User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cossiga e la Sardegna indipendente.....

    LA PROVOCAZIONE
    VENETO AUTONOMISTA
    L'ESEMPIO DI COSSIGA

    Giorgio Lago


    Francesco Cossiga, sassarese del 1928, di formazione cattolico-liberale, ha un curriculum politico che già mezzo basterebbe a fare una carriera emerita. Da presidente della Repubblica «una e indivisibile» concluse provvidenzialmente il mandato picconando di brutto la partitocrazia, a partire dalla sua Democrazia Cristiana, tanto che la cosiddetta «seconda Repubblica» è un po' anche sua figlia naturale. Quest'uomo coltissimo ed eclettico, amante di studi costituzionali, innamorato dell'Irlanda e di tutti i luoghi forti delle identità, ha proposto in questi giorni un'assemblea costituente del popolo sardo, con il compito di redigere il nuovo Statuto, sulla base del quale «confrontarsi» - il termine è suo - con il governo centrale. Fate attenzione allo spirito e ai contenuti dello statuto di 112 articoli proposto da SEGUE DALLA PRIMA
    Cossiga. Il modello è lo Stato autonomo di Catalogna. La nuova costituzione della Regione sarà chiamata «Noa Carta De Logu», dal momento che viene stabilita la pari dignità tra la lingua sarda e l'italiano, con l'obbligo dunque di trascrivere l'atto in entrambe le lingue: nel richiamarsi alla radice della nazione sarda, Cossiga non esita a richiamarsi a una battaglia combattuta nel 1409.
    La Sardegna, che nel 1847 chiese la fusione con il Piemonte dei Savoia, diventerebbe con questo statuto una «Comunità autonoma» e una «nazione individuale e distinta» nell'ambito dell'Italia. La fusione di autonomismo (radicale) e di patriottismo (istituzionale) viene riassunta da Cossiga con una inedita formula: «Siamo sardi per origine, lingua e costumi; siamo italiani per volontà». Da politico di antichissimo pelo, l'ex capo dello Stato unitario oggi padrino dello Stato federalistico sa ovviamente che per dare voce a quella che lui stesso definisce l'«incompiuta Nazione Sarda» occorre una mobilitazione popolare, un movimento trasversale, un moto di tante forze con un comune obbiettivo. Anche qui Cossiga si ispira alla Catalogna, dove sinistra, centro e destra sono rappresentate all'interno della stessa «Convergenza» autonomistica.
    Qualche giorno fa l'ex presidente ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Chiaramonti, antico centro dell'Anglona, nel nord della Sardegna. Parlando nell'occasione il sardo linguisticamente illustre, sapete quali termini ha usato il senatore della Repubblica Cossiga? «Libertade e indipendentzia», riferendosi alla Sardegna, mentre, per riferirsi alla cultura dominante, ha parlato testualmente di: «Uni cunzettu miope de unidariedade zentralistica», un concetto miope di unità centralistica. Ah, dimenticavo. Nella Costituzione italiana la Sardegna è già una regione di tipo speciale, anzi specialissimo perché modellato subito dopo la guerra sulla Sicilia. Nello Statuto di Cossiga, la specialità raddoppia!
    Senza poi contare che l'isola ha da sempre coltivato una fortissima tradizione di autonomia: subito dopo la guerra, il ceto dirigente sardo sognava l'eliminazione dei prefetti, un bilancio di tipo svizzero, la «devoluzione» (!) di competenze e perfino un «governatore» (!), figura quest'ultima che fin dal primo Risorgimento un ministro dell'Interno, il bolognese Marco Minghetti, aveva inutilmente tentato di introdurre assieme a un timido decentramento dello Stato sabaudo. Riassumiamo le parole d'ordine di Francesco Cossiga: Storia, Autonomia, Statuto, Catalogna, Confronto con il governo italiano, Lingua, Nazione sarda, Movimento federalistico, Indipendenza contro il centralismo non contro l'Italia. Ma tutti questi materiali non danno forse l'esatta fotocopia di anni e anni di riformismo dal basso invocato senza tregua e senza risultato a Nordest?
    Sì, ma stranamente nessuno batte ciglio in questo caso. Cossiga non fa scandalo né il suo autonomismo ultra catalano provoca titoli indignati sui giornali. Nessuno invoca l'unità della Patria in pericolo né tanto meno si permette di ironizzare su un fenomeno ampiamente anticipato dal laboratorio nordestino, Veneto in testa. Un fenomeno oltretutto europeo.
    Basti pensare che,appena messo da Chirac alla guida del nuovo governo francese, Jean Pierre Raffarin ha chiarito di voler opporre alla «politica da supermercato», lontana dalla gente, la Francia vera, dal basso, la «France d'en bas». Con quali strumenti, è presto detto: «La regionalizzazione è la soluzione alla crisi», parole sue.
    All'inizio del suo primo mandato da presidente del Veneto, avevo chiesto a Giancarlo Galan quale fosse la disponibilità effettiva, cioè politicamente discrezionale, di fondi sui diecimila miliardi di bilancio regionale. La risposta dei suoi tecnici fu: 150/200 miliardi al massimo, una miseria perché il resto è blindato e già vincolato. Sono passati anni, credo che in termini assoluti il bilancio sia raddoppiato ma gli spazi di manovra restano sempre gli stessi: una miseria.
    L'esempio di Francesco Cossiga, ex capo dello Stato, insegna come fare gli Statuti o come irrobustire l'autonomia esistente, da Bolzano a Trieste, da Trento a Udine, per non parlare del Veneto. L'autonomia di stampo europeo non è mai troppa.


    Magari avanti di questo passo finirà che i Sardi arrivano prima.



    --------------------------------------------------------------------------------

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ospite

    Predefinito

    [QUOTE]Originally posted by paladino
    [B]


    meglio un protettorato tedesco.....
    che essere servi di itagliani stolti e ignoranti quali tu rappresenti ......

    e poi non fate tanto gli schizzinosi con i Tedeschi se non erro quelli come tè un pò di anni fà gli baciarono il culo ai tedeschi portando sopratutto rovina in PADANIA...

    patetico e storicamente .......italico....

    mwahhahahahahah

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 122
    Ultimo Messaggio: 15-11-12, 14:48
  2. E se la Sardegna diventasse uno stato indipendente?
    Di realista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 143
    Ultimo Messaggio: 15-06-08, 23:33
  3. Cosa voteresti in una Sardegna Indipendente?
    Di Enrico1987 nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 25-10-05, 18:12
  4. Sardegna Indipendente?
    Di Enrico1987 nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03-10-05, 23:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226