User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito liberalismo e discordia

    La "concordia" del Papa non fa bene alla società


    di Giancarlo Bosetti

    L'appello alla concordia del Papa era "erga omnes"
    E male ha fatto Berlusconi ad allinearsi all'appello
    Perché la concordia dei cattolici è illiberale
    Il conflitto in una società è salutare e fa progredire
    Ah, la "concordia sociale"! Da quanto tempo non echeggiava questo concetto solenne, che l'altro giorno il Papa ha sfoderato in occasione della conferenza episcopale italiana, dedicandolo specificamente, dato il contesto, al nostro paese e alle tensioni che lo attraversano? Quanto tempo? Dall'epoca di Valletta? O di Angelo Costa presidente della Confindustria? Ma no, di più, secoli indietro? Certo bisogna andare lontano per trovarne traccia.

    Altre epoche, altri climi. Il capo del governo si è ieri immediatamente allineato all'appello, con la consueta rapidità comunicativa e propagandistica, ma ha fatto male. E ora vi spiego perché. E spero che gli altri politici, compresa l'opposizione, non si allineino anche loro (e vi spiego anche questo).

    Si capisce che il Pontefice, con il suo richiamo, intendeva rivolgersi a tutti quanti, "forze sociali" e "forze politiche", come si usa dire, en bloc, destra e sinistra, sindacati e imprenditori perchè si adoperino a ridurre le tensioni. L'intenzione dunque era buona, legittima, comprensibile. Persino forse da condividere, l'intenzione. Comunque non maligna. E si capisce anche che si potrebbe a lungo questionare sugli effetti politici dell'appello alla concordia, dal punto di vista di chi se lo sia meritato di più, in quanto fonte di "discordia".

    La rapidità dell'aggancio di Berlusconi nulla toglie al fatto che l'appello non era palesemente né filo-governativo né filo-ulivista. Si trattava, visibilmente, di un invito politicamente "ecumenico", super partes, o erga omnes. Ci vuole insomma una notevole disinvoltura, o fuor di eufemismo, faccia di bronzo, per sostenere che il Papa in questo modo ha preso posizione sull'articolo 18 dalla parte di Maroni-Tremonti contro Cofferati e lo sciopero generale. Ovviamente cosi' non é.

    E non è vero neanche il contrario, anche se dall'altra parte scarseggiano facce di bronzo equipollenti (che non si sa, talvolta, se sia più un bene o un male). Insomma non è sostenibile neppure che il Pontefice abbia messo in rilievo una maggiore propensione alle tensioni da parte del governo. Da questo punto di vista entrambe le parti potrebbero usare, a pari titolo, l'appello a proprio beneficio, se ne avessero voglia. Ma a stirare le parole del Papa o di qua o di là non credo comunque che andrebbero molto lontano. E comunque chi lo fa, a mio avviso, fa proprio male.

    Perché? Perché sono parole malissimo dette e malissimo pensate, nonostante l,'altezza del soglio da cui provengono. In un paese libero, liberale e in una società aperta, gli appelli alla concordia sociale vanno respinti al mittente. Sempre. Non c'e' infatti nella storia delle idee e del linguaggio politico concetto più capziosamente e maliziosamente illiberale di quello della "concordia sociale", tipico del paternalismo con la mano pesante e tipico, ahinoi, della cultura cattolica e dei suoi caratteri genetici che le rendono cosi' difficile digerire l'idea liberale del conflitto, il conflitto, si capisce, non violento.

    La "concordia sociale", da Menenio Agrippa in giù è stata costantemente invocata da chi sta sopra contro chi sta sotto, dai patrizi per piegare i plebei, dall'aristocrazia per piegare le pretese della borghesia. Qui verrebbe da dire da parte della borghesia industriale contro il proletariato. Ma la stessa borghesia ne ha fatto un uso più problematico, perché via via che la lezione liberale si affermava il concetto veniva abbandonato, in favore di una più spregiudicata consapevolezza che un salutare accapigliarsi tra gli interessi degli uni e degli altri, per il salario, i diritti e tutto il resto era parte del gioco, per andare avanti. Avete presente Novecento, di Bertolucci e la marea di braccianti arrabbiati?

    E poi la borghesia, ehm ehm, aveva qua e là abbattuto l'ordine aristocratico con conflitti civili, con guerre, spesso massacri, bagni di sangue, "livellamenti" di teste. Ma certo chi è al comando ha, quasi, sempre bisogno di pace, ordine e concordia sociale perché non vuole essere disturbato ed è tentato dal miraggio della concordia. Ogni spostamento di equilibrio sulla mappa del potere o delle pretese economiche è un grattacapo.

    Nascono cosi' gli appelli alla concordia e gli apologhi sugli organi del corpo che devono svolgere la propria funzione senza rompere le scatole: a qualcuno tocca la parte dei piedi o dello stomaco, a qualcun altro quella del cervello. Pazienza. L'organicismo delle funzioni sociali esercitate da chi sta sotto senza mai alzare il capo ed emettere un lamento, ma con "concorde" entusiasmo, ha inquinato la cultura marxista e quella cattolica in misura tale che sarebbe difficile distinguere, tra i due, il peggiore.

    Questioni di linguaggio, si dirà. Errori di linguaggio. Ma errori gravi, che una politica laica farebbe bene a respingere se vuol difendere il linguaggio liberale, più appropriato per descrivere i rapporti sociali e politici di quello confessionale. Soltanto un caso può forse giustificare l'uso dell'idea di concordia sociale senza destare scandalo: all'indomani di una guerra civile. Anche allora direi di andarci piano, con moderazione. Chi non vuole ascoltare voci discordanti e' sempre pericoloso. E tuttavia quello della guerra civile non è comunque il nostro caso, anche ad essere i più pessimisti tra i pessimisti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' un articolo che aveov già letto su www.ilnuovo.it, se non erro e mi era piaciuto non poco...

    Ciao.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    palayork
    Messaggi
    3,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    il problema e` che a parole tutti si proclamano liberali. tanto non costa nulla. poi bisogna anche capire che non e` molto facile essere effettivamente liberali.
    i liberali, quelli veri, sono individualisti, pragmatici, mai scontati e non amano molto sia l`apologia che la demonizzazione.
    si faccia il confronto con quello che accade in Italia con i cori da gregge di pecore, con gli svenimenti repentini per l`emozione ogni volta che un potere forte (chiesa economia) apre la bocca e si comprende come siamo tutto in Italia, tranne che veri liberali....

  4. #4
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Darsi l'etichetta da Liberali per raccogliere voti è facile, esserlo implica molta più coerenza ed è molto difficile.

    Ciao.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

 

 

Discussioni Simili

  1. Liberalismo scientifico contro Liberalismo utopico
    Di John Orr nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-03-10, 19:37
  2. Jesús Huerta de Soto: liberalismo científico frente a liberalismo utópico.
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-09-08, 11:04
  3. I Pacs della discordia
    Di lele15 nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-02-07, 13:11
  4. la Tav della discordia
    Di Nebbia nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 29-12-06, 21:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226