User Tag List

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 13 di 13
  1. #11
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il progetto per un Governo Mondiale
    Tratto da: Le Società Segrete e il loro potere nel Ventesimo Secolo, di Jan van Helsing
    Società Editrice Andromeda

    Weishaupt (fondatore dell'Ordine Segreto degli Illuminati Bavaresi) morì nel 1830 all'età di 82 anni. Nel 1834, Giuseppe Mazzini assunse la guida degli Illuminati bavaresi, e la mantenne fino alla sua morte nel 1872.
    Mentre dirigeva l'ordine degli Illuminati bavaresi, Mazzini corrispondeva col satanista Albert Pike, il Gran Comandante Sovrano della Massoneria dell'Antico ed Accettato Rito Scozzese, della giurisdizione del sud degli Stati uniti, che fondò, più tardi il Klu Klux Klan.
    Mazzini aveva nominato Pike capo delle operazioni degli Illuminati bavaresi negli USA. I due massimi illuministi lavorarono insieme. Pike si occupò degli aspetti teosofici delle loro operazioni, Mazzini di quelli politici. Quando le Logge Massoniche del Gran Oriente sono cadute in discredito a causa delle attività rivoluzionarie di Mazzini, quest'ultimo diede a Pike un progetto geniale.
    In una lettera a Pike, datata 22 gennaio 1870, Mazzini scrive:
    "Dobbiamo permettere a tutte le federazioni di continuare come stanno facendo attualmente, con i loro sistemi, le loro autorità centrali, i diversi modi di corrispondenza tra gli alti gradi dello stesso rito, e di organizzarsi come al presente. Però, dobbiamo creare un super-rito, che rimarrà sconosciuto, al quale chiameremo quei massoni di un più alto grado che sceglieremo. Riguardo ai nostri fratelli nella massoneria, questi uomini si devono impegnare alla massima segretezza. Per via di questo rito supremo, che diventerà l'unico centro internazionale, il più potente, perché la sua finalità rimarrà sconosciuta". (Occult Theocracy, Lady Queenborough, e None Dare Call it Conspiracy, Gary Allen)
    Pare che questo sia l'elite del 33° grado del Rito Scozzese.
    In una lettera del 15 agosto 1871, Pike spiegò in un abbozzo al leader degli Illuminati: Mazzini, il modo per conquistare il mondo con tre guerre mondiali ed instaurare il NUOVO ORDINE MONDIALE.
    La Prima Guerra Mondiale avrebbe dovuto essere pianificata per portare la Russia sotto il dominio degli Illuminati bavaresi. La Russia avrebbe dovuto poi essere adoperata come uno spauracchio per favorire i piani degli Illuminati bavaresi in tutto il mondo.
    La Seconda Guerra Mondiale dovrebbe poi iniziare con una manipolazione delle differenze tra nazionalisti tedeschi ed i sionisti politici. Questo dovrà sfociare in un'espansione dell'influenza russa e nella costituzione dello stato di Israele in Palestina.
    La Terza Guerra Mondiale era pianificata come risultato delle differenze, fomentate dagli agenti degli Illuminati, tra i sionisti e gli arabi. Il conflitto doveva stendersi attraverso il mondo.
    Fa parte della Terza Guerra Mondiale, anche la lotta tra i nichilisti ed gli atei per provocare un capovolgimento sociale di una ferocia e dia una brutalità mai conosciuti prima.
    Dopo la distruzione del Cristianesimo e dell'Ateismo, si mostrerebbe agli uomini la vera Dottrina Luciferiana e in tal modo si prenderebbero due piccioni con una fava.
    Alcuni commenti sulla situazione odierna:
    Con la Russia come spauracchio (il concetto del nemico), le nazioni occidentali dovrebbero essere spinte in alleanze sovranazionali in cui non sarebbero entrate per conto proprio (NATO, ONU). In più, avere l'impero russo come nemico del mondo aiutò enormemente il traffico di armi internazionale, di cui i banchieri internazionali approfittano di nuovo.
    Questo ci dimostra che dietro la Seconda Guerra Mondiale, c'è uno scenario ben diverso di quanto ci dicono i libri.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I signori del mondo

    Di Giorgio Bongiovanni

    Direttore responsabile della rivista



    Durante alcuni dei miei viaggi a Londra ho potuto conoscere un personaggio che ha lavorato per anni nel settore del Marketing. Tutto ciò che leggerete di seguito è frutto di indagini che lui ha condotto personalmente; coinvolgendo, in varie parti del mondo, figure di spicco legate alle grandi famiglie economiche. Ho deciso di pubblicare integralmente la ricerca così come lui l’ha scritta, ma penso sia giusto per etica professionale che tutto debba essere formulato sotto forma di ipotesi. A mio parere la maggior parte delle informazioni sono vere, faccio questa dichiarazione in relazione anche agli eventi che si stanno manifestando nel mondo.

    Chi controlla il mondo oggi

    La conferma alla mia ricerca è partita da un trafiletto, pubblicato il 7 giugno 1999 dal Corriere della Sera, dove si parlava di un gruppo di persone fino allora a me sconosciute i “Bilderbergers”. Così sono chiamati i membri del Gruppo Bilderberg. L’articolo si riferiva alla loro riunione ufficiale annuale del 1999, che si era appena conclusa in Portogallo in un Resort di un paese chiamato Sintra. In questa riunione si era discusso, tra i vari temi, anche sul dopo guerra in Kosovo. Il Gruppo Bilderberg, diceva l’articolo, è nato nel 1954 e riunisce i personaggi più illustri dei vari campi a livello internazionale. Tra i personaggi presenti alla riunione venivano citati: U. Agnelli, H. Kissinger, Mario Monti ed altri ancora. Leggendo queste informazioni sono rimasto insospettito dal fatto che una riunione di questa importanza (per argomento e personaggi) non avesse ricevuto maggior pubblicità dagli organi di informazione. Incuriosito, ho sentito la necessità di conoscere, e capire più a fondo la natura di questa organizzazione. Sono così venuto a conoscenza di quelle che possono essere definite le forze negative che oggi detengono il potere materiale nel mondo, dei loro pensieri e dei loro programmi. Se pensiamo alla situazione del nostro pianeta possiamo fare finta di niente ed essere felici e sereni oppure possiamo interrogarci su che mondo stiamo preparando per le prossime generazioni e soprattutto sul perché siamo in questa situazione: guerre civili e religiose in ogni continente, violenza e corruzione ovunque anche negli stati che si definiscono più evoluti, uso di droghe in aumento (persino legalizzate), la condizione di povertà in continua espansione in tutto il mondo, un senso di ingiustizia diffuso, scandali che coinvolgono tutti i personaggi che occupano posizioni di potere etc …….. Purtroppo, il trend, della nostra società è drammaticamente negativo e ai nostri giorni il degrado è il vero protagonista.
    La domanda che vale la pena porsi è: ma c’è qualcuno che alimenta queste cose, esiste un comune denominatore dietro tutto questo, qualcuno che ne trae beneficio? Solo la verità ci può rendere veramente liberi, liberi di capire e quindi di rispondere. Allora la domanda che ci dobbiamo porre è conosciamo la verità? Conosciamo veramente cosa si nasconde dietro il maturare di tutti questi fenomeni? Certo i mass media, i politici, i sociologi ci “martellano” con le loro interpretazioni, ma ci possiamo fidare?
    Come provocazione guardate la Tavola 1, questa è secondo David Icke (dal libro “And the truth shall set you free”) la “Catena dei Comandi” del nostro pianeta ai nostri giorni. Lo so è un po’ diversa da quella che siamo soliti pensare e soprattutto ci sono tanti nomi, là in cima, con i quali non siamo familiari e di cui nessuno parla. C’è anche il Gruppo Bilderberg ma non è il vertice della gerarchia, quindi prima di parlare di loro vediamo di scoprire chi sono quelli che sembrano comandarli.

