User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Camerata Topolino

  1. #1
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Camerata Topolino

    Ho appena finito di leggere questo libro:



    Camerata Topolino
    L'ideologia di Walt Disney
    di Alessandro Barbera
    collana Eretica - Stampa Alternativa
    ISBN 672-6
    pp. 112, dim 12x17 cm
    Lit. 14.000 euro 7,23

    I personaggi di Walt Disney hanno accompagnato la vita di milioni di esseri umani con una forza di persuasione seconda solo a quella della Chiesa cattolica.
    Finalmente attraverso Topolino, la sua creatura più nota, potremo conoscere la vita e il pensiero del loro creatore.
    Un viaggio dalle incredibili sorprese. Il Disney pubblico era solo una maschera: non un supporter dell'american way of life, ma uno scomodo critico a stelle e strisce che, al pari di Ezra Pound, avrebbe gradito un'America diversa.
    Un uomo di destra che questo libro aiuta finalmente a decifrare in tutte le sue sfaccettature, dal "conservatorismo rivoluzionario" al "nazismo magico".





    l'ho trovato interessante

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la recensione del Corriere




    Raccolti in un saggio trentacinque anni di interpretazioni critiche sull'universo di Walt Disney Sesso, soldi e politica: l'ideologia di Topolino Paperino consumista, Gastone gay, Mickey Mouse camerata.
    Qualcuno ha detto: "Su Topolino si è scritto più che sui filosofi della scuola di Francoforte". Niente di più vero. D'altra parte quel mondo fatto di ratti, paperi, cani e gatti che si comportano come uomini inventato da Walt Disney è riuscito ad intrigare persino Brasillach, Pound e Zolla. Il quale, interrogato su chi fosse la figura letteraria più importante in America, avrebbe risposto "Mickey Mouse", mentre il regista Eizenstein avrebbe parlato delle sue storie come di "una meravigliosa ninna nanna per i sofferenti, gli sfortunati e gli oppressi". Alessandro Barbera ha ora raccolto in un libro gli ultimi trentacinque anni di critica all'ideologia di Disney. Soffermandosi in particolare sull'interpretazione politica che è stata fatta della vita a Topolinia, Paperopoli e dintorni. Alla ricerca della conferma per una sua teoria : quella secondo cui Walt Disney sarebbe stato prima di tutto "un anticomunista viscerale, un conservatore rivoluzionario e per estensione un fascista" e non, come a lungo tempo si è creduto, "un semplice propagandista dell'American way of life".
    CAMERATA TOPOLINO - Topolino, scomodando Kierkegaard, è stato visto come una sorta di "cavaliere della fede nell'uomo", in qualche modo figlio della cultura di destra di Walt Disney. È d'altra parte ormai storia che Disney aveva incontrato Mussolini in Italia nel 1932 e nel 1937, così come è storia che Goebbels regalò ben diciotto film di Topolino a Hitler. Barbera afferma però che quella del camerata Topolino non è stata un'adesione politica ma piuttosto una infatuazione per il "nazismo magico" che si nasconderebbe in quelle stesse fiabe nordiche più volte utilizzate da Disney per i suoi cartoon ma anche dal Führer per la sua propaganda.
    PAPERINO O MARX - Paperino, spiega Barbera, è stato visto di volta in volta visto come un reazionario, un comunista e un fascista. Ma ancora di più è stato detto sul suo disegnatore Carl Barks. Ariel Dorfman e Armand Mattelart (nel 1972) lo definiscono infatti come l'autore di un mondo dove "mancherebbe totalmente la rappresentazione della classe operaia, la cui massima espressione sarebbe la Banda Bassotti". Donald Duck non sarebbe, d'altra parte, un lavoratore ma un cacciatore del superfluo alla costante ricerca di soldi da spendere. Più tardi Barks sarebbe stato addirittura paragonato a Karl Marx.
    NIENTE SESSO - Su questo argomento gli interventi critici raccolti da Barbera sembrano concordare. Tutti o quasi descrivono infatti un Disney che "masturberebbe i suoi lettori senza autorizzarli all'atto". D'altra parte come non crederci visto che nel suo mondo non ci sono mai figli ma solo nipoti, che Paperina e Minnie hanno un sesso sterile e sanno solo civettare, che i maschi vivono costantemente una sorta di coitus interruptus . Nonna Papera sarebbe così una frigida virago del vecchio West e c'è anche qualcuno che sottolinea, forse per la prima volta, come la parte più espressiva di Paperino sia il suo sedere e come la sua sia una voce rauca degna "di una bellezza da marciapiede".
    SOLDI - Secondo Gianni Rondolino, quando (anno 1935) in una stazione di servizio Topolino, Pippo e Paperino distruggono la macchina di Gambadilegno, non starebbero semplicemente compiendo un assalto nel nome della legge ma piuttosto "un gesto anticapitalista". Può essere, ma è più difficile credere che Paperone non sia un vero tycoon alla maniera di Rockfeller dal momento che le montagne di soldi in cui si tuffa non vengono mai reinvestite nella storia successiva.
    RAZZISMO - L'accusa nasce da un saggio del '93 di Marc Eliot che cita una sequenza dei Tre porcellini dove il Lupo cattivo, travestito da venditore di spazzole, avrebbe naso adunco, cappello e mantello nero. Insomma, per Eliot, il Lupo sarebbe travestito da mercante ebreo: una rappresentazione nel segno del peggior antisemitismo che più tardi sarebbe stata addolcita da Disney in seguito alle proteste di alcune potenti lobby ebraiche.
    NEVROSI - Non sono stati però soltanto Topolino e Paperino ad essere sezionati dai critici ma tutti i componenti della Banda Disney. E così Archimede si trasforma nel frutto di una relazione illecita di una delle sorelle o cugine di Paperone, Gastone in un agente della Cia ricattato in quanto omosessuale, Biancaneve in una tipica sartina in età da marito, Clarabella in una zitella petulante . Tanto per concludere Paperoga sarebbe un disadattato, un reduce del Vietnam, addirittura un drogato. Brigitta, invece, una ninfomane repressa: chi di noi, semplici lettori, l'avrebbe mai detto?
    Il libro di Alessandro Barbera "Camerata Topolino" (Stampa Alternativa, pagine 110, euro 7,23, lire 14.000) sarà in libreria dal 15 gennaio

    Stefano Bucci

 

 

Discussioni Simili

  1. Leggevate Topolino?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 03-10-12, 23:10
  2. Il passaggio delle consegne: da camerata a camerata
    Di Beppe Tritoni nel forum Destra Radicale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 21-01-08, 14:25
  3. Ibernato un topolino
    Di ago nel forum Scienza e Tecnologia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-04-05, 10:07
  4. Topolino o Paperino?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 02-02-03, 20:41
  5. camerata topolino
    Di margini nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-03-02, 19:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226