User Tag List

Pagina 1 di 164 121151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 1639
  1. #1
    Imperturbabile
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,841
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Che film state guardando in questo momento?

    Ricopio pari pari il thread da musica. Sarà che è sabato sera e sto a casa, sarà che in genere, se qualcuno non mi avverte, quando c'è un bel film in tv me lo perdo sempre, sarà che sono curiosa di che state guardando voi, o sarà che adesso, su la7 stanno dando l'incredibile "She devil", dove Roseanne Barr (quella di "Pappa e ciccia", sit-com che appare nei palinsesti estivi o notturni di canale5, solo per i veri amanti del genere) fa a gara con una rosaconfetto Meryl Streep per riportare a casa un marito con i capelli phonati e in cerca di identità virile...magari è un filmaccio e non si vince il bacio del maestro, ma forse è la volta buona per sapere se anche lui, in prima serata, si affida al palinsesto o rispolvera una videocassetta...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Amico del forum
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Messaggi
    32,637
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    stavo guardando Un Amleto di troppo, poi mi hanno chiamato e sono uscito.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ormai è tardi, ma domani guarderò (in videocassetta...)...

    Dal sito http://www.cesnur.org/default.htm

    "Stigmata": un film gnostico attacca la Chiesa cattolica
    di Massimo Introvigne



    "Stigmata", diretto da Rupert Wainwright, sbarca in Europa dopo il successo negli Stati Uniti circondato da controversie e polemiche di ogni genere. Thriller New Age (ma del New Age declinante, cupo e triste, di questi anni, come testimonia una fotografia dominata dal buio e dalla pioggia), "Stigmata" è anche un film profondamente anticattolico - anzi, uno dei più articolati attacchi alla Chiesa prodotto da Hollywood negli ultimi anni - le cui radici culturali, gnostiche, rischiano di sfuggire allo spettatore non americano. Il film ha anche dei meriti, grazie al talento di Patricia Arquette, benché nella seconda parte - come molti critici hanno notato - il desiderio di ripetere e aggiornare gli effetti speciali de "L’esorcista" abbia più volte preso la mano al regista, con risultati meno felici. La storia inizia in un remoto villaggio brasiliano, dove un sacerdote venerato come santo, padre Paulo Alameida, è appena morto. Intorno alla sua bara si verificano prodigi: una statua della Madonna piange, bianche colombe si levano in volo. In Vaticano la Congregazione per le cause dei Santi (talora confusa dagli autori con quella per la dottrina della fede) funge, nel film, da equivalente cattolico del dipartimento X-Files dell’FBI nell’omonima serie televisiva, e indaga su tutti gli avvenimenti di carattere miracoloso (in genere concludendo che si tratta di frodi). Padre Andrew Kiernan (l’attore Gabriel Byrne) è un sacerdote-scienziato al servizio della Congregazione. Mandato in Brasile per seguire un caso meno interessante a San Paolo, prende l’iniziativa di indagare sui fenomeni che circondano la morte di padre Alameida e si convince che sono genuini. Mentre visita la chiesa, un piccolo ladruncolo strappa il rosario dalle mani della salma di padre Alameida e lo vende a una turista americana. Tornato a Roma, padre Andrew scopre con sua sorpresa che non solo il suo superiore, il sinistro cardinale Houseman (interpretato da Jonathan Pryce), disapprova la sua indagine, ma che la Chiesa cattolica non ha nei suoi registri né un padre Alameida né la parrocchia dove i fenomeni si sono verificati. Nel frattempo a Pittsburgh la parrucchiera Frankie Paige (Patricia Arquette) conduce una vita sostanzialmente tranquilla (se si eccettuano occasionali liti con il fidanzato) e del tutto priva di preoccupazioni religiose. Tutto cambia, però, quando la madre - che risulta essere, precisamente, la turista americana delle scene iniziali -, di ritorno dal suo viaggio in Brasile, le invia in regalo il rosario di padre Alameida. Mentre mostra le sue grazie agli spettatori nella vasca da bagno, Frankie è trafitta dalle stigmate alle mani, in una scena di stigmatizzazione certamente inconsueta nell’iconografia cattolica. Atea, Frankie non capisce di che si tratti e consulta medici e psichiatri, che sospettano un caso di epilessia. Seguono - in privato o in pubblico, con fenomeni straordinari e voli di colombe - le stigmate al costato, i segni della flagellazione e dell’incoronazione di spine. Mentre Frankie si dispera, i fenomeni - che in una occasione si verificano in metropolitana - attirano l’attenzione di un sacerdote, e da Roma la Congregazione invia padre Andrew a investigare.