    Gli Illuminati e la Nobiltà Nera

    Come dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi. La loro caratteristica è quella di essere nascosti agli occhi del pubblico. Il loro albero genealogico va indietro migliaia di anni e sono molto attenti a mantenere il loro legame di sangue di generazione in generazione senza interromperla.
    Il loro potere risiede nell’occulto e nell’economia, uno dei loro motti è: “il denaro crea potere”. Possiedono tutte le Banche Internazionali, il settore petrolifero e tutti i più potenti settori industriali e commerciali; ma soprattutto sono infiltrati nella politica e comandano la maggior parte dei governi e degli organi Sovranazionali primi fra tutti l’ONU ed il Fondo Monetario Internazionale. Un esempio del loro modo di operare è l’elezione del Presidente degli Stati Uniti, chi tra i candidati ha più Sponsor sotto forma di soldi, vince le elezioni perché con questi soldi ha il potere di “distruggere” l’altro candidato. E chi è che sponsorizza il candidato vincente? Ovviamente gli Illuminati attraverso le loro molte organizzazioni di facciata, fanno in modo di finanziare entrambi i candidati, per mantenere il “gioco” vivo anche se loro hanno già deciso chi sarà il vincitore e a questo assicurano più soldi. I loro piani sono sempre lungimiranti, sembra che Bill Clinton sia stato preparato alla missione di Presidente dall’entourage degli Illuminati fin da quando era giovane. Qual è l’obiettivo degli Illuminati? Creare un Unico Governo Mondiale ed un Nuovo Ordine Mondiale, con a capo loro stessi per sottomettere il mondo a una nuova schiavitù, non fisica, ma “spirituale” ed affermare il loro credo: l’ideologia Luciferica. Questo obiettivo non può essere conseguito nel periodo di una vita, le sue origini sono antiche e risalgono già al 1700 quando il complotto venne formalizzato, con l’elaborazione di veri e propri documenti programmatici. Nella prima metà del 1700 l’incontro tra il Gruppo dei Savi di Sion e Mayer Amschel Rothschild, l’abile fondatore della famosa dinastia che ancora oggi controlla il Sistema Bancario Internazionale, porta alla redazione di un manifesto: “I Protocolli dei Savi di Sion”. In 24 paragrafi, viene descritto come soggiogare e dominare il mondo con l’aiuto di un sistema economico. Sempre Mayer Amschel Rothschild aiuta e finanzia l’ebreo Adam Weishaupt, un ex prete gesuita, che a Francoforte crea un Gruppo Segreto dal nome “Gli Illuminati di Baviera”. Weishaupt prendendo spunto dai “ Protocolli dei Savi di Sion” elabora all’incirca verso il 1770 “Il Nuovo Testamento di Satana” un piano che dovrà portare, non più gli Ebrei ma un gruppo ristretto di persone (gli Illuminati o Banchieri Internazionali) ad avere il controllo ultimo del mondo intero. La strategia di Weishaupt era basata su principi molto fini e spietati. Bisognava arrivare alla soppressione dei Governi Nazionali e alla concentrazione del potere in Governi ed Organi Sovranazionali ovviamente gestiti dagli Illuminati. Ecco alcuni esempi operativi sulle cose da fare:
    Creare la divisione delle masse in campi opposti attraverso la politica, l’economia, gli aspetti sociali, la religione, l’etnia etc … Se necessario armarli e provocare incidenti in modo che si combattano e si indeboliscano.
    Corrompere (con denaro e sesso) e quindi rendere ricattabili i politici o chi ha una posizione di potere all’interno di uno stato.
    Scegliere il futuro capo di stato tra quelli che sono servili e sottomessi incondizionatamente.
    Avere il controllo delle scuole (licei ed Università) per fare in modo che i giovani talenti di buona famiglia siano indirizzati ad una cultura internazionale e diventino inconsciamente agenti del complotto.
    Assicurare che le decisioni più importanti in uno stato siano coerenti nel lungo termine all’obiettivo di un Nuovo Ordine Mondiale.
    Controllare la stampa, per poter manipolare le masse attraverso l’informazione.
    Abituare le masse a vivere sulle apparenze e a soddisfare solo il loro piacere, perché in una società depravata gli uomini perdono la fede in Dio.
    Secondo Weishaupt, mettendo in pratica le sue raccomandazioni si doveva arrivare a creare un tale stato di degrado, di confusione e quindi di spossatezza, che le masse avrebbero dovuto reagire cercando un protettore o un benefattore al quale sottomettersi liberamente. Da qui il bisogno di costituire degli Organi Sovranazionali pronti a sfruttare questo stato di cose, fingendosi i salvatori della patria, per istituire un Unico Governo Mondiale . Nel 1871 il piano di Weishaupt viene ulteriormente completato da un suo seguace Americano Albert Pike che elabora un documento per l’istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale attraverso tre Guerre Mondiali. Il suo pensiero era che questo programma di guerre avrebbe generato nelle masse un tale bisogno di pace, che sarebbe diventato naturale arrivare alla costituzione di un Unico Governo Mondiale. Non a caso dopo la Seconda Guerra Mondiale venne fatto il primo passo in questa direzione con la formazione dell’ONU, che possiamo definire la polizia del mondo degli Illuminati. Tornando al pensiero di Pike, la Prima Guerra Mondiale doveva portare gli Illuminati, che già avevano il controllo di alcuni Stati Europei e stavano conquistando attraverso le loro trame gli Stati Uniti di America, ad avere anche la guida della Russia. Quest’ultima avrebbe poi dovuto interpretare un ruolo che doveva portare alla divisione del mondo in due blocchi. La Seconda Guerra Mondiale sarebbe dovuta partire dalla Germania, manipolando le diverse opinioni tra i nazionalisti tedeschi e i sionisti politicamente impegnati. Inoltre avrebbe portato la Russia ad estendere la sua zona di influenza e reso possibile la costituzione dello Stato di Israele in Palestina. La Terza Guerra Mondiale sarà basata sulle divergenze di opinioni che gli Illuminati avranno creato tra i Sionisti e gli Arabi, programmando l’estensione del conflitto a livello mondiale.
    Col passare degli anni il Quartiere Generale di questo complotto passa dalla Germania (Francoforte), alla Svizzera, poi all’Inghilterra (Londra) ed infine agli Stati Uniti d’America (New York). E’ quindi dal 1700 che le famiglie degli Illuminati, generazione dopo generazione, influenzano la storia per raggiungere i propri traguardi. Ecco un elenco dei fatti principali che negli ultimi 3 secoli sono stati architettati, fomentati o finanziati dagli Illuminati: la Rivoluzione Francese, le Guerre Napoleoniche, la nascita dell’ideologia Comunista, la I Guerra Mondiale, la Rivoluzione Bolscevica, la nascita dell’ideologia Nazista, la II Guerra Mondiale, la fondazione dell’ONU, la nascita dello Stato di Israele, la Guerra del Golfo, la nascita dell’Europa Unita…
    Nella Tavola 3 e Tavola4 è rappresentata la rete di potere che gli Illuminati si sono costruiti in quasi 300 anni. Ovviamente non potevano pensare di conseguire i loro obiettivi da soli, avevano ed hanno bisogno di una “struttura operativa”, composta da organizzazioni o persone che esercitando del potere operino più o meno consapevolmente nella stessa direzione. Come potete constatare gli Illuminati controllano o hanno i loro uomini ovunque, possiamo tranquillamente dire che sono i signori del mondo. La loro strategia ha fatto leva su 2 capisaldi: a) la forza del denaro, hanno costituito e controllano il Sistema Bancario Internazionale; b) la disponibilità di persone fidate, ottenuta attraverso il controllo delle Società o Associazioni Segrete (logge massoniche). Queste ultime con i loro diversi gradi di iniziazione hanno garantito e garantiscono tutt’ora quell’alone di discretezza necessario al piano degli Illuminati. Gli Illuminati, e chi con loro controlla queste Società, sono Satanisti e praticano la magia nera. Il loro Dio è Lucifero e attraverso pratiche e riti occulti manipolano e influenzano le masse. E pensare che la cultura dominante ci dice che la magia non esiste anzi, considera ridicolo chi ci crede. E’ anche da questa scienza di tipo occulto, che gli Illuminati hanno sviluppato la teoria sul controllo mentale delle masse. Per chiarire ecco un esempio: a quanto sembra anche Hollywood, le maggiori Case Cinematografiche e Discografiche internazionali, fanno parte della rete degli Illuminati. Molte volte i loro prodotti sono usati come strumenti di indottrinamento e agiscono in modo “invisibile” sulla psiche. Penso che nessuno possa negare che oggi esistono certi tipi di musica, privi di qualsiasi qualità, il cui unico effetto voluto è quello di provocare nei giovani apatia, robotismo, violenza ed essere uno stimolo all’uso di droghe.
    Dicevamo prima, che gli uomini che controllano gli Illuminati fanno parte di tredici delle famiglie più ricche del mondo. I loro nomi sono rimasti segreti negli anni e la leadership famigliare è stata passata da uomo a uomo generazione dopo generazione. Comunque nessun segreto può essere tenuto per sempre e anche in questo caso recentemente sono stati resi noti i loro nomi, grazie a qualcuno che, abbandonando l’ordine, ha deciso di cambiare vita e rivelare le informazioni più importanti. Ecco quindi le tredici famiglie che sembrano avere il compito di gestire il pianeta da dietro le quinte per condurlo al Nuovo Ordine Mondiale:
    ASTOR
    BUNDY
    COLLINS
    DUPONT
    FREEMAN
    KENNEDY
    LI
    ONASSIS
    ROCKFELLER
    ROTHSCHILD
    RUSSELL
    VAN DUYN
    MEROVINGI
    (famiglie Reali Europee)
    Sono dunque loro il vero governo del mondo o meglio il governo segreto?

