User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto...

    ...uno sconto di pena dall'ergastolo a 17 anni!
    RICORDATE???NO??
    VELO RICORDO IO ALLORA!


    La barista uccisa




    Caterina Ferrari(nella foto), 52 anni, è stata assassinata nella notte a coltellate a Vobarno (Brescia). L'omicida è un giovane clandestino di 21 anni, arrestato. Il movente? Una rapina da 300 mila lire.


    VOBARNO (BRESCIA) - Una barista di 52 anni, Caterina Ferrari, è stata assassinata a coltellate, poco dopo mezzanotte, nel locale che gestiva a Vobarno, in Val Sabbia (Brescia) durante una tentata rapina. Ad uccidere la donna sarebbe stato un immigrato clandestino di origine marocchina, Abdherraim Nor, 21 anni, originario di Casablanca, che è stato fermato dai carabinieri mentre cercava di allontanarsi dal bar. Sembra che l'omicida abbia anche tentato di nascondere il cadavere in bagno. Lo testimonierebbe la striscia di sangue lasciata nel tentativo di spostare il corpo ormai senza vita. Il giovane, durante l'interrogatorio effettuato nella notte dal pm Silvia Bonardi nella caserma dei carabinieri di Salò, è stato colto da una crisi di nervi.

    Il locale dove è avvenuto l'omicidio è il bar-gelateria-snack "Portici" e si trova proprio nel centro del paese, vicino alla chiesa parrocchiale, a poca distanza da punto in cui scorre il fiume Oglio. Un cliente, uscito poco prima che avvenisse l'omicidio, ha riferito di aver visto l'immigrato seduto tranquillamente a un tavolino mentre mangiava patatine e che, in quel momento, non erano rimaste altre persone nel locale. L'allarme è stato dato da alcune persone che abitano sopra il bar e che hanno sentito le urla della donna. Hanno chiamato i carabinieri che sono arrivati mentre l'immigrato si stava allontanando. L'arma del delitto, un coltello, è stata trovata ancora in mano all'uomo. Il fermato viene ora interrogato dai carabinieri nella caserma di Vobarno. Davanti al bar si sono registrate scene di strazio dei parenti della vittima e, nella concitazione, anche molte grida di rabbia.

    Gli investigatori propendono per l'ipotesi di rapina degenerata in omicidio per la reazione della vittima. Secondo una prima ricostruzione dei fatti l'immigrato avrebbe atteso che tutti se ne andassero per poi cercare di impadronirsi del denaro in cassa, circa 300 mila lire. Caterina Ferrari, 52 anni, sposata e madre di due figli di 30 e 21, avrebbe reagito e Nor ha cominciato a colpire. Quanto è successo realmente lo racconterà forse il giovane marocchino oggi al pm Silvia Bonardi, visto che la notte scorsa non ha potuto interrogarlo in quanto Nor, apparso sotto shock, ha detto di non conoscere l'italiano. Per questo sarà necessario un interprete. Il marocchino, in Italia da 4 mesi, viveva a Vobarno con il padre, anch'egli clandestino. In Valle Sabbia vive anche un cugino. Entrambi, per quanto possibile, hanno cercato di aiutare gli investigatori.

    (4 GENNAIO 2001, ORE 09:10)




    Niente ergastolo in appello per il marocchino che uccise Caterina Ferrari
    Omicidio al bar:«solo» 17 anni

