User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Thumbs up I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato

    Oggi ho sentito alla tv regionale Veneta, che l'avvocato e Presidente della Lega Nord Avv.to Gasperini, ha chiesto al
    Tribunale il rilascio del mitico......come si chiamava???tank, beh...insomma del carrarmato che hanno usato per arrivare in piazza S.Marco ed issare la gloriosa bandiera della Serenissima, vedremo cosa risponderà il tribunale......., ma se poco poco li conosciamo lo sappiamo già, purtroppo


    -----pensiero-----

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato

    Originally posted by pensiero
    Oggi ho sentito alla tv regionale Veneta, che l'avvocato e Presidente della Lega Nord Avv.to Gasperini, ha chiesto al
    Tribunale il rilascio del mitico......come si chiamava???tank, beh...insomma del carrarmato che hanno usato per arrivare in piazza S.Marco ed issare la gloriosa bandiera della Serenissima, vedremo cosa risponderà il tribunale......., ma se poco poco li conosciamo lo sappiamo già, purtroppo


    -----pensiero-----

    e per farne cosa? mah,.....
    --------------
    The Warrior

  3. #3
    VENETO LÌBARO
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    631
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato

    Originally posted by quorthon



    e per farne cosa? mah,.....
    se non ho capito male è stato proposto di metterlo in un museo perchè "fa parte della storia del Veneto"

    ciao

  4. #4
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato

    Originally posted by DVD


    se non ho capito male è stato proposto di metterlo in un museo perchè "fa parte della storia del Veneto"

    ciao


    ....lo immaginavo....non sò...se fossi uno dei Serenissimi però mi incazzerei....anzi, lo distruggerei con le mie stesse mani...
    --------------
    The Warrior

  5. #5
    VENETO LÌBARO
    Data Registrazione
    14 Mar 2002
    Messaggi
    631
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho trovato in Internet un articolo a riguardo

    _____________________________________________

    L’assalto a San Marco cinque anni dopo Il 9 maggio 1997, Moreno Menini studente veronese di economia aveva appena compiuto vent’anni. Era il più giovane degli otto indipendentisti che avevano preso di mira lo storico companile. Dopo aver patteggiato a Mestre, ha chiuso la sua vicenda giudiziaria con altri sei mesi di reclusione per aver fatto parte del Veneto Serenissimo Governo. Oggi rivela alcuni retroscena che non sono mai stati raccontati