    Il sacerdote - dopo avere concluso al primo colloquio che un’atea non può avere ricevuto le stigmate - si ricrede quando scopre che Frankie durante i "fenomeni" parla e scrive in aramaico (una lingua di cui nel suo stato normale non conosce neppure l’esistenza) ed è posseduta da una "presenza" capace di farla volare per la sua stanza da letto e di conferirle una forza sovrumana. Scopre pure che Frankie è una ragazza piuttosto attraente, che gradualmente si innamora di lui, altrettanto gradualmente ricambiata (non c’è film anticattolico che si rispetti senza il dramma del prete diviso fra l’amore e la fedeltà al celibato, né risulta che in questo genere di film sia mai quest’ultima a vincere). Quando trasmette a Roma i graffiti aramaici di Frankie, padre Andrew scatena senza saperlo una catena di eventi capaci - parole e musica del cattivo del film, il cardinale Houseman - di distruggere la Chiesa cattolica. A poco a poco padre Andrew capisce che Frankie - che nel frattempo ha ricevuto anche le stigmate ai piedi - è posseduta non dal diavolo, ma dallo spirito di padre Alameida, che attraverso i fenomeni straordinari cerca di comunicare un messaggio. Padre Alameida è stato scomunicato per essersi rifiutato di occultare i risultati di un lavoro di traduzione svolto a Roma, con altri due colleghi, di un documento dei primi secoli, il "Vangelo di Gesù", un testo gnostico più fedele al vero messaggio del Cristo dei quattro Vangeli canonici e in cui Gesù dichiara di non volere fondare né Chiese né istituzioni. Il cardinale Houseman vola a Pittsburgh, dove cerca di uccidere Frankie. Padre Andrew la salva, ma la bella parrucchiera è ancora in pericolo perché lo spirito che la possiede moltiplica i fenomeni straordinari fino a un rogo finale. Lo spirito però si placa, e il rogo si spegne, quando padre Andrew lo informa di avere riconosciuto in lui padre Alameida e promette di continuarne la missione. Così, dopo avere ammesso il suo amore per Frankie, padre Andrew vola in Brasile e scopre, nascosti in una botola nella chiesina di padre Alameida, originale e traduzione del "Vangelo di Gesù", mentre i titoli di coda ci informano che la Chiesa cattolica ha tentato di proibire la lettura del "Vangelo di Tommaso", scoperto a Nag Hammadi negli anni 1940 con altri documenti gnostici e "considerato quanto di più vicino esista a un’autentica trascrizione di parole di Gesù".

