Sta curta considerassion piena de frasi fate, la dedico a tuti queli che ga pressa de desbratarse del vecioto che ga in casa....la me ze veg¨ cativa ma ze giusto che la sia scrita cussý.......

UN INTRIGO
"Ecolo qua el vecio: novanta do ani, imobilizÓ su un caregoto, mŔso rincojonýo, tuto el dý drio predicare e a prŔtendare.
Ecolo qua sto intrigo, da menare in cesso, da lavare, da mŔtare in leto....ormai ghe v˛e uno sempre drio, perso tuto par lu.
E almanco el te dasesse qualche sodisfassion, che s˛, che el ne ringrassiasse! MachŔ, tuto el giorno drio lamentarse, drio lagnarse che el ga male de qua, male de lÓ.
Si va ben, el ga na bona pension....sý el ga anca l'aconpagnatoria....sŔrto un milion e mŔso al mese...sicuro che ne fa comodo!...ma la savesse cara, che vita che semo drio fare...e...ma no s˛ quanto che la p˛e durare: un ano, do...e se el vive n'altri sete, oto ani? se pensela che rassa de inferno? se fa presto dire che bisogna 'ndarghe drio ai ansiani, ma bisogna provare!....la casa de riposo?....ma sala, cossa che la costa ogni mese? Averli in casa, cara.....ah, no mi preferisso morire pý z˛vane sensa dare tuto sto disturbo a me fioli par caritÓ"
Parole che sentimo un p˛co dapartuto, frasi fate, fruto de na societÓ che ga senpre pý pressa che promove la zente ativa, che se dÓ da fare, che ze indipendente.Frasi piene de bon senso pratico che vien f˛ra anca da boche de persone che tute le domŔneghe va in ciesa, dove magari qualcuna ghe insegna catechismo anca a to fioli, da fŔmene che ga na cariera, un marýo e le ferie da fare.Che vien f˛ra da le stesse boche che ga pena condanÓ la guera in Kosovo, che comenta co comossýon l'¨ltima puntata de la telenovela del momento o le vacade de Rafaela CarÓ. Tute persone che quando se cata co i amissi sa dire robe belissime,fare discorsi de alta umanitÓ, che magari se despera o cria par el cagneto sbandonÓ o par el panda che, poarin de Dio, ze drio estinguarse.
Ecoli qua: i ze lori i veci de doman: persone che se augura, fin che le ze z˛vani, e la morte la pensa distante, de morire prima de deventare come so pare o so mare: "veci e rincojonii", par usar le so parole.
PecÓ che Dio no senpre ga rece e voja de scoltare e contentare tuti.Cussý qualchedun de sti ipotetici benefatori de la futura generassion finirÓ in un caregoto a fare la vergognosa fine che ghe ga fato fare a so pare o so nono: morire solo e desmentegÓ parchŔ, come che dise un vecio, ma sagio proverbio: " Chi sŔmena vento tira s¨ tempesta"

------pensiero--------