commission against Racism and Intolerance) «teme a tal proposito che i politici, nella speranza di ottenere il sostegno di fasce importanti della popolazione ritenute ostili agli stranieri, possano essere tentati di allontanarsi sempre di più dal concetto di società basata sui principi della giustizia e della solidarietà per tutti i suoi membri». Punto 73, stilettata numero tre: «L’Ecri è allarmata dalla partecipazione alle coalizioni governative di partiti politici i cui membri hanno fatto ricorso alla propaganda xenofoba e intollerante». Punto 73 stilettata numero quattro, la più grave in quanto formalmente arriva dal Consiglio d’Europa seppure attraverso una Commissione: «L’Ecri si dichiara preoccupata per la nuova coalizione di governo costituita in Italia nel giugno 2001».
    Incidente di percorso? Caso politico ? Mancato controllo? Il senatore leghista Fiorello Provera, presidente della Commissione Esteri di Palazzo Madama presente a Strasburgo per la seconda sessione plenaria del Consiglio d’Europa e tenuto fino all’ultimo all’oscuro del rapporto parla di possibili «diffamazioni e persecuzioni ai danni di partiti di governo» e minaccia di aprire una vertenza oltre che politica anche giudiziaria. Contro chi? Certo è che qualcosa nei rituali politici, amministrativi e diplomatici, che accompagnano questi atti non ha preso per il governo italiano la piega giusta e l’indirizzo corretto. Persino nell’allegato dal titolo «osservazioni presentate dalle autorità italiane» (osservazioni che non modificano di una virgola la stesura originale del testo perché l’assenza di un veto le ha relegate a una sorta di appendice) in ultima pagina vi è una «dimenticanza». Le «autorità italiane» (quali?) sottolineano che «nessun partito politico in Italia, nel suo programma o nel suo comportamento, si ispira alla intolleranza razziale e xenofoba». Le «autorità italiane» chiedono una nuova formulazione del punto 73 e la soppressione di ogni riferimento alla Lega Nord ma scivolano, nel senso che non si accorgono e dunque non ne sollecitano un cambiamento, sulla stilettata numero quattro, quella politicamente più pesante e impegnativa: la Commissione «si dichiara preoccupata per la nuova coalizione di governo costituita in Italia». Alla Farnesina hanno letto? E chi ha letto?


    Sarebbe "interessante" sapere chi siano e quale estrazione politica abbiao,questi cosiddetti "membri indipendenti".
    Comunque oltre al danno anche la beffa nel senso che almeno a Le Pen,Haider e soci gli affibiano accuse di xenofobia e razzismo,ma almeno hanno parecchi voti,la Lega invece viene bersagliata per il suo misero 3,9%.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    >Sarebbe "interessante" sapere chi siano
    >e quale estrazione politica abbiao

    Eccovi la lista. Perche' il rappresentante
    itagliano non ha protestato? Forse il fatto
    che si chiami Vito Esposito vi suggerisce niente?
    Per qualche motivo, e' l'unico che non ha
    dichiarato ne' indirizzo (chissa' da che citta' arriva
    Vito Eshhposito...) ne' titolo di studio
    (se ce l'ha), ne' occupazione (se ce l'ha).

    Per chi vuole leggerselo, il documento e' qui:

    http://www.coe.int/t/E/human_rights/...CBC2-Italy.pdf


    Andorra
    Mr Joan FORNER ROVIRA,
    ANDORRA

    Armenia
    Mr Vigen KOCHARYAN,
    Associate Professor, Faculty of Law, State University, YEREVAN

    Austria
    Professor Stefan KARNER
    Ludwig Boltzmann Institut für Kriegsfolgen-Forschung, GRAZ

    Azerbaijan
    Mr Latif H. HUSSEINOV,
    Head of the Department on Constitutional Law of the National Assembly, BAKU

    Belgium
    Monsieur Johan LEMAN
    Directeur du Centre pour l'Egalité des Chances et la Lutte contre le racisme, BRUXELLES

    Bulgaria
    M. Luben KOULICHEV
    National Assembly of the Republic of Bulgaria, SOFIA

