User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ricodare Jan Palach, altro che Valpreda o Pannella...

    Una favola, la più bella e al tempo stesso la più tragica dell’ Europa moderna fu quella di Jan Palach. Storici, intellettuali, politici hanno fatto di tutto per non farla conoscere abbastanza, per farla dimenticare in fretta, per nasconderla alle nuove generazioni o perché erano di parte o perché erano troppo ottusi per comprendere fino in fondo quell’ estremo gesto. Credo sopratutto perché ne avevano paura.
    Lo scenario era quello di Praga invasa dai carriarmati sovietici nell’ agosto del 1968. L’ Unione Sovietica di Kruscev non poteva tollerare la scelta del partito comunista cecoslovacco di cercare la propria via al socialismo, la via nazionale, che significava l’ indipendenza. Allora come oggi la parola “nazione” era propria solo del vocabolario fascista e le gerarchie, gli intellettuali rossi, erano gli unici a poterla usare, interpretare ed eventualmente applicare in base ai loro interessi imperialisti. Ma la Cecoslovacchia ebbe l’ “inconcepibile ardire” di volere un futuro nazionale del quale essere l’ artefice principale. Non voleva strappi con Mosca, nessuna volontà o velleità di abbandonare o tradire il socialismo e il Patto di Varsavia; nessuna rottura con i fratelli dell’ Est ma solo vedere riconosciute le proprie peculiarità di cultura e tradizioni, di popolo. Di popolo cecoslovacco.
    Jan Palach era un ventenne, un comunista convinto studente della facoltà di filosofia che stava preparando una tesi di laurea sul pensiero di Marx in parallelo a quello di Engels. Jan Palach era un normalissimo straordinario ragazzo innamorato dello studio, della sua ragazza e della sua gente al punto da abbracciare in toto, dopo il periodo nero della dittatura Novotny, l’ apertura verso un socialismo nazionale avanzata da quello che diverrà il padre “eroe” della Cecoslovacchia libera, Alexander Dubcek. Ma l’ Urss era solo un gigante sordo e cieco; Kruscev mise in moto i lugubri carriarmati con la stella rossa che impietosi avanzavano macinando i chilometri e le speranze di libertà di uno dei popoli più ricchi di cultura e spirito europeo. Il 21 agosto 1968, all’ arrivo dell’ Armata Rossa a Vsetaty, paese natale di Palach, lui gli corse incontro e iniziò a parlare ad un ufficiale russo che si guardava sprezzante intorno senza mai incrociare i suoi occhi e sputando per terra. Jan voleva spiegare e farsi spiegare, voleva capire; c’ era qualcosa in quell’ invasione che lui, comunista, non riusciva a comprendere. Voleva solo chiedere a quell’ ufficiale in giubba color cachi perché stessero invadendo la Cecoslovacchia, la sua Patria. Ma quel russo senza occhi, senza un volto non rispose e a Jan non restò che tornarsene a casa con quel silenzio pieno di ghiaccio, di dubbi, di rancori asettici e ordinati da un potere vuoto ma pesante come piombo nelle gambe. Era il segnale di una condanna emessa per un imputato senza colpe.
    E per mesi continuò a non capire, ad interrogarsi, a cercare un senso a quella inutile, ingiusta, spietata, sanguinaria, barbara invasione della sua terra. Le ragioni erano di un cinismo così brutale e odioso che forse non provò neppure a prenderle in considerazione; forse pensava che neppure il peggiore dei nemici, il capitalismo, sarebbe potuto arrivare a simili estremi che solo il nazismo e Hitler riuscirono a concepire. Quei tormenti Jan Palach li bruciò con se stesso in piazza San Venceslao, dandosi fuoco come un bonzo. Bruciò Jan come erano bruciate le strade di Praga. Era l’ atto culminante, finale della tragedia che stava vivendo dentro di sè e che i suoi connazionali guardavano malinconicamente svolgersi nelle vie deserte.
    Era stato tradito da tutti; dai fratelli sovietici che non vollero ascoltarlo, dai fratelli cecoslovacchi che non ebbero sufficiente forza e coraggio per opporsi al tiranno. E, ironia spietata di molte tragedie, non ci fu nessun vincitore, persero tutti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Wotan, in quel lontano '68 non avevo ancora vent'anni...Quello che mi colpì della rivolta cecoslovacca (più ceca che slovacca) fu lo spirito dei giovani che si opponevano all'invasione sovietica.
    Una cosa mi rimase impressa: dei giovani che dipingevano su un carro la scritta fatidica di quegli anni:"Make love, not war" con
    l'immancabile runa capovolta... Simbolo degli inferi...Be', in quel momento, fra il giovane paracadutista russo che era accovacciato sul carro e gli studenti "sessantottini" cechi, parteggiai per il russo...Forse sto bestemmiando...Ma in quel momento, fra i giovani contestatori di Berkley o di Parigi e gli studenti di Praga non vidi nessuna differenza...Erano gli apripista della Rivoluzione
    Mondialista...
    Ovviamente, questo l'ho capito dopo...Ma avevo avuto buon fiuto...