    Il Gruppo Bilderberg

    Il Gruppo Bilderberg, rappresenta uno dei più potenti Gruppi di facciata degli Illuminati. Nasce informalmente nel 1952, ma prende questo nome solo nel 1954 quando il 29 maggio viene indetto il primo incontro presso l’Hotel Bilderberg di Oosterbeek in Olanda. Da allora le riunioni sono state ripetute 1 o 2 volte all’anno. All’inizio solo in Paesi Europei, ma dagli inizi degli anni ‘60 anche in Nord America. Tra i promotori del Gruppo bisogna menzionare almeno due personaggi: Sua Maestà il Principe Bernardo de Lippe di Olanda (ex Ufficiale delle SS), che ne è rimasto il presidente fino a quando nel 1976 ha dovuto dare le dimissioni per lo scandalo “Lockheed” e Joseph Retinger un “faccendiere” Polacco che si era costruito una fitta rete di relazioni tra personaggi della Politica e dell’Esercito a livello Mondiale. Retinger viene descritto come l’istigatore del gruppo, la sua visione era costruire un’ Europa unita per arrivare ad un Mondo unito in pace, dove potenti Organizzazioni Sovranazionali avrebbero garantito con l’applicazione delle loro ideologie, più stabilità dei singoli governi nazionali.
    Fin dalla prima riunione furono invitati banchieri, politici, universitari, funzionari internazionali degli Stati Uniti e dei paesi dell’Europa Occidentale per un totale all’incirca di un centinaio di personaggi, tra questi, sembra anche Alcide De Gasperi.
    Ai tempi della costituzione l’obiettivo dichiarato ufficialmente, era quello di creare l’unità Occidentale per contrastare l’espansione Sovietica.
    In realtà malgrado le apparenti buone intenzioni, il vero obiettivo era quello di formare un’altra organizzazione di facciata che potesse attivamente contribuire ai disegni degli Illuminati: la costituzione di un Nuovo Ordine Mondiale e di un Governo Mondiale entro il 2012.

    La Strategia

    William Cooper un anziano Sotto Ufficiale dei Servizi Segreti della Marina Statunitense, include nel suo libro “Behold a pale horse” (Light Technology 1991) del materiale top secret nel quale è illustrato il pensiero e la strategia adottati dal comitato politico del Gruppo Bilderberg. Questo documento programmatico ha un titolo quanto mai significativo “Armi Silenziose per delle guerre tranquille”. Il documento riporta la data del maggio 1979, ma fu ritrovato solo nel 1986. Cooper spiega “ Ho letto dei documenti top secret che spiegano che “Armi Silenziose per delle guerre silenziose” è una dottrina adottata dal comitato politico del Gruppo Bilderberg durante il suo primo meeting nel 1954. Una copia trovata nel 1969 era in possesso dei Servizi di Informazione della Marina Statunitense”.
    L’assunto principale del documento è che chiunque voglia assumere una posizione di potere all’interno di una comunità è come se “simbolicamente” dichiarasse guerra alle persone che la compongono. La guerra che però deve essere intrapresa non è su un piano fisico/materiale e le armi utilizzate sono silenziose munizioni invisibili.
    Il documento spiega la filosofia, le origini operative (che sembrano essere legate ai famosi documenti scritti tra il 1700 ed il 1800 e finanziati da Mayer Amschel Rothschild), i principi raffinati, le linee guida e gli strumenti di questa dottrina dalle “armi silenziose”. Un vero manuale per l’uso, per professare una scienza che attraverso il controllo dell’economia vuole soggiogare il mondo intero. Vista l’importanza e la complessità del documento sarebbe necessario dedicargli un approfondimento specifico. In questa sede è sufficiente accennare alle principali aree in cui si articola questo programma:
    Perché serve un sistema economico per controllare le masse.
    Come controllare l’economia mondiale attraverso l’istituzione di un modello economico che sia manipolabile e prevedibile.
    Come addormentare le masse che subiscono l’attacco.
    Grazie alla segretezza con cui si muovono, ma soprattutto grazie al potere che esercitano sugli organi di informazione i Bilderbergers sono riusciti a controllare la pubblicità sulle loro riunioni e sui temi discussi. Negli anni però qualche notizia è riuscita a trapelare sui principali temi trattati durante le loro delibere segrete:
    i problemi finanziari internazionali;
    la libertà di emigrazione e immigrazione;
    la libera circolazione dei prodotti senza dogane;
    l’unione economica internazionale;
    la costituzione di una forza internazionale con la soppressione degli eserciti nazionali;
    la creazione di un parlamento internazionale;
    la limitazione della sovranità degli stati delegati all’ONU o a tutti gli altri governi sovranazionali.
    Temi che fanno capire il potere che questo Gruppo è in grado di esercitare. Sembra che tutte le decisioni più importanti a livello politico, sociale, economico/finanziario per il mondo occidentale vengano in qualche modo ratificate dai Bilderbergers. D’altronde scorrendo i loro biglietti da visita una cosa è certa: hanno le “leve” per fare qualsiasi cosa.
    Accennavamo prima alla segretezza, questo è sicuramente un aspetto centrale per la strategia del Gruppo. Le riunioni sono tenute in forma non pubblica e solo i giornalisti ufficialmente invitati possono essere ammessi. Al termine delle conferenze annuali (normalmente durano un paio di giorni) viene redatto un semplice comunicato stampa di un paio di pagine; ovviamente non viene tenuta nessuna conferenza stampa. I vari partecipanti interrogati al riguardo di queste riunioni sono sempre molto evasivi e se possono non rispondono. Gli organi di informazione di massa non danno nessuna notizia su queste conferenze o se lo fanno, lo fanno con un peso assolutamente insignificante non adeguato all’evento. Chi osserva e conosce i Bilderbergers da parecchi anni afferma che anche la preparazione delle riunioni segue un rituale “curioso” mirato a tutelare questo ambito di segretezza. L’Hotel selezionato viene occupato con qualche giorno di anticipo. Parte del normale personale viene sostituito con personale di fiducia.
    La domanda da porsi è perché tutto questo? Perché personaggi pubblici che discutono temi di interesse pubblico non vogliono rendere note le loro decisioni? Questa è forse la prova più grossa sulla natura e sulle vere finalità di questa organizzazione.