    Tom Lazarus, l’autore della storia di "Stigmata", dichiara di avere collaborato con un congruo numero di storici e biblisti, e il film allude a una controversia che dai circoli specialistici è passata da tempo sulla grande stampa americana. Dopo la "vecchia" ricerca accademica su Gesù Cristo come personaggio storico (distinto dal "Cristo della fede"), iniziata nel Settecento, e la "nuova" che risale agli anni 1950, si parla oggi negli Stati Uniti di una "terza ricerca" del Gesù storico. L’espressione è stata resa popolare soprattutto da John Dominic Crossan, un ex servita irlandese che nel 1968 ha lasciato il sacerdozio per sposare una collega docente universitaria a Chicago (morta la prima moglie, nel 1986 ha sposato una divorziata, causando ulteriori polemiche). Crossan ha fondato nel 1985 con il biblista Robert W. Funk il Jesus Seminar, che ha raccolto duecento studiosi della Bibbia (quasi tutti americani e tutti ultra-progressisti) che si sono riuniti per diversi anni "votando" con palline rosse, rosa, grigie e nere il grado di fedeltà al "vero" insegnamento di Gesù di quanto è riportato nei Vangeli. Nel 1993 il Jesus Seminar ha conquistato le prime pagine dei giornali con la pubblicazione, curata da Funk e Roy W. Hoover, di "The Five Gospels: What Jesus Really Said" ("I cinque Vangeli: che cosa ha detto veramente Gesù"), un’edizione dei Vangeli "a colori" dove - dalla certezza che un insegnamento è veramente di Gesù marcata in rosso alla certezza contraria marcata in nero - si divulga, passando per il rosa e il grigio, il risultato dei "voti" dei biblisti riuniti da Funk e Crossan. Prevedibilmente, i miracoli, la resurrezione, gli insegnamenti sulla divinità di Cristo e sulla Chiesa ricevono "pallina nera". Il titolo allude a "cinque" Vangeli e il quinto è precisamente il Vangelo di Tommaso, che sarebbe più antico dei testi di Luca, Matteo e Giovanni, che lo riprenderebbero ampiamente, e conterrebbe gli insegnamenti più autentici, gnostici e anti-istituzionali - questi sì meritevoli della "pallina rossa" - di Gesù. Il Jesus Seminar ha avuto più successo presso quotidiani e settimanali che nell’ambiente dei biblisti e degli storici, convinti che il Vangelo di Tommaso gnostico abbia riprodotto brani dei Vangeli canonici (e non viceversa), e che le "palline" siano state distribuiti secondo pregiudizi razionalisti e progressisti che hanno poco a che fare con la ricerca storica. L’ideologia del Jesus Seminar è così caduta in discredito, anche se è rimasta popolare in ambiente New Age attraverso autori come l’ex domenicano (ora pastore anglicano) Matthew Fox, accompagnata da tutta una letteratura complottista secondo cui la Chiesa cattolica avrebbe cercato di occultare il Vangelo di Tommaso, ora proposta al grande pubblico delle sale cinematografiche da "Stigmata". Senza pregiudizio per la bellezza di Patricia Arquette, è bene che questo pubblico sappia che la tesi secondo cui il Vangelo di Tommaso è il "vero" Vangelo e "il Vaticano" ha operato per nascondere la verità al suo proposito appartiene a un ciarpame anticattolico che non ha nulla a che fare con gli studi biblici seri.

  4. #4
    Le fondamenta di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    5,374
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    EXCALIBUR, su CANALE 5.

    Un capolavoro!

  5. #5
    fui lsu
    Data Registrazione
    02 Sep 2011
    Messaggi
    1,546
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Che film state guardando in questo momento?

    Originally posted by Unheimlich
    Ricopio pari pari il thread da musica. Sarà che è sabato sera e sto a casa, sarà che in genere, se qualcuno non mi avverte, quando c'è un bel film in tv me lo perdo sempre, sarà che sono curiosa di che state guardando voi, o sarà che adesso, su la7 stanno dando l'incredibile "She devil", dove Roseanne Barr (quella di "Pappa e ciccia", sit-com che appare nei palinsesti estivi o notturni di canale5, solo per i veri amanti del genere) fa a gara con una rosaconfetto Meryl Streep per riportare a casa un marito con i capelli phonati e in cerca di identità virile...magari è un filmaccio e non si vince il bacio del maestro, ma forse è la volta buona per sapere se anche lui, in prima serata, si affida al palinsesto o rispolvera una videocassetta...
    Proprio ieri mattina, da una rivendita di libri (e cassette) usati, ho acquistato "Fragole e sangue". La cassetta era uscita, qualche anno fa, con L'Unità.