    Croatia
    Ms Maja SERSIC
    Professor, International Law Department at the Faculty of Laws, University of Zagreb, ZAGREB

    Cyprus
    Ms Maro CLERIDES-TSIAPPAS
    Counsel for the Republic of Cyprus, NICOSIA

    Czech Republic
    Mr Dalibor JILEK,
    Head of the International and European Law Department, Faculty of Law of the Masaryk University,
    BRNO

    Denmark
    Professor Eva SMITH ASMUSSEN
    Retsvidenskabeligt Institut, COPENHAGEN

    Estonia
    Mr Mart NUTT
    Member of Parliament, TALLINN

    Finland
    Mr Lauri HANNIKAINEN
    Senior Researcher, Northern Institute for Environmental and Minority Law, Arctic Centre,
    ROVANIEMI

    France
    Madame Martine VALDES-BOULOUQUE
    Inspecteur des Services Judiciaires, PARIS
    (ECRI Bureau Member)

    Georgia
    Mr Levan ALEXIDZE
    Head of Chair of International Law, Tbilisi State University, TBILISI

    Germany
    Mr Klaus STOLTENBERG
    Ministerialdirigent, Bundesministerium der Justiz, BONN

    Greece
    Mr Nikos FRANGAKIS
    Vice-Président de la Commission Nationale pour les Droits de l'Homme, ATHENS

    Hungary
    Mr Jenö KALTENBACH
    Parliamentary Commissioner for National, Ethnic and Minority Rights, BUDAPEST
    (1st Vice-Chair)

    Iceland
    Reverend Baldur KRISTJÁNSSON
    THORLÁKSHÖFN

    Ireland
    Mr Seamus CULLIMORE
    DUBLIN

    Italy
    Monsieur Vitaliano ESPOSITO

    Latvia
    Ms Ruta MARJASA
    Lawyer, RIGA

    Liechtenstein
    Monsieur Hans BRUNHART
    Ancien Chef du Gouvernement, Euroconsult AG, SCHAAN

    Lithuania
    Mr Remigijus MOTUZAS

    Luxembourg
    Monsieur Roger LINSTER
    Luxembourg
    (ECRI Bureau Member)

    Malta
    Dr Godwin MUSCAT-AZZOPARDI
    Judge, VALLETTA

    Moldova
    Professeur Victor VOLCINSCHI
    Universitatea de Stat din Moldov, CHISINAU

    Netherlands
    Ms Winnie SORGDRAGER
    Senator, Former Minister of Justice, DEN HAAG
    (ECRI Bureau Member)

    Norway
    Mr Petter DREFVELIN
    Director General, Department of Saami and Minority Affairs, OSLO

    Poland
    Professor Andrzej SICINSKI
    Fundacja Kultury, WARSAW

    Portugal
    Monsieur Fernando FERREIRA RAMOS
    Juge de la Cour Suprême de Justice, LISBOA

    Romania
    Professeur Raluca BESTELIU
    Professeur en Droit International Public, Ancien juge ad-hoc à la Cour européenne des Droits de
    l'Homme, BUCAREST

    Slovakia
    Professor Juraj SVEC
    Department of Oncology, Faculty of Medicine, Comenius University, BRATISLAVA

    Slovenia
    Ms Alenka PUHAR
    Journalist-Publicist, LJUBLJANA
    (2nd Vice-Chair)

    Spain
    Mr Tomás CALVO BUEZAS
    Catedrático de Antropología Social, Facultad de Ciencias Políticas y Sociología, MADRID

    Sweden
    Ms Margareta WADSTEIN
    Ombudsman against Ethnic Discrimination, STOCKHOLM
    (ECRI Bureau Member)

    Switzerland
    Professeur Joseph VOYAME
    SAINT-BRAIS

    "The Former Yugoslav Republic of
    Macedonia"
    Dr Ljubomir DANAILOV FRCKOSKI
    Professor of Public International Law, Law Faculty, SKOPJE

    Turkey
    Professor Gün KUT
    Bogaziçi University, Faculty of Political Science, ISTANBUL

    Ukraine
    Dr Ihor LOSSOVSKYI
    Head of the OSCE and the Council of Europe Division, Euro-Atlantic Cooperation Department,
    KYIV

