Un'intervista inedita di Montanelli.... lascio spazio ai commenti!

LEGGI INTERVISTA DA ADNKRONOS


Roma, 20 lug. - (Adnkronos) - ''Porto grande rispetto per il Papa. Quello che ha fatto Karol Wojtyla e' una cosa immensa: e' uno dei piu' grandi papi della storia, almeno dalle dimensioni delle cose che ha fatto. In pratica ha distrutto la struttura piramidale e curialesca della Chiesa, per restituirla alla sua funzione missionaria: perche' Wojtyla e' un papa missionario''.
E' quanto affermava Indro Montanelli in un'intervista a Ferruccio De Bortoli, un inedito documento che il periodico ''Nuova Antologia'' pubblica in occasione del primo anniversario della scomparsa del grande giornalista e scrittore, che ricorre lunedi'' 22 luglio.
Montanelli, bandiera storica dell'informazione laica e liberale, precisava di provare ammirazione verso Giovanni Paolo II in quanto cattolico. ''Lo dico come cattolico, anche se io sono un cattolico non osservante, non credente; ma sono nato cattolico, la mia cultura e la mia tradizione sono cattoliche''. Nell'intervista l'ex firma-principe del ''Corriere della Sera'' e fondatore di ''Il Giornale'' ricordava anche di aver avuto l'onore di essere invitato a cena da Giovanni Paolo II. E con ironia, il vecchio 'Cilindro', come gli amici avevano ribattezzato il giornalista toscano, confessava: anche in Vaticano ''mangiai malissimo'', come del resto gli era gia' capitato con altri ''grandi personaggi''.
Montanelli ammetteva anche di aver pensato spesso a Giovanni Paolo II come al personaggio che piu' ha caratterizzato l'ultima parte del XX secolo, ''perche' certamente lui ha dato una svolta. E l'ha data credo senza avere un programma preciso, l'ha data d'istinto. Credo di aver capito questo, non sono sicuro, e' una di quelle intuizioni che illuminano il giudizio, e talvolta lo oscurano''.
Infine, nell'intervista integrale pubblicata da 'Nuova Antologia'' c'e' anche una sorprendente incursione ''nei meandri'' del tutto estranei a Montanelli: quelli della teologia, del mistero della presenza della Chiesa nella storia. ''La Chiesa cattolica se e' li' da 2000 anni vuol dire che qualcosa da dire ce l'ha. Io se avessi fede sarei protestante, ma debbo dire che anche da protestante ammirerei una istituzione che e' li' da 2000 anni. Ci deve essere qualcosa: altrimenti non ti spiegheresti come mai e perche' tutto e' decaduto ed e' morto, meno la Chiesa cattolica''.