    L’Organizzazione

    Il Gruppo dei Bilderberg recluta Politici, Ministri, Finanzieri, Presidenti di multinazionali, magnati dell’informazione, Reali, Professori Universitari, uomini di vari campi che con le loro decisioni possono influenzare il mondo. Tutti i membri aderiscono alle idee precedenti, ma non tutti sono al corrente della profonda verità ideologica di alcuni dei membri principali, i quali sono i veri istigatori e fanno parte anche di altre organizzazioni degli Illuminati dal nome: Trilaterale (riunisce industriali e businessman dei tre blocchi continentali USA, Europa, Giappone/Asia) e Commission of Foreign Relationship (3D CFR che ormai dal 1921 riunisce tutti i personaggi che gestiscono gli USA ). Questi membri particolari sono i più potenti e fanno parte di quello che viene definito il “cerchio interiore”. Il “cerchio esteriore” è invece l’insieme degli uomini della finanza, della politica ed altro, che sono sedotti dalle idee di instaurare un governo mondiale che regolerà tutto a livello politico ed economico. Il “cerchio esteriore” è composto da quelli che vengono definiti “le marionette” che sono utilizzati dal “cerchio interiore” perché i loro membri sanno che non possono cambiare il mondo da soli ed hanno bisogno di collaboratori motivati. Quindi il “cerchio interiore” ed il “cerchio esteriore” agiscono di concerto ma non con le stesse motivazioni. “Le marionette” dei vari “cerchi esteriori” sono spinte dal desiderio di arricchirsi, di avere potere o/e sono convinti che un governo unico mondiale sia la soluzione di tutti i problemi e che apporterà più pace e coesione di una moltitudine di piccoli paesi. Dal canto loro le persone del “cerchio interiore” sono già ricche e potenti, la loro consapevolezza è ad un gradino superiore, le loro motivazioni sono solo ideologiche, per intenderci dovrebbero essere quelle espresse nel piano degli Illuminati.
    Il primo cerchio esteriore è composto da chi solo partecipa alle conferenze annuali senza essere affiliato al Gruppo. Possono essere personaggi di cui si vuole valutare il reclutamento oppure invitati per discutere specifici argomenti. Gli affiliati del gruppo possono anche non essere presenti alle conferenze annuali, i contatti vengono tenuti attraverso altri canali. Il primo Cerchio interiore è composto solo da Bilderbergers, membri del Gruppo e rappresenta il Comitato di Direzione (Steering Committee). Vi risiedono europei ed americani (tutti parte del CFR). Alcuni di questi membri fanno parte di un secondo cerchio interiore ancora più chiuso e formano il Comitato Consultativo (Advisory Committee) del Gruppo. L”Advisory Committee” dovrebbe essere composto da 9 persone tra i quali spiccano i nomi di Giovanni Agnelli e David Rockfeller. Nello Steering Committee, composto da circa una trentina di persone, sono citati come rappresentati nazionali per l’Italia: Mario Monti (attualmente ex Commissario della Comunità Europea) e Renato Ruggiero (ex Direttore Generale del WTO World Trade Organization, attualmente Presidente dell’ENI).

    Gli Italiani del gruppo

    L’Italia sembra giocare il suo ruolo nell’organizzazione, se non altro perché Giovanni Agnelli è uno dei membri dell’Advisory Committee e perché come Francia, Germania ed Inghilterra ha 2 nomi nello Steering Committee. In Italia sono state tenute 3 delle conferenze fatte nel periodo 1954-1999: nel 1957 a Fiuggi, nel 1965 e nel 1987 a Villa d’Este.
    Ecco i nomi degli Italiani che sembrano aver partecipato alle ultime riunioni annuali:
    > 1995 Giovanni ed Umberto Agnelli, Mario Draghi, Renato Ruggiero
    > 1996 Giovanni Agnelli, Franco Bernabè, Mario Monti, Renato Ruggiero, Walter Veltroni
    > 1997 Giovanni ed Umberto Agnelli, Carlo Rossella, Stefano Silvestri
    > 1998 Giovanni Agnelli, Franco Bernabè, Emma Bonino, Luigi Cavalchini, Rainer Masera, Tommaso Padoa-Schioppa, Domenico Siniscalco
    > 1999 Umberto Agnelli, Franco Bernabè, Paolo Fresco, Francesco Giavazzi, Mario Monti, Tommaso Padoa-Schioppa, Alessandro Profumo.
    La presenza della Bonino alla riunione del 1998, serve a spiegare il perché dei suoi exploit del 1999, oppure è solo una coincidenza? Ha forse trovato qualche gruppo di potere pronto a finanziarla? In cambio di che cosa? Non lo sapremo mai, però il dubbio rimane.

    L’ultimo incontro

    L’ultimo incontro del Gruppo si è tenuto in Portogallo dal 3 al 6 giugno. Un settimanale Portoghese dal nome “The News” (tutti gli articoli scritti al riguardo sono ancora disponibili sul sito
    (HYPERLINK http://www.the-news.net) è stato il primo ad annunciare la notizia della riunione annuale con l’edizione del primo maggio e da allora ha seguito l’escalation della preparazione dell’incontro fino ad arrivare a pubblicare la lista dei partecipanti. Sembra che il Governo portoghese abbia ricevuto migliaia di dollari dai Bilderbergers per organizzare un servizio militare compreso di elicotteri che si occupasse di garantire la loro privacy e sicurezza. Nella tavola 2 trovate i nomi di chi ha partecipato all’incontro. Le informazioni che sono trapelate, hanno permesso la stesura di una possibile agenda dei temi trattati:
    1) Governo Globale: stato di avanzamento della formazione di un blocco Asiatico sotto la leadership del Giappone. Libero mercato, moneta unica e unione politica sono gli obiettivi da raggiungere nella regione. Il modello Europeo è anche il punto di riferimento per la costituzione dell’Unione Americana tra USA e Canada.
    2) Guerra in Kosovo: formazione di un Grande Stato d’Albania a seguito della dichiarazione d’indipendenza del Kosovo. Ridisegno dei confini della regione con il continuo smembramento della Yugoslavia attraverso il ritorno all’Ungheria della provincia del nord composta da 350.000 persone di etnia ungherese. Proseguimento dello stato di instabilità e di conflitto della regione. Pianificazione della ricostruzione delle infrastrutture della regione a spesa dei contribuenti occidentali.
    3) Esercito dell’Europa Unita: attuare al più presto la sostituzione delle Forze Armate della NATO con l’istituzione di Forze Militari dell’Europa Unita. L’immagine negativa che la NATO si è costruita durante il conflitto mette a rischio le sue operazioni. L’idea è che nella fase di avviamento l’Esercito Statunitense sia da supporto a quello Europeo.
    4) Anno 00: i Bilderbergers sono preoccupati dall’impatto del Millenium Bug, secondo le loro previsioni sarà molto peggiore di quanto ci si possa aspettare. Un possibile progetto da intraprendere potrebbe essere quello di nominare un personaggio di fama internazionale per aiutare l’opera di sensibilizzazione necessaria.
    5) Medio Oriente: preparazione di un accordo di pace nella regione, con la dichiarazione dello Stato di Palestina. Apparentemente le condizioni di pace non saranno così gradite da Israele e quindi potrebbero rappresentare il pretesto per futuri conflitti e tensione nella regione.
    6) Tassazione Globale a supporto dell’ONU: l’obiettivo è finanziare il centro operativo del Governo Mondiale, con l’introduzione di una tassa sul commercio via Internet. Questa tassa sarà sostituita in futuro da una tassa diretta individuale che sarà raccolta in nome dell’ONU, direttamente da ogni singolo stato.
    I fatti degli ultimi tre mesi, sembrano dimostrare che la maggior parte dei punti di questa agenda sono in fase di attuazione.


    Conclusioni

    Le informazioni presentate sono il risultato di una vasta ricerca. Anche se ciò può sembrare molto strano o lontano dalle nostre certezze, il tutto è partito da una realtà concreta dei nostri giorni, di cui è apparso un articolo sul Corriere della Sera: i Bilderbergers. Per riuscire a “digerire” e a sintetizzare tutto quello che ho scoperto, ho dovuto mantenere il mio spirito aperto e soprattutto, in molte occasioni, sono dovuto andare oltre il mio normale modo di pensare. Il mio obiettivo non vuole essere quello di affermare una verità ma quello di offrire uno spunto per la riflessione e per una propria ricerca.
    Solo con un forte spirito critico possiamo conoscere la verità, essere liberi, diventare cittadini emancipati e quindi contribuire a un mondo migliore.