    United Kingdom
    Mr Michael E. HEAD
    WOKING
    Chair of ECRI

  3. #3
    Nebbia
    Ospite

    Predefinito

    Che dire? oramai l'aggettivo razzista è una etichettatura che viene elargita con non troppa difficoltà a chiunque si opponga ad un disegno mondialista e devastante quale la globalizzazione!
    Se questo è il metro di misura col quale definiscono la Lega razzista allora va da se che molti leghisti prima di aderire alle etichettature altrettanto forzate che vengono affibiate ad altri partiti come quello di Le Pen ci pensino un momentino su !!!

  4. #4
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La Lega e' razzista:lo dice una commissione europea composta da membri "indipendenti"

    Originally posted by Dragonball
    [B]

    Sarebbe "interessante" sapere chi siano e quale estrazione politica abbiao,questi cosiddetti "membri indipendenti".
    Comunque oltre al danno anche la beffa nel senso che almeno a Le Pen,Haider e soci gli affibiano accuse di xenofobia e razzismo,ma almeno hanno parecchi voti,la Lega invece viene bersagliata per il suo misero 3,9%.
    perche' ( ed e' una certificazione internazionale ... ) la lega ha saputo spendere politicamente meglio il suo poco ...

    due sole note..
    a) ' l' impero ' e' sempre piu' grosso ma ha sempre piu' paura...
    b) bossi ha un modo facile per 'educare' certi furbeschi funzionarii e per verificare la lealta' di berlusconi ..
    ...vada dal 'ministro degli esteri' e chieda la testa dei funzionarii incapaci e infedeli al governo .

  5. #5
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by aussiebloke
    >Sarebbe "interessante" sapere chi siano
    >e quale estrazione politica abbiao

    Eccovi la lista. Perche' il rappresentante
    itagliano non ha protestato? Forse il fatto
    che si chiami Vito Esposito vi suggerisce niente?
    Per qualche motivo, e' l'unico che non ha
    dichiarato ne' indirizzo (chissa' da che citta' arriva
    Vito Eshhposito...) ne' titolo di studio
    (se ce l'ha), ne' occupazione (se ce l'ha).

    Per chi vuole leggerselo, il documento e' qui:

    http://www.coe.int/t/E/human_rights/...CBC2-Italy.pdf


    Andorra
    Mr Joan FORNER ROVIRA,
    ANDORRA

    Armenia
    Mr Vigen KOCHARYAN,
    Associate Professor, Faculty of Law, State University, YEREVAN

    Austria
    Professor Stefan KARNER
    Ludwig Boltzmann Institut für Kriegsfolgen-Forschung, GRAZ

    Azerbaijan
    Mr Latif H. HUSSEINOV,
    Head of the Department on Constitutional Law of the National Assembly, BAKU

    Belgium
    Monsieur Johan LEMAN
    Directeur du Centre pour l'Egalité des Chances et la Lutte contre le racisme, BRUXELLES

    Bulgaria
    M. Luben KOULICHEV
    National Assembly of the Republic of Bulgaria, SOFIA

    Croatia
    Ms Maja SERSIC
    Professor, International Law Department at the Faculty of Laws, University of Zagreb, ZAGREB

    Cyprus
    Ms Maro CLERIDES-TSIAPPAS
    Counsel for the Republic of Cyprus, NICOSIA

    Czech Republic
    Mr Dalibor JILEK,
    Head of the International and European Law Department, Faculty of Law of the Masaryk University,
    BRNO

    Denmark
    Professor Eva SMITH ASMUSSEN
    Retsvidenskabeligt Institut, COPENHAGEN

    Estonia
    Mr Mart NUTT
    Member of Parliament, TALLINN

    Finland
    Mr Lauri HANNIKAINEN
    Senior Researcher, Northern Institute for Environmental and Minority Law, Arctic Centre,
    ROVANIEMI

    France
    Madame Martine VALDES-BOULOUQUE
    Inspecteur des Services Judiciaires, PARIS
    (ECRI Bureau Member)

