User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree1Likes

Discussione: un po' di humor

  1. #1
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,254
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito un po' di humor

    Una nuova tempesta mediatica contro il Papa



    Di ritorno dall’Africa, appena atterrato a Roma in un pomeriggio soleggiato, il Papa avrebbe esclamato con i giornalisti: “Che bel tempo, oggi!”.

    Questa frase imprudente ha sollevato nel mondo emozione e perplessità e sta alimentando una polemica crescente. Riportiamo alcune delle reazioni più significative.

    L’arcivescovo di Salisburgo: “Ribadiamo la piena fedeltà della Chiesa austriaca al Pontefice e ci stringiamo a lui. Ma è spontaneo chiedersi se per caso egli non voglia far regredire la Chiesa ad una setta animista di adoratori del sole. Dopo tale frase, il numero di persone che chiedono la cancellazione dai registri fiscali per il sostegno alla Chiesa cattolica è considerevolmente aumentato

    Alain Juppé, ex primo ministro francese e ora sindaco di Bordeaux: “Nell’istante in cui il papa pronunziava queste parole, a Bordeaux pioveva a catinelle. Questa contro-verità, prossima al negazionismo, mostra che il papa vive in uno stato di totale autismo. Questo distrugge, se ve n’era ancora bisogno, il dogma dell’infallibilità pontificale".

    Il Rabbino-Capo di Roma: “Come si può ancora pretendere che faccia bello dopo la Shoah? Solo il giorno in cui si deciderà a farmi visita alla Sinagoga di Roma allora, forse, potremo insieme verificare come sarà il tempo

    Margherita Hack, astronoma e astrofisica: “Affermando senza mezzi termini e senza prove obbiettive indiscutibili “che bel tempo oggi”, il papa dimostra il disprezzo ben noto della Chiesa per la Scienza, che combatte il dogmatismo da sempre. Che cosa c’è di più soggettivo e di più relativo di questa nozione di “bello”? Su quali prove sperimentali indiscutibili si appoggia? I meteorologi e gli specialisti della materia non sono giunti a mettersi d’accordo sul punto nell’ultimo Colloquio Internazionale a Caracas. E ora Benedetto XVI, ex cathedra, pretende decidere lui con tale arroganza. Si vedranno presto accendere roghi per tutti quelli che non concordano interamente con la nozione papalina di bello e cattivo tempo?

    L’Associazione delle Vittime del Riscaldamento Globale: “Come non vedere in questa dichiarazione provocatoria un insulto per tutte le vittime passate, presenti e future dei capricci del clima, delle inondazioni, degli tsunami, della siccità? Questa acquiescenza al “tempo che fa” mostra chiaramente la complicità della Chiesa con questi fenomeni distruttori, nei quali pretende vedere disegni “provvidenziali” di un Dio vendicatore e punitivo. E, quel che è peggio, simile attitudine non fa che incoraggiare coloro che causano il riscaldamento del pianeta, poiché potranno ora far valere l’avallo del Vaticano.

    Il Consiglio Mondialista: “Il papa finge di dimenticare che mentre splende il sole a Roma, una parte del pianeta è sprofondata nell’oscurità notturna. Ecco un segno intollerabile di disprezzo per vastissime porzioni del mondo e un chiaro segno, se ve n’era ancora bisogno, dell’eurocentrismo neocoloniale di questo papa tedesco”.

    Il Direttivo americano delle Associazioni femministe: “Perché il papa ha voluto dire “che bel tempo” usando termini che, nell’originale in italiano della frase, sono al maschile? Avrebbe potuto benissimo utilizzare parole femminili come “che bella giornata”, o meglio ancora “che tempo attraente”, usando così un aggettivo “inclusivo” perché non declinabile differentemente al maschile e al femminile. E’ evidente che questo papa, che già ha fatto condannare la formula del battesimo e delle benedizioni non maschilista (“In the name of the Creator, the Redeemer and the Sanctifier”), mostra ad ogni occasione il suo attaccamento ai principi più retrogradi. E’ sconsolante che nel 2009 si sia ancora a tali punti di arretratezza

    La Lega dei Diritti dell’Uomo: “Questo tipo di dichiarazioni non può che ferire profondamente tutte le persone che hanno della realtà uno sguardo diverso da quello del papa. Pensiamo in particolare alle persone immobilizzate in ospedale, o imprigionate, il cui orizzonte si limita a quattro mura; e così pure alle vittime di malattie rare i cui sensi non permettono di percepire lo stato della situazione atmosferica. C’è qui, è evidente, una volontà di discriminazione tra chi vede il “bello” secondo il canone ellenizzante che si vorrebbe imporre a tutti (a scapito delle minoranze, degli afroamericani e di ogni concetto di 'inculturazione'), e coloro che, per scelta o per impossibilità, percepiscono le cose in modo differente. Noi proporremo a titolo dimostrativo querele giudiziarie per discriminazione contro questo papa”.

    Alberto Melloni, della Scuola di Bologna: “Si vede bene la profonda differenza tra questo papa introverso e chiuso in sé e nel suo mondo sorpassato, che si limita ad un’osservazione climatica senza trarne le dovute conseguenze, ed invece la paterna apertura al mondo di Papa Giovanni XXIII che, dopo aver osservato la luna in cielo, invitava tutti a portare ai loro bambini la carezza del Papa. A quando un Giovanni XXIV che riprenda in mano la spinta dello Spirito conciliare, che gli ultimi papi hanno tentato di soffocare?

    Beppe Severgnini, giornalista: “Il Papa è il Papa. Punto. Ma non si può non pensare con un po’ di nostalgia che Giovanni Paolo II le stesse parole le avrebbe dette magari in romanesco (“ggiornata bbona!”) e agitando lo zucchetto bianco ai fedeli che lo riaccoglievano a casa”.


    L’Osservatore Romano ha pubblicato una versione leggermente differente delle parole esatte del Papa (egli avrebbe detto, secondo l’Osservatore: “qualcuno potrebbe dire che faccia bel tempo”). Ma le registrazioni audio e video dei giornalisti hanno smentito la versione edulcorata. Molti hanno anche attaccato l’ingenuità di P. Lombardi che, pur essendo al fianco del Papa, non è intervenuto per impedire quell’affermazione o subito chiarirne meglio il senso.


    Membri influenti della Curia hanno tentato di attenuare la gravità della frase del Papa, facendo rilevare la sua stanchezza dopo il viaggio africano, vista la avanzatissima età del Pontefice, nonché dichiarando che la frase incriminata è stata mal compresa e voleva avere un significato teologico-metafisico e non climatico, come grossolanamente è stata interpretata.


    Ma la polemica non accenna a placarsi.



    :1214:

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    1,430
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: un po' di humor

    :18035:

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Europa Nazione
    Messaggi
    5,751
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: un po' di humor

    ah vi fa ridere?

    non capisco cosa ci sia da ridere.

    siamo sotto i piedi di quella gente, non abbiamo più alcun potere.

    e vi fa ridere.

    PER L'EUROPA NAZIONALE, CATTOLICA, REPUBBLICANA, POPOLARE
    Unica speranza per noi cittadini e lavoratori poveri è un vero governo di destra, che ripristini il potere di governo, riorganizzi l'economia, diffonda moralità, legge ed ordine. \o

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: un po' di humor

    Lo ammetto, fa un gran ridere ed è un corollario alla legge di Murphy che enuncia: "Qualunque cosa diciamo, per quanto banale, ci sarà sempre qualcuno che la fraintenderà."