    Potrebbe essere usato come cimelio e chi ne ha voglia lo potrebbe anche visitare


    di Luigi Grimaldi
    Esattamente cinque anni fa, il 9 maggio 1997, quando assaltò il campanile di San Marco a Venezia, Moreno Menini, studente veronese di economia e commercio che vive a Mezzane, aveva 20 anni. È il più giovane degli otto indipendentisti e, dopo aver patteggiato due anni al processo di Mestre, ha chiuso la sua vicenda giudiziaria patteggiando altri sei mesi di reclusione per aver fatto parte del Veneto Serenissimo Governo. In questa intervista, esattamente a cinque anni dal clamoroso assalto, Menini rivela alcuni retroscena delle gesta del suo gruppo mai raccontati finora.
    - Come entrò in contatto con il Veneto Serenissimo Governo?
    «Frequentavo Colognola ai Colli e alcuni amici sapevano che mi stavo interessando di questioni sull’autonomia del Veneto. Così mi chiesero se avevo le stesse idee di Luca Peroni e Andrea Viviani, che allora non conoscevo. Mi misi in contatto con loro e poi conobbi gli altri».
    - Suo padre era democristiano e consigliere comunale. Prima che morisse, aveva mai espresso con lui queste sue simpatie politiche?
    «No, perché mi avvicinai dopo la sua morte all’ideologia autonomista. Qualche volta ho scritto al professor Miglio che mi rispose. Però non credo che ci sarebbero stati problemi con mio padre. Ilvo Diamanti ha scritto che in fondo la Dc è stata "il partito del consenso etnico" e teorizzava il fatto che, attraverso i rappresentanti locali, c’era la possibilità di ottenere più vantaggi dal potere centrale di Roma. E poi la Dc non era un partito classista, come il partito liberale, per esempio. Rappresentava un po’ tutti».
    - Perché decideste di anticipare l’assalto che invece, come propagandavate con le interferenze audio sui Tg della Rai, avreste dovuto compiere il 12 maggio 1997, nel bicentenario della caduta della Serenissima?
    «La scelta era nell’aria dopo il fermo di Fausto Faccia, capo del nostro gruppo, ad aprile. Gli investigatori erano convinti che fosse lui il famoso "pirata" delle interferenze sui Tg Uno delle 20. Così, per evitare di essere scoperti prima, preferimmo agire nella notte tra l’8 e il 9 maggio».
    - C’è un particolare che non ha mai raccontato?
    «Sì, riguarda proprio il fermo di Fausto ad aprile. Sapevamo che era stato convocato dal magistrato per essere interrogato e così, proprio nell’orario in cui lui si trovava di fronte agli investigatori, organizzammo un’interferenza sui canali televisivi della Rai. A quel punto, dovettero rilasciarlo. Perché se lui era lì, davanti a loro, non poteva certo essere il "pirata". Sapevamo però che l’avrebbero seguito».
    - Lei ha 25 anni. Com’è cambiata la sua vita da quel giorno?
    «A parte il fatto che spero di laurearmi entro breve tempo, non è cambiata molto. Gli amici sono rimasti sempre gli stessi, e, se qualcuno che conosco da poco viene a sapere cosa ho fatto, magari approva o disapprova, ma nei rapporti personali non noto atteggiamenti legati a quella scelta».
    - Lei lo rifarebbe?
    «Certo».
    - Cioè trascorrerebbe ancora mesi in carcere?
    «L’arresto era preventivato. Quando decidemmo di assaltare il campanile di San Marco, sapevamo che avremmo rischiato di finire in carcere, ne eravamo tutti consapevoli».
    - E oggi, nell’attuale situazione politica, servirebbe un’azione così eclatante?
    «Io credo di sì. I problemi che volevamo mettere in luce cinque anni fa ci sono ancora, non sono stati risolti».
    - Però oggi c’è la Lega al governo...
    «Non mi sembra che la situazione sia cambiata. Non basta cambiare governi, noi abbiamo una posizione chiara sull’autonomia del Veneto».
    - Lei svolge attività politica?
    «Non faccio attività partitica. Abbiamo dato vita ad un gruppo che si chiama "Milizia Veneta". Ne fanno parte giovani che, attraverso rievocazioni storiche in costume, cercano di risvegliare l’orgoglio veneto».
    - Lei sa che a livello internazionale c’è una lista di gruppi considerati terroristici. Non pensa che il Veneto Serenissimo Governo possa già essere inserito in quell’elenco?
    «Lo temo e penso che non sarebbe affatto giusto. Anzi, aspetto ancora che l’attuale governo italiano prenda finalmente una posizione sull’assalto al campanile di San Marco e che dica chiaramente che noi non siamo eversori».
    - Scusi, come si fa a dire che non ci fu eversione se invece la vostra posizione era proprio quella di sottrarre una fetta di territorio, cioè il Veneto, al controllo dello Stato italiano?
    «Gli atti illeciti di Venezia sono sicuramente innegabili, ma non fanno parte di una sfera terroristica o eversiva. C’è solo un problema politico e cioè bisogna chiarire se i veneti possano o meno tornare in possesso del loro territorio».
    - E al governo attuale cosa chiederebbe ancora?
    «Di restituirci le nostre cose sequestrate cinque anni fa».
    - Cosa?
    «Prima di tutto il "Tanko", cioè il carro armato che portammo a San Marco».
    - Scusi Menini, ma lei e i suoi amici perché lo rivolete e cosa ve ne fate del carro armato?
    «Lo rivogliamo perché è nostro e basta. E poi perché potremmo usarlo come nostro cimelio, una specie di monumento, che può essere visitato da chi ha voglia di vedere com’è fatto e per ricordare quel fatidico 9 maggio».

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Messaggi
    4,076
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ahahahah grande moreno.
    Tra l'altro adesso è mezzo arruginito dopo essere stato per cinque anni sotto le intemperie, speriamo si sbrighino.
    saluti padani

  7. #7
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lo rivogliamo perché è nostro e basta.

    Come rivogliamo la nostra Terra perchè E' NOSTRA E BASTA..

    Grandiosi!

    Sa£udi serenissimi da Pippo III.