    Georgia
    Mr Levan ALEXIDZE
    Head of Chair of International Law, Tbilisi State University, TBILISI

    Germany
    Mr Klaus STOLTENBERG
    Ministerialdirigent, Bundesministerium der Justiz, BONN

    Greece
    Mr Nikos FRANGAKIS
    Vice-Président de la Commission Nationale pour les Droits de l'Homme, ATHENS

    Hungary
    Mr Jenö KALTENBACH
    Parliamentary Commissioner for National, Ethnic and Minority Rights, BUDAPEST
    (1st Vice-Chair)

    Iceland
    Reverend Baldur KRISTJÁNSSON
    THORLÁKSHÖFN

    Ireland
    Mr Seamus CULLIMORE
    DUBLIN

    Italy
    Monsieur Vitaliano ESPOSITO

    Latvia
    Ms Ruta MARJASA
    Lawyer, RIGA

    Liechtenstein
    Monsieur Hans BRUNHART
    Ancien Chef du Gouvernement, Euroconsult AG, SCHAAN

    Lithuania
    Mr Remigijus MOTUZAS

    Luxembourg
    Monsieur Roger LINSTER
    Luxembourg
    (ECRI Bureau Member)

    Malta
    Dr Godwin MUSCAT-AZZOPARDI
    Judge, VALLETTA

    Moldova
    Professeur Victor VOLCINSCHI
    Universitatea de Stat din Moldov, CHISINAU

    Netherlands
    Ms Winnie SORGDRAGER
    Senator, Former Minister of Justice, DEN HAAG
    (ECRI Bureau Member)

    Norway
    Mr Petter DREFVELIN
    Director General, Department of Saami and Minority Affairs, OSLO

    Poland
    Professor Andrzej SICINSKI
    Fundacja Kultury, WARSAW

    Portugal
    Monsieur Fernando FERREIRA RAMOS
    Juge de la Cour Suprême de Justice, LISBOA

    Romania
    Professeur Raluca BESTELIU
    Professeur en Droit International Public, Ancien juge ad-hoc à la Cour européenne des Droits de
    l'Homme, BUCAREST

    Slovakia
    Professor Juraj SVEC
    Department of Oncology, Faculty of Medicine, Comenius University, BRATISLAVA

    Slovenia
    Ms Alenka PUHAR
    Journalist-Publicist, LJUBLJANA
    (2nd Vice-Chair)

    Spain
    Mr Tomás CALVO BUEZAS
    Catedrático de Antropología Social, Facultad de Ciencias Políticas y Sociología, MADRID

    Sweden
    Ms Margareta WADSTEIN
    Ombudsman against Ethnic Discrimination, STOCKHOLM
    (ECRI Bureau Member)

    Switzerland
    Professeur Joseph VOYAME
    SAINT-BRAIS

    "The Former Yugoslav Republic of
    Macedonia"
    Dr Ljubomir DANAILOV FRCKOSKI
    Professor of Public International Law, Law Faculty, SKOPJE

    Turkey
    Professor Gün KUT
    Bogaziçi University, Faculty of Political Science, ISTANBUL

    Ukraine
    Dr Ihor LOSSOVSKYI
    Head of the OSCE and the Council of Europe Division, Euro-Atlantic Cooperation Department,
    KYIV

    United Kingdom
    Mr Michael E. HEAD
    WOKING
    Chair of ECRI
    OLLLAAAA...che nutrita schiera di TESTE DI MEMBRO !!!!

    sopratutto il vitaliano (un cognome... un programma )
    esposito (un nome... un terrone )
    IN MINIERAAAAAAA!!!

  6. #6
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nel rapporto sulla situazione italiana gli esperti
    denunciano varie discriminazioni a danno di extracomunitari
    Il Consiglio d'Europa avverte:la Lega è razzista e xenofoba


    --------------------------------------------------------------------------------
    BRUXELLES - Il Consiglio d'Europa lancia l'"allarme Lega" che definisce "razzista e xenofoba". Nel rapporto della "Commissione europea contro il razzismo e l'intolleranza" (Ecri), l'organo di esperti indipendenti del Consiglio d'Europa, che in una trentina di pagine analizza la situazione italiana fino al giugno 2001, sottolinea "la persistenza di problemi di razzismo e di xenofobia che riguardano gli extracomunitari, specialmente albanesi, e i Rom, italiani o meno. Tali problemi si manifestano in forme diverse, comprendenti in particolare pregiudizi sociali, atti di discriminazione ed episodi di violenza, talvolta anche da parte della polizia".

