User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    ghost dog
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    « Prego bensì che l'una e l'altra cosa, la vittoria e il ritorno, tu conceda, ma se una sola cosa, o Dio, darai,la vittoria concedi sola! »
    Messaggi
    2,415
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lula: ... l'inverno del nostro scontento...

    Vediamo….una mitomane con i giusti agganci e qualche etto di furbizia, riesce in una mossa che le cambierà la vita, facendosi eleggere sindaco….una coalizione, espressione del governo para-fascista del Cavaliere Mascarato, sfrutta questa “utile idiota” e chi le sta dietro per costruire un artefatto “caso” politico che raffiguri in chiave propagandistica una simbolica “riconquista” di un territorio da parte dello Stato….
    Arsenico e vecchi merletti….tutta una serie di giochi di luci da avanspettacolo accompagnano questa vicenda….al fine di darle un risalto che sia il maggiore possibile…al fine di attribuire a quanto accade a Lula una valenza esemplificativa, e terroristicamente ammonitrice, per tutti i sardi….il messaggio che lo stato occupante dà è più o meno questo….”voi sardi siete puttane….e noi vi diamo le marchette…vi paghiamo…quindi zitti e continuate a fare le puttane (-con tutto il più grande rispetto per le prostitute, s’intende -)….”

    Troppo clamore, troppa polvere sollevata…..

    Abbiamo assistito alla farsa teppistica delle lettere incendiarie, alle reminiscenze parapsicologiche di magistrati romani pronti a riconoscere nei propri “fantomatici” aggressori "dall'accento barbaricino(!!!)", imputati di processi vecchi di decenni….e naturalmente riconducibili alla solita sigla…br….brrrrrr

    Tempi cupi….

    Puzza di carogna tutto questo…puzza di “strategia della tensione”…..
    Dopo tutto questo scandalo non mi stupirei se qualche zelante supporter di tale campagna “canonica” pro sindachessa , seconda solo alla beatificazione di Padre Pio, o ai filmati della propaganda nazista, mettesse magari una “bombetta”, o sparasse una “schioppettata”….effetto garantito…compattamento nazionale –italico- e (dopo tutto il clamore destato ad hoc dalle avventure di questa illustre signora Bonaventura) magari una giustificazione in più per riempire l’Isola di militari….

    No grazie signora Sindachessa, il gioco, la farsa teatrale da Grand Guignol, di cui è solo una comparsa, non ci interessa…le sue provocazioni, i suoi insulti nei confronti di un Popolo a cui, evidentemente non appartiene più, non destano altro che nausea e stupore…cinismo forse….
    Potremmo stare ore ad analizzare la questione….vi sono risvolti politici profondi….ma direi…è più forte di me….l’unica cosa che potrei dire mi cagionerebbe di sicuro una denuncia per diffamazione….
    …con tutto il mio più grande rispetto per le prostitute.

    “Getta uno sguardo freddo sulla vita e sulla morte…
    Cavaliere,
    Prosegui il tuo cammino”.
    Yeats – Eire


    Unu saludu a punzu serradu a tottu sos cumpanzos-patriotas

    INDIPENDENTZIA et sotzialismu

    Frantzisku, dae Tathari
    PRO SA REPUBRICA DEMOCRATICA SARDA
    FINTZAS A SA BINCHIDA, SEMPER!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ghost dog
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    « Prego bensì che l'una e l'altra cosa, la vittoria e il ritorno, tu conceda, ma se una sola cosa, o Dio, darai,la vittoria concedi sola! »
    Messaggi
    2,415
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Briatore fa l'elemosina a Lula e il sindaco accetta con gioia e sottomissione

    www.unionesarda.it

    «Non abbiamo bisogno di elemosina»