    Giorgio Bongiovanni

    http://digilander.libero.it/weishaupt/signori.html
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  3. #13
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    IPERURANIO INTERIORE
    Messaggi
    3,548
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Thumbs up Re: Frasi di massoni e contro i massoni

    Leone XIII il 20 Aprile 1884 - oggi 20 Aprile 2018 ricorre l'anniversario - pubblicò appunto l’Enciclica "Humanum Genus":



    Humanum Genus (20 aprile 1884) | LEONE XIII
    http://w2.vatican.va/content/leo-xii...num-genus.html


    «Lasciate che vi additaiamo la Massoneria come nemica, ad un tempo, di Dio, della Chiesa e della Patria!» - ( Papa Leone XIII, in: Enc. "Humanum genus" del 1884).
    https://forum.termometropolitico.it/...assoneria.html
    https://forum.termometropolitico.it/...num-genus.html
    https://forum.termometropolitico.it/...massonici.html
    https://forum.termometropolitico.it/...i-massoni.html
    https://forum.termometropolitico.it/...la-chiesa.html





    Radio Spada | Radio Spada ? Tagliente ma puntuale
    http://www.radiospada.org
    Edizioni Radio Spada - Home
    http://www.edizioniradiospada.com
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    “Il 20 aprile 1884 la Santità di Nostro signore Papa Leone XIII pubblica l'enciclica Humanum genus contro la setta dei Massoni.”





    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...c8&oe=5B545410



    https://www.radiospada.org/2015/11/h...ria-cattolica/
    «Humanum genus: summa d’antimassoneria cattolica -di Davide Consonni-
    https://www.radiospada.org/2015/11/h...ria-cattolica/

    I tipi delle edizioni Radio Spada non potevano non dedicare una delle loro pubblicazioni all’antimassonica enciclica Humanum Genus di Leone XIII. Il testo pubblicato dalla nostra casa editrice è giunto alle seconda ristampa, quindi pare doveroso ribadire l’importanza e l’attualità dei contenuti presenti nell’Humanum Genus e piú in generale le istanze avanzate dalla secolare battaglia antimassonica. Il valore che tale enciclica rappresentó nella cattolica battaglia contro la perfida setta dei massoni é enorme e riconosciuto unanimamente dalle opposte fazioni. Tale epica pagina di magistero perenne rappresenta la summa apicale delle argomentazioni, avanzate da romani Pontefici, atte a motivare la scomunica vigente, fin dal 1738, per i settari. Per meglio rendere merito all’apostolica voce alzata contro le perfide sette ci asteniamo dal sintetizzarne i dettami e passiamo a citare direttamente alcuni passi dell’enciclica Humanum Genus del maggio 1884:
    (...) Di seguito, oltre indirizzare coloro che volessero acquistare il testo delle Radio Spada Edizioni intitolato “Humanum Genus: dissertazione su massoneria, sette segrete e cosmopolitismo”, proponiamo sia la conferenza che precedette il progetto della stesura del libro sia una recensione ad opera del buon Mattia Rossi apparsa su “Il Giornale”.
    HUMANUM GENUS – CONFERENZA CONTRO LA MASSONERIA [VIDEO]:
    HUMANUM GENUS ? CONFERENZA CONTRO LA MASSONERIA [VIDEO] | Radio Spada
    http://www.radiospada.org/2014/12/hu...soneria-video/
    Mattia Rossi recensisce ‘Humanum genus’ su ‘Il Giornale’: Mattia Rossi recensisce ?Humanum genus? su ?Il Giornale? | Radio Spada

    Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo: Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo





    https://i2.wp.com/www.radiospada.org...052337_787.png »


    Humanum Genus. Dissertazione su Massoneria, Sette segrete e Cosmopolitismo
    “«Humanum Genus» è un’enciclica di Papa Leone XIII, datata 20 aprile 1884.
    Con questa enciclica, Leone XIII condanna il relativismo morale e filosofico della Massoneria. Di fronte ad una situazione di ricorrente ostilità nei confronti della Chiesa, il papa condanna la Massoneria e le sette ostili alla Chiesa, che «con lungo ostinato proposito» mirano ad impedirne l’influenza, il magistero e l’autorità, e riaffermano «la piena separazione della Chiesa dallo Stato». (…) Il Papa parla di una vera e propria guerra condotta contro la Santa Sede: «contro l’Apostolica Sede e il Romano Pontefice arde più accesa la guerra. Prima di tutto egli fu, sotto bugiardi pretesti, spogliato del principato civile, propugnacolo della sua libertà e de’ suoi diritti; fu poi ridotto a una condizione iniqua, e per gli infiniti ostacoli intollerabile; finché si è giunti a questo estremo, che i settari dicono aperto ciò che segretamente e lungamente avevano macchinato tra loro, doversi togliere di mezzo lo stesso spirituale potere dei pontefici, e fare scomparire dal mondo la Divina istituzione del Pontificato».
    (…) Sulle asserite remotissime origini della Massoneria, a parte gli studi apologetici di autori massoni, è interessante ricordare uno studio apparso sulla «Civiltà Cattolica»[1], la rivista della Compagnia di Gesù dove, pur negandosi una qualsiasi derivazione diretta della Massoneria dalle antichissime scuole iniziatiche orientali e specialmente da quella Alessandrina del I secolo del cristianesimo, si riconosce in quelle l’ispirazione originale della forma e dei riti della Massoneria, apparsa poi come istituzione nella prima parte del secolo XVIII.
    Alla nefasta azione delle sette eretiche di ogni epoca sono ascrivibili gravi colpe, fra cui la formulazione e propagazione di alcune filosofie luciferine e correnti di pensiero nocive al genere umano, perfettamente incarnate, a volte integralmente a volte parzialmente, dalla setta dei massoni, in tutte le sue viscose diramazioni nella società scristianizzata e sfaccettature nell’ambito del vasto «movimento arcobaleno»: mondialista e cosmopolita."

    "CENNI SUGLI AUTORI:

    Carlo Di Pietro (Potenza 1976 - giornalista) ha scritto: Il Diavolo e l’Anticristo; Apologia del Papato; I Santi e il Demonio; Il sacramento del diavolo: Omosessualismo, sodomia e Cattolicesimo; Preghiere dei Cristiani ai Santi Angeli di Dio; Il ritorno di Cristo: riflessioni sui segni dei tempi; Le tasse e la Chiesa; Inferi, inferno e limbo; La devozione alla Vergine Maria. La Madonna non è un idolo pagano; I castighi di Dio; Esorcismi, benedizioni, imposizioni delle mani ... chi può farli; Vita eterna: l’Inferno; La satanica bandiera della pace; I Diavoli - Guida essenziale; Il Burattinaio; Tutto sui diavoli; Preghiere di guarigione psico-fisica e di liberazione dal demonio (2 volumi); Torneremo nelle catacombe. è presente come AA VV in numerosi testi. Ha curato: Yo fui mason/Ero Massone; Il terrore dei demonii, San Michele Arcangelo. Ha introdotto: Le Forze occulte della Sovversione ed Islam, metafisica medievale araba e filosofia moderna ebraica (di C. Nitoglia); numerosi altri libri di teologia e devozione (di M. Stanzione). Pubblica i suoi studi su Radio Spada, Agere Contra e Living Church Australia.

    Davide Consonni (Bergamo 1989) è un sociologo laureatosi alla Bicocca di Milano con la tesi “Analisi antropologica e storiografica sulle origini della ritualità massonica”. Scrive di questioni massoniche e pubblica per i tipi di Radio Spada. Frequenta l’oratorio milanese dell’Istituto Mater Boni Consilii (I.M.B.C.).

