User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Ospite

    Predefinito Holy Fire, by Bruce Sterling.

    FUOCO SACRO
    Di Bruce Sterling
    Nabokov diceva, giustamente, che le idee non fanno bene ai romanzi. Difatti, è irritante leggere dei romanzi a tesi, strumenti utilizzati dall’autore per dimostrare una “verità” o la sua adesione alla “verità”.
    Viceversa, la poesia del romanzo dovrebbe innalzarsi al di sopra d’ogni tesi e d’ogni visione realistica. Parafrasando Kundera, il romanzo è una riflessione sull’esistenza: deve innanzitutto porsi delle domande, esprimere quel regalo della modernità che è l’umorismo nell’ambito del beneficio del dubbio.
    Dopo questa premessa, eccomi a discorrere di un romanzo di Bruce Sterling, scrittore “d’idee” che continua a definirsi “di fantascienza. Difatti, Sterling non ha mai nascosto la sua verve di raffinato polemista e geniale catalizzatore delle idee e delle inquietudini postmoderne. Inventore, con William Gibson, del movimento cyberpunk, in realtà Sterling ha spaziato nel campo delle idee animato da una partecipe curiosità intellettuale. Proprio per questo i suoi romanzi non appartengono alla categoria propagandistica, bensì si muovono nelle idee senza esporre certezze e ci giocano con leggerezza pop, nel più sano beneficio del dubbio.
    “Fuoco Sacro” (ed. Fanucci. £ 16.000) ci sorprende ad ogni pagina, sia per le domande che pone, sia per le originali soluzioni letterarie all’interno del genere “fantascienza”.
    Mi chiedo, ad esempio, se Sterling non ha mai letto “Potere e sopravvivenza” di Elias Canetti (ed. Adelphi), poiché le analogie tra “Fuoco sacro” e il pensiero dell’autore di “Massa e potere” sono evidenti. Difatti, il romanzo non mi sembra tanto interessato alle conseguenze della sperimentazione scientifica, come invece pretendono in quarta di copertina, e nemmeno si fossilizza sulle conseguenze morali della raggiunta immortalità. Questi argomenti, semmai, sono un pretesto per dissertare su tre questioni legate alla nostra epoca, sospesa tra il secondo e il terzo millennio: il rapporto con il Potere (chi lo detiene e su che basi), la denominazione di “vita autentica” in quella che James Hillman chiama “Cultura dell’air bag” e il destino dell’arte in tale cultura.
    Sterling mette in scena l’ipotetico mondo del 2095. Superate le grandi epidemie della prima metà del secolo, i sopravvissuti hanno costruito una società nella quale l’industria farmaceutica ha il monopolio economico. Gli sforzi più intensi sono rivolti all’allungamento della vita umana, tant’è che la classe dirigente è formata da gerontocrati in buona salute e discreta forma all’età di 90 anni. Prima non è possibile avere ruoli di rilievo. Si vive in un mondo a basso tasso di violenza e se anche i giovani sono costretti ad arrangiarsi, conducendo una vita tra l’espediente e il bricolage, i gerontocrati si prodigano a rivolgere sussidi e sostegni economici pur di mantenere la quiete pubblica. È una società priva di inventiva, statica: la scienza ha sostituito l’arte, il mercato non è competitivo (abolita la pubblicità) ma non per questo collettivizzato – semplicemente le multinazionali si fanno pagare ciò che offrono dall’alto.
    Mia Zieman è una gerontocrate di 94 anni che lavora in campo farmaceutico. Ormai è riuscita ad accumulare la ricchezza che le permette un certo grado di sicurezza, eppure è profondamente insoddisfatta. Quando si reca al capezzale di un amante che ha conosciuto 70 anni prima, la sua crisi aumenta. Come se ciò non bastasse, incontra una giovane che sta per commettere gli stessi sbagli che lei ha commesso in gioventù, e da quel momento decide di cambiare. Si sottopone ad un trattamento dei telomeri cellulari e ringiovanisce ad un’età apparente di circa 20 anni. I dottori dovrebbero monitorare la prognosi, seguirla nell’evoluzione, ma lei riesce ad eludere la sorveglianza e fugge in Europa a vivere come una sbandata. Diventata Maya, vive il suo wanderjarh, viaggio di iniziazione tra Strasburgo, Praga e una Stoccarda di salubre muffa. Avrà come amici degli anarcoindividualisti alla ricerca del “fuoco sacro” dell’arte, che in quella società rappresenta una rischiosa risposta all’immobilità e alla mancanza di idee.
    Non vado oltre, se non dicendo che il romanzo è bellissimo.
    Personalmente sono stato colpito da come l’arte rinasce in una simile società: non sperimentazione ardita, bensì recupero della materialità e degli oggetti d’uso. Artigianato nel terzo millennio. Maya diventerà una fotografa vagabonda, alla ricerca di un’intuizione che troverà solo a fine romanzo, proprio di fronte a quell’umanità che lei, postumana, ha rifiutato per recuperare a livello concettuale.
    Inoltre, questo romanzo sembra appunto dar ragione a Canetti: chi sopravvive agli altri che muoiono acquisisce potere; ma, aggiunge Sterling, a prezzo della creatività: anche i postumani come l’amica Benedetta, orgogliosi della raggiunta immortalità, come artisti non possono escludere quella percentuale di rischio e di decadenza che è propria dell’arte.
    Strutturalmente “Fuoco sacro” rinnova buona parte dei topos fantascientifici. Si presenta come un Bildungsroman, romanzo di formazione sulla scia che da Goethe va a Thomas Mann e, nonostante Sterling sia considerato un cyberpunk, del romanzo manniano prende a prestito la scrittura dialettica, le brevi digressioni e le descrizioni degli elementi decorativi e architettonici dell’epoca, il confronto delle idee.
    C’è poca azione in “Fuoco sacro”, eppure non è escluso il fascino dell’alta letteratura.

