User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Terzo Incomodo (di Carlo Stagnaro, dalla ML Padanismo)

    Riporto dalla mailing list PADANISMO

    http://groups.yahoo.com/group/padanismo/message/1782

    un interessante intervento di Carlo Stagnaro che riprende la tematica onetiana della dicotomia padanista tra pulsioni identitarie e spiriti libertari, una dinamica dialettica che un tempo ha incarnato il movimento Lega Nord ma che ha subito da allor auan evoluzione (o meglio direi una involuzione) che sarebbe interessaante discutere prendendo lo spunto proprio dall'intervento di Stagnaro. Spero che questo "cut&paste" sia fonte di un interessante dibattito sul forum e premetto che l'ho riportato qui poichè mi piacerebbe magari esprimere la mia opinione senza essere ricoperto di insulti e contumelie come accaduto molto sgradevolmente tempo fa sulla citata mailing list ad opera di un noto personaggio che poi ho avuto la sfortuna (sua più che altro...) di tirovare anche su POL e del cui attacco virulento al sottoscritto e al forum Padania Indipendente) vi diedi conto sul vecchio forum appunto. Detto questo, buona lettura e buona riflessione. (Pe ril Borgo, per favore se si può highlightare...grazie)


    Caro Matteo e cari tutti,

    Il fatto che la polemica "libertari vs. etnici" (io non sono così ottimista
    come Oneto, su questo punto) sia, o sembri, spenta non è un buon segno. Può
    significare infatti tre cose:

    1. L'etnonazionalismo è morto (o in coma);
    2. Il libertarismo è morto (o in coma);
    3. Il padanismo è morto (o in coma).

    Ora, da "esterno" non mi pare che l'etno sia morto nè in coma, anzi; e, da
    "interno", ti posso garantire che il libertarismo (IMHO i libertari) gode di
    ottima salute. Il vero punto è che è proprio il padanismo a stare malaccio,
    e fintantoché rimanderemo o eviteremo discussioni, chiarimenti, perfino liti
    non faremo un favore all'unico obiettivo che, immagino, unisce tutti gli
    iscritti a questa ML e permette loro di trovarsi momentaneamente alleati.

    In effetti, uno dei grandi successi della Lega (riposi in pace) è stato
    l'aver dato spazio a elaborazioni teoriche interessanti e "