User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Ospite

    Predefinito Una lettera a Galimberti sulla normalità

    Egregio dott. Galimberti,
    ho appena letto la lettera di Enrica Mascoli e la Sua risposta e non so
    perché mi è venuto in mente di definire un qualche concetto di "normalità".
    La nostra società, tutti i nostri parametri cognitivi si basano, che lo si
    voglia o no, che lo si confessi o meno, su un concetto "standard" di
    normalità: alzarsi tutte le mattine, fare colazione, provvedere all'igiene
    personale, prendere l'auto o i mezzi pubblici, andare al lavoro, parlare coi
    colleghi, coi collaboratori o coi compagni, svolgere il nostro compito per
    cui si viene retribuiti, pranzare in qualche modo, ricominciare e/o a
    seconda degli orari, tornare a casa. Riposino? TV? Spesa? Moglie e/o marito
    cui dedicare qualche affettuosità e/o qualche parola e riceverne, forse, in
    cambio altrettanti e così valga per eventuali figli. TV, Cena e/o viceversa.
    A letto a riposarsi o ad esplicare quelle attività che la fisiologia e/o
    l'amore e/o l'affetto e/o il dovere ci impongono. Domani è un'altro giorno.
    Beh questo è o non è il paradigma ideale della normalità?
    Mi ricordo una bellissima posesia che Vittorio Gassman recitava parecchi
    anni fa. Mi pare che avesse per titolo "Non vorrei crepare". Mi ricordo un
    verso "le voraci scimmie dal sedere nudo" che faceva parte di un lungo
    elenco di cosa da poter provare e vedere prima di tirare le cuoia. Ed era
    un'elenco che prescindeva totalmente dal nostro "ordinario" concetto di
    "normalità". Che fosse un desiderio di follia e di fuga da un simile orrore
    quotidiano?
    La ringrazio per la cortese eventuale attenzione e La saluto cordialmente.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Claude74
    Ospite

    Predefinito

    Quando siamo autentici? Perchè questo è il vero problema.
    Ma si da il caso che un concetto descrittivo come quello di "normalità" sia finito per diventare normativo. L'autenticità, in se stessa, ha un contenuto emozionale che è difficilmente riconducibile a comportamenti dati e ripetitivi. La sua presenza è percepibile solo in una relazione in atto. E' un capirsi, non un capire. Mentre un concetto normativo di normalità comporta l'assunzione di tutto un corredo comportamentale, posturale e gestuale dotato un'intrinseca connotazione emotiva. La coppia emozione-atto perde l'organicità del suo "avvenire", ed acquista uno status causale netto e gerarchicamente stabile, nel quale è l'atto a prevalere e a causare o solo a rappresentare l'emozione.
    Una sorta di feticismo del gesto. A me personalmente questo modo di vedere le cose pare assurdo.....e fallimentare.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-07-12, 12:41
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-10-11, 14:10
  3. U. Galimberti
    Di donerdarko nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-12-10, 12:30
  4. Umberto Galimberti su psicologia, scienza e fede
    Di Carnby nel forum Cattolici
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 01-03-08, 18:36
  5. ecco dov'è Gianmaria Galimberti di Credieuronord
    Di galeotto nel forum Padania!
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 10-12-04, 01:14

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226