User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    FIAT VOLUNTAS TUA
    Data Registrazione
    11 Mar 2002
    Località
    Sacro Romano Impero
    Messaggi
    3,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Timone: ancora una verità!


    CHI PAGA GLI ANTIGLOBAL?
    di Maurizio Blondet
    I "no global" combattono la globalizzazione con i soldi dei capitalisti.
    Ricevono denaro da ricchissimi finanzieri e da fondazioni ultramiliardarìe.
    Perchè gli uni e gli altri perseguono un fine comune: distruggere gli Stati sovrani.

    L' attivismo no-global costa. Decine di migliaia di militanti si spostano nel mondo per partecipare alle manifestazioni contro il liberismo globale: Seattle, Washington, Porto Alegre, Genova... A Genova, nel luglio 2001, il "Genoa Social Forum" di Agnoletto è riuscito a radunare oltre 700 associazioni e sigle (Centri sociali. Organizzazioni non governative, Arci, gruppi cattolici) e 300 mila persone. Alloggiate e mantenute per una settimana, fra concerti, conferenze, ospiti d'onore invitati dall'estero. Da dove vengono i soldi?
    Il mistero è stato in parte svelato da un articolo apparso sul Wall Street Journal (il quotidiano finanziario di New York) il 13 agosto 2001. Qui, ci si spiega che il Genoa Social Forum è ricalcato sul modello di un International GlobaI Forum, che ha sede a San Francisco. Questo "è generosamente finanziato dalla Foundation for Deep Ecology", una fondazione "culturale" creata dal miliardario Douglas Tompkins, e dotata di 150 milioni di dollari (320 miliardi di lire). Tompkins è il padrone della Esprit Clothing Co., una multinazionale dell'abbigliamento giovanile. Grazie a questi fondi, l'International GlobaI Forum, scrive il Journal "funziona come una finanziaria che fornisce i capitali iniziali per il lancio di gruppi antiglobai in tutto il mondo".
    Altro denaro arriva dai sindacati. Precisamente, dai "fondi di solidarietà" che molte organizzazioni sindacali hanno creato, inizialmente, per l'aiuto economico ai lavoratori in caso di scioperi prolungati. Ora, parte di questi fondi finisce ai movimenti antiglobal. Ma mobilita miliardi per la "causa" anche la cosiddetta "Sinistra al caviale" (Gauche-Caviar) francese, i gruppi radicaichic che fanno capo a Danielle Mitterrand (la vedova del presidente socialista), grande protettrice dei movimenti secessionisti "rossi" - dall'ETA basca agli zapatisti del Chiapas - il cui organo è il mensile Le Monde Diplomatique (pubblicato in Italia dal Manifesto). Il direttore del mensile, Bernard Cassens, è uno dei capi di ATTAC, il più importante movimento antiglobal francese.
    Però l'apporto sostanziale viene da alcuni grandi capitalisti e finanzieri. Oltre a Tompkins di Esprit, va citato Theodore (Teddy) Goldsmith: ebreo anglo-francese, speculatore mondiale in metalli preziosi, ha fondato The Ecologist, la rivista dell'ecologismo estremo, cui sono affiliati intere reti mondiali di gruppi ecologisti, dal WWF (fondato da Filippo di Edimburgo, marito della regina britannica) a Greenpeace e alle reti neo-anarchiche. Il figlio di Teddy, Zac Goldsmith, dirige la rivista ed è anche il leader del gruppo anarchico "Reclaim the Street" (Riprendiamoci la strada), contiguo ai Black Bloc e attore fra i più violenti delle manifestazioni. A luglio, mentre a Genova si svolgevano gli scontri attorno al G8, Teddy Goldsmith osservava la situazione dalla sua splendida villa di Siena.
    Un altro miliardario finanziatore è George Soros, l'ebreo ungherese-americano diventato famoso per le sue speculazioni contro la lira. Soros finanzia decine di "fondazioni" come il Lindesmith Center (che promuove la liberalizzazione delle droghe e l'eutanasia) e l'Human Right Watch, un ente che veglia contro "il risorgere del nazionalismo nell'Est europeo", ed ha lo status di ONG: bell'esempio di come certe organizzazioni non-governative "nate spontaneamente dal basso" siano in realtà creazioni di altissimi finanziatori. è importante capire che tutte queste potenze sono collegate fra loro, e con alcuni dei più discutibili movimenti "rivoluzionari". Al principio del 2001, in Messico, il capo del cosiddetto "esercito zapatista" del Chiapas, il celebre Subcomandante Marcos, intraprese coi suoi fidi una marcia "pacifica" su Città del Messico. Ad aspettarlo c'erano tutti: da Danielle Mitterrand al nostro Fausto Bertinotti; il Lindesmith Center di Soros diffuse allora un volumetto dove gli zapatisti erano presentati come "campioni dei diritti umani". Il World Social Forum (finanziato dal miliardario Tompkins) invitò Marcos al suo prossimo convegno. I servizi segreti canadesi hanno segnalato in quell'occasione che la guardia del corpo personale del Subcomandante non era formata da poveri contadini del Chiapas, bensì "da anarchici francesi e italiani", ossia gli stessi che partecipano ai disordini aritiglobai a Genova, Seattle, Washington. Ma perchè miliardarì, finanzieri globali spesso a capo di multinazionali promuovono gli anti-globai anticapitalisti?
    C'è una sottile affinità ideologica che unisce gli uni agli altri. Nel '94, va ricordato, Teddy Goldsmith e suo fratello James (ora defunto, uno dei dodici uomini più ricchi del mondo) lanciarono un progetto chiamato "Eurotopia": lo smembramento degli Stati d'Europa in 75 "macro-regioni" senza sovranità. La grande finanza globale, è noto, considera nemici gli Stati sovrani, perchè coi loro confini e leggi porrebbero ostacoli alla "libera circolazione di merci uomini e capitali", ossia alla globalizzazione compiuta. Sono, non vi stupirà, le stesse idee espresse da Toni Negri (l'ex cattivo maestro, arrestato per terrorismo) nel suo ultimo saggio, Empire: "Lo Stato nazionale è sempre stato un nemico" per noi, dice Negri, perchè "integra i lavoratori", potenzialmente rivoltosi, nella cittadinanza, dove esercitano diritti e doveri. Questo non piace a Negri, perchè toglie forza all'insurrezione permanente. "L'Impero globale è il benvenuto", perchè riduce i cittadini a "moltitudini", nuovo proletariato planetario. Non a caso, il libro di Negri è stato entusiasticamente recensito sia da Monde Diplomatique, dal New York Times (il giornale della finanza ebraica americana) e dal Corriere della Sera.
    Da non perdere - "Perchè una folla indistinta e vociante, eterogenea e rissosa, si addensa in giro per il mondo protestando contro la globalizzazione? Chi sono coloro che, abbigliati in tute bianche o in tute nere, manifestano non di rado con violenza contro le strategie internazionali dei potentati economici senza tuttavia esibire alcun riconoscibile progetto alternativo? Che cos'hanno in comune i settecento diversi gruppi e sigle che nel luglio 2001 si accalcavano per le strade di Genova e, prima ancora, in quelle di Seattle, di Quebec, di Praga? Da dove vengono? Quale cultura li ha generati? [---] Maurizio Blondet spiega come e perchè siano sorti, contemporanei e complici, la nuova burocrazia planetaria e il nuovo indomabile Quinto Stato: due caste contrapposte negli scopi, ma apparentate dallo sprezzo per la civiltà democratica e dalla capacità di mobilitazione. L'una vuole il Controllo globale; l'altra, propriamente, non vuole perchè non è capace di intendere e di volere (ed è per questo che il supercapitalismo l'apprezza come il migliore degli antagonisti). La battaglia è cominciata e già divampa. Ma non è questione di Talebani o di Black Bloc. In gioco è l'intera dinamica educativa delle nuove generazioni".
    (Maurizio Blondet, No Global. la formidabile ascesa dell'antagonismo anarchico, Edizioni Ares, Milano 2002, IV di copertina).