    Gli esperti del Consiglio d'Europa - l'organismo basato a Strasburgo che riunisce 43 Stati membri impegnati nella difesa dei diritti dell'uomo - sottolineano anche "il ruolo svolto nel determinare tale situazione dalla propaganda di provocazione razzista e xenofoba condotta da certi leader politici". E qui si apre lo spinoso capitolo Lega. L'Ecri, infatti, lancia un preoccupato allarme per "il diffuso utilizzo di propaganda razzista e xenofoba da parte di esponenti di certi partiti politici italiani, che presenta gli immigrati extracomunitari come responsabili del degrado delle condizioni di sicurezza, della disoccupazione e li dipinge come una minaccia per la difesa dell'identità nazionale".

    "Gli esponenti della Lega Nord - sostengono gli esperti - hanno fatto un uso particolarmente intenso di questo tipo di propaganda, ma va notato che anche altri partiti hanno usato un linguaggio politico xenofobo o in altra maniera intollerante". Contro costoro qualcuno dovrebbe intervenire, suggerisce la Commissione: "Le autorità italiane - conclude il rapporto - potrebbero adottare dei provvedimenti ad hoc più espressamente mirati a lottare contro l'uso di discorsi provocatori di tipo razzista o xenofobo da parte di esponenti di partiti politici".

    L'Ecri ha quindi verificato episodi di discriminazione nei confronti di extracomunitari nell'area della giustizia (trattamenti non conformi alle procedure e sentenze più severe), dell'accesso ai servizi pubblici (alloggi di peggiore qualità e più cari di quelli degli italiani della stessa fascia di reddito, proibizione di ingresso in luoghi pubblici), dell'occupazione (lavori poco qualificati e meno retribuiti) e dell'istruzione (sforzi insufficienti per garantire ai bambini extracomunitari accesso e condizioni minime indispensabili).

    Tra tutti i discriminati quelli trattati peggio sarebbero i Rom, che vivono "una situazione di segregazione effettiva in Italia, che sembra riflettere l'atteggiamento delle autorità nazionali che considerano i Rom come nomadi desiderosi di vivere in accampamenti". Le condizioni di vita dei circa 120 mila Rom che secondo le stime ufficiali vivono accampati in Italia sono "estremamente disagiate, a causa dell'assenza di infrastrutture e di impianti di base, e non si notano grandi differenze tra accampamenti autorizzati e non".

    (23 aprile 2002)


    Eh gia'!Che cattiva questa Lega che "perseguita" queste "povere vittime" extracomunitarie!
    E poi volete mettere questi 120.000 rom?Poverini!Altro che roulotte!Secondo la commissione,dovrebbero essere mantenuti tutti all'Hilton!Altrimenti siamo razzisti...

  7. #7
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Dragonball
    [

    Eh gia'!Che cattiva questa Lega che "perseguita" queste "povere vittime" extracomunitarie!
    E poi volete mettere questi 120.000 rom?Poverini!Altro che roulotte!Secondo la commissione,dovrebbero essere mantenuti tutti all'Hilton!Altrimenti siamo razzisti...
    [/B]
    e poi ci sono dei ' benpensanti' ( anche 'padanisti ..) .che pensano appunto ' bene' ... che cioe' queste dotte cazzate vengono giu' dai pulpiti del sistema mondialista per caso .(.... anzi per colpa nostra ... )

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La Lega e' razzista:lo dice una commissione europea composta da membri "indipendenti"

    Originally posted by Dragonball
    Il Consiglio d’Europa: la Lega è razzista e xenofoba
    Un rapporto esprime timori anche per la «coalizione di governo». Il giallo del mancato veto dall’Italia