    Lula Saranno pure belli e accattivanti i visi super abbronzati delle dive televisive e delle star del pallone che ogni anno affollano i club di Porto Cervo e dintorni. Saranno pure di buon cuore le attrici e le celebrità del momento, che tra un tuffo in piscina e un servizio fotografico, trovano anche il tempo di fare beneficenza. A Lula però, storcono il naso e il denaro ‘raccolto’ dal bel mondo smeraldino per i bambini lulesi, durante la serata di inaugurazione del Billionaire, non fa gola a nessuno. Anzi in paese monta un po’ di rabbia e s’innesca la polemica. Quei 60mila euro, metà dell’intera somma donata (il restante andrà ai bimbi di un istituto di Arzachena) dal fior fiore del mondo vip, ai lulesi proprio non vanno giù. La notizia della ‘donazione’ è arrivata attraverso la tv e i giornali. Ieri mattina, nell’ufficio del primo cittadino c’era solo Francesco Calia, vicesindaco e assessore all’Urbanistica nella giunta di Maddalena Calia. Seduto alla sua scrivania, è di poche parole, ma disapprova. «Come amministratore non voglio rilasciare nessuna dichiarazione» chiosa. «Ma come lulese le dico che non condivido affatto l’iniziativa. Non è questa la modalità giusta per far arrivare i fondi in paese». Come dire: va bene i problemi, va bene le difficoltà, ma che tutto si risolva con il denaro di stato e regione. C’è chi usa anche termini più franchi. «Non abbiamo bisogno di elemosina», dice una donna anziana che vuole mantenere l’anonimato. «E poi, quei soldi dovevano andare agli orfani. I nostri bambini grazie a Dio, non hanno esigenze urgenti come quelle». E c’è chi vuole costituire un comitato con tanto di lettera e firme per far valere il proprio dissenso. Far sentire la propria voce, dicono, in una situazione che stà diventando davvero insostenibile. «Abbiamo ancora una dignità. Non abbiamo bisogno di questo tipo di finanziamento economico. E’ una vergogna. Quando sono venuto a conoscenza dell’iniziativa sono rimasto di sasso». Giampiero Boe, è un impiegato comunale «non scriva il mio nome per carità», commenta con rabbia all’inizio. Poi il discorso si allarga e tanti altri partecipano alla discussione. «Se fate la lettera, firmo anch’io». «Anche io». «E io no?» Allora i nomi diventano tanti: Matteo Calia, pastore in pensione e sua moglie Giorgina, Carmelo Salvai meccanico, Rina Mussinu operaia forestale e gran parte dei dipendenti comunali.Una protesta gridata e civile a cui vanno ad aggiungersi tutte le opinioni di coloro che ieri mattina, chi più chi meno, hanno voluto dire la loro. Non poteva essere altrimenti, visto che lo strano accostamento Briatore, Costa Smeralda, Lula era sulla bocca di tutti. E qualche rimprovero se l’è preso pure il presidente della regione Mauro Pili, “l’ideatore morale” della donazione. In verità, i consensi per l’iniziativa sono stati pochi. Mario Goddi, professore in pensione e presidente dell’associazione Croce Verde è esterrefatto:«l’unico modo per rigirare tutta questa vicenda in modo positivo per il paese -dice- è che questi soldi, vengano messi in mano ad associazioni di volontariato che comunque vivono di offerte e donazioni. Altrimenti, non posso credere che si sia arrivati a questo punto: fare una colletta per aiutare il paese. Assurdo».
    Il sindaco, Maddalena Calia è a Cagliari quando risponde al telefono: «non capisco perchè si sia creata tutta questa polemica». Per lei il denaro donato dai vip di Porto Cervo, riuniti al Billionaire di Flavio Briatore per inaugurare le vacanze estive è «un’ iniziativa simpatica... Non è il comune come istituzione che riceve i soldi» spiega il sindaco: «non sono d’accordo che questi soldi vengano usati solo per il campo sportivo -dice- penso invece che mercoledì faremo una riunione con tutte le associazioni di volontariato, quelle sportive e quelle culturali per decidere insieme a chi andrà il denaro». Il comune in questo caso è solo una sorta di intermediario. «Mi è stato chiesto a chi dovranno andare questi fondi... E io cosa devo fare? Devo rifiutare? Io penso che se qualcuno è più fortunato di noi e vuole darci una mano, ben venga. Non sempre deve essere lo Stato ad elargire, ma queste sono questioni politiche».


    Caterina Tatti


    tratto da: http://www.unionesarda.it/unione/20.../REG01/A04.html


    __________________________________________________


    “Chi grida allo scandalo fa parte di un’esigua minoranza che sta ridicolizzando il paese”

    Calia: «Il paese ha detto sì, e Briatore verrà a pranzo da noi»

    Flavio Briatore sarà a Lula i primi di agosto, quando dall’Inghilterra ritornerà in Sardegna. Le donne del paese (quelle contente del regalo) hanno deciso di ringraziarlo preparandogli un pranzo indimenticabile. Perché, alla fine, è stato un sì. Dopo un incontro con il mondo del volontariato, e nonostante le 139 firme raccolte per comunicare un cortese ma fermo rifiuto, ieri mattina, al Banco di Sardegna che fu attaccato a colpi di kalashnikov, il sindaco Maddalena Calia ha aperto un conto corrente speciale, dove nei prossimi giorni saranno accreditati 60 mila euro raccolti senza fatica durante la serata di inaugurazione del Billionaire, Porto Cervo, Costa Smeralda.

    Carità, provocazione, elemosina, un modo usato dai ricchi per lavarsi la coscienza. Lei come definisce il gesto?

    Un atto di liberalità. Sono cose che si fanno normalmente, ovunque. Beneficenza a gruppi culturali, ad associazioni. Non sono certo soldi per il Comune che deve adempiere ai suoi doveri istituzionali. Prendiamo Bill Gates, ad esempio, fa donazioni e nessuno crea problemi.

    Ma di chi è stata l’idea?

    Di Mauro Pili.

    Ci racconti.

    C’era la serata organizzata da Briatore, ed era già deciso di “trovare” 50 mila euro per completare una casa per i giovani disagiati di Arzachena. Invece la somma racimolata è stata molto più alta, e il presidente della Regione ha pensato a noi, si è alzato e ha fatto la proposta: perché non destiniamo questi ulteriori soldi a Lula? Il primo ad applaudire è stato Piero Filigheddu, un sindaco illuminato, che ha detto: è una bellissima idea. Non c’era niente di premeditato.

