User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Accuse a Gino: partigiano e torturatore

    ROVERETO. Il suo nome è nella lista dei carnefici "rossi" che si macchiarono di orrendi crimini sul confine jugoslavo alla fine della seconda guerra mondiale. Nerino Gobbo, conosciuto come "comandante Gino", nacque a Rovereto 80 anni fa ma in città è pressoché sconosciuto. A riportare quel nome alla memoria è stata un'inchiesta di "Libero", il giornale di Feltri, che ieri ha riesumato gli scheletri nascosti negli armadi dei partigiani. Accusando lo Stato di dare la caccia solo ai boia nazisti come Seifert.
    ROVERETO. Il suo nome è nella lista dei carnefici "rossi" che si macchiarono di orrendi crimini sul confine jugoslavo alla fine della seconda guerra mondiale. Nerino Gobbo, conosciuto come "comandante Gino", nacque a Rovereto 80 anni fa ma in città è pressoché sconosciuto. A riportare quel nome alla memoria è stata un'inchiesta di "Libero", il giornale di Feltri, che ieri ha riesumato gli scheletri nascosti negli armadi dei partigiani. Accusando lo Stato di dare la caccia solo ai boia nazisti come Seifert.
    Gobbo ricopriva l'incarico di commissario del popolo delle milizie di Tito, che con il IX Corpus avevano occupato il capoluogo giuliano il primo maggio 1945. Fino a metà giugno fu responsabile di Villa Segré di Trieste, luogo di tortura gestito dai titini.
    Era anche a capo della cosiddetta "squadra volante", un gruppo dedito a infoibamenti e torture.
    Dopo la denuncia alle autorità alleate, riportata negli annali del Comitato di liberazione nazionale dell'Istria, fu condannato in contumacia dalla Corte d'Assise di Trieste a 26 anni di reclusione.
    "Come risultò dalle deposizioni - scrivevano i giudici nel 1948, all'epoca della sentenza - tutti i detenuti venivano bastonati e seviziati, taluni costretti a bastonarsi a vicenda e persino a mettere la testa nel secchio delle feci".
    Oggi il comandante Gino vive in Slovenia - denuncia "Libero" - dove percepisce pure la pensione erogata dallo Stato italiano, che gli fu riconosciuta negli Anni Ottanta.
    Sconosciuto a Rovereto, Gobbo è ben noto a Trieste. Galliano Fogar, segretario dell'Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione, ne traccia un quadro molto dettagliato. «Nel periodo dell'occupazione tedesca faceva parte dei "Gap", i gruppi di azione partigiana. Questi sorsero dopo l'8 settembre e avevano tra i loro compiti principali missioni di sabotaggio e di eliminazione degli avversari, soprattutto nelle città ma anche in campagna. Subentrata l'amministrazione jugoslava Gobbo entrò a far parte della "Difesa popolare", una polizia che doveva compiere operazioni repressive e di indagine nei confronti di persone e gruppi contrari all'annessione alla Jugoslavia od oppositori del regime comunista».
    Ma quali furono i crimini di cui il "comandante Gino" dovette rispondere davanti alla Corte d'Assise di Trieste? «Lui comandava un settore di questa polizia. Fu accusato di avere lasciato mano libera alla squadra che si rese tristemente famosa per carcerazioni arbitrarie e torture eseguite a Villa Segrè. Sulla base di denunce generiche di antijugoslavismo e fascismo, raccolte senza compiere indagini serie, questa banda si era arrogata il diritto di vita e di morte. E Gobbo, pur non essendo direttamente coinvolto nelle sevizie, era il comandante del settore in cui operavano i seviziatori. Poi finì che la squadra fu perseguita dagli stessi jugoslavi. In un articolo pubblicato nel 1945 da "Il Nostro Avvenire", il giornale in lingua italiana che sosteneva l'annessione alla Jugoslavia, fu scritto che tra i membri vi erano criminali comuni ma anche ex fascisti ed ex Decima Mas. Uno di loro fu ucciso, non so in che circostanze, altri tagliarono la corda».
    Ora Gobbo vive in Slovenia. «Sì, da parte jugoslavia gli fu imputato di aver lasciato troppa briglia sciolta alla sua squadra. Ma a livello non ufficiale. Non vi fu nessuna indagine nei suoi confronti».
    E la pensione? «Certo che non è giusto che la percepisca. Ma questi sono i paradossi di una zona di frontiera. Tra i partigiani, chi aveva maturato un certo numero di anni di lavoro o per ragioni combattentistiche ne aveva diritto. Questioni politiche su cui se ne innestavano altre di tipo burocratico

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    401 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: E' uno schifo