    DAL NOSTRO INVIATO
    STRASBURGO - Chissà se al ministero degli Esteri e al ministero della Giustizia il documento della Commissione contro il razzismo e l’intolleranza,organismo «composto da membri indipendenti» e riconosciuto dal Consiglio d’Europa, è stato letto con la dovuta attenzione. E se è stato letto, chissà chi lo ha letto. Chissà poi come i due rappresentanti italiani nella Commissione, l’ambasciatore Claudio Moreno fino al primo gennaio e l’ambasciatore Vitaliano Esposito dopo, entrambi di designazione governativa, hanno mandato giù il boccone amaro del punto 73.
    C’è da chiederselo per due buoni motivi. Primo: perché questo documento «aggiornato al 22 giugno 2001» ma che oggi acquista ufficialità a Strasburgo con la presentazione ai parlamentari di 44 Paesi, il secondo rapporto sull’Italia che porta il timbro di una istituzione europea - conviene sottolineare che la Commissione lavora in nome e per conto del Consiglio d’Europa - chiama in causa un movimento, la Lega, che con tre ministri nell’esecutivo è parte importante dell’attuale maggioranza e lo chiama in causa per dire che è «razzista e xenofobo». Secondo motivo: perché sia il ministero degli Esteri sia il ministero della Giustizia (quali uffici?) avrebbero potuto bloccarne con il veto la adozione da parte del Comitato dei ministri d’Europa, invece da Roma sono state suggerite parziali modifiche allegate come «osservazioni» e nulla più. Anzi: «il seguente allegato (le osservazioni del governo italiano) non costituisce parte integrante dell’analisi e delle proposte dell’Ecri (la Commissione Europea contro il razzismo e l’intolleranza)». Che sia un autogol (superficialità nei ministeri?), che sia un atto d’accusa sfuggito o non portato al vaglio dei responsabili politici dei due ministeri, resta la considerazione che su un documento con il timbro di una istituzione europea ci sono affermazioni imbarazzanti per l’Italia. Punto 73, stilettata numero uno: «Gli esponenti della Lega Nord hanno fatto un uso particolarmente intenso della propaganda razzista e xenofoba, quantunque si debba notare che anche dei membri di altri partiti hanno ugualmente utilizzato un discorso politico xenofobo o in altra maniera intollerante. L’Ecri (la Commissione) esprime la propria inquietudine di fronte alla influenza esercitata da tali partiti su tutta la sfera politica». Punto 73 stilettata numero due: l’Ecri (European Commission against Racism and Intolerance) «teme a tal proposito che i politici, nella speranza di ottenere il sostegno di fasce importanti della popolazione ritenute ostili agli stranieri, possano essere tentati di allontanarsi sempre di più dal concetto di società basata sui principi della giustizia e della solidarietà per tutti i suoi membri». Punto 73, stilettata numero tre: «L’Ecri è allarmata dalla partecipazione alle coalizioni governative di partiti politici i cui membri hanno fatto ricorso alla propaganda xenofoba e intollerante». Punto 73 stilettata numero quattro, la più grave in quanto formalmente arriva dal Consiglio d’Europa seppure attraverso una Commissione: «L’Ecri si dichiara preoccupata per la nuova coalizione di governo costituita in Italia nel giugno 2001».
    Incidente di percorso? Caso politico ? Mancato controllo? Il senatore leghista Fiorello Provera, presidente della Commissione Esteri di Palazzo Madama presente a Strasburgo per la seconda sessione plenaria del Consiglio d’Europa e tenuto fino all’ultimo all’oscuro del rapporto parla di possibili «diffamazioni e persecuzioni ai danni di partiti di governo» e minaccia di aprire una vertenza oltre che politica anche giudiziaria. Contro chi? Certo è che qualcosa nei rituali politici, amministrativi e diplomatici, che accompagnano questi atti non ha preso per il governo italiano la piega giusta e l’indirizzo corretto. Persino nell’allegato dal titolo «osservazioni presentate dalle autorità italiane» (osservazioni che non modificano di una virgola la stesura originale del testo perché l’assenza di un veto le ha relegate a una sorta di appendice) in ultima pagina vi è una «dimenticanza». Le «autorità italiane» (quali?) sottolineano che «nessun partito politico in Italia, nel suo programma o nel suo comportamento, si ispira alla intolleranza razziale e xenofoba». Le «autorità italiane» chiedono una nuova formulazione del punto 73 e la soppressione di ogni riferimento alla Lega Nord ma scivolano, nel senso che non si accorgono e dunque non ne sollecitano un cambiamento, sulla stilettata numero quattro, quella politicamente più pesante e impegnativa: la Commissione «si dichiara preoccupata per la nuova coalizione di governo costituita in Italia». Alla Farnesina hanno letto? E chi ha letto?