    L'articolo dell'insuperabile Blondet è tratto dal nuovo numero della rivista IL TIMONE
    Ne consiglio l'abbonamento a tutti!
    "

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Iscritto
    Data Registrazione
    30 Dec 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Viva Il Timone

  3. #3
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' sicuramente interessante il timore, lo leggo spesso, a Milano, quando passo dalle paoline mi compro la mia copia. Penso di poter dare un giudizio complessivamente positivo al Timone, anche se non mi piace molto lo "stile apologetico".


  4. #4
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E pensare che qui a Milano, sullacattedra che fu dei santi Ambrogio e Carlo Borromeo, di Andrea Carlo Ferrari, Achille Ratti, Eugenio Tosi, Ildefonso Schuster e Giovanni Battista Montini ora siede un vescovo che è il loro mentore...

  5. #5
    Iscritto
    Data Registrazione
    30 Dec 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'egemonia statunitense sarà in futuro ciò che agli albori del cristianesimo fu l'Impero Romano, cioè il veicolo della diffusione (stavolta davvero planetaria) della Buona Novella.

  6. #6
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho letto un articolo di Marta Sordi che paragona Impero Romani e USA, anche io ho detto questa cosa delle volte, ma scherzando...
    La tua interpretazione mi pare un tantinello forzata, visto che la "buona novella" consiste in guerre condannate dal Papa.

  7. #7
    Iscritto
    Data Registrazione
    30 Dec 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Thomas Aquinas
    La tua interpretazione mi pare un tantinello forzata, visto che la "buona novella" consiste in guerre condannate dal Papa.
    Stai sostenendo i contraddittori?

  8. #8
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sei tu che sostieni i contraddittori, non io..

  9. #9
    Iscritto
    Data Registrazione
    30 Dec 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Thomas Aquinas 1

    Ovviamente Dio da ogni male trae un bene migliore, per questo la Rivoluzione Francese è stata una benedizione celeste, come ogni cosa

    Thomas Aquinas 2

    La tua interpretazione mi pare un tantinello forzata, visto che la "buona novella" consiste in guerre condannate dal Papa.

    A chi devo dare retta? Al TA1 od al TA2? Qual è il tuo pensare autentico? Ammesso che ne esista uno...

  10. #10
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    dove sta la contraddizione?

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ancora Sui Rifiuti In Campania.....................la Verita'
    Di Watanaka60 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 21-04-08, 14:51
  2. C'è ancora un'america che lotta per la verità
    Di ardimentoso nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-07-06, 13:29
  3. C'è ancora un'america che lotta per la verità
    Di ardimentoso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-07-06, 13:28
  4. Il Timone: ancora una verità!
    Di cm814 nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22-07-02, 09:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226