    Claudio Ughetto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    fui lsu
    Data Registrazione
    02 Sep 2011
    Messaggi
    1,546
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    "...Passa ogni momento libero fra i vetri gettati dai Forni di Venezia, nei depositi di rifiuti e sulle spiagge, chiamato da quegli oggetti della terza età, gettati via dal mondo dello spreco e ai quali ridarà una nuova vita e una nuova dignità nei suoi assemblaggi, nei suoi legni, nei suoi metalli. ..."

    [Dalla biografia di Herbert Pagani]

  3. #3
    fui lsu
    Data Registrazione
    02 Sep 2011
    Messaggi
    1,546
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La bella recensione di "Fuoco Sacro" mi ha fatto tornare in mente una mostra che vidi nel 1992 al Palazzo Diamanti (Ferrara) dedicata a Pagani.

    Spero che il mio post non sia troppo fuori luogo.

    Ciao,
    Ej.

  4. #4
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho letto poco e niente dell'autore; la raccolta di racconti brevi "Un futuro all'antica",non bellissima ma con spunti interessanti e il romanzo "Isole nella rete",a mio avviso di una noia letale.
    Visti i precedenti,non penso che rischierò di nuovo con un altro "Sterling".
    Personalmente,per quanto riguarda il cyberpunk,preferisco le opere di Gibson e,a quanto ho sentito in giro,tra i fans dei due autori c'è un abisso

    Non per fare l'ipercritico (sopratutto verso lavori che non ho letto) ma,avendolo appena terminato,non ho potuto fare a meno di notare forti analogie concettuali con un vecchio e famoso libro di Jack Vance: Stato sociale Amaranto. 1956
    Anche qui,possibilità di vita eterna e conseguente calo della creatività e del "gusto del rischio" per non compromettere l'inviolabilità della propria torre d'avorio.
    Avrà avuto ragione Sheakley quando disse che,nella Sci-Fi,era già stato scritto tutto?


    Se vedòm!
    Se vedòm!

  5. #5
    Ospite

    Predefinito

    [QUOTE]Originally posted by Gatto rognoso
    [B]Ho letto poco e niente dell'autore; la raccolta di racconti brevi "Un futuro all'antica",non bellissima ma con spunti interessanti e il romanzo "Isole nella rete",a mio avviso di una noia letale.
    Visti i precedenti,non penso che rischierò di nuovo con un altro "Sterling".
    Personalmente,per quanto riguarda il cyberpunk,preferisco le opere di Gibson e,a quanto ho sentito in giro,tra i fans dei due autori c'è un abisso

    Sono d'accordo con te, micio. I racconti di Sterling sono davvero bruttini. Non ho invece letto "Isole nella rete".
    "Fuoco sacro" mi ha colpito perché è anomalo come romanzo di fantascienza. Paradossalmente, lo metto vicino alle opere di Mann e altri scrittori un po' filosofi e un po' sociologi. Mi piacciono le domande che pone, ma proverò anche a leggere il libro di Vance di cui parli.
    Condivido anche la tua opinione sulla differenza tra i fans di Gibson e di Sterling. Trovo Gibson molto interessante, soprattutto per Neuromancer, ma reggo a stento la sua scrittura tutta azione e oggetti. Un genio che scrive come un autore di thriller mediocri. Ma credo sia una mia opinione soggettiva, perché Neuromancer, nonostante quest'azione continua, ha una scrittura innovativa e schizofrenica.
    Devo cimentarmi con "Caos USA" di Sterling. Poi ti dirò qualcosa.
    Stammi sano!

 

 

Discussioni Simili

  1. Bruce Sterling incontra Gianroberto Casaleggio
    Di Napoli Capitale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12-08-13, 17:38
  2. holy war
    Di Celtic nel forum Destra Radicale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 03-04-07, 09:58
  3. Holy Hypocrite!
    Di Ashmael nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-11-06, 13:24
  4. Holy crap!
    Di Shambler nel forum Politica Estera
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 10-05-06, 23:35

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226