    Sarebbe "interessante" sapere chi siano e quale estrazione politica abbiao,questi cosiddetti "membri indipendenti".
    Comunque oltre al danno anche la beffa nel senso che almeno a Le Pen,Haider e soci gli affibiano accuse di xenofobia e razzismo,ma almeno hanno parecchi voti,la Lega invece viene bersagliata per il suo misero 3,9%.
    Finalmente! Alle prossime elezioni,chiediamo che l'ECRI da quel punto archimedeo che è l'Europa, che tutto vede, che tutto sa, e che tutto potrebbe dirigere con saggezza,lungimiranza,bontà e giustizia, nomini i rappresentanti del popolo italiano, questo soggetto debole e ignaro, desideroso di essere forgiato dal Verbo di quel multiculturalismo così ostruito da chi si ostina a diffidare della verità. L'immigrazione è ricchezza, come fate a non capire? Perchè continuate a guardare quegli stupidi dati statistici sulla criminalità che colpevolizzano poveri allogeni il cui solo obiettivo filantropico è offrirci la possibilità di discolparci delle nostre malefatte storiche e disperderci in un meraviglioso universo relativista, quello che da sempre sognamo, quello da cui dipende il progresso della nostra terra? Perchè continuiamo a opporci alla nostra decadenza, a quest'eutanasia così dolce in cui ci viene iniettata manodopera a basso costo, rabbia sociale necessaria a quel nichilismo di cui vogliam portare il vessillo, il dolce miele delle altrui religioni che ci confermano del fatto che la nostra non sia che una semplice opinione, per di più ostacolo al trionfo pieno del cosmopolitismo, dove tutti saremo buoni.Buoni. Buoni.

  9. #9
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by aussiebloke


    Andorra
    Mr Joan FORNER ROVIRA,
    ANDORRA

    Armenia
    Mr Vigen KOCHARYAN,
    Associate Professor, Faculty of Law, State University, YEREVAN

    Austria
    Professor Stefan KARNER
    Ludwig Boltzmann Institut für Kriegsfolgen-Forschung, GRAZ

    Azerbaijan
    Mr Latif H. HUSSEINOV,
    Head of the Department on Constitutional Law of the National Assembly, BAKU

    Belgium
    Monsieur Johan LEMAN
    Directeur du Centre pour l'Egalité des Chances et la Lutte contre le racisme, BRUXELLES

    Bulgaria
    M. Luben KOULICHEV
    National Assembly of the Republic of Bulgaria, SOFIA

    Croatia
    Ms Maja SERSIC
    Professor, International Law Department at the Faculty of Laws, University of Zagreb, ZAGREB

    Cyprus
    Ms Maro CLERIDES-TSIAPPAS
    Counsel for the Republic of Cyprus, NICOSIA

    Czech Republic
    Mr Dalibor JILEK,
    Head of the International and European Law Department, Faculty of Law of the Masaryk University,
    BRNO

    Denmark
    Professor Eva SMITH ASMUSSEN
    Retsvidenskabeligt Institut, COPENHAGEN

    Estonia
    Mr Mart NUTT
    Member of Parliament, TALLINN

    Finland
    Mr Lauri HANNIKAINEN
    Senior Researcher, Northern Institute for Environmental and Minority Law, Arctic Centre,
    ROVANIEMI

    France
    Madame Martine VALDES-BOULOUQUE
    Inspecteur des Services Judiciaires, PARIS
    (ECRI Bureau Member)

    Georgia
    Mr Levan ALEXIDZE
    Head of Chair of International Law, Tbilisi State University, TBILISI

