User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: la vostra seconda nazionale da tifare...a parte l'Italia

Partecipanti
57. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Austria

    1 1.75%
  • Germania

    20 35.09%
  • Svizzera

    2 3.51%
  • Portogallo

    2 3.51%
  • Russia

    8 14.04%
  • Romania

    3 5.26%
  • Francia

    1 1.75%
  • Olanda

    6 10.53%
  • Repubblica Ceca

    0 0%
  • Polonia

    3 5.26%
  • Grecia

    5 8.77%
  • Spagna

    3 5.26%
  • Turchia

    2 3.51%
  • Svezia

    0 0%
  • Croazia

    1 1.75%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question Immigrazione in uno Stato Federale

    Se l'itaglia fosse ipoteticamente uno stato federale l'immigrazione attraverso quali organi dovrebbe essere regolata ?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questo argomento si era già affrontato tempo fa.... Io ripeto la mia opinione: ognuno è padrone in casa propria, ma se le decisioni che prende X compromettono o recan danno a Y, è necessario allora un livello di coordinamento. In parole povere: anche in uno Stato federale, se lo Stato X indice una sanatoria (potere difficilissimo da attribuirsi) il clandestino automaticamente non può più esser tale nemmeno in Y. Posto poi che si potesse anche evitare tramite appigli e controappiglu ciò, di fatto tra le regioni non esistono confini, e nessuno potrebbe impedire a un extracomunitario di prendere un treno da Firenze a Milano, ad esempio. Quindi nessuno può di diritto e di fatto limitare la sua libertà di movimento tramite una semplice legge.La soluzione ideale al problema dell'immigrazione, assumendo lo status-quo di oggi, andrebbe ricercata a livello europeo, estendendo cioè continentalmente e magari "convenzionalmente" i principi della "Bossi-Fini" e creando un "cordolo" di prevenzione e difesa delle coste. Inoltre, nella prospettiva di devolvere lo stato sociale alle regioni, sarebbe d'uopo cancellare dal lessico politico il termine "sanatoria", poichè lo stato non avrebbe il diritto di sovraccaricare le regioni di costi aggiunti. Chiaramente le regioni devono avere il loro ruolo, sviluppato principalmente su tre punti:
    1)esser raccordo tra il mondo dell'impresa e lo stato affinchè si stabilisca razionalmente il numero di extracomunitari necessari come manodopera.
    2) creare dei cordoli preferenziali con i paesi dell'est e favorire il rientro dei corregionali dall'estero.
    3) sfruttare le nuove competenze in materia di polizia locale per prevenire sul territorio i crimini legati all'immigrazione clandestina.

    Per questo ho votato la seconda opzione.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ci potrebbe essere dei permessi di soggiorno limitati oltre che a limiti temporali anche a limiti geografici; ad esempio se un ummigrato è fatto entrare in Veneto non è detot che possa cricolare libermanete fuori dai confini del Veneto.
    saluti padani

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by PINOCCHIO
    ci potrebbe essere dei permessi di soggiorno limitati oltre che a limiti temporali anche a limiti geografici; ad esempio se un ummigrato §Ú fatto entrare in Veneto non §Ú detot che possa cricolare libermanete fuori dai confini del Veneto.
    saluti padani
    Con tutto il rispetto, questo non lo posso condividere. Mi ricorda troppo il "passaporto interno" dell' unione sovietica ed il visto DDR valido per un solo Bezirk.
    Oltre a ci¨°, mi sembra che un immigrato abbia il diritto (e il dovere) di conoscere la lingua, la civilt¨¤ e la cultura del Paese in cui si trova. Questo lo pu¨° fare solo viaggiando.
    Dimenticavo: se perde il lavoro in Veneto, ha 3 mesi di tempo per cercarne un altro. Vuoi rinunciare alla possibilit¨¤ che lo vada a trovare in sicilia???

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    osservazione interessante, ma è vero che se per ipotesi l'immigrato ha un permesso di soggiorno magari dato dal governo regionale della Sicilia e dopo viene in Veneto? come facciamo a impedirlo?

    saluti padani

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by PINOCCHIO
    ma §Ú vero che se per ipotesi l'immigrato ha un permesso di soggiorno magari dato dal governo regionale della Sicilia e dopo viene in Veneto? come facciamo a impedirlo?
    saluti padani [/B]
    Caro Pinocchio,
    in primis, conosco benissimo (purtroppo) la realt¨¤ in Sicilia e ti posso dire che l¨¬, in lavori di basso profilo, TUTTI, siciliani ed immigrati lavorano in nero, quindi il problema non si pone.
    In secundis (ma guarda come sono bravo :-)) chi ¨¨ il pirla che, potendo incassare brutto per netto in Sicilia viene a pagare le tasse in Veneto?

    Dormiamo pure sonni tranquilli!

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    09 Jun 2009
    Messaggi
    36,670
    Mentioned
    403 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Permesso di soggiorno/lavoro

    Conoscendo bene i siciliani, credo che farebbero entrare chiunque, vendendo loro il permesso, per poi lasciarli andare nelle zone dove il lavoro si trova.
    Basta non lavorare, per il resto sono pieni di idee.
    -N-

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2002
    Località
    estremo occidente
    Messaggi
    15,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    nessuna immigrazione. La parola stessa è sinonimo ormai di invasione, prepotenza etnica, etnocidio, multietnicismo. Ogni regione deve generare al suo interno i settori sociodemografici necessari per il suo proprio sviluppo; se servono dei settori pauperizzati, ebbene bisogna crearli ed averli. Solo così si blocca veramente la migrazione.

    saluti

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    infatti per continuare l'esempio: la Sicilia o l'Emilia Romagna farebbero entrare immigrati a nastro ma questi sarebbero liberi di spostarsi qua in Veneto dove non sono stati richiesti.
    saluti padani

  10. #10
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Immigrazione in uno Stato Federale

    Originally posted by Shaytan
    Se l'itaglia fosse ipoteticamente uno stato federale l'immigrazione attraverso quali organi dovrebbe essere regolata ?
    ____________________-
    Dimentichi che in uno stato federale ci sono degli organismi locali e degli organismi federali.
    Chiediti come fanno Svizzera e USA a combattere non solo l'immigrazione ma qualunque altro evento che arrechi danno alla loro libera convivenza interna: mi pare semplice.
    Non è possibile quindi rispondere correttamente alle tue domande.
    Infatti, in una federazione (o confederazione) in cui facessero ipoteticamente parte Veneto e Sicilia, ove quest'ultima si comportasse a danno del Veneto, la federazione si romperebbe perchè uno dei componenti verrebbe meno ai patti federativi.
    Ora, siccome una federazione è basata su patti che salvaguardano la convenienza di tutte gli stati (o comunità) componenti, non vedo perchè uno debba fare dispetti agli altri col rischio di essere espulso dalla federazione stessa, tanto più che il controllo delle frontiere sarebbe affidato ad un esercito ed una polizia federali.
    Insomma, se a Zurigo arrivano extracomunitari provenienti dall'itaglia via Canton Ticino, la colpa non sarebbe di quest'ultimo ma di chi è addetto al controllo delle frontiere.
    La differenza con l'attuale situazione itagliota è enorme, sia perchè il nostro esercito ed i vari corpi di polizia non difendono le frontiere (si limitano a soccorrere i clandestini e portarli in centri di accoglienza), sia perchè spesso la malavita organizzata del Sud è complice del traffico di clandestini e la Sicilia non può essere "sanzionata" o "espulsa" perchè qui siamo in uno stato centralista unitario e non in una federazione.

    Serenissimi padani saluti

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226