    Il fratello della vittima: «Meno anni che coltellate, è uno schifo!»
    Niente ergastolo per Abderrahim Nor, il giovane marocchino che il 3 gennraio 2001 uccise con 19 coltellate la barista di Vobarno Caterina Ferrari. La Corte d’Assise d’appello ha ritenuto che il nordafricano, che aveva 20 anni quando uccise la barista, non abbia agito per rapina, per impossessarsi di alcuni pacchetti di sigarette o dell’incasso del bar e quindi ha condannato Abderrahim Nor «solo» a 17 anni di reclusione. Nor in primo grado era stato giudicato dal Gup Francesca Morelli con il rito abbreviato e il giudice aveva ritenuto che fosse colpevole di omicidio a scopo di rapina, un reato da ergastolo, e gli aveva inflitto il carcere a vita nonostante il rito abbreviato che prevede uno sconto automatico della pena. Unico beneficio per l’imputato era stata l’esclusione dell’isolamento durante il giorno. In appello però il difensore del marocchino, l’avvocato Giovanni Salvi, è riuscito a convincere la Corte della mancanza di prove certe sulla rapina, uno dei punti principali della linea difensiva. Così la pena per l’omicidio e per il porto del coltello usato per uccidere la povera Caterina Ferrari è stata calcolata in 25 anni e 6 mesi dai giudici e quindi ridotta di un terzo per il rito abbreviato, appunto a 17 anni. Una sentenza che non è piaciuta per nulla ai parenti di Caterina Ferrari. In particolare Ardiccio Ferrari, fratello della vittima, non è riuscito a trattenere la rabbia e l’amarezza dopo la lettura del dispositivo ed ha esclamato: «Gli hanno dato meno anni di carcere di quante coltellate ha dato a mia sorella. É uno schifo! Se tra 17 anni ci sarò ancora, farò giustizia e poi voglio anch’io un bravo avvocato che mi eviti l’ergastolo». Abderrahim Nor, marocchino ventenne in Italia senza permesso da circa 4 mesi, aveva trovato ospitalità da alcuni parenti in Valsabbia dove faceva qualche lavoretto saltuario e frequentava spesso il bar tabaccheria «Portici» di Vobrano dove Caterina Ferrari faceva la barista. La sera di sabato 3 gennaio 2001 Abderrahim arrivò al bar tardi, poco prima di mezzanotte, si sedette a un tavolino e ordinò una birra. Il locale stava chiudendo e gli ultimi avventori uscirono lasciando all’interno Caterina Ferrari e il giocane marocchino. Ad un tratto, quando era da poco passata la mezzanotte, alcuni vicini udirono prima una voce concitata che gridava «Esci! Esci!» e quindi sentirono delle grida terribili che definirono poi «disumane». Vennero chiamati subito i carabinieri che trovarono il bar chiuso con la serranda semiabbassata e all’interno Abderrahim sporco di sangue che aveva trascinato il corpo ormai senza vita di Caterina Ferrari nel bagno. L’autopsia stabilì che la donna era stata colpita ben 19 volte e aveva tentato inutilmente di difendersi. Abderrahim dapprima disse di non ricordare nulla, di essere stato ubriaco e quindi si chiuse in un ostinato silenzio. Le tracce di sangue vicino alla cassa e le sigarette trovate addosso al marocchino fecero pensare ad un tentativo di rapina, che però i giudici d’appello hanno ritenuto non provata.
    a. pell.


    Ma certo!!Noi siamo buoni!!Mica come quei "brutti,sporchi e cattivi americani" che hanno la pena di morte!
    Da noi gli assassini,specialmente se immigrati e clandestini e uccidono,al massimo si fanno qualche annetto perche' "poverini devono essere recuperati".
    Da noi si che c'e' la certezza della pena che aumenta la fiducia nella giustizia!
    Scommettiamo che in Cassazione si fa ancora meno?Poi si sa: tra sconti di pena e benefici questo ASSASSINO tra 5 max 8 anni e' gia' FUORI di galera.

    Castelli mandi IMMEDIATAMENTE un'ispezione al tribunale di Brescia almeno per tentare di salvare la faccia.

    Questo e' un Paese di mer*a,signori,rendiamocene conto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2002
    Località
    estremo occidente
    Messaggi
    15,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il rimbecillimento buonista avanza

  3. #3
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Texas,invece,questi personaggi fanno o hanno gia' fatto una brutta fine...
    http://www.tdcj.state.tx.us/stat/deathrow.htm

  4. #4
    Raspadura
    Ospite

    Predefinito Re: Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto...