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Totila
    Wotan, in quel lontano '68 non avevo ancora vent'anni...Quello che mi colpì della rivolta cecoslovacca (più ceca che slovacca) fu lo spirito dei giovani che si opponevano all'invasione sovietica.
    Una cosa mi rimase impressa: dei giovani che dipingevano su un carro la scritta fatidica di quegli anni:"Make love, not war" con
    l'immancabile runa capovolta... Simbolo degli inferi...Be', in quel momento, fra il giovane paracadutista russo che era accovacciato sul carro e gli studenti "sessantottini" cechi, parteggiai per il russo...Forse sto bestemmiando...Ma in quel momento, fra i giovani contestatori di Berkley o di Parigi e gli studenti di Praga non vidi nessuna differenza...Erano gli apripista della Rivoluzione
    Mondialista...
    Ovviamente, questo l'ho capito dopo...Ma avevo avuto buon fiuto...
    Totila, Palach e poi le altre centinaia di ragazzi uccisi si stavano opponendo al tiranno sovietico, volevano l' indipendenza nazionale, il riconoscimento della loro peculiarità in quanto popolo, e come tutti i popoli, unico e irripetibile. A Praga o a Svetaty, come a Cracovia o a Plovdiv di Parigi e Berkley sapevano sì e no la posizione geografica. Che poi certe idee e moti rivoluzionari siano stati usati dall' ignobile sx progressista simildemocratica del prima e dopo caduta del muro, é un altro paio di maniche. Per dire, Palach l' hanno usato pure i camerati...e lui era comunista!!! Il suo merito storico, insieme ad altre migliaia di persone fu quello di affermare che la Cecoslovacchia era una nazione con un popolo che pretendeva riconosciuti tutti i diritti che spettano ad una comunità naturale di uomini affini per spirito, storia, cultura e tradizioni. Per questo a Budapest i sovietici fecero un bagno di sangue.
    Ridurre tutto e tutti a leve o a burattini dei Signori della Rivoluzione Mondialista é un po' paranoico, o almeno, claustrofobico, se mi permetti.
    Proviamo anche a leggere tra le righe di tutta sta congiura eterna mondialista, ci sono sfumature umane e politiche degne di rispetto e stima.
    Paolo

  4. #4
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Ma i mondialisti vedono nelle nostre tesi "sfumature degne di rispetto e stima" ?
    Credo proprio di no...Quindi, vanno ripagati con la stessa moneta.


    Io non sono un estremista con i paraocchi; ma ho capito che la lotta è senza esclusione di colpi. O noi o loro.
    Tertium non datur.

  5. #5
    Insorgente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Mediolanum
    Messaggi
    412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I 'rossi' sono bravi a trasformare chiunque in martire della propria causa. E così le rivolte d'Ungheria e Cecoslovacchia diventano la versione esteuropea del 68', anzichè insurrezioni patriottiche.

    saluti padanisti
    .

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Mar 2002
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,066
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by BELLOVESO
    I 'rossi' sono bravi a trasformare chiunque in martire della propria causa. E così le rivolte d'Ungheria e Cecoslovacchia diventano la versione esteuropea del 68', anzichè insurrezioni patriottiche.

    saluti padanisti
    Hai totalmente ragione Belloveso; la storia degli ultimi 30 anni dei movimenti di liberazione nazionale in giro per l' Orbe Terraqueo é stata spesso una Storia "di appropriazioni indebite" da parte della sx mondiale. E i casi eclatanti sono molti, per esempio l' EL Salvador(che sto studiando per ragioni di "lavoro"). Tra ingerenze yankee e propaganda dell'Internazionale socialista ogni anelito nazionalista dell' America Latina é stato fagocitato, digerito e vomitato senza nessuna soluzione di continuità.
    Cmq anche la destra ha fatto le sue belle "appropriazioni indebite" delle altrui rivoluzioni. Esempio eclatante ne é l' Ulster.
    Ennesimi motivi per i quali la Lega e il pensiero che le sta dietro deve tenersi a distanza dalla fenomenologia ideologica e di sx e di dx. Entrambe vorrebbero interpretare e correggere una Storia nella quale sono state pessimi attori.
    Paolo

  7. #7
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    già destri e sinistri sono le due braccia della puttana giacobina nota come Rivoluzione Francese...

  8. #8
    Insorgente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Mediolanum
    Messaggi
    412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se non sbaglio la rivolta di Praga aveva dei retroscena autonomisti per una riforma federale dello stato.

    Il caso sudamericano che citi fà pensare; il Che è nato marxista o lo è diventato per garantirsi l'appoggio sovietico? Se vedi le immagini dei guerriglieri dopo la presa della capitale non trovi neanche una stella rossa sulle uniformi. Anche il PKK si è dovuto 'sinistrizzare' per ottenere finanziamenti dall'URSS.

    saluti padanisti
    .

  9. #9
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Il Che da giovane era peronista...

  10. #10
    Insorgente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Mediolanum
    Messaggi
    412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Appunto, sarebbe interessante capire la differenza fra patrioti latinoamericani e marxisti antiusa per ideologia.

    Alcuni mesi fà dei comunisti tentavano di spacciare Chavez per un compagno, lui che si è opposto sia ai sindacati che alla confindustria...

    saluti padanisti
    .

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Pannella ruba un altro video ad un vertice di maggioranza
    Di Nolan (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-07, 09:05
  2. Valpreda
    Di Jan Hus nel forum Repubblicani
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-07-02, 16:50
  3. Pietro Valpreda
    Di Red River nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 10-07-02, 01:59
  4. E' morto Valpreda..l'anarcocomunista
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 08-07-02, 19:55
  5. In memoria di Pietro Valpreda
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 08-07-02, 00:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226