  8. #8
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Grandiosi! E' certo la definizione giusta

    C'è anche un aticolo su IL GAZZETTINO, eccolo:
    ____________________________________
    Martedì, 30 Luglio 2002




    SERENISSIMI Presentata una seconda istanza per il dissequestro del mezzo usato per l’assalto al campanile
    «Ridateci il Tanko, è un pezzo da museo»


    Venezia
    Lo considerano un pezzo di storia veneta e per questo ne hanno chiesto il dissequestro, in modo da donarlo ad un museo. I padovani Flavio e Cristian Contin, due dei componenti del commando che il 9 maggio '97 diede l'assalto al campanile di San Marco, rivogliono il "Tanko", quel blindato fatto in casa con il quale sbarcarono poco dopo la mezzanotte in Piazza, dopo essersi impossessati di un ferry boat all'approdo del Tronchetto.

    Il loro legale, l'avvocato Luciano Gasperini, senatore e presidente federale della Lega Nord, ha già presentato una prima istanza alla Corte d'Assise di Venezia, e si appresta a presentarne una seconda: «Non è un'arma e dunque non capisco perchè non possa essere restituita ai proprietari - dichiara - Più che un carro armato, come qualcuno durante il processo ha voluto descriverlo, è un carro allegorico. Ma soprattutto fa parte della storia veneta, e come tale il suo posto è in un museo».

    La prima istanza di restituzione è stata presentata in tutto segreto un paio di anni fa, entro i termini previsti dall'articolo 264 del codice di procedura penale, il quale stabilisce che la domanda debba pervenire entro un anno dal passaggio in giudicato della sentenza. La Corte d'Assise veneziana, però, rispose negativamente, sostenendo che il "Tanko" è «corpo di reato», e in quanto tale non può essere restituito ai proprietari.

    Ma l'avvocato Gasperini non dispera: «Le cose sono cambiate rispetto agli anni dell'assalto al campanile e ci stiamo avviando verso una riforma di tipo federalista dello Stato: chissà che non si riesca a guardare con maggiore serenità all'episodio del maggio 1997...»

    Il "Tanko" è uno dei simboli dell'azione dimostrativa organizzata dai Serenissimi per richiamare l'attenzione sul tema della libertà, dell'indipendenza della valorizzazione della storia e della cultura del popolo veneto. Per ore, durante la notte dell'assalto a San Marco, le forze dell'ordine credettero che fosse un vero carro armato. Invece era un blindato tutto da ridere, con un lanciafiamme che i periti del processo dichiararono praticamente inservibile, ed eventualmente pericoloso per chi si trovava a bordo. Il "commando" lo aveva targato con una sigla in apparenza incomprensibile: MB 007. Le due lettere stanno per Marcantonio Bragadin, l'eroe veneziano che morì scorticato vivo dai turchi nell'isola di Cipro. Il numero voleva far credere che di carri armati come quelle ce ne fossero altri sei.

    Per quell'azione i due Contin hanno scontato mesi in carcere e in Appello hanno patteggiato la pena. L'ultimo dei Serenissimi ad uscire di prigione è stato il "presidente", Luigi Faccia, rimesso in libertà da pochi giorni.

    Gianluca Amadori
    ___________________-
    Serenissimi padani saluti

  9. #9
    lsu
    lsu è offline
    ora ltd poi lti
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Siamo vivi. Siamo il popolo, la gente, che sopravvive a tutto. Nessuno può distruggerci. Nessuno può fermarci. Noi andiamo sempre avanti.
    Messaggi
    4,222
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato

    Originally posted by pensiero
    Oggi ho sentito alla tv regionale Veneta, che l'avvocato e Presidente della Lega Nord Avv.to Gasperini, ha chiesto al
    Tribunale il rilascio del mitico......come si chiamava???tank, beh...insomma del carrarmato che hanno usato per arrivare in piazza S.Marco ed issare la gloriosa bandiera della Serenissima, vedremo cosa risponderà il tribunale......., ma se poco poco li conosciamo lo sappiamo già, purtroppo


    -----pensiero-----
    Lo riavranno, a patto che non lo usino la domenica. Non è Euro 1 e quindi non può circolare nelle domeniche senza traffico.

    Però, se lo mettono a metano...

 

 

Discussioni Simili

  1. Il carrarmato di Leonardo
    Di Maximilian nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-03-13, 09:59
  2. Lo rivogliono indietro.
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-07-11, 19:44
  3. I "Serenissimi" rivogliono il blindato
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 08-06-06, 00:29
  4. Gli aborigeni australiani rivogliono la loro dignita'
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-02-04, 11:00
  5. I Serenissimi Rivogliono Indietro Il Loro Carrarmato......
    Di pensiero nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-07-02, 21:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226