User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bossi duro con Maroni sulla possibilita' di voto agli extra:"Pensi al suo ministero"

    Il capo della Lega gela anche il suo ministro: «Pensi al Lavoro e lasci a me queste cose: alle urne possono andare solo i cittadini italiani»

    Bossi: «Ma ogni Stato deve restare padrone in casa sua»
    «Obblighiamo l’Unione a intervenire con i finanziamenti per la polizia di confine»


    MILANO - La linea dura nella lotta ai clandestini passa a fatica nel vertice europeo di Siviglia per l’opposizione della Francia guidata ora dal centrodestra. Ma è una «resistenza» che non preoccupa Umberto Bossi. E nell’intervista che segue il leader leghista spiega il suo punto vista: se l’intesa tra partner non ci sarà, nessun problema. La gestione di questo problema, dice, può restare nelle mani degli Stati nazionali, l’Europa tutt’al più potrà dare i soldi per potenziare la polizia di confine. Ministro Bossi la Francia di Chirac si mette di traverso...
    «Beh la cosa non mi preoccupa. E’ meglio che ogni Paese controlli i propri confini».
    Ma la lotta ai clandestini non è questione europea?
    «Chi l’ha detto? Vi è arrivata adesso. Ripeto: ogni Paese controlli casa sua. Se la questione finisce in Europa siamo finiti».
    Perché?
    «Laggiù c’è ancora la tecnocrazia. C’è ancora gente come Prodi che è d’accordo con quanti vogliono l’immigrazione selvaggia per scardinare il sistema così come si è organizzato in Occidente. Noi abbiamo cercato di trovare in Europa un minimo di coordinamento, di regole condivise. Abbiamo tentato di premiare o escludere quei Paesi che rispettano le regole e comprendono che per noi l’immigrazione clandestina è la morte. Lo spirito della legge che abbiamo approvato da poco va in quella direzione: aiutare quei Paesi da cui arrivano i clandestini se contrastano efficacemente il fenomeno».
    Ma la linea dura di Spagna, Italia e Gran Bretagna stenta ad avere consensi in Europa...
    «Chiariamo subito: l’Europa non può avere quella competenza. Si dovrebbero riscrivere tutti i trattati internazionali. Aggiungo che per deliberare occorre l’unanimità nel voto, tra i Paesi membri. Se un Paese non è d’accordo, tutto finisce in niente. Se la Francia non è d’accordo va benissimo. Vuole dire che la questione dell’immigrazione resta nelle mani dei singoli Stati nazionali, i quali faranno funzionare le loro polizie. E’ evidente che ciò avrà un costo aggiuntivo. Quel che possiamo fare è obbligare l’Europa a intervenire con i finanziamenti per la polizia di confine. In ogni caso, io non credo a un’Europa fortezza, ecco perché lascerei a ogni singolo Paese la gestione dell’immigrazione».
    Perché?
    «Inna nzi tutto perché il cittadino si sente più sicuro. Aggiungo che affidare un tema così delicato a un’entità ancora confusa qual è l’Europa è pericoloso. C’è il rischio che si adottino politiche che vanno nel senso opposto: ovvero che aprano, anzi sfondino le frontiere ai clandestini. Il problema vero è che se un Paese fa entrare quella gente a tutta manetta, non essendoci più confini, noi ce li troviamo in casa. Insomma, se non si trova un rimedio identico per tutti c’è il rischio che tutti entrino in crisi».
    Oggi (ieri, ndr) il ministro Maroni, leghista come lei, non ha escluso che gli immigrati, se in regola, possano in futuro votare alle amministrative .
    «Assolutamente no. E’ la cosa più grave che potrebbe avvenire. La legge prevede che debbano essere cittadini italiani. Quindi se non sono cittadini non votano. Maroni si occupi di lavoro e queste cose le lasci a me. Io una legge del genere non la farò mai. Prima di avere diritto al voto una persona deve dare garanzie che è qui da noi da tanto tempo, che è ben radicato nel nostro Paese. Io sono stato eletto dalla mia gente per difenderla, non mi interessano le balle degli altri che hanno come obiettivo quello di scardinare il sistema».
    Domenica c’è l’incontro di Pontida un anno dopo il ritorno della Lega al governo con la Casa delle libertà. E’ tempo di un primo bilancio.
    «Siamo un po’ in ritardo sulle riforme istituzionali, anche se era previsto che venissero fatte nel secondo anno della legislatura. Ecco da Pontida io lancerò un messaggio di mobilitazione: da settembre saremo nelle piazze e rilanceremo la battaglia per il cambiamento».
    E la legge sulla devolution?
    «Ci vorranno ancora alcune settimane, ma sono convinto che il testo ora all’esame della commissione verrà votato dall’aula del Senato e subito dopo incardinato alla Camera. E poi andremo in ferie».
    [email protected]

    Lorenzo Fuccaro

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneto
    Data Registrazione
    01 May 2002
    Località
    Veneto
    Messaggi
    1,508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Bossi duro con Maroni sulla possibilita' di voto agli extra:"Pensi al suo ministero"

    Originally posted by Dragonball
    Il capo della Lega gela anche il suo ministro: «Pensi al Lavoro e lasci a me queste cose: alle urne possono andare solo i cittadini italiani»

    Bossi: «Ma ogni Stato deve restare padrone in casa sua»
    «Obblighiamo l’Unione a intervenire con i finanziamenti per la polizia di confine»