    Originally posted by Dragonball
    ...uno sconto di pena dall'ergastolo a 17 anni!
    RICORDATE???NO??
    VELO RICORDO IO ALLORA!


    La barista uccisa




    Caterina Ferrari(nella foto), 52 anni, è stata assassinata nella notte a coltellate a Vobarno (Brescia). L'omicida è un giovane clandestino di 21 anni, arrestato. Il movente? Una rapina da 300 mila lire.


    VOBARNO (BRESCIA) - Una barista di 52 anni, Caterina Ferrari, è stata assassinata a coltellate, poco dopo mezzanotte, nel locale che gestiva a Vobarno, in Val Sabbia (Brescia) durante una tentata rapina. Ad uccidere la donna sarebbe stato un immigrato clandestino di origine marocchina, Abdherraim Nor, 21 anni, originario di Casablanca, che è stato fermato dai carabinieri mentre cercava di allontanarsi dal bar. Sembra che l'omicida abbia anche tentato di nascondere il cadavere in bagno. Lo testimonierebbe la striscia di sangue lasciata nel tentativo di spostare il corpo ormai senza vita. Il giovane, durante l'interrogatorio effettuato nella notte dal pm Silvia Bonardi nella caserma dei carabinieri di Salò, è stato colto da una crisi di nervi.

    Il locale dove è avvenuto l'omicidio è il bar-gelateria-snack "Portici" e si trova proprio nel centro del paese, vicino alla chiesa parrocchiale, a poca distanza da punto in cui scorre il fiume Oglio. Un cliente, uscito poco prima che avvenisse l'omicidio, ha riferito di aver visto l'immigrato seduto tranquillamente a un tavolino mentre mangiava patatine e che, in quel momento, non erano rimaste altre persone nel locale. L'allarme è stato dato da alcune persone che abitano sopra il bar e che hanno sentito le urla della donna. Hanno chiamato i carabinieri che sono arrivati mentre l'immigrato si stava allontanando. L'arma del delitto, un coltello, è stata trovata ancora in mano all'uomo. Il fermato viene ora interrogato dai carabinieri nella caserma di Vobarno. Davanti al bar si sono registrate scene di strazio dei parenti della vittima e, nella concitazione, anche molte grida di rabbia.

    Gli investigatori propendono per l'ipotesi di rapina degenerata in omicidio per la reazione della vittima. Secondo una prima ricostruzione dei fatti l'immigrato avrebbe atteso che tutti se ne andassero per poi cercare di impadronirsi del denaro in cassa, circa 300 mila lire. Caterina Ferrari, 52 anni, sposata e madre di due figli di 30 e 21, avrebbe reagito e Nor ha cominciato a colpire. Quanto è successo realmente lo racconterà forse il giovane marocchino oggi al pm Silvia Bonardi, visto che la notte scorsa non ha potuto interrogarlo in quanto Nor, apparso sotto shock, ha detto di non conoscere l'italiano. Per questo sarà necessario un interprete. Il marocchino, in Italia da 4 mesi, viveva a Vobarno con il padre, anch'egli clandestino. In Valle Sabbia vive anche un cugino. Entrambi, per quanto possibile, hanno cercato di aiutare gli investigatori.

    (4 GENNAIO 2001, ORE 09:10)




    Niente ergastolo in appello per il marocchino che uccise Caterina Ferrari
    Omicidio al bar:«solo» 17 anni