    INDICE:
    Introduzione
    «Humanum Genus», breve storia del documento e caratteristiche delle principali filosofie luciferine
    «Humanum Genus», sulle sette ostili alla Chiesa ed alla fede
    La dimenticata «Enciclopedia Cattolica» e la Massoneria:
    - Definizione;
    - Operatività;
    - Politica;
    - Origini della Massoneria speculativa;
    - Massoneria anglosassone;
    - Orientamenti massonici in Francia ed Inghilterra;
    - La Massoneria in Italia;
    - La Massoneria dopo la Restaurazione;
    - La Massoneria nel Risorgimento e nella vita pubblica italiana;
    - Massoneria e fascismo;
    - Sforzi per la riconciliazione con la Chiesa;
    - Dottrine e riti;
    - Condanne emanate dalla Santa Sede.
    Cosmopolitismo, crisi economica e distruzione delle identità nazionali:
    - Di cosa si tratta;
    - Totalitarismi e Massoneria;
    - Massoneria oggi;
    - Massoneria e Chiesa, oggi;
    - Distruzione delle identità;
    - La Nazione e la Chiesa;
    - Riflessioni sulla contemporaneità.
    Massoneria e Europeismo
    Massoneria e Nazioni Unite
    La Corte Europea dei diritti dell’uomo condanna l’Italia e dà ragione alla Massoneria
    Il Ven:. Fr:. Giorgio Napolitano e la massoneria italiana
    Napolitano, Grasso, Boldrini: tutti inviano auguri alla massoneria per il XX Settembre!
    Quando un Pontefice piace alla setta massonica
    PAGINE 144 formato A5
    © 2015 Edizioni Radio Spada
    ISBN 9788898766161
    PREZZO: €14,90 + spese di spedizione"





    Don Francesco Ricossa ieri 19 aprile 2018, Sant’Espedito, è tornato a pubblicare su “Sodalitium” alcuni avvertimenti importanti su certe effettive ambiguità dottrinali ‘tradizionaliste’ (ad es. posizioni semi-fallibiliste sul Papato, alcune simpatie un po' sospette verso autori del passato dottrinalmente di dubbia ortodossia, soprattutto artisti e letterati, e così via) presenti su “Radio Spada”, in particolare su quanto scritto da Alessandro Guzzi (bravo scrittore di notevole acutezza intellettuale ma abbastanza ambiguo, infatti tra l'altro sto appunto leggendo il suo libro "Trasformazione del Male" e mi sono subito accorto di certe contraddizioni, i primi capitoli davvero validissimi di difesa del Cattolicesimo integrale con dura critica al mondialismo, alla giudeo-massoneria, all'eresia neo-modernista ed al vaticano-secondismo mentre in seguito riferimenti più o meno elogiativi a scrittori e poeti decadenti od esotericheggianti, diverso tempo fa avevo anche visitato più volte il suo sito personale ed avevo ricavato una medesima impressione); in passato aveva fatto doverose precisazioni su quanto detto e pubblicato da Maurizio Blondet, su Massimo Introvigne e soci, sulla TFP (“Tradizione, Famiglia e Proprietà” ) di Plinio Correa de Oliveira, sul pensiero di Ezra Pound ed in generale di certo ‘tradizionalismo’ ibrido e spurio catto-esoterico che spesso mischia il Cattolicesimo in apparenza intransigente con richiami più o meno velati all’esoterismo persino cabalistico, al perennialismo guenoniano e correnti affini, ecc.
    Don Ricossa ha parlato anche a Modena sul tema controverso "Massoni, modernisti, tradizionalisti" il 14/10/2017 durante la "XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO", quel giorno io c'ero insieme a Don Floriano ed altri fedeli e conoscenti ed è stata una conferenza molto istruttiva ed edificante; la segnalo qui sotto, c'è il video integrale su youtube nella pagina di "Sodalitium"...
    Personalmente ritengo fondate queste critiche e le condivido, pur rilevando alcune esagerazioni ossessive e polemiche di condanna eccessiva verso il progetto RS forse dettate a volte anche da eventuali motivi di astio personale, dato che quel che sostiene Don Ricossa è oggettivamente conforme alla dottrina cattolica, anche se per il resto continuo a stimare molto Piergiorgio Seveso e Luca Fumagalli (fedeli dell'IMBC e sedevacantisti tesisti di vecchia data tra l'altro, come ben si sa), Andrea ed Ilaria Giacobazzi e molti altri nonchè ad ammirare tutto quel che di buono sul blog ed a livello editoriale pubblica e fa per la causa del Cattolicesimo "Radio Spada" (molti articoli e libri pubblicati sono effettivamente essenziali, da comprare e da studiare), merito oggettivo per il quale vanno ampiamente ringraziati che nessuno può negare loro; in ogni caso, da leggere per una seria riflessione:



    Un astrologo per Radio Spada - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/un-astrologo-radio-spada/
    Un astrologo per Radio Spada - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/u...o-radio-spada/

    “Un astrologo per Radio Spada 19 aprile 2018
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 38/18 del 19 aprile 2018, Sant’Espedito.”
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l?aldilà secondo Maurizio Blondet) - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/uno-gnosti...rizio-blondet/
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l?aldilà secondo Maurizio Blondet) - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/u...rizio-blondet/

    “Uno gnostico a Reggio Emilia (l’aldilà secondo Maurizio Blondet) 12 giugno 2017
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 58/17 del 12 giugno 2017, San Giovanni di San Facondo
    Uno gnostico a Reggio Emilia (l’aldilà secondo Maurizio Blondet)
    (…) Già in passato sono stati segnalati degli articoli di Maurizio Blondet in constrasto con la dottrina e l’esegesi cattolica (…)”
    I cattivi maestri della cattiva esegesi - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/i...ttiva-esegesi/
    Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia - Centro Studi Giuseppe Federici
    http://www.centrostudifederici.org/r...e-la-teosofia/

    “Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia 12 aprile 2018
    Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
    Comunicato n. 36/18 del 12 aprile 2018, San Zeno
    Repetita iuvant: Ezra Pound e la Teosofia
    Ezra Pound e la Teosofia, di don Francesco Ricossa (dalla rivista “Sodalitium”, n. 67, dicembre 2015).”
    Ezra Pound e la Teosofia - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/ezra-pound-e-la-teosofia/



    Lezioni di Modena 2017 - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/lezioni-modena-2017/
    «Sodalitium IMBC – Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1017-2017: i tre secoli della massoneria moderna".

    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1017-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Prima lezione: ”Le origini e la fondazione della setta massonica” Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=gvUCP2DKmP4
    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1717-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Seconda lezione: "L'enciclica Humanum genus di Leone XIII" Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=np81U4rH5yQ
    Modena, 14/10/2017, XII GIORNATA PER LA REGALITÀ SOCIALE DI CRISTO: "DELLA SETTA MASSONICA 1717-2017: i tre secoli della massoneria moderna". Terza lezione: "Massoni, modernisti, tradizionalisti". Relatore: don Francesco Ricossa.
    https://www.youtube.com/watch?v=VXyxiFj6Zj0
    https://www.youtube.com/user/sodalitium»

    Intervista di don Francesco Ricossa a "Rivarol" - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/intervista...cossa-rivarol/
    «Intervista di Don Francesco Ricossa, rilasciata al settimanale francese Rivarol, pubblicata sul n° 3305 del 15 novembre 2017, condotta da Jérôme Bourbon.