    MILANO - La linea dura nella lotta ai clandestini passa a fatica nel vertice europeo di Siviglia per l’opposizione della Francia guidata ora dal centrodestra. Ma è una «resistenza» che non preoccupa Umberto Bossi. E nell’intervista che segue il leader leghista spiega il suo punto vista: se l’intesa tra partner non ci sarà, nessun problema. La gestione di questo problema, dice, può restare nelle mani degli Stati nazionali, l’Europa tutt’al più potrà dare i soldi per potenziare la polizia di confine. Ministro Bossi la Francia di Chirac si mette di traverso...
    «Beh la cosa non mi preoccupa. E’ meglio che ogni Paese controlli i propri confini».
    Ma la lotta ai clandestini non è questione europea?
    «Chi l’ha detto? Vi è arrivata adesso. Ripeto: ogni Paese controlli casa sua. Se la questione finisce in Europa siamo finiti».
    Perché?
    «Laggiù c’è ancora la tecnocrazia. C’è ancora gente come Prodi che è d’accordo con quanti vogliono l’immigrazione selvaggia per scardinare il sistema così come si è organizzato in Occidente. Noi abbiamo cercato di trovare in Europa un minimo di coordinamento, di regole condivise. Abbiamo tentato di premiare o escludere quei Paesi che rispettano le regole e comprendono che per noi l’immigrazione clandestina è la morte. Lo spirito della legge che abbiamo approvato da poco va in quella direzione: aiutare quei Paesi da cui arrivano i clandestini se contrastano efficacemente il fenomeno».
    Ma la linea dura di Spagna, Italia e Gran Bretagna stenta ad avere consensi in Europa...
    «Chiariamo subito: l’Europa non può avere quella competenza. Si dovrebbero riscrivere tutti i trattati internazionali. Aggiungo che per deliberare occorre l’unanimità nel voto, tra i Paesi membri. Se un Paese non è d’accordo, tutto finisce in niente. Se la Francia non è d’accordo va benissimo. Vuole dire che la questione dell’immigrazione resta nelle mani dei singoli Stati nazionali, i quali faranno funzionare le loro polizie. E’ evidente che ciò avrà un costo aggiuntivo. Quel che possiamo fare è obbligare l’Europa a intervenire con i finanziamenti per la polizia di confine. In ogni caso, io non credo a un’Europa fortezza, ecco perché lascerei a ogni singolo Paese la gestione dell’immigrazione».
    Perché?
    «Inna nzi tutto perché il cittadino si sente più sicuro. Aggiungo che affidare un tema così delicato a un’entità ancora confusa qual è l’Europa è pericoloso. C’è il rischio che si adottino politiche che vanno nel senso opposto: ovvero che aprano, anzi sfondino le frontiere ai clandestini. Il problema vero è che se un Paese fa entrare quella gente a tutta manetta, non essendoci più confini, noi ce li troviamo in casa. Insomma, se non si trova un rimedio identico per tutti c’è il rischio che tutti entrino in crisi».
    Oggi (ieri, ndr) il ministro Maroni, leghista come lei, non ha escluso che gli immigrati, se in regola, possano in futuro votare alle amministrative .
    «Assolutamente no. E’ la cosa più grave che potrebbe avvenire. La legge prevede che debbano essere cittadini italiani. Quindi se non sono cittadini non votano. Maroni si occupi di lavoro e queste cose le lasci a me. Io una legge del genere non la farò mai. Prima di avere diritto al voto una persona deve dare garanzie che è qui da noi da tanto tempo, che è ben radicato nel nostro Paese. Io sono stato eletto dalla mia gente per difenderla, non mi interessano le balle degli altri che hanno come obiettivo quello di scardinare il sistema».
    Domenica c’è l’incontro di Pontida un anno dopo il ritorno della Lega al governo con la Casa delle libertà. E’ tempo di un primo bilancio.
    «Siamo un po’ in ritardo sulle riforme istituzionali, anche se era previsto che venissero fatte nel secondo anno della legislatura. Ecco da Pontida io lancerò un messaggio di mobilitazione: da settembre saremo nelle piazze e rilanceremo la battaglia per il cambiamento».
    E la legge sulla devolution?
    «Ci vorranno ancora alcune settimane, ma sono convinto che il testo ora all’esame della commissione verrà votato dall’aula del Senato e subito dopo incardinato alla Camera. E poi andremo in ferie».
    [email protected]

    Lorenzo Fuccaro
    1994 Maroni va da Segni per chiudere un'alleanza politica con la Lega su mandato di Bossi.24 ore dopo Bossi lo smentisce.Ma per favore non hai ancora capito che lo scopo è usare i ministeri per mantenere o reggere un consenso che la Lega non ha più?
    13 agosto 1995 Bossi dichiara:"Arriverà il momento in cui io non potrò più essere il segretario federale della Lega perchè la Lega avrà esaurito il suo corso".Allora se entro il 2004 (elezioni europee) La Lega non avrà recuperato consenso,la stessa è finita e con essa anche il suo segretario.Della serie io ho fatto la Lega ed io la distruggo.Oppureonfida nel passaggio di molti deputati forzisti nel centro, per far valere i suoi ottenendo i risultati.

 

 

Discussioni Simili

  1. Bersani attacca Landini sulla TAV: "Pensi a quegli operai"
    Di zlais nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 07-04-12, 17:26
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-08-10, 13:28
  3. Bossi: "Con Berlusconi si va lontano" Maroni: "Clandestini, stop al 100%"
    Di carlomartello nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-09-09, 15:53
  4. Bush mette in guardia Prodi: "il Premier? Pensi agli afghani"
    Di Roberto Mime nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 12-07-06, 20:02
  5. Bossi a Maroni sul voto agli immigrati:"Pensi al suo ministero"
    Di Der Wehrwolf nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-06-02, 12:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226