    Ma lei non c’era alla festa?

    No, io ero a Tempio per partecipare a un importante convegno sull’Urbanistica. L’ho saputo l’indomani mattina: mi ha chiamato Mauro (Pili, ndr) e me l’ha detto personalmente Filigheddu. Che tra l’altro ha colto l’occasione per far nascere un gemellaggio tra i nostri Comuni.

    Cioè?

    Ci incontreremo spesso, lavoreremo insieme, ci saranno strette relazioni di tipo turistico, sociale, culturale. Lui è un sindaco che sa come si fa decollare lo sviluppo, ha capito che il turismo nell’Isola non è più soltanto quelle delle coste, che serve un legame con le zone interne.

    Però non a tutti ha fatto piacere.

    Centotrentanove persone su 1800 abitanti. Pochini per la verità. Questo è oscurantismo culturale. Vogliono fare una battaglia politica e stanno ridicolizzando il paese.
    Magari sarebbe stato meno fastidioso e più elegante se la beneficenza non fosse stata fatta in maniera così chiassosa.
    Andiamo, quella è gente di spettacolo, non un gruppo ecclesiale. Era una serata mondana, non poteva non esserci rumore intorno all’iniziativa, e poi era pieno di giornalisti.

    E con Briatore vi siete sentiti?

    Io l’ho cercato subito, ma non l’ho trovato. Poi mi ha richiamato lui in persona. Un vero signore.

    Cosa le ha detto?

    Che non è in Italia, e che se vogliamo, quando tornerà in Sardegna, i primi di agosto, verrà a Lula.

    E voi volete?

    In effetti ero un po’ titubante, visti i dissensi. Gli ho detto: guardi che oltre a tutta la gente felice per il regalo, ci sarà anche qualche voce stonata.

    E lui?

    Mi ha detto: non si preoccupi, so tutto, e sono cose che capitano. Decida lei e mi faccia sapere.

    Quindi verrà in visita a Lula?

    Beh sì, credo proprio di sì. Dobbiamo soltanto definire la data precisa. E gli prepareranno la pasta fatta a mano e altre prelibatezze tipiche.
    Magari si innamora di Lula e accoglie l’invito di Mariangela Dui a comprare una casa in paese. Oppure decide di aprire un locale notturno.
    E allora diranno che Lula non è in vendita. Se la Costa Smeralda fosse stata a Lula non ci sarebbe mai stato Porto Cervo.

    Non l’ha invitata al Billionaire?

    Certo che mi ha invitato, mi ha detto che sarebbe molto contento di avermi come sua ospite, quando voglio.

    Ci andrà?

    Il sindaco di Lula in discoteca?

    Perché no? Rovinerebbe la sua immagine?

    No, no. È una questione di carattere, io non mi sento a mio agio in certi posti. Mah, vediamo. Magari se sono nello stato d’animo giusto.

    Torniamo ai soldi, cosa ne farete?

    Non lo sappiamo ancora. Per ora abbiamo soltanto deciso di accettare la donazione. Ho chiamato in Municipio tutte le associazioni di volontariato del paese, sono 17, e si è deciso. In realtà 13 hanno detto sì, due devono darci una risposta, due hanno detto no.

    E il vicesindaco? Neppure lui era d’accordo.

    Quella dichiarazione gli è stata estorta.

    Addirittura.

    Gli hanno chiesto se era d’accordo a “togliere” soldi agli orfanelli di Arzachena per fare un campetto sportivo a Lula. Cosa poteva rispondere?

    Ha sentito cosa hanno detto Giacomo Spissu e Giacomo Sanna?

    Sì, no comment. Anzi no: mi rifiuto di credere che anche loro stiano cavalcando questa situazione, sono persone intelligenti. Probabilmente non hanno capito bene.

    I “detrattori” sostengono che Pili deve mantenere le promesse fatte in campagna elettorale. Che i soldi a Lula devono arrivare dai canali istituzionali.

    Infatti il presidente sta mantenendo le promesse. In questi giorni sono a Cagliari per portare avanti i progetti che, a settembre, ci porteranno finanziamenti per realizzare strutture sportive, culturali e di aggregazione sociale. E comunque ci siamo soltanto un mese e mezzo, miracoli non ne sappiamo fare. Aspettiamo almeno cento giorni.
    PRO SA REPUBRICA DEMOCRATICA SARDA
    FINTZAS A SA BINCHIDA, SEMPER!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma cosa c'entra col forum Padania tutto ciò? Voglio dire a parte i soldi rubati dal fisco ai lavoratori padani che in qualche misura si incanalano nel flusso reditributivo che tocca anceh la Sardegna, della cronaca locale sarda se ne può anceh fare a meno...

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Messaggi
    208
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Lula: ... l'inverno del nostro scontento...

    Originally posted by Shardana Ruju

    INDIPENDENTZIA et sotzialismu
    Ti hanno informato che il socialismo è fallito?

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226