    Il Direttore della rivista Sodalitium, l’italiano Don Francesco Ricossa, ogni anno, da un decennio, tiene a Parigi una serie di conferenze di alto livello su questioni importanti relative all’attualità religiosa o alla dottrina cattolica. In occasione del terzo centenario della nascita della massoneria moderna, il 26 novembre terrà una serie di istruzioni, ciascuna seguita dalle domande del pubblico, su questo fenomeno, la sua origine, la sua dottrina, le sue ramificazioni, la sua infiltrazione e la sua influenza negli ambienti “cattolici” sia modernisti, sia tradizionalisti. Gli abbiamo rivolto quindi delle domande su questo tema importante, ma anche su altri di attualità. (…)
    Rivarol: Quest’anno non è solo il 500esimo anniversario della Riforma luterana, ma è anche il 300esimo anniversario della nascita della massoneria moderna. In questa occasione, e per commemorare questo triste avvenimento, lei terrà a Parigi, il 26 novembre, una serie di conferenze sull’argomento. Può dirci di più?
    Don Francesco Ricossa: Questi 300 anni dalla nascita della massoneria moderna sono l’occasione per riflettere su questo fenomeno, su questo nemico feroce del cristianesimo e della fede, tanto più pericoloso in quanto esso agisce, in gran parte, in segreto. A questo scopo, terrò tre istruzioni. La prima è sulla storia della massoneria al contrario. Invece di cominciare dal 1717 e arrivare fino ad oggi, cosa che molte persone si aspettano e che sarebbe interessante, procederemo in senso contrario. Studieremo le origini della massoneria o la massoneria prima della nascita ufficiale della massoneria moderna. Da dove venivano quegli uomini che hanno fondato la massoneria a Londra il 24 giugno 1717? Quali erano le loro idee? E quale è stata l’origine della massoneria, cosa questa che è un problema molto discusso?
    La seconda conferenza verterà sulla dottrina della massoneria. E il punto di partenza sarà l’enciclica di Leone XIII, Humanum genus. Essa sarà completata dal saggio di Arthur Preuss sulla massoneria americana, uno dei lavori migliori sull’argomento, ma che in Francia, curiosamente, non ha avuto una grande eco.
    Il terzo intervento è una questione di attualità: l’influenza che il nemico può avere sui modernisti – cosa evidente – ma anche nei “nostri” ambienti, affinchè si stia in guardia. E’ la parte più polemica e più intrigante, se così si può dire!
    Rivarol: Cosa risponde a coloro che pretendono che la massoneria oggi non abbia più l’influenza che aveva in passato?
    Don Francesco Ricossa:
    Mi permetta di sorridere davanti a tali affermazioni. Un gran maestro del Grande Oriente d’Italia, negli anni sessanta, diceva che la massoneria avrebbe vinto la partita il giorno in cui tutti avrebbero pensato come i massoni, e cioè quando i valori della massoneria sarebbero diventati il modo di pensare del mondo intero. Ci siamo. Vero è che un tempo la massoneria era al governo nei principali paesi, e questo accade anche oggi, sotto una forma o un’altra, ma allora vi era una reazione. Vi erano quelli che difendevano i principi della massoneria e quelli che vi si opponevano, le autorità della Chiesa cattolica e una parte del popolo. Oggi, anche quelli che si oppongono a parole alla massoneria, cosa che sono pochi a fare, molto spesso senza saperlo, condividono gli stessi princípi della setta. Essi non si rendono neanche conto di approvare e diffondere nei fatti le idee della massoneria. E’ il segno migliore della vittoria dei fratelli tre puntini.
    Certuni non si accorgono neanche della presenza nefasta della massoneria perché essa è veramente dappertutto, anche tra coloro che pretendono di essere l’autorità della Chiesa cattolica. Le riunioni di Assisi sono anch’esse una manifestazione impressionante di ciò che si fa nelle logge. Vi è utilizzato lo stesso metodo e allo stesso scopo. Il fondatore della comunità Sant’Egidio, Andrea Riccardi, che organizza queste riunioni di Assisi, alcuni anni fa ha dichiarato che si ispira al pensiero del rabbino di Livorno, Elie Benamozegh, un uomo molto vicino alla massoneria e desideroso di realizzare i princípi del noachismo, anche citati nelle Costituzioni di Anderson e cioè nelle costituzioni che regolano la massoneria moderna.
    Rivarol: I movimenti della destra radicale in Europa, non sono anch’essi infiltrati dalla massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Sì, e questa infiltrazione esiste da due punti di vista: dal punto di vista degli uomini e dal punto di vista delle idee. Vi sono dei movimenti in cui i massoni sono accettati e perfino promossi. In maniera aperta o nascosta. E poi vi è un problema di idee: persone che non sono degli iniziati ma condividono i princípi più importanti della massoneria. Non parlo solo di quei princípi che sono diventati, ahimè, il pensiero comune a tutti, che si insegnano a scuola, che si proclamano nelle “parrocchie”: libertà, uguaglianza, fraternità ecc., ma parlo dell’esoterismo. Nei “nostri” ambienti, quelli che si oppongono spesso sinceramente alla triade rivoluzionaria e al mondo moderno, lo fanno frequentemente in nome di una dottrina esoterica che è l’essenza stessa della massoneria. Si esce da un errore per cadere in un altro errore non meno grave.
    Rivarol: Pensa all’influenza che possono avere pensatori come René Guénon e Julius Evola negli ambienti della destra radicale?
    Don Francesco Ricossa: Questi due pensatori, Guénon ed Evola, possono aver detto qualcosa di vero, in particolare sul rigetto e la denuncia del mondo moderno, mischiato a molte cose false, di modo che sono numerosi quelli che, pensando di opporsi al mondo attuale, aderiscono a tutti i princípi della massoneria. Questo è evidente nel caso di René Guénon, poiché era lui stesso un iniziato. Nel caso di Evola, la sua appartenenza alla massoneria è lungi dall’essere dimostrata, ma il fatto che fosse un intellettuale le cui frequentazioni massoniche sono evidenti e che non ha mai nascosto la sua dottrina esoterica, ne fanno oggettivamente un compagno di strada della massoneria.
    Rivarol: Quali sono stati i rapporti tra il fascismo italiano e la massoneria?
    Don Francesco Ricossa: Il fascismo italiano è stato inizialmente un pragmatismo mosso dall’istinto politico di Mussolini, che è cambiato numerose volte, adattandosi alla pratica. E’ certo che all’inizio del fascismo la maggior parte dei gerarchi erano degli iniziati, quasi tutti quelli che nel 1943 hanno votato contro il Duce nel Gran Consiglio del Fascismo erano anche massoni, ma anche alcuni di quelli che sono rimasti al suo fianco nella Repubblica Sociale Italiana. Ma è anche vero che il fascismo ha dichiarato illegali tutte le società segrete, di modo che la massoneria, sotto Mussolini, è praticamente sparita dal paese ed è tornata ad avere diritto di cittadinanza solo quando gli Alleati americani ed inglesi sono sbarcati in Italia. E’ vero altresì che quelli che hanno provato prima della guerra ad assassinare Mussolini venivano dalla Teosofia e dunque erano legati alla massoneria. Le cose sono dunque complicate. Io ne ho parlato su Sodalitium in un articolo su un personaggio molto amato negli ambienti fascisti, il grande poeta Ezra Pound, il quale veniva da un ambiente inglese molto vicino alla Teosofia.
    Nessun dubbio, peraltro, che il fascismo all’origine fosse vicino ai princípi del Risorgimento. Ed è anche vero che, durante il Regime, certuni hanno pensato che il governo di Mussolini avrebbe condotto al trionfo dell’esoterismo, per esempio il gruppo di Evola e Reghini, ma non solo loro, anche quello di D’Annunzio. Questa corrente voleva che il fascismo segnasse una continuazione del movimento risorgimentale in un senso chiaramente esoterico. Ma rimase delusa al momento del Concordato. Altre correnti hanno invece pensato che il fascismo, malgrado tutti i suoi difetti dottrinali, a poco a poco, avrebbe potuto costituire, da un punto di vista più pratico che speculativo, un rimedio alla rivoluzione italiana ed hanno lavorato a questo scopo; per esempio Mons. Benigni, il fondatore del Sodalitium Pianum, che si opponeva ai princípi del movimento fascista, ma che ha collaborato attivamente col Regime, e questo allo scopo di portarlo su posizioni cattoliche. Tutti hanno quindi provato a portare questo governo dalla propria parte.
    Rivarol: Cosa risponde a quelli che distinguono tra una buona e una cattiva massoneria, una massoneria bianca, monarchica, tradizionalista che sarebbe rispettabile, e una massoneria rossa, atea, rivoluzionaria che sarebbe da rigettare?
    Don Francesco Ricossa: Rispondo che la massoneria ha lavorato per tagliare la testa al Re! E’ vero che ci sono stati dei monarchici tra i massoni e anche tra i nemici della Rivoluzione francese; e avevano ragione di essere contro la Rivoluzione, ma avevano il torto di essere influenzati dall’esoterismo massonico, penso in particolare ad un Joseph de Maistre.
    La Chiesa non fa distinzione tra massoneria inglese e massoneria francese, tra una massoneria di destra e una massoneria di sinistra. Tutte le massonerie si richiamano ad una tradizione, che evidentemente è la loro tradizione che non è la nostra!
    Vi sono dei princípi comuni ad ogni massoneria; noi abbiamo ristampato il libro di Arthur Preuss, Saggio sulla massoneria americana. Lo scopo dell’autore era di dimostrare che la massoneria anglosassone condivide gli stessi princípi della massoneria latina, la stessa feroce opposizione alla Chiesa. E’ un’illusione credere ad una massoneria rispettosa della religione. Bisogna dunque lottare contro ogni massoneria e contro ogni esoterismo, anche se è sostenuto da persone che non sono iniziati in Loggia.
    Rivarol: Come si possono definire brevemente i princípi della massoneria?
    Don Francesco Ricossa: E’ difficile dare in poche parole una visione d’insieme della massoneria. Prima di tutto vi è una dottrina ufficiale, che la massoneria proclama per gli altri, quella che noi conosciamo e che presiede al governo dei nostri paesi: la libertà, l’uguaglianza, la fraternità, la libertà religiosa, la laicità, la tolleranza, la non discriminazione. Cose che tutti condividono. Cose che tutti bevono come il latte materno, è l’aria che respiriamo. Ma vi è anche e soprattutto una dottrina esoterica, che è il vero pensiero massonico. Papa Leone XIII, nell’enciclica Humanum genus, spiega che il punto essenziale della massoneria è il naturalismo, l’adogmatismo. Non v’è nulla che sia superiore alla natura, neanche Dio, che se anche esiste (cosa a cui non tutte le logge credono) si confonde con la natura. Tutto ciò che è stato rivelato, il mondo della grazia, la Rivelazione, la trascendenza divina, i dogmi di fede, è inaccettabile in massoneria.
    Occorre comprendere che nella massoneria esistono due aspetti, che devono essere distinti. Un aspetto razionalista e un aspetto magico, il quale non è contrario, ma complementare al primo. Si osserva la negazione della vera religione, ma questa, negata in maniera razionalista, è come rimpiazzata dai misteri massonici che sono la riedizione delle vecchie eresie della gnosi pagana e della kabbala ebraica, le quali hanno più o meno gli stessi princípi. I misteri del paganesimo, uniti alla corrente dell’alchimia Rosa-Croce, dell’ermetismo, del neoplatonismo, costituiscono la filosofia e la religione massoniche, che sfociano nel culto del Serpente. Non stupisce che tra i personaggi della tradizione massonica si esalti Caino, una linea certo tradizionale, ma demoniaca. Quando il poeta italiano Carducci scrive il suo Inno a Satana, egli mostra questi due aspetti della massoneria: un naturalismo razionalista, Satana è il simbolo della negazione di Dio nel progresso umano, e allo stesso tempo una tendenza demoniaca, magica e satanica.
    Rivarol: Che pensare della distinzione tra massoneria materialista e massoneria spiritualista?
    Don Francesco Ricossa:
    E’ la stessa massoneria, si tratta di due facce della stessa medaglia. La massoneria materialista è sempre esoterica. Senza l’esoterismo, senza il simbolismo, senza il segreto, non c’è massoneria. E allo stesso tempo, la massoneria esoterista, con la sua pretesa di collegarsi alle antiche tradizioni di tutte le religioni, è in fin dei conti materialista. Perché: qual è questa tradizione, quali sono questi misteri, qual’è questo divino di cui parlano? E’ niente. Il materialismo e lo spiritualismo non si oppongono in massoneria. Presso alcuni, prevale l’aspetto materialista grossolano, in altri l’aspetto simbolico religioso. Ma in realtà i due si ritrovano nella stessa dottrina.
    Rivarol: La sua terza conferenza su massoneria, modernismo e tradizionalismo sembra polemica. Cosa intende dimostrare con questa istruzione?
    Don Francesco Ricossa:
    Si tratta in effetti della parte meno intellettuale della conferenza, quella che si presta di più a delle polemiche. Cercherò di dimostrare i legami tra il modernismo e l’occultismo, il modernismo e il pensiero massonico. Nel modernismo, come nella massoneria, vi sono queste due facce, un aspetto naturalista e un aspetto (falsamente) mistico: il modernista filosofo, storico, politico è un razionalista e un agnostico. E al tempo stesso pretende di essere un credente, mentre non lo è. La dottrina modernista e la dottrina massonica si ricollegano con l’altra.
    Più sorprendente è la questione del tradizionalismo. Con questo termine si intende non il tradizionalismo del XIX secolo, che, pur essendo stato la filosofia della Restaurazione e con Lamennais, ahimè, anche del liberalismo, è l’antenato sia del modernismo sia del guénonismo; ma il tradizionalismo moderno, quello che si oppone al Vaticano II e al quale ci ricolleghiamo noi. Anche nei “nostri” ambienti vi sono delle infiltrazioni sia di idee sia di certe persone che sviluppano una tendenza esoterica. Vi sono molti casi concreti da esaminare. E’ quello che farò in questa conferenza. E anche fra coloro che non hanno frequentazioni o idee esoteriche, alcuni, nei raggruppamenti tradizionalisti, utilizzano i metodi massonici per arrivare ai loro scopi. Bisogna mettere in luce la questione. Si tratta dunque di un oggetto di discussione per guardarsi da certi problemi.
    Ovviamente, tutto questo bisogna farlo senza cadere in un inconveniente assai frequente, ahimè, in coloro che combattono a giusto titolo la massoneria, e cioè il farlo senza spirito critico sufficiente, senza il sostegno di documenti, senza prove verificate, senza un’approfondita formazione. Vi è, nell’antimassonismo, un lato serio e perfino indispensabile, ma vi sono anche delle opere, degli autori, dei siti meno seri e meno affidabili. Vi sono parimenti di quelli che mettono in guardia dalle infiltrazioni massoniche, cosa che condivido, e quelli che pretendono che tutti quelli che non la pensano come loro siano dei massoni. Il che è ridicolo e può gettare, a torto, del discredito su tutta la scuola anti-massonica.
    Rivarol: Nel corso delle sue conferenze, parlerà della questione della giudeo-massoneria?
    Don Francesco Ricossa:
    Si tratta di una questione veramente importante. Ne parleremo nella prima conferenza, perché il pensiero della kabbala è incontestabilmente presente nell’origine della massoneria. D’altronde, non solo nella massoneria, ma in ogni sorta di esoterismo. Parleremo di questa questione anche nella seconda istruzione, perché una parte importante della dottrina massonica in fondo non è altro che kabbalismo. Ma non ci sarà un’istruzione esplicitamente ed esclusivamente dedicata alla giudeo-massoneria. Questo soggetto meriterebbe da solo un nuovo congresso. Forse un altro anno!»
    Rivarol intervista don Ricossa - Centro Studi Giuseppe Federici