    Guardo pochissimo la televisione, ho ancora alcuni scatoloni di "mattoni" cinematografici da vedere e, quando vado a dormire o quando ho un po' di tempo per rilassarmi, accendo il videoregistratore e sprofondo in qualche pesante capolavoro del passato. Una regressione onirica, passo dallo stato di veglia ai sogni veicolato dal film che ho scelto...


    Il mio film di sabato notte:

    Fragole e sangue
    (The Strawberry Statement)
    USA 1970
    REGIA: Stuart Hagmann
    ATTORI: Bruce Davison; Kim Darby; altri.

    Un giovane studente, inizialmente scettico e apolitico, s'impegna attivamente nelle lotte studentesche alla Columbia University.
    Presa di coscienza dei problemi contemporanei e amore per una ragazza le "molle" che lo portano ad una partecipazione sempre più intensa e determinata.
    Il finale descrive il massacro degli studenti, che hanno occupato l'università, da parte delle forze dell'ordine.
    A 30 anni di distanza, pur con qualche elemento che lo "data", torna d'attualità. Il pensiero va a Genova, ai fatti della scuola Diaz e la parola "sciopero", quella maggiormente ricorrente nel film, è quanto mai significativa.


    Ciao,
    Ej.

  6. #6
    fui lsu
    Data Registrazione
    02 Sep 2011
    Messaggi
    1,546
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Österreicher
    EXCALIBUR, su CANALE 5.

    Un capolavoro!
    Il film di John Boorman? Sì, è uno dei più spettacolari e riusciti sul tema delle leggende medioevali.

    Ej.

  7. #7
    Omo de Panza
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Messaggi
    1,902
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io non ho la tv accanto al pc, ma ho appena finito di vedermi un peo di Bingo Bongo con Adriano Celentano! ahahahaha Voglio a tutti i costi la canzone di quando lui scappa e si ritrova nella discoteca!! qualcuno la conosce?

  8. #8
    Imperturbabile
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,841
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Tomás de Torquemada
    Ormai è tardi, ma domani guarderò (in videocassetta...)...

    Dal sito http://www.cesnur.org/default.htm

    "Stigmata": un film gnostico attacca la Chiesa cattolica
    di Massimo Introvigne



    (...)
    Wow, l'ho sempre voluto vedere, la storia è interessante e ho qualche pezzo della colonna sonora, ma avevo paura di rimanere delusa dal solito film di cassetta americano...ho ricevuto critiche discordanti su questo film, ma forse dipende dal fatto se uno è o meno appassionato al genere. Non mi fido mai, inoltre, della ricostruzione storica dei film americani, soprattutto per quanto riguarda i vangeli gnostici e l'esoterismo, che vengono riportati alla stregua di leggende e luoghi comuni. Devo dire che ci sono rimasta male persino per il film sulla vita di Oscar Wilde, in cui, a parte la somiglianza dell'attore, pure gli aforismi erano tradotti male...
    A te come è sembrato?

  9. #9
    Imperturbabile
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,841
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pentothal
    Io non ho la tv accanto al pc, ma ho appena finito di vedermi un peo di Bingo Bongo con Adriano Celentano! ahahahaha Voglio a tutti i costi la canzone di quando lui scappa e si ritrova nella discoteca!! qualcuno la conosce?
    Mio dio, mio padre da piccoli ci allietava nei viaggi al mare con Celentano e le musiche di Rondò Veneziano, oltre ai vari Sanremi...di Bingo Bongo aveva persino la colonna sonora...fammi indovinare, è quella che fa :"Tu seee-eei la scimmia che noi aspettavamo, tu seee-eei la scimmia...oooh-oooh-oooh-oh!!!"