    R.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    209
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: un po' di humor

    Citazione Originariamente Scritto da Resurgens Visualizza Messaggio
    Lo ammetto, fa un gran ridere ed è un corollario alla legge di Murphy che enuncia: "Qualunque cosa diciamo, per quanto banale, ci sarà sempre qualcuno che la fraintenderà."

    R.
    Diciamo pure che uno ride per non piangere!

  6. #6
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Riferimento: un po' di humor

    L'evoluzione del pensiero ateo su Dio negli ultimi decenni:

    Dio non esiste, perché Kant... (scetticismo)

    Dio non esiste, perché ho un sistema filosofico che non lo fa esistere (marxismo)

    Dio non esiste. (1968-UAAR)

    Non lo sappiamo e non lo potremo sapere mai (agnosticismo)

    Non lo so (oggi)

    ARRIDATECE KANT!
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  7. #7
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,254
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Rif: un po' di humor

    Questo post mi ha fatto ridere: lo riportin questo 3d.

    TIPOLOGIE DI ATEI

    INTRODUZIONE:
    La tematica intorno alla quale ho sviluppato la mia ricerca con un approccio di tipo quanti-qualitativo parte dal desiderio di rompere le balle agli atei. Scopo del presente lavoro è quello di catalogarli, per dare al lettore cattolico una piccola linea guida sui tipici comportamenti di questi simpaticissimi e affascinanti signori... La relazione non contiene solo la loro "catalogazione", ma anche un numero (seppur limitato) di possibili risposte che desidero comunicare loro.
    TIPOLOGIE:
    ATEI-GIUDICI: Diciamo che appena li incontri sei subito tentato di chiamarli "vostro onore". Ti aprono letteralmente la mente, credimi. Quando li ascolti ti senti un emerito deficiente. Ma in fondo hanno ragione, diciamoci la verità, orsù! Ma come fai tu, cattolico oscurantista, a seguire un'istituzione così stracolma di errori? Sveglia tesorooo! La Chiesa sbaglia! Sbaglia sempreeeeeeee! Sbaglia sia se parla sia se tace. Ha fatto errori madornali nella storia...ma che dico? Errori? ORRORI! Ma stiamo scherzando? Eddai apriamo gli occhi, prestiamo attenzione, proprio come fanno loro! Ebbene si, la loro attenzione si attiva tantissimo appena sentono le parole: Dio, clero, Chiesa, Cattolico, e via dicendo... Vi faccio un piccolo esempio, mostrandovi il tipico pranzo di un ateo-giudice che mangia mentre guarda il telegiornale (o guarda il telegiornale mentre mangia, come preferite):
    Si apre la scena. Siamo in cucina. L'ateo è seduto al tavolo, mangia avidamente il suo cibo e non dà importanza al telegiornale…
    Tg: E’ saltato in Aria tutto il continente Asiatico senza che ci fosse nessuno, nemmeno un morto, erano tutti in vacanza in Europa….
    Ateo: capirai…gnam.
    Tg: Berlusconi ha proposto un decreto legge che rende legale il furto…
    Ateo: crunch…roba di tutti i giorni….
    Tg: Scoop sensazionale: in realtà Nicole Kidman è un uomo…
    Ateo:..nessuno è perfetto…gnam gnam
    Tg: Stamane il Santo Padre Joseph Ratzingher ha annunciato al mondo che non esiste il limbo…
    (Ecco che l'ateo si attiva, si blocca immediatamente nel mangiare, gira lentamente il viso verso la televisione, dopodichè si alza in modo quasi isterico, prende a camminare intorno al tavolo, sul suo volto si fa strada un’espressione sempre più rabbiosa, sullo sfondo si ode la colonna sonora di Profondo Rosso)
    Ateo (camminando e gesticolando con furia): e io lo sapevo…lo sapevo…non poteva che essere così. Cosa c’era da aspettarsi del resto? Cioè..cioè…se io solo ci penso....! (reprime un insulto): adesso hanno tolto anche di mezzo il limbo! Non ci bastavano i miliardi che già avevano! Pure quello si sono fregati i pretiii!!! Maledetti!
    Fine della scena. Lascio a voi il compito di intuire il seguito... Nel frattempo vi lascio alcune espressioni che di solito mi hanno comunicato per giustificare il loro ateismo (come se l'ateismo si giustificasse). Dicono pressappoco così: "la Chiesa sbaglia", "ha fatto/fa questo e quest'altro" (mi menzionano di tutto, dalle Crociate, all' Inquisizione, alla ricchezza del clero, ai preti pedofili, ai preti semplicemente pessimi o poco accoglienti, alle informazioni, non sempre vere, che circolano su internet, per approdare poi ai pericolosi film di don Camillo, che in realtà non sono altro che un modo per plagiare la gente...ehm...quest'ultima parte dei film di don Camillo l'ho aggiunta io, sempre per scherzo, ovviamente). Dichiarazioni del genrere sono molto frequenti, e non molto difficili da contestare. Alle persone che credono in Dio ma che si allontanano dalla Chiesa a causa dei suoi errori io suggerisco semplicemente di ricordare i rimproveri delle nostre mamme e delle nostre maestre, quando ci sorprendevano a seguire il cattivo esempio dei nostri fratellini o dei nostri compagni di giochi: " E se Carletto si butta fuori dalla finestra? Che fai? Ti ci butti anche tu?". o meglio, ricorderei ciò che Gesù disse ai suoi discepoli mentre parlava dei pastori:
    "Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perchè dicono e non fanno" (Mt 23.3).
    Ragazzi, saranno passati anche più di 2000 anni, ma quel simpatico Signore con il pizzetto e i capelli lunghi è attualissimo! Voglio anche aggiungere che, se io non sono perfetta, non posso di certo obbligare gli altri ad esserlo al posto mio! Non è infrequente che la "logica del capro espiatorio" ( o del "nemico comune"), tipica di molti anticlericali, parta da una frustrazione ( e non vi offendete, che ce l'abbiamo tutti). Funziona così: io non sto bene con me stessa, mi friggo il cervello perchè non riesco a raggiungere un mio ideale di perfezione! E cosa posso mai fare? Posso mai prendermela con me stessa? Non è sicuramente la via più facile. Meglio avanzare pretese verso individui, gruppi o istituzioni esterne. E tra le tante persone con le quali posso prendermela, ecco che spunta la Chiesa! Chi meglio di questa? Posso insultarla senza che nessuno mi dica niente! Ti applaudono anche! Se invece qualche cattolico oscurantista risponde per difenderla, ecco che è subito tacciato di intolleranza! Ecco la situazione: in fondo chi si accanisce contro la Chiesa, non fa altro che desiderare la perfezione da essa. Questo è un argomento che andrà sicuramente approfondito, magari con qualche lettura di tipo psicoanalitico, o di psicologia sociale (per quelli più interessati alle influenze esterne) che consiglio vivamente...
    Riprendendo il discorso, dico che la Chiesa non batte di certo gli atei-giudici in quanto a purezza o perfezione, ma li batte sicuramente sul piano dell'umiltà! Perchè la Chiesa Cattolica si riconosce limitata (e soprattutto) peccatrice. Per cui, se questa tipologia di amichetti atei e/o anticlericali crede che noi cattolici ci crogioliamo nella nostra convinzione di essere perfettini o immacolati perchè andiamo a messa e rispettiamo i comandamenti, allora sono completamente fuori strada. Noi cattolici, a differenza loro, non possiamo permetterci il lusso di giudicare. Al massimo possiamo difenderci dalle accuse. E se giudichiamo, è per quella stessa debolezza e frustrazione che prende anche loro (non siamo così diversi... siamo tutti figli di Caino, obbedienti alla logica del nemico comune).
    In ultimo faccio una piccola provocazione a coloro che giudicano la Chiesa Cattolica, ma che riescono ancora a stimare Cristo (altri commenti che di solito spuntano sono:" poverino, così denigrato e usato da questi preti!"): un po' anche lo stesso Cristo è stato colpevole degli errori della Chiesa. Eh si! Perchè al suo seguito ha scelto sempre persone piccole, umili, peccatrici. E' con i peccatori che voleva avere a che fare, non con quei bellissimi sacerdoti (di cui tutti siamo spesso ottimi eredi) che altro non facevano che puntare il ditino contro tutto e tutti. Ha scelto i peccatori, non i giusti. Se ci facciamo caso, i giusti e le brave persone, non hanno bisogno di Dio. Sono i pezzettini di merda come me che necessitano della Sua presenza.
    ATEI-ECONOMISTI: Questo è un gruppo che potrebbe rientrare perfettamente negli atei-giudici, diciamo pure che ne è una sottocategoria.
    "La Chiesa ha i soldi" è il tipico concetto espresso in questi casi, se tutto va bene. Ma solitamente devi solo aprire l'ombrello, perchè devi ripararti dalla pioggia di veleno che ti arriva addosso. Ma sono proprio incazzati neri quando associano le parole soldi-Chiesa. Avviene una completa metamorfosi! Dal colorito roseo, albino, olivastro o bronzeo che di solito hanno passano ad un rosso porpora (o viola, a seconda dell'intensità dell'incazzatura). Se sentono parlare di un prete che ha fatto qualcosa di male e che non riguardi il denaro, qualche volta (ripeto...QUALCHE VOLTA) succede che lo giustifichino...ma appena sanno che è "attaccato" ai soldi o che se li è fregati....Apriti cielo! C'è quasi da chiedersi come mai tutto questo accanimento. Da quanto in qua essere ricchi significa essere cattivi? Anche perchè certi ragionamenti o certe incazzature provengono da persone che indossano le magliettine "Primo Emporio", "Nike", che hanno anche le mutande firmate, una discreta automobilina, il cellulare di ultima generazione (e io che ho le magliette firmate "made in China" e non ho automobile che dovrei fare? Andare in Vaticano con l'autobus "Dio non esiste" e gettare le bombe a mano?). Non che giudichi queste persone, per carità! Vorrei evitare di fare questo errore... Ma vediamo cosa avvenne 2000 anni fa circa quando qualcuno avanzò per primo questi ragionamenti:

    "Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: < Perchè quest'olio non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?>. Questo egli disse non perchè gli importasse dei poveri, ma perchè era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: < Lasciala fare, perchè lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me. "
    Io inviterei ad analizzare a fondo la lettura (che si presta sicuramente a tantissime interpretazioni, ma cerchiamo di attualizzarla). A quanto sembra, Cristo ci esorta a smettere di giudicare e di fare i conti nelle tasche della gente e di come usa i soldi. Analizzando la figura di Giuda Iscariota, il Vangelo ci fa comprendere che se lui giudicava, era semplicemente perchè era il primo ad avere una forte avidità nei confronti del denaro. Guagliù, diciamoci la verità, se giudichiamo i sacerdoti è perchè sotto sotto proviamo un pò di invidia, oppure semplicemente perchè ci riteniamo migliori. Ma io mi chiedo: se tu, mio carissimo ateuccio, ti ritieni talmente bravo rispetto a questi mariuoli cattolici, perchè non fai tu ciò che dovrebbero fare loro? Esempio: la Chiesa dovrebbe dare tutto ciò che ha ai poveri? Allora tu vendi le tue ricchezze, tutte, e danne a chi ne ha bisogno! Così dimostreresti di essere veramente santo, e tutti seguirebbero il tuo esempio...diventeresti Sant' Ateo da UAAR....Orbene, se non si ha intenzione di mettersi in gioco in questo senso, allora credo che sia meglio tacere, per semplice coerenza, non per altro. Poi, se dovessimo accusare la Chiesa della sua ricchezza, dovremmo puntare il dito anche contro coloro che devolvono soldi ad essa (sempre per coerenza...).
    E poi sfiderei chiunque a fare ciò che fa la Chiesa Cattolica con le missioni, Caritas e con la manutenzione che fa sulle opere d'arte, che sono un patrimonio abbastanza consistente, e che ci permette (forse in modo indiretto) di campare ancora. Se questa carretta di nome Italia va ancora un pò avanti, forse è proprio grazie alla presenza della Chiesa. Per meglio darvi un'idea vi cito un piccolo episodio: una volta, andando a Santa Maria degli Angeli, ascoltai un simpaticissimo anticlericale che, con molta sicurezza (convinto di dire una cosa intelligente) affermò: "se io potessi, butterei giù tutto quello che c'è intorno alla Porziuncola, per lasciare solo la Chiesa originaria." (per chi non lo sapesse, la Porziuncola è una minuscola Chiesa molto importante in quanto a S. Francesco d'Assisi apparve Gesù Cristo, il quale chiese a Francesco cosa desiderasse. Lui chiese l'indulgenza plenaria per tutti coloro che fossero giunti lì. Gesù acconsentì a patto che andasse a parlare con il suo Vicario in terra, ossia il Papa. Per farla breve, il Papa acconsentì e da allora gente da tutto il mondo si reca in Porziuncola. Ovviamente, un pò per proteggere la piccola chiesetta, che è grande pochi metri, un pò per contenere i milioni di pellgrini che si recano lì, è nata la necessità di costruire attorno una Chiesa più grande. E il genialoide voleva buttare giù quella, che con la sua struttura e con gli affreschi, le statue e gli oggetti contenuti, è un patrimonio artistico). Quando lui terminò la sua asserzione, avevo una voglia matta di fargli un applauso scrosciante, magari con l'ausilio di qualche migliaio di altri ascoltatori, per l'emerita genialata. Gli avrei risposto: " E bravo l'intelligentone, butteresti giù una chiesa di un valore inestimabile, per poi far si che vada perduto il turismo che essa comporta, e ti fotti tu con il tuo negozio e tutti gli altri commercianti della zona, bravo! Bravo!". Ma siccome sono una persona educata, e quel giorno ero serena, gli ho detto la stessa cosa, ma in maniera mooooooooooolto più velata... Purtroppo lui non l'ha compresa, ed è rimasto fiero, tutto pompato dalle sue stesse teorie. Beh, per chi vuole sapere altro, io gli suggerirei di dare un'altra occhiata al blog di Ettore, in merito a questo argomento.

    ATEI-VITTIME: Una personcina del genere magari ti racconta della sua tragica storia, del commovente episodio in cui il suo parroco chiese un'ingente somma per il matrimonio della sua vecchia prozia di quindicesimo grado (che nemmeno conosce o che addirittura detesta, o che l'ha vista solo il giorno del matrimonio). Ho desiderato ironizzare anche stavolta, non perchè volessi prendere in giro chi è stato vittima di qualche cattiveria di alcuni sacerdoti, ma perchè spesso c'è davvero gente che si allontana dalla Chiesa per motivi banali. Spesso, infatti, si raccontano cose molto più serie, talvolta dolorose, ed io non posso dire niente su ciò, se non "mi dispiace". Non nascondo che anch'io ho avuto esperienze molto negative con alcuni sacerdoti, e posso anche capire. Tuttavia, avrei da dire che, se io ho un'esperienza negativa con un medico che mi ha imbrogliata o che mi ha fatto del male, non credo che sia costruttivo per me detestare tutta la categoria dei medici. Potrei un giorno averne bisogno, però mi lascerei logorare da malanni per le mie vecchie esperienze. Questo (per quanto possa sembrare assurdo) è valido anche per i sacerdoti o ancora, per Dio. Spesso ci si sente vittima di Dio, qui il discorso si fa molto più serio, e qui mi fermo, perchè se difficilmente riesco a parlare dei preti, parlare di Lui mi diventa praticamente impossibile. E non lo dico per incapacità o per stupidità, ma semplicemente perchè è un qualcosa che è più grande di me, ed ho timore di dare alle persone un messaggio sbagliato.

    ATEI-SCIENTISTI: Sono i miei preferiti. Sono quelli che, anziché l'immagine dei santini , possiedono nella loro cameretta un trittico su cui ci sono raffigurati (a mo' di icone) Nietzsche, Darwin e Piergiorgio Ordifreddi (a questo punto sulle icone aggiungerei un cartello con su scritto: "indovina l'intruso"). Sono quelli che predicano la Resurrezione. Di Cristo? No...di Gabriele d'Annunzio! Anzichè indossare il Tau o la croce recano al collo la sigla dell' UAAR. Sono quelli che parlano ancora di causa ed effetto e nemmeno sanno che siamo passati da una vita al principio di Indeterminazione (per info leggere "il punto di svolta" di Capra, è formativo e da un quadro completo, anche se compendiario, della storia di alcune scienze come la fisica e la chimica). Sono quelli che credono che Scienza e Fede siano inconciliabili (poi noi saremmo i chiusi). Sono quelli per cui la non esistenza di Dio è un dato oggettivo, normalissimo. Chi lo ha mai visto? Qualcuno ogni tanto lo vede, ma gli viene detto che è pazzo (spesso ci sono persone che hanno problemi mentali e che vedono Dio dapperttutto, è vero, ma non possiamo di certo generalizzare, soprattutto dopo i risultati di controlli medici che provano fatti straordinari). Io vorrei chiedermi una cosa: ma chi è che ha mai sentito gli ultrasuoni? Io no di certo... Non li percepisco con il mio udito, ma non per questo posso negare la loro esistenza. Se dovessimo negare ciò che la nostra percezione non capta, dovremmo negare l'esistenza di un sacco di cose, e dubitare di tutto. Dovremmo anche negare la storia. Chi mi garantisce che Napoleone sia realmente esistito se non l'ho mai visto con i miei occhi? Qualcuno avrà sicuramente da dirmi che, per molti fenomeni presenti in natura che non riusciamo a percepire con i nostri sensi, la scienza ha ricavato dei mezzi, degli strumenti per "sentirli" e misurarli. Io accetto volentieri quest' affermazione, dicendo che appunto, forse ciò che ci manca sono proprio gli strumenti per "percepire" e "misurare" Dio. Gli strumenti che al momento abbiamo a disposizione sono la Sua Parola e la Fede. Per quanto questi mezzi possano risultare per nulla oggettivi agli occhi di chi osanna la scienza, forse è comunque il caso di prenderli almeno in considerazione, per conoscerli e valutarli, prima di rifiutarli a priori. Ciò che vedo molto frequentemente in certe persone, è che rifiutano e parlano di Dio o della Chiesa, ma (almeno da quanto vedo) non conoscono né l'uno né l'altra. E se si sono concessi il lusso di conoscerli, o lo hanno fatto per cercare conferma di quei preconcetti che già recavano dentro di sé, o perchè si sono fermati semplicemente alle loro primissime esperienze, pensando che il cattolicesimo sia tutto in ciò che hanno visto o vissuto.

    ATEI-STATT ZITT!: Ho utilizzato una tipica espressione partenopea che significa: ATEI-STA' ZITTO! Ti zittiscono letteralmente. Ti accusano di essere intollerante, incapace di ascoltare, bigotto, pieno di pregiudizi, chiuso, aggressivo, ecc. Parlano tre quarti d'ora, non ti fanno dire una miseria di parola, e se li interrompi per chiedere loro una cosa, ti sbranano dicendoti che sei incapace di ascoltare, bigotto, pieno di pregiudizi, chiuso, aggressivo...Alla faccia della coerenza!

    ATEI-IOHOSTUDIATOTUNOPERQUESTO STATT ZITT: molto simili agli atei precedenti, solo che sono molto preparati. Ammirevoli, per carità. Hanno la pretesa di zittirti perchè magari hai solo un misero diplomino in agraria e preferisci leggere romanzi fantasy piuttosto che fare una spremuta di cervello sui libri di teologia e di filosofia. Per quanto possa ammirare chi fa questi studi ( e per quanto io stessa stia cominciando a studiacchiare qualcosina da autodidatta), dubito che la sapienza di Dio si possa carpire solo attraverso uno studio approfondito del Qoelet letto in lingua originale e in chiave teoretica, o con un corso di Cristologia applicata. Credo che una piccola ignorantella come me abbia la possibilità di cogliere qualcosa che un cervellone non è riuscito a perseguire con le sue montagne di libri.
    "Ti rendo lode, Padre, Signore del Cielo e della Terra,
    che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti
    e le hai rivelate ai piccoli."
    Questo lo diceva San Paolo...Ed io sono piccolaaaaaaaaaaa! Sono più piccola di un atomo, gli elettroni in confronto a me sono dei grattacieli!

    ATEI-FILOSOFI: Quasi uguali ai cervelloni che ho menzionato prima. Con la differenza che sono molto più umili, spesso non sono nemmeno anticlericali...Ma non capisco un cacchio quando parlano. Usano paroloni giganti, possiedono un linguaggio molto articolato, tipico dei filosofi, che io (ahimè) non possiedo.
    Per cui sento frasi tipo: l'epistemologia applicata alla criticità del discorso cattolico, inerente alla teoretica, bla bla bla... maieutica che possiamo cogliere...bla bla bla...bla bla...bla bla... Capito?
    Ed io: "ehm...si..."
    Per cui vorrei fare un appello a queste persone: PARLATE POTABILEEEE!

    ATEI-FISSATI COL POTERE: Una volta, andando all'università, seguivo le mie belle lezioncine di una prof che non faceva altro che parlare male del Dio Cattolico e della Chiesa (c'è da aggiungere che in sede d'esame ti chiede se condividi simili asserzioni o meno, mettendoti in soggezione. Alcuni prof ti fanno scordare gli esami se non fai il pappagallo e non ripeti ciò che loro affermano, non so come agisca lei, sinceramente, ma vista la situazione generale che si respira alla mia università...). Dopo le mazzate che subisco da lezioni del genere, vado in bagno (i bagni da me sono molto rinomati, se tutto va bene nuoti in un mare di liquame). Raggiungo con molta difficoltà la tavoletta del cesso, in quanto quel giorno il mare di liquame era in tempesta, e la zattera che avevo trovato non era un granché... Mentre faccio ciò che devo fare, getto una svogliatissima occhiata alle pareti e alla porta del bagno, che hanno riempito di scritte ( in modo particolare la porta, che è diventata un blog). Ad un certo punto leggo a caratteri cubitali:
    - BASTA CON LO STRAPOTERE DELLA CHIESA CATTOLICA!
    Più in basso leggo una risposta che dice più o meno così:
    - I PRETI SONO CITTADINI ITALIANI, ED HANNO IL DIRITTO DI ESPRIMERE LE PROPRIE OPINIONI. POI LA CHIESA NON FA ALTRO CHE DARE CONSIGLI IN CAMPO ETICO, MORALE.
    C' è il contrattacco:
    - "CONSIGLI"? MA FAMMI IL PIACERE... ALLORA PERCHE' IL TUO AMATO PAPA NON PARLA ANCHE DELLA MAFIA?
    - LO FA, INFORMATI BENE PRIMA DI SCRIVERE STUPIDAGGINI.
    In ultimo leggo:
    - MA VAFFANCULO TU E QUELLO SPORCO FASCISTA!
    Citandovi questo avvenimento, citando anche:
    - che se voglio garantirmi un pò di tranquillità (al lavoro e all'università) devo nascondere il mio cattolicesimo,
    -ciò che è avvenuto l'anno scorso alla Sapienza di Roma,
    - il fatto che su tanti siti trovo parolacce rivolte a Dio e alla Chiesa, tipo che il papa è definito come un essere che si nutre di sterco e sperma, o di qualche dolce fanciullino che ci dice di fotterci noi e... (vi lascio immaginare il resto dei complimenti rivolto ai santi, alla Madonna, a Dio...),
    - che se parli con qualcuno, questo ha da fare continue accuse alla Chiesa, spesso augurandoci un'atrocissima morte,
    -che vengono oscurati siti cattolici, mentre altri siti che sparano minchiate su noi e sui papi (non hanno risparmiato nemmeno Giovanni Paolo II) sono ancora in circolazione,
    -che di tutte le cose buone che la Chiesa ha proposto o ha fatto nessuno sa niente, mentre ricordano tutti gli errori (veri o presunti) punto per punto,
    -che ci stanno a fare l'elenco continuo delle persecuzioni messe in atto da noi, mentre ne subiamo di tutti i colori da 2000 anni ma nessuno lo vuole vedere, nè tantomeno noi stiamo a ricordarlo ogni minuto e quarto d'ora.
    -che se stai a sputtanare la Chiesa ti approvano, mentre se dici qualcosa contro altre istituzioni sei tacciato di intolleranza o di razzismo,
    - che se la Chiesa dice qualcosa, non va bene, se dice l'esatto opposto, nemmeno va bene. Se invece non parla proprio, ancora peggio,
    citando (ripeto) tutta questa roba e tanto altro ancora che non mi viene in mente, mi chiedo:
    La Chiesa ha potere?
    Vabbè...è una domanda inutile...dopo quello che ho scritto, mi diranno: "MA SI CHE HA POTERE !"
    Aggiungo ancora che, spesso parlano di potere quando c'è una buona fetta degli italiani che sceglie di agire e pensare secondo la dottrina cattolica, e che condivide ciò che dice il Papa. Avrei dei dubbi a riguardo, anche perchè trovo la cosa leggermente contraddittoria: cioè... se io la penso come il Papa, allora succede che:
    1) Il Papa ha potere
    2) Io sono soggiogata e non sono in grado di pensare, perchè la penso come il Papa...
    Invece, se c'è uno che ragiona alla maniera opposta:
    1) Finalmente uno che si ribella al potere della Chiesa!
    2) E' un uomo libero, perchè va contro il pensiero del Papa.
    Strana come cosa, eh?

    ATEI-FISSATI CON LA COSPIRAZIONE: Il " Codice da Vinci" è un documentario. Il resto è frutto di una cospirazione, di qualche complotto, di qualche arcana e sporca macchinazione che la Chiesa Cattolica ha messo in atto. C'è un libro idiota che non interessa a nessuno? Perchè mai nessuno lo legge? Ve lo dico io...perché la Chiesa ha complottato affinchè nessuno lo leggesse...oooooooh! Ma che schifo.... Già la parola cospirazione, per come è conformata, fa mettere i brividi...Immagini che ci sono tantissimi omini vestiti in abiti da vescovo, da papa e da prete che stanno a bisbigliare e a complottare, in poche parole, a....cosssssssssssspirare! Cossssssssssssssssp....cosssssssp...cooooooossssss ssssssssssssp....sssssssssssss...pssssssssssssssss s...psssssssssssssssssssssssssss..pssssssss…ssssss ssspssssssssssssssspssssssssssssss…..OOOHH! I SO' LASCH E' RIN! (tipica espressione partenopea che significa "i miei reni sono deboli", indica lo stato di coloro che soffrono di una leggera o acuta forma di incontinenza, per cui se ascoltano sibili come quelli appena accennati, rischiano di farsela addosso). Qualche volta ho avuto a che fare non solo con gli atei, ma anche con degli gnostici (non quella pasta morbida che si fa al sugo, quelli sono gli gnocchi...mi riferisco a quella specie di corrente filosofica che ci vorrebbe vedere tutti morti scamazzati come lombrichi da un certo Marduk... Nooooooo! Non il padrone di Sky, è un altro...). Devo dire che sono preparati, e sono fissati, forse più degli atei, con la cossssssssssssssspirazione! Specie per quanto riguarda il discorso Vangeli canonici-Vangeli apocrifi. Anche qui c'è tutto un discorso di cospirazione: tipo che sono state omesse e modificate molte cose, che i Vangeli apocrifi sono quelli buoni mentre i canonici sono superfalsi, perchè c'è alle spalle una cosssssssssspirazione durata 2000 anni, che la verità è un'altra, ecc ( ma quanto mi piacciono tutti questi portatori di verità assoluteee!). Ora, non voglio lasciare argomentazioni di tipo teologico in merito a certe cose, ma visto che stiamo cossssssssspirando tutti quanti, e certe cose non sono venute alla luce perchè c'è di mezzo la Chiesa Cattolica, che ha potere e cosssssspira, mi chiedo: se c'è tutta sta cosssssssssssspirazione contro i Vangeli apocrifi, come mai roba come "il Vangelo di Giuda" , studi a vantaggio dei Vangeli Apocrifi e affini sono vendutissimi, mentre roba di Teologia (quella seria) la trovi solo nelle librerie cattoliche? Booooooooooh! Secondo me è la Chiesa, che a furia di cossssssspirare, si è cospirata da sola! Eh si, perchè Piergiorgio Ordifreddi lo conoscono tutti, Dan Brown lo conoscono anche i neonati, però se pronunci il nome Jean Carmignac, ti guardano smarriti e ti chiedono: "Chiiiiiiiii?". Per trovare "Nascita dei Vangeli Sinottici" ho dovuto girare in lungo e in largo, e mi son dovuta far spedire questo benedetto libro da Milano...poverino, era anche tutto impolverato...cucciolo...Tornando a noi, dico semplicemente che è un tantino inappropriato parlare di cospirazione, visto che accadono episodi come questo appena accennato, i quali mettono leggermente in discussione la bellissima idea che i preti stanno sempre a complottare, anzi no, a...cosssssssssssssspirare! Ora però devo andare in bagno, tutte ste "sssssssss" mi hanno veramente...ehm..."stimolata"!


    TIPOLOGIE DI ATEI &#40;mi raccomando, sbranatemi piano piano&#41; - Windows Live
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  8. #8
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,440
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    24

    Predefinito Rif: un po' di humor

    A me fa morire dal ridere Guzzanti....





  9. #9
    Forumista
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: un po' di humor

    Il post di Cuordileone (non lo cito che è lunghissimo) mi ha fatto scompisciare profondamente, e non solo per quella questione della cosssssssspirazioneostridicolo:

    Sono un ateo-giudice e non lo sapevo, anche se non vado neanche al ristorante senza una copia dello Zarathustra di Nietzsche con me e cerco come posso di limitare il piccolo anticlericale che vive dentro di me...

    Uno di questi giorni proverò a stilare a mia volta una tipologia dei cattolici, dal cattolico-ma-io-la-penso-così al cattolico-il-papa-è-un-riformato...:sofico:

    R.
    Cuordy likes this.

  10. #10
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,254
    Mentioned
    96 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Rif: un po' di humor

    Citazione Originariamente Scritto da Resurgens Visualizza Messaggio

    Uno di questi giorni proverò a stilare a mia volta una tipologia dei cattolici, dal cattolico-ma-io-la-penso-così al cattolico-il-papa-è-un-riformato...:sofico:

    R.
    Sei stato preceduto nel futuro.

    ____________________________________


    02 Novembre 2009

    E’ buio, una notte tempestosa e tetra mi rende compagnia. Un lampo improvviso squarcia il cielo a metà. La sua terribile luce penetra nella mia stanza. Sono china sulla mia relazione, la più importante della mia vita, non mi accorgo di nulla. Il tremendo tuono che segue mi fa sobbalzare, mi guardo intorno, prendo la candela dalla mia scrivania, con la sua luce fioca mi faccio strada nella mia camera, per assicurarmi che sia tutto a posto. Ho un brutto presentimento, sento di non essere sola. Con timore mi risiedo e mi accingo a riflettere sui miei appunti sparsi qua e là. Comincio a tranquillizzarmi, ma il mio senso di inquietudine mi accompagna ancora. Un brivido improvviso percorre il mio corpo: sento dei sospiri dietro di me, non ho il coraggio di voltarmi, non ce la faccio! Sono letteralmente paralizzata: la candela si spegne. Una folata di vento? Impossibile, la mia finestra è chiusa… Improvvisamente altri lampi e tuoni illuminano la mia camera a giorno. Tutto intorno a me trema, mi volto di scatto e….Oh mio DIO!


    Mi metto a gridare con quanto fiato ho in gola!
    In quel preciso istante entra mia sorella nella mia stanzetta, accende la luce e mi dice con molta finezza:
    < Marì, ma ch cazz è succies? (tipica espressione anglo-francese che significa: Marina, che acciderbolina è accaduto?)>
    Io la guardo con due occhi sbarrati, tremo come una foglia.
    < L….l….lo….lo…ha…ai…vis..to? Dico io ancora terrorizzata.
    < Visto cosa?> Ribatte lei, guardandomi come in genere si guarda un maniaco omicida imbottito di psicofarmaci…
    < N…n…niente…> le dico.
    < Mm…non fare casino che voglio dormire>. Poi getta l’occhio sulla mia scrivania.
    < Mi spieghi perché cacchio usi quella candela quando hai un lampadario che ti può illuminare una cattedrale?>.
    La guardo smarrita, effettivamente non so perché la stessi usando prima.
    < Marina, tu hai qualcosa che non va…> Mi dice affranta e ironica.
    Dimenticando momentaneamente lo spavento di prima, le dico: < Và a dormire và, e non rompere le scatole>.
    Lei (ormai arresa, visto che, poverina, ha me come sorella): < Vabbè, buona notte, scè!>
    Io: < Buona notte, idiotessa!> (io e mia sorella ci salutiamo con questi vezzeggiativi...ovviamente scherzando!)

    Resto immobile, in piedi, nella mia cameretta, come un’ebete. Dopo qualche secondo cerco di tornare in me. Torno alla mia scrivania, do un’ultimo sguardo a ciò che ho scritto, spengo la luce e vado a letto, cercando di dimenticare ciò che è accaduto poco fa. Mi giro e rigiro irrequieta. Mi dico che è stata un’acclucinazione, che sono flesciata, che ho un’immaginazione troppo fervida, che sto vedendo troppi film di Don Camillo in questo periodo…Subito dopo penso: “e se fosse vero?”
    I miei tormenti durano finchè non odo scoccare 12 rintocchi: è mezzanotte!
    Il brivido che mi ha pervasa prima si fa di nuovo strada…
    Stringo a me le coperte quasi come a volermi proteggere.
    Davanti a me…nella penombra, osservo due occhi che mi fissano…o cacchio! Comincio a tremare, vorrei poter fare qualcosa, ma il terrore mi paralizza. Odo di nuovo quegli strani sospiri di poco fa, che aumentano sempre di più… Mi sembra di sentire un sussurro… Una voce fioca che articola parole troppo basse perché io riesca a sentirle…
    Mi sento male, che cacchio succede? Il sussurro si fa sempre più forte…finchè non riesco a sentire chiaramente la parola: Marina…
    Mi sta chiamando… Il volume della voce aumenta…
    < Marina…Marinaaa….Marinaaaaaaaaaa…>
    Annaspo, mi sento soffocare, cerco di articolare qualche suono, quand’ecco che un lampo illumina di nuovo la mia stanza…e lo vedo!
    Vorrei gridare, ma non mi riesce! Il terrore è al massimo!
    Mi chiama ancora:
    < Marinaaaaaaaa….>
    Finalmente riesco a dirgli: < C….c…c…chi…sei?>
    E lui: < sono lo spirito di Piergiorgio Ordifreddiiiiiiii….>
    < Cheeeeeeeeee?>
    < Si, sono io.>
    Io perdo in quel preciso istante tutto il mio terrore, che fa spazio a un sospiro di sollievo: tanto è uno spirito pericoloso quanto un piatto di pasta e patate.
    < Sei proprio tu?> Gli chiedo per accertarmi che sia lui.
    < Si!> Risponde lui, in modo solenne.
    < Ah…>
    Nel frattempo accendo la luce del lume sulla mia scrivania, e lo vedo chiaramente: è proprio lui!
    Ha una tunica bianca addosso, come un vero spirito…solo che all’altezza del petto vedo stampata sulla stoffa una scritta strana…UAAR….
    Riprendo il discorso dicendo: < Ma proprio te come spirito mi doveva capitare?>
    < Se vuoi ti vado a chiamare lo spirito di Luigi!>
    < Luigi chi?>
    <Cascioli!>
    < Nooooooooooooooooooooooooooooooooooo! Lui noooooooooo! Abbi pietà di meee! T…tu vai benissimo!>
    < Ok!>
    Dopo un po’ riprendo: < Comunque, Piergy, io credevo che tu fossi ancora vivo!>
    < E lo sono, infatti!> Risponde lui, leggermente irritato.
    < Allora mi spieghi cosa fai qui?>
    < Aaaah! Voi catto-cretini non capite mai niente! Non ci sei arrivata? Io sono solo frutto della tua immaginazione!>
    < Credevo fossi presente solo nei miei sogni erotici però…>
    < E invece sono presente anche in altri momenti! E comunque se fossi un fantasma non mi farei certo vedere da voi cattolici! Ogni 3 secondi gridate al miracolo!>
    < Allora, Piergiorgino, cosa vuoi? Perché mai avrei prodotto una simile visione?>
    < Sono qui per comunicarti che che devi assolutamente pubblicare quello scritto!> Mentre dice ciò indica i miei appunti sulla scrivania.
    < Quello?>
    < Si! Hai rotto fin troppo le balle a noi! Adesso occorre che siano quelli della tua specie a patire!>
    < Ma io…> mi accingo ad obiettare timidamente, ma lui mi interrompe:
    < Basta! Non voglio sentire scuse! Altrimenti la prossima volta vengo in compagnia di Cascioli e della Guzzanti!>
    < Ok…ok…lo pubblico…il tempo di dargli il titolo e lo pubblico!>
    < Bene! Ti do tempo 3 giorni, non uno in più!>
    < Ok!>
    Dopo un po’ la sua immagine svanisce, tutto sembra essere tornato alla normalità. Mi siedo allo scrittoio, penso un po’, e finalmente il titolo:

    TIPOLOGIE DI CATTOLICI!
    CATTOLICI ANTICLERICALI: Sono meravigliosi! Sono quelli che, a furia di avere una mentalità aperta, danno perennemente ragione agli atei, anzi, provocano proprio loro certi ragionamenti. Magari ne incontri uno, che sta lì a dirti che la Chiesa fa schifo, che ha potere, che la odia, che è bigotta, attempata, che ogni suo dogma è un’assurdità…
    Ad un certo punto gli chiedi: < Ma quando hai scelto di essere ateo?> e lui ti risponde: < Macchè ateo, io sono cattolico praticante!> guardandoti con quell’espressione di meraviglia, come a dirti: “ma come, non l’hai capito che sono devotissimo?”
    Tu continui il discorso, cercando ti trovare una spiegazione razionale a simili asserzioni, e dici:
    < Aaah…ma forse in Chiesa non ci vai mai…>
    < Ma nooooo! Io a messa ci vado sempre, seguo 10 messe al dì!>. Magari si è fatto l’abbonamento al giornalino della parrocchia, oppure usufruisce dell’offerta 3 x 2 (3 omelie al prezzo di 2).
    Tu resti sotto shock, non capisci niente, perdi ogni cognizione, non riesci più a definire niente…Ti risvegli solo dopo qualche ora, e ti accorgi che sei rimasto un sacco di tempo paralizzato, con la bocca aperta, tanto che una famiglia di rondini nel frattempo ha nidificato nella tua gola.
    Questi cattoliconi sono straordinari, credetemi. Ma io chiedo loro una piccolissima cosa: se tu vai in chiesa, ci sarà un motivo… Forse mi risponderai: “ma io ci vado per il Signore, mica per quel vecchio scofanato del mio parroco, il quale ha la cazzimma che se lo mangia?”. D’accordo. Ci vai per il Signore, ma se hai scelto di frequentare un ambiente cattolico e non il Regno dei Testimoni di Geova ci sarà una ragione, un piccolo punto, una parte della Chiesa che è a te è piaciuta e che ti spinge ad andarci. E se un ateozzolo ti si avvicina e sputtana il clero, non ti dico di difenderlo ad oltranza e negare gli errori fatti da esso, ma credo sia anche opportuno dirgli: “senti, mio caro, hai tutte le ragioni del mondo, però sappi che c’è dell’altro nella Chiesa, che forse non hai visto…” e condividi con lui ciò che di bello c’è stato, senza aggredirlo o altro.
    Poi si da per scontato che noi dovremmo fare nostro quel “non giudicare” che Gesù Cristo ci ha insegnato. E’ assurdo per me dire che bisogna perdonare tutti, anche il più grande criminale del mondo, per poi non essere in grado di usare misericordia per l’istituzione che hai scelto di seguire.

    CATTOLICI-FAI DA TE: Sono un pizzichino meno aggressivi dei cattolici anticlericali. Seguono volentieri tutti i dogmi cattolici, tranne quelli che a loro non piacciono. Spesso e volentieri dicono di credere ai vangeli apocrifi, ma in realtà l’unico Vangelo che seguono è il “Vangelo Secondo Me”. Vorrei tanto entrare nell’evolutissima mente di queste persone… Forse credono che il Padre Eterno si sia fatto vecchio, perciò è un pochino più fessacchiotto di prima…Poi lodano la Chiesa finchè essa non va contro i loro interessi, solo allora la giudicano male. Ma non è questo il punto che voglio farvi cogliere: io premetto che ognuno di noi ha il sacrosanto diritto di seguire ciò che vuole, siamo liberi! Nessuno ci fulmina! Possiamo scegliere di non condividere le posizioni di Ratzingher, ma non trovo giusto criticarlo come persona sbagliata in quanto pensa determinate cose. Faccio un esempio concreto:
    c’è una differenza quando dico: < Non vado a messa perché è una scelta che ho fatto IO> e quando invece dico: < Non vado a messa perché penso che la Chiesa sia bacchettona >. Spesso ragioniamo attraverso questi parametri, motiviamo le nostre scelte attraverso le critiche, ottenendo solo che ci deresponsabilizziamo. Forse il mio ragionamento è un po’ astruso, però spero di rendere bene l’idea…

    CATTOLICI-PERPETUI: Sono quelli che dormono in parrocchia. Li trovi a qualunque orario, e se vai la mattina presto li trovi in pigiama. Sono come il Signore: onnipresenti (almeno in chiesa)! Disponibili sempre, dovunque e comunque. Spesso sono madri e padri di famiglia, le cui case sono piene di munnezza, i cui figli trascorrono il tempo a rapinare i supermercati o a violentare i porcospini, e i cui mariti/mogli sono scappati con qualche cubano/cubana da anni, ma ancora non se ne sono accorti, perché a furia di seguire il parroco, non hanno tempo per sé stessi o per le loro famiglie. Lungi da me giudicarli, per carità: è bellissimo fare qualcosa per la propria parrocchia (fossi io più attiva), ma credo che assistere il proprio coniuge e i propri figli sia ancora più bello. Portare avanti una famiglia, un matrimonio, non è per nulla facile, e i propri affetti richiedono tempo, pazienza, dedizione. Credo sia sufficiente stare giusto qualche ora in parrocchia, per il resto c’è il parroco, la cui famiglia per lui è la comunità che serve (ecco, non volendo, abbiamo scoperto uno dei motivi per cui non facciamo sposare i nostri sacerdoti, e non facciamo ordinare i nostri ammogliati…hihihi!)

    CATTOLICI-ATEI: Quello che fa parte di questa categoria ti dice: vado in Chiesa ma non credo. La mia perplessità è allo stato puro, forse uno così va a messa perché spera di non sbagliarsi… io qui da dire ho solo una cosa: BOH!

    CATTOLICI-FEROCI: Anche loro, sotto sotto, sono cattolici-fai da te, perché a prima vista sembrano i nipotini di Ratzingher! Sono d’accordo col papa in tutto e per tutto…seguono tutto della Chiesa, ogni precetto, ogni dogma, ogni regola…tranne una: quella di usare misericordia nei confronti dei fratelli non credenti!
    Il che è abbastanza serio come problemino… Quando parlo di misericordia non parlo di quel sentimento super-presuntuoso che mi fa credere migliore di chi non crede: misericordia in linguaggio cattolico significa amore! L’altro è sacro quanto Dio, dal momento che vale il sangue divino di Cristo, proprio come me. Purtroppo avviene, nell’arco della vita, che non sempre riesco ad amare colui che non crede, perdo la pazienza, il che può anche essere normale, ma si trattano di momenti di debolezza, capitano come tutte le cose che ho appena elencato. Ma se ciò diventa un vizio, o peggio, l’unica via di approccio verso gli altri, allora c’è da preoccuparsi.
    Faccio un esempio concreto: ci sono siti internet che difendono il cattolicesimo, lottando contro le blasfemie e le bestemmie. Fin qui tutto bene, è giusto difendere ciò in cui si crede, fino in fondo (specie quando succede che viene a mancare il rispetto per ciò che è sacro, sia per i cattolicesimo che per qualunque altra religione). Ma non mi puoi di certo definire “idiota”, “imbecille”, “cretino” o “demoniaco” una persona che bestemmia o che si accanisce contro la Chiesa (magari si scrivono certe cose in maniera premeditata). Leggendo uno di questi siti, che sembravano scritti da Osama Bin Laden, trovavo le risposte degli anticlericozzi, non proprio carucce, ci attaccavano amareggiati usando i soliti argomenti, però nei limiti del rispetto, devo ammetterlo. Uno di loro (giustamente) disse che se fino ad allora aveva odiato la Chiesa, adesso la odiava ancora di più, e che avrebbe lottato contro di essa, dal momento che eravamo apparsi ai suoi occhi come un gruppo di integralisti. Io non so se dal profondo del cuore questa persona sapesse quanto di cristiano ci fosse in quegli insulti, fatto sta che certe dichiarazioni così impregnate di giudizio e di offese gratuiti non avevano nulla di cattolico (a mio parere, ovvio). Sinceramente, non ce lo vedo Gesù Cristo o il papa offendere una persona perché bestemmia. Alcuni amici miei, anche dopo la conversione, hanno continuato ad avere questo problema, perché ormai quella di bestemmiare era diventata un’abitudine consolidata, e soffrivano molto per questo. Hanno dato una svolta perché i sacerdoti e le suore li hanno accolti con misericordia, e non con quell’atteggiamento di superiorità. Pensate se li avessero chiamato cretini: questi ragazzi avrebbero incrementato il disprezzo verso loro stessi o avrebbero preso in odio il cattolicesimo.
    Poi, uno dei frati che mi ha seguita, mi ha detto che è un errore madornale allearsi con Dio, bisogna sempre stare dalla parte dell’uomo, in qualunque momento! Perché, mettendomi dalla parte di Dio, io gli dico: < Hai visto, Signore? Quello ha sbagliato, ha fatto questo e quest’altro!>, lui mi risponde: < Bene, Marina,hai ragione! Passiamo a quello che hai fatto tu, ora>. E lì so’ cazzi!


    CATTOLICI-PAUROSI: Faccio parte di questa categoria, e sto lottando per uscirne. Sono l’esatto contrario dei cattolici feroci. Il tipico cattolicozzo cacasotto si trova in mezzo ad una comitiva di gente che parla male della Chiesa, di Dio, del papa. E che fa? Tace e abbassa la testa, sperando che nessuno si accorga del Tau che porta al collo, o del fatto che sia cattolico. Persone di questa categoria parlano male della Chiesa, ma non per convinzione (come fanno i cattolici fai da te o quelli anticlericali). Lo fanno par paura che gli altri possano giudicarli, ritenendoli bigottoni o altro. Effettivamente il cattolicesimo non è proprio una religione di moda. Anzi, spesso le parrocchie sono vissute come il rifugio degli sfigati. Chi ha paura di mostrarsi, forse non è convinto di portare avanti una cosa bella, ma una specie di struttura fatta di doveri.
    Come ripeto, anche io ho vissuto una cosa del genere, e ne ho sofferto un pochino, quasi come se il mio essere cattolica fosse una vergogna, e mi sono ritrovata a dire (a me stessa):
    “Marina cara, non ti dico che devi diventare una specie di Hannibal The Cannibal del cattolicesimo, ma spendila una parolina per il tuo Signore… Una, piccola piccola, senza mangiare nessuno, al limite dando le tue opinioni, almeno per farti conoscere e far sapere come la pensi…è importante conoscersi e farsi conoscere, anche nei propri difetti cattolicosi!”
    Cosa dite? Mi chiedete se sono pazza? Beh…si…lo sono…

    CATTOLICI-MISTICI: Diciamo che appena li vedi ti fai il segno della croce. Non per ammirazione, ma per paura! Ti verrebbe da chiamare l’esorcista. Il gruppo delle Bestie di satana sembra più equilibrato al loro confronto. Questi cattoliconi hanno apparizioni dappertutto! In bagno, in cucina, in camera da letto, oppure in comitiva, quando fumano quelle sigarettine magiche che hanno fabbricato con gli amici e che cacciano un odorino particolare…avete presente? (beh dopo quelle è normale che avvengano certe visioni). Per quanto esistano i miracoli, e per quanto ci siano effettivamente persone che hanno esperienze mistiche o possessioni demoniache, non credo bisogni gridare al miracolo soltanto perché Manuela Arcuri è riuscita a fare equazioni… (o forse si?)
    Oppure dire che Pamela Anderson sia posseduta dal demonio solo perché l’ abbiamo vista senza trucco…
    Sentii parlare di uno che aveva sempre visioni della Madonna, la quale una volta gli consigliò addirittura come fare il sugo… O di un altro che la mattina, appena sveglio, vedeva un fuoco ai piedi del letto. E che dire delle possessioni demoniache? Ne escono di tutti i colori.
    Chiamatemi vigliacca o miscredente, ma io credo ai miracoli accertati dalla Santa Sede, la quale ci pensa migliaia di volte prima di accertare un miracolo. Affida a commissioni scientifiche (e atee) i presunti miracoli. Poi, al di là di quanto possiamo credere ad effetti straordinari o meno, bisogna avere sempre gli occhi aperti e saper discernere… Il confine tra Fede e fanatismo è moooooooolto sottile.

    CATTOLICI-FRAVCATUR: Li adoroooooooo! Specie quando sono sacerdoti e ti fanno il sermone in napoletanoooooooooooooo! Hanno una semplicità straordinaria, ti sbattono la verità in faccia senza mezze parole, facendoti divertire e riflettere. Domenica ad un ritiro ho conosciuto don Enzo, e ho saputo che era un prete soltanto perché lo ha detto lui durante l’omelia…E cosa dire della mia guida spirituale, Damiano? Ti accorgi che è un frate solo perché ha il saio…hihihi! Non voglio fare pubblicità a loro, né dire che i sacerdoti e i cattolici più dolci siano di serie B, li ho solo catalogati, in quanto studiosa ho il dovere di elencare anche loro! Ehehe!

    CATTOLICI-FILOSOFI: “Salve….vorrei esporre il motivo del mio cattolicesimo in chiave filologico-teoretico-gnostico-filosofica, specialmente se ci atteniamo ad un ottica di tipo Cristologica”…. AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!


    CATTOLICI-CAMORRISTI: Sono il più alto esempio di cristianità. I più grandi santi, durante il loro operato, si sono ispirati a loro... Il papa si consulta con loro prima di scrivere le sue omelie. La loro coerenza è alle stelle. Come mi ha suggerito il mio amico Dayan, fanno edificare edicole, mettono nei palazzi o agli angoli dei vicoli la statua della Madonna o di San Pio a grandezza naturale, ovviamente tutta ricoperta di fiori, candele e ceri votivi. A vedere certe strutture pensi che il santuario di Pompei sia più semplice, e che a costruirle sia stato un mansuetissimo e devotissimo cattolicone che non ha mai fatto male ad una mosca, e invece… Alla mosca forse no, ma agli esseri umani si! Sono coloro che hanno concretizzato nella loro vita il messaggio evangelico di Gesù Cristo: “fai agli altri prima che essi lo facciano a te”! Diceva proprio così, vero? Almeno nel loro caso si. Il libro di Saviano rende molto bene il rapporto religione-camorra. Non voglio giudicarli, per carità, però questa forma di cattolicesimo fai-da-te non è di certo cattolicissimo… Non riesco a figurare nella mia mente Gesù che va in giro con un bazooka, o con una bomba a mano… Immagino la scena: < Ama il prossimo tuo….(prima di dire il “te stesso” fa esplodere una sinagoga…)>… è Cristo questo? Mmmm…io direi di no…


    Tipologie di cattolici &#40;origin&#41;. - Windows Live
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sense of humor
    Di Canaglia nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-10-11, 10:39
  2. Humor politico
    Di turbociclo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-11-08, 11:01
  3. un po di humor...
    Di ultimo baluardo nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-10-06, 18:09
  4. english humor
    Di mcandry nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-10-03, 02:28
  5. Humor nero
    Di Claudio Ughetto nel forum Hdemia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-01-03, 15:49

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226