    Germany
    Mr Klaus STOLTENBERG
    Ministerialdirigent, Bundesministerium der Justiz, BONN

    Greece
    Mr Nikos FRANGAKIS
    Vice-Président de la Commission Nationale pour les Droits de l'Homme, ATHENS

    Hungary
    Mr Jenö KALTENBACH
    Parliamentary Commissioner for National, Ethnic and Minority Rights, BUDAPEST
    (1st Vice-Chair)

    Iceland
    Reverend Baldur KRISTJÁNSSON
    THORLÁKSHÖFN

    Ireland
    Mr Seamus CULLIMORE
    DUBLIN

    Italy
    Monsieur Vitaliano ESPOSITO

    Latvia
    Ms Ruta MARJASA
    Lawyer, RIGA

    Liechtenstein
    Monsieur Hans BRUNHART
    Ancien Chef du Gouvernement, Euroconsult AG, SCHAAN

    Lithuania
    Mr Remigijus MOTUZAS

    Luxembourg
    Monsieur Roger LINSTER
    Luxembourg
    (ECRI Bureau Member)

    Malta
    Dr Godwin MUSCAT-AZZOPARDI
    Judge, VALLETTA

    Moldova
    Professeur Victor VOLCINSCHI
    Universitatea de Stat din Moldov, CHISINAU

    Netherlands
    Ms Winnie SORGDRAGER
    Senator, Former Minister of Justice, DEN HAAG
    (ECRI Bureau Member)

    Norway
    Mr Petter DREFVELIN
    Director General, Department of Saami and Minority Affairs, OSLO

    Poland
    Professor Andrzej SICINSKI
    Fundacja Kultury, WARSAW

    Portugal
    Monsieur Fernando FERREIRA RAMOS
    Juge de la Cour Suprême de Justice, LISBOA

    Romania
    Professeur Raluca BESTELIU
    Professeur en Droit International Public, Ancien juge ad-hoc à la Cour européenne des Droits de
    l'Homme, BUCAREST

    Slovakia
    Professor Juraj SVEC
    Department of Oncology, Faculty of Medicine, Comenius University, BRATISLAVA

    Slovenia
    Ms Alenka PUHAR
    Journalist-Publicist, LJUBLJANA
    (2nd Vice-Chair)

    Spain
    Mr Tomás CALVO BUEZAS
    Catedrático de Antropología Social, Facultad de Ciencias Políticas y Sociología, MADRID

    Sweden
    Ms Margareta WADSTEIN
    Ombudsman against Ethnic Discrimination, STOCKHOLM
    (ECRI Bureau Member)

    Switzerland
    Professeur Joseph VOYAME
    SAINT-BRAIS

    "The Former Yugoslav Republic of
    Macedonia"
    Dr Ljubomir DANAILOV FRCKOSKI
    Professor of Public International Law, Law Faculty, SKOPJE

    Turkey
    Professor Gün KUT
    Bogaziçi University, Faculty of Political Science, ISTANBUL

    Ukraine
    Dr Ihor LOSSOVSKYI
    Head of the OSCE and the Council of Europe Division, Euro-Atlantic Cooperation Department,
    KYIV

    United Kingdom
    Mr Michael E. HEAD
    WOKING
    Chair of ECRI

    E' "interessante" osservare da quali Paesi provenga chi giudica se uno e' razzista o no.
    Vediamo un po':
    Turchia,Macedonia,Romania,Azerbajian,Armenia,Cipro ,Moldova,Slovacchia.
    Ergo: la meta' e' "in conflitto d'interessi" ,l'altra meta' e' diventata democratica (forse) l'altro ieri.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 30-01-12, 08:43
  2. Strani "incidenti" alla Commissione Europea.
    Di Scapigliato" nel forum Politica Europea
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 05-07-09, 21:50
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-11-04, 08:40
  4. Commissione UE dice no a Buttiglione: "E' Cattolico"
    Di krentak the Arising! nel forum Cattolici
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 27-10-04, 13:01
  5. Commissione Europea : La Lega è razzista
    Di giorgio1000 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-04-02, 15:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226