  10. #10
    Imperturbabile
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    1,841
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Che film state guardando in questo momento?

    Originally posted by S. M. Ejzenstejn


    Proprio ieri mattina, da una rivendita di libri (e cassette) usati, ho acquistato "Fragole e sangue". La cassetta era uscita, qualche anno fa, con L'Unità.

    Guardo pochissimo la televisione, ho ancora alcuni scatoloni di "mattoni" cinematografici da vedere e, quando vado a dormire o quando ho un po' di tempo per rilassarmi, accendo il videoregistratore e sprofondo in qualche pesante capolavoro del passato. Una regressione onirica, passo dallo stato di veglia ai sogni veicolato dal film che ho scelto...


    Il mio film di sabato notte:

    Fragole e sangue
    (The Strawberry Statement)
    USA 1970
    REGIA: Stuart Hagmann
    ATTORI: Bruce Davison; Kim Darby; altri.

    Un giovane studente, inizialmente scettico e apolitico, s'impegna attivamente nelle lotte studentesche alla Columbia University.
    Presa di coscienza dei problemi contemporanei e amore per una ragazza le "molle" che lo portano ad una partecipazione sempre più intensa e determinata.
    Il finale descrive il massacro degli studenti, che hanno occupato l'università, da parte delle forze dell'ordine.
    A 30 anni di distanza, pur con qualche elemento che lo "data", torna d'attualità. Il pensiero va a Genova, ai fatti della scuola Diaz e la parola "sciopero", quella maggiormente ricorrente nel film, è quanto mai significativa.


    Ciao,
    Ej.
    Wow magister, sono contenta, questo lo conosco! "Fragole e sangue" l'ho comprato con l'Unità quando è uscito, credo nel '97. Mi ha lasciata stranita come mi lasciano stranita tutti i film degli anni della cosiddetta contestazione. Credo si tratti di un'emozione personale, dovuta al fatto che la prima volta che ho sentito parlare del '68 è stato nel 1988, su un fascicolo-dossier dell'Espresso, in piena Milano da bere, dove accanto alle foto di Pillitteri in stivali e piedi incrociati sulla cattedra, e tanto di megafono con su scritto il suo nome, c'erano quelle dei contestatori, e della carriera che avevano intrapresa. Io rimasi fulminata dalla poesia di Pasolini, da quel :"Vi odio, siete i figli del potere", e credo, in un certo senso di essere come il protagonista del film, un pò estranea, un pò innamorata, un pò scettica, un pò preda poco convinta dell'agiografia del potere delle piazze, sebbene creda in alcune delle idee per cui si contesta...Un film, particolare, che ora vorrei rivedere...

    Io ho uno scatolone pieno di videocassette, soprattutto di film d'essay e qualche pornazzo dell'Espresso (non mancano nelle migliori famiglie!).
    In genere però, con le videocassette sono abitudinaria, guardo periodicamente sempre gli stessi film: Arancia meccanica prima dell'esame, Storie di ordinaria follia di Ferreri (del quale prima o poi vorrei parlare...) e, random, Dellamorte Dellamore (tutta colpa di Dylan Dog), l'incredibile Jeanne Moreau di Jules e Jim, alla quale avrò fatto decine di ritratti, e poco altro...
    Dimenticavo, stasera c'è la seconda parte di Via col vento, ieri l'ho beccato negli ultimi minuti...

 

 
Pagina 1 di 164 121151101 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 11244
    Ultimo Messaggio: Ieri, 01:30
  2. Risposte: 8488
    Ultimo Messaggio: 12-04-19, 02:32
  3. Cosa state suonando in questo momento?
    Di Frescobaldi nel forum Musica
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 05-03-10, 21:37
  4. Che libro state leggendo in questo momento?
    Di Il_Siso nel forum Hdemia
    Risposte: 66
    Ultimo Messaggio: 02-02-03, 15:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226