    Il fratello della vittima: «Meno anni che coltellate, è uno schifo!»
    Niente ergastolo per Abderrahim Nor, il giovane marocchino che il 3 gennraio 2001 uccise con 19 coltellate la barista di Vobarno Caterina Ferrari. La Corte d’Assise d’appello ha ritenuto che il nordafricano, che aveva 20 anni quando uccise la barista, non abbia agito per rapina, per impossessarsi di alcuni pacchetti di sigarette o dell’incasso del bar e quindi ha condannato Abderrahim Nor «solo» a 17 anni di reclusione. Nor in primo grado era stato giudicato dal Gup Francesca Morelli con il rito abbreviato e il giudice aveva ritenuto che fosse colpevole di omicidio a scopo di rapina, un reato da ergastolo, e gli aveva inflitto il carcere a vita nonostante il rito abbreviato che prevede uno sconto automatico della pena. Unico beneficio per l’imputato era stata l’esclusione dell’isolamento durante il giorno. In appello però il difensore del marocchino, l’avvocato Giovanni Salvi, è riuscito a convincere la Corte della mancanza di prove certe sulla rapina, uno dei punti principali della linea difensiva. Così la pena per l’omicidio e per il porto del coltello usato per uccidere la povera Caterina Ferrari è stata calcolata in 25 anni e 6 mesi dai giudici e quindi ridotta di un terzo per il rito abbreviato, appunto a 17 anni. Una sentenza che non è piaciuta per nulla ai parenti di Caterina Ferrari. In particolare Ardiccio Ferrari, fratello della vittima, non è riuscito a trattenere la rabbia e l’amarezza dopo la lettura del dispositivo ed ha esclamato: «Gli hanno dato meno anni di carcere di quante coltellate ha dato a mia sorella. É uno schifo! Se tra 17 anni ci sarò ancora, farò giustizia e poi voglio anch’io un bravo avvocato che mi eviti l’ergastolo». Abderrahim Nor, marocchino ventenne in Italia senza permesso da circa 4 mesi, aveva trovato ospitalità da alcuni parenti in Valsabbia dove faceva qualche lavoretto saltuario e frequentava spesso il bar tabaccheria «Portici» di Vobrano dove Caterina Ferrari faceva la barista. La sera di sabato 3 gennaio 2001 Abderrahim arrivò al bar tardi, poco prima di mezzanotte, si sedette a un tavolino e ordinò una birra. Il locale stava chiudendo e gli ultimi avventori uscirono lasciando all’interno Caterina Ferrari e il giocane marocchino. Ad un tratto, quando era da poco passata la mezzanotte, alcuni vicini udirono prima una voce concitata che gridava «Esci! Esci!» e quindi sentirono delle grida terribili che definirono poi «disumane». Vennero chiamati subito i carabinieri che trovarono il bar chiuso con la serranda semiabbassata e all’interno Abderrahim sporco di sangue che aveva trascinato il corpo ormai senza vita di Caterina Ferrari nel bagno. L’autopsia stabilì che la donna era stata colpita ben 19 volte e aveva tentato inutilmente di difendersi. Abderrahim dapprima disse di non ricordare nulla, di essere stato ubriaco e quindi si chiuse in un ostinato silenzio. Le tracce di sangue vicino alla cassa e le sigarette trovate addosso al marocchino fecero pensare ad un tentativo di rapina, che però i giudici d’appello hanno ritenuto non provata.
    a. pell.


    Ma certo!!Noi siamo buoni!!Mica come quei "brutti,sporchi e cattivi americani" che hanno la pena di morte!
    Da noi gli assassini,specialmente se immigrati e clandestini e uccidono,al massimo si fanno qualche annetto perche' "poverini devono essere recuperati".
    Da noi si che c'e' la certezza della pena che aumenta la fiducia nella giustizia!
    Scommettiamo che in Cassazione si fa ancora meno?Poi si sa: tra sconti di pena e benefici questo ASSASSINO tra 5 max 8 anni e' gia' FUORI di galera.

    Castelli mandi IMMEDIATAMENTE un'ispezione al tribunale di Brescia almeno per tentare di salvare la faccia.

    Questo e' un Paese di mer*a,signori,rendiamocene conto.
    Dragonball, tu sbagli di grosso...
    La pena di morte è la negazione della giustizia, è la sua sconfitta.
    Grazie al cielo in Italia non esiste.
    Che diritto ha un uomo di decidere sulla vita di un altro uomo?
    Occhio per occhio... e il mondo sarà cieco.
    Ricorda: due torti non ffanno una ragione.
    Se a quel ragazzo è stata diminuita la pena ci sarà un motivo.
    Io non sono un penalista e non lo conosco.
    Se tu lo sei, allora spiegami come stanno le cose.
    Se non lo sei non sei in grado di dare giudizi.
    Saluti

  5. #5
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto...