    Originally posted by Shaytan
    ROVERETO. Il suo nome è nella lista dei carnefici "rossi" che si macchiarono di orrendi crimini sul confine jugoslavo alla fine della seconda guerra mondiale. Nerino Gobbo, conosciuto come "comandante Gino", nacque a Rovereto 80 anni fa ma in città è pressoché sconosciuto. A riportare quel nome alla memoria è stata un'inchiesta di "Libero", il giornale di Feltri, che ieri ha riesumato gli scheletri nascosti negli armadi dei partigiani. Accusando lo Stato di dare la caccia solo ai boia nazisti come Seifert.
    ROVERETO. Il suo nome è nella lista dei carnefici "rossi" che si macchiarono di orrendi crimini sul confine jugoslavo alla fine della seconda guerra mondiale. Nerino Gobbo, conosciuto come "comandante Gino", nacque a Rovereto 80 anni fa ma in città è pressoché sconosciuto. A riportare quel nome alla memoria è stata un'inchiesta di "Libero", il giornale di Feltri, che ieri ha riesumato gli scheletri nascosti negli armadi dei partigiani. Accusando lo Stato di dare la caccia solo ai boia nazisti come Seifert.
    Gobbo ricopriva l'incarico di commissario del popolo delle milizie di Tito, che con il IX Corpus avevano occupato il capoluogo giuliano il primo maggio 1945. Fino a metà giugno fu responsabile di Villa Segré di Trieste, luogo di tortura gestito dai titini.
    Era anche a capo della cosiddetta "squadra volante", un gruppo dedito a infoibamenti e torture.
    Dopo la denuncia alle autorità alleate, riportata negli annali del Comitato di liberazione nazionale dell'Istria, fu condannato in contumacia dalla Corte d'Assise di Trieste a 26 anni di reclusione.
    "Come risultò dalle deposizioni - scrivevano i giudici nel 1948, all'epoca della sentenza - tutti i detenuti venivano bastonati e seviziati, taluni costretti a bastonarsi a vicenda e persino a mettere la testa nel secchio delle feci".
    Oggi il comandante Gino vive in Slovenia - denuncia "Libero" - dove percepisce pure la pensione erogata dallo Stato italiano, che gli fu riconosciuta negli Anni Ottanta.
    Sconosciuto a Rovereto, Gobbo è ben noto a Trieste. Galliano Fogar, segretario dell'Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione, ne traccia un quadro molto dettagliato. «Nel periodo dell'occupazione tedesca faceva parte dei "Gap", i gruppi di azione partigiana. Questi sorsero dopo l'8 settembre e avevano tra i loro compiti principali missioni di sabotaggio e di eliminazione degli avversari, soprattutto nelle città ma anche in campagna. Subentrata l'amministrazione jugoslava Gobbo entrò a far parte della "Difesa popolare", una polizia che doveva compiere operazioni repressive e di indagine nei confronti di persone e gruppi contrari all'annessione alla Jugoslavia od oppositori del regime comunista».
    Ma quali furono i crimini di cui il "comandante Gino" dovette rispondere davanti alla Corte d'Assise di Trieste? «Lui comandava un settore di questa polizia. Fu accusato di avere lasciato mano libera alla squadra che si rese tristemente famosa per carcerazioni arbitrarie e torture eseguite a Villa Segrè. Sulla base di denunce generiche di antijugoslavismo e fascismo, raccolte senza compiere indagini serie, questa banda si era arrogata il diritto di vita e di morte. E Gobbo, pur non essendo direttamente coinvolto nelle sevizie, era il comandante del settore in cui operavano i seviziatori. Poi finì che la squadra fu perseguita dagli stessi jugoslavi. In un articolo pubblicato nel 1945 da "Il Nostro Avvenire", il giornale in lingua italiana che sosteneva l'annessione alla Jugoslavia, fu scritto che tra i membri vi erano criminali comuni ma anche ex fascisti ed ex Decima Mas. Uno di loro fu ucciso, non so in che circostanze, altri tagliarono la corda».
    Ora Gobbo vive in Slovenia. «Sì, da parte jugoslavia gli fu imputato di aver lasciato troppa briglia sciolta alla sua squadra. Ma a livello non ufficiale. Non vi fu nessuna indagine nei suoi confronti».
    E la pensione? «Certo che non è giusto che la percepisca. Ma questi sono i paradossi di una zona di frontiera. Tra i partigiani, chi aveva maturato un certo numero di anni di lavoro o per ragioni combattentistiche ne aveva diritto. Questioni politiche su cui se ne innestavano altre di tipo burocratico

    Visto che vive in Slovenia e data l'eta', non starei qui a fare tanto casino, ma e' uno schifo che lo stato spenda dei soldi per premiare persone che hanno agito sotto il comando di delinquenti.
    A (nella mia) Rovereto, si fa' tanto casino per i no global, per la palestina e per tutte le cause del c***o, non c'e' nessuno che si e' offeso per questo?
    O ci sara' l'onnipresente avvocato ex-fascista Sandro Canestrini a correre in sua difesa?
    ET

 

 

Discussioni Simili

  1. Diliberto: Dick Cheney è un torturatore
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 18-11-05, 21:23
  2. Fini torturatore
    Di stellarossa1959 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-05-04, 17:18
  3. Diario di un torturatore americano a Baghdad
    Di pietro nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-05-04, 11:08
  4. Aznar despota e torturatore
    Di yurj nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 17-03-03, 07:28
  5. Accuse a Gino: partigiano e torturatore
    Di Shaytan (POL) nel forum Trentino Alto Adige/Süd Tirol
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-05-02, 11:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226