    http://www.antimassoneria.org/
    Modena, IMBC, 14/10/2017: ?Della setta massonica? - Antimassoneria.org
    http://www.antimassoneria.org/modena...tta-massonica/
    http://antimassoneria.altervista.org...anum-Genus.pdf



    Humanum Genus (20 aprile 1884) | LEONE XIII
    http://w2.vatican.va/content/leo-xii...num-genus.html
    «HUMANUM GENUS
    LETTERA ENCICLICA
    AI VENERABILI FRATELLI PATRIARCHI
    PRIMATI ARCIVESCOVI VESCOVI
    E AGLI ALTRI ORDINARI
    AVENTI CON L’APOSTOLICA SEDE
    PACE E COMUNIONE.
    "CONDANNA DEL RELATIVISMO FILOSOFICO
    E MORALE DELLA MASSONERIA"
    VENERABILI FRATELLI
    SALUTE E APOSTOLICA BENEDIZIONE
    Dato a Roma, presso San Pietro, il giorno 20 Aprile 1884, anno VII del Nostro Pontificato.
    LEONE PP. XIII»




    Luca, Sursum Corda!
    ADDIO GIUSEPPE, mio caro fratello di sangue e spirito, sono LUCA e nel mio CUORE sarai sempre PRESENTE!
    NOI 2 insieme, uniti OLTRE LA MORTE ed il tragico DESTINO SIA IN TERRA CHE IN CIELO, per SEMPRE VEDREMO LA LUCE - SURSUM CORDA!

 

 
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Fazio contro i massoni!
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 09-09-05, 21:52
  2. Massoni,gay ed ebrei contro Bossi e la LN
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 07-07-05, 11:40
  3. Bossi contro liberisti e massoni
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 17-03-05, 14:18
  4. I massoni U$A contro l'Iran
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-07-04, 17:13
  5. La UE dei massoni contro la domenica
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-12-02, 09:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226