    Originally posted by Raspadura


    Dragonball, tu sbagli di grosso...
    La pena di morte è la negazione della giustizia, è la sua sconfitta.
    Grazie al cielo in Italia non esiste.
    Che diritto ha un uomo di decidere sulla vita di un altro uomo?
    Occhio per occhio... e il mondo sarà cieco.
    Ricorda: due torti non ffanno una ragione.
    Se a quel ragazzo è stata diminuita la pena ci sarà un motivo.
    Io non sono un penalista e non lo conosco.
    Se tu lo sei, allora spiegami come stanno le cose.
    Se non lo sei non sei in grado di dare giudizi.
    Saluti
    bravissimo......però adesso tu che sei un uomo...insegna a noi ad esserlo ..andando dai parenti della vittima a spiegare le stesse cose.......

  6. #6
    Raspadura
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto...

    Originally posted by Fra Dolcino


    bravissimo......però adesso tu che sei un uomo...insegna a noi ad esserlo ..andando dai parenti della vittima a spiegare le stesse cose.......
    A mio parere se i parenti della vittima sono persone intelligenti non possono che pensarla cosi'.
    In ogni caso la poveretta non resusciterebbe.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Apr 2002
    Località
    TAUR-IM-DUINATH
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto..

    Originally posted by Raspadura


    A mio parere se i parenti della vittima sono persone intelligenti non possono che pensarla cosi'.
    In ogni caso la poveretta non resusciterebbe.
    Se sono intelligenti devono quindi pensarla come te!!
    Quindi chi non la pensa alla maniera buonista non capisce un [email protected]@@o
    La scuola per quadri dei buonisti pelosi funziona
    Gundam

  8. #8
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Il clandestino che nel Gennaio 2001 uccise a Vobarno(BS) una barista,ha gia' avuto..

    Originally posted by Raspadura


    A mio parere se i parenti della vittima sono persone intelligenti non possono che pensarla cosi'.
    In ogni caso la poveretta non resusciterebbe.
    Dunque lasciamo pure l'assassino in libertà....tanto anche se gli diamo l'ergastolo non resuscita,vero????
    Complimenti Raspadura....
    Saluti Padani

  9. #9
    PADANIA LIBERA!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    4,497
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Dragonball
    In Texas,invece,questi personaggi fanno o hanno gia' fatto una brutta fine...
    http://www.tdcj.state.tx.us/stat/deathrow.htm

    Beh,a dire il vero io sono contrario alla pena di morte....anche perchè gli stessi States dimostrano che questa pratica non fà diminuire la violenza!
    Meglio i lavori forzati a vita in caso di omicidi....almeno questi assassini avranno tutto il tempo per pensare a quello che hanno fatto!
    Saluti Padani

  10. #10
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by Wyatt Earp



    Beh,a dire il vero io sono contrario alla pena di morte....anche perchè gli stessi States dimostrano che questa pratica non fà diminuire la violenza!
    Meglio i lavori forzati a vita in caso di omicidi....almeno questi assassini avranno tutto il tempo per pensare a quello che hanno fatto!
    Saluti Padani
    concordo con te Wyatt........
    (cazzo sento già l'inno degli States nelle orecchie.........)
    mwhaahhah

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 21-05-08, 14:30
  2. Emergenza Tesoro, a gennaio saldo in avanzo, prima volta da 2001
    Di Bobby Briggs nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-02-08, 12:57
  3. ONORE A MARCEL SCHILF! 23 Gennaio 2001 – 23 Gennaio 2007
    Di Supporter28 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-01-07, 19:49
  4. 27 Gennaio 2001-2006
    Di Maria Vittoria nel forum Monarchia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 28-01-06, 07:52
  5. Vobarno, per le amministrative la Lega Nord punta sulla Cultura
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-03-04, 16:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226