User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: La Situazione Somala.

  1. #1
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Situazione Somala.

    Leggevo che alcuni di voi, usano indicare la Somalia come esempio di successo di società di "diritto libertario".

    Potreste spiegarmi quale sia l'attuale situazione?

    Cordialità.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per il fatto che non esiste più uno stato somalo ma una serie di entità (clan,piccoli dittatori, tribù, comunità, ecc) che relazionano tra di loro senza legami stabili. Credo, almeno sia così.
    saluti padani

  3. #3
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E la situazione socio-economica, che livelli ha raggiunto?

    Cordialità.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    26 Mar 2002
    Località
    imola
    Messaggi
    53
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    LA SOMALIA CONFUTA LE TEORIE DEGLI ANTIGLOBAL

    di GUGLIELMO PIOMBINI

    Immemori di aver contribuito per decenni ad affamare il continente nero esaltando i “socialismi africani” più tirannici e sanguinari, i contestatori terzomondisti continuano a proporre, per risolvere i problemi del terzo mondo, le stesse ricette stataliste basate sull’intervento pubblico, l’assistenzialismo occidentale, e la chiusura dell’economia ai mercati internazionali (l’odiata “globalizzazione”). Sfortunatamente per le loro teorie, l’unico paese di quel disastrato continente che da alcuni anni sta vivendo una fase di miracolo economico è la Somalia, che ha fatto esattamente il contrario. Questa nazione del Corno d’Africa si trova infatti in una situazione unica al mondo: dopo la cacciata del tirannico dittatore Siad Barre nel 1991, l’intero apparato dello Stato è stato smantellato, e da allora la popolazione vive senza alcun governo centrale, senza amministrazione pubblica, senza alcun corpo di polizia statale, e senza un esercito permanente.

    Falliti i tentativi iniziali di alcuni ex generali e colonnelli dell’esercito di Barre, i “signori della guerra”, di imporre con le armi un proprio governo, e fallito disastrosamente il tentativo dell’ONU di ricostituire uno Stato centrale con la missione Restore Hope (i 34000 caschi blu si ritirarono nel 1995 con gravi perdite e senza aver ottenuto alcun risultato), i somali sono tornati al proprio sistema decentralizzato tradizionale, basato sulla confederazione dei clan e sul diritto consuetudinario. La caratteristica del diritto somalo è quella di presentare numerose similitudini con il diritto naturale della dottrina liberale, perché protegge la persona e la proprietà privata dalle aggressioni, e garantisce ad ogni individuo la libertà di muoversi, intraprendere, e commerciare.

    Dopo trent’anni di statalismo rapinatore, i somali si sono resi conto che l’attuale sistema - che alcuni hanno definito kritarchia, cioè governo dei giudici - finora non ha condotto al caos o all’anarchia, e che la mancanza di un governo centrale ha i suoi vantaggi: “In assenza della burocrazia governativa e degli aiuti esteri, l’economia sta avendo un boom”, intitolava un articolo uscito nel maggio 2001 sulla prestigiosa rivista Atlantic Monthly. Libera da intralci governativi, regolamentazioni, e tasse, l’economia somala sta funzionando secondo un modello di liberismo quasi puro, e i risultati si vedono! Il porto di Bosaaso è in grande espansione, e oggi la Somalia esporta cinque volte di più rispetto al 1989; non esistono dazi doganali per l’entrata di merci nel paese, salvo il pagamento di una piccola tariffa per la gestione delle operazioni portuali; il mercato principale del centro di Mogadiscio è pieno di merce di ogni genere e provenienza.

    Pur essendo collassati tutti i servizi pubblici dopo l’estinzione dello Stato, il settore privato ha supplito efficacemente, e in poco tempo sono sorte cinque compagnie aeree in concorrenza tra loro; tre compagnie telefoniche, che hanno tariffe tra le più basse del mondo (un dollaro e mezzo al minuto per le telefonate internazionali); almeno due grandi fabbriche di pasta; 45 ospedali privati; 55 fornitori di energia elettrica; 1500 ditte di import-export; e numerose scuole private.

    Oltre al trasporto aereo e alla telefonia, un altro settore in travolgente sviluppo è quello delle telecomunicazioni: le società private che operano in questo campo lavorano nella più assoluta libertà, senza essere sottoposte ad alcuna regolamentazione e senza versare imposte a nessuno. Chi possiede un televisore in Somalia può già scegliere tra 28 canali non sottoposti ad alcuna censura o controllo governativo. Anche la moneta risente positivamente dell’assenza della gestione governativa: l’inflazione è bassissima, lo scellino somalo è liberamente convertibile sul mercato, e i tassi di cambio con le altre valute sono tra i più stabili dell’intera Africa.

    Incapaci di comprendere l’attuale realtà somala con le categorie politiche occidentali, negli ultimi anni i governi dei paesi ricchi si sono tenuti alla larga da questo paese privo di un interlocutore politico. A dispetto degli slogan terzomondisti, il fatto che neanche un dollaro di aiuti internazionali sia entrato nelle casse di un qualche governo locale ha rappresentato un’autentica benedizione, perché meno aiuti pubblici “allo sviluppo” hanno significato meno potere statale, meno conflitti politici per l’accaparramento dei fondi, meno corruzione, meno burocrazia, meno parassitismo; e, di conseguenza, più libertà, più responsabilità personale, più società civile, più intraprendenza, più mercato.

    Gli stessi somali sembrano soddisfatti della loro situazione, e per questo motivo non hanno riconosciuto il governo nazionale di Abdiqassim Salad Hassan che, a seguito di forti pressioni internazionali, è stato nominato nell’agosto del 2000 durante una conferenza nel Gibuti: “Quando c’era lo Stato - ha dichiarato Ahmed Abdisalam Adan, direttore della prima radio-televisione somala, rispecchiando l’opinione della grande maggioranza dei suoi connazionali - tu potevi diventare ricco un giorno, e povero il giorno dopo, in base a quello che decideva il governo. Oggi invece viene premiato solo chi ha più creatività ed chi è disposto a correre rischi imprenditoriali”. Esemplare è anche la storia di Hussein Abdullahi, il quale era emigrato in Canada nel 1991 a fare il taxista, ma che dopo qualche anno ha deciso di ritornare in patria dopo essersi accorto, con sua grande sorpresa, che gli amici che erano rimasti in Somalia se la passavano meglio di lui. Ora Abdullahi gestisce una fiorente fabbrica di pasta e una clinica medica, e spiega soddisfatto il segreto per diventare ricchi: “Oggi in Somalia tutto è possibile. Se hai denaro e conoscenze, puoi fare quello che vuoi. Questa è una terra vergine”.

  5. #5
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il più grande esperto mondiale sulla situazione della Somalia si cela sotto il nickname di ciaparat... speriamo passi di qua e ci illumini di immenso

  6. #6
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Difatti è un po che non scrive...
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

  7. #7
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Stonewall
    Il più grande esperto mondiale sulla situazione della Somalia si cela sotto il nickname di ciaparat... speriamo passi di qua e ci illumini di immenso
    Ogni tanto passa, ma da mesi ha molto da fare...

  8. #8
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Sir Demos
    Difatti è un po che non scrive...
    Comunque Demos, ciaparat se non sbaglio ha scritto qualcosa sulla Somalia tempo fa in un thread nel tuo forum (e qualche riga, per quel poco che ne so, l'ho scritta anch'io): vedi se lo ritrovi.

  9. #9
    Moderatamente estremista
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    1,555
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    grazie a tutti per l'attenzione.
    Comunque vi osservo, in silenzio...

  10. #10
    I Have a Dream
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    "Castello Sforzesco"
    Messaggi
    2,123
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vado a vedere...Cordialità.
    Se vuoi amarmi, amami per null'altro che l'amore stesso.
    Non dire mai " io l'amo per il suo sorriso, il volto, il modo di parlare " perchè queste cose col tempo possono cambiare, o cambiare per te.

 

 

Discussioni Simili

  1. Stuprata all'ambasciata somala, rito immediato per i due aggressori
    Di Ektor Baboden nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 06-10-11, 13:53
  2. Investi nella pirateria somala
    Di Ibonz nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-08-11, 21:02
  3. Pirateria nel sud del Mediterraneo (non somala ma israeliana)
    Di Sandinista nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-07-09, 23:34
  4. Somala umiliata a Ciampino, ancora razzismo!
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 03-10-08, 16:21
  5. [Somalia] Aggiornamenti sulla crisi somala
    Di 22Ottobre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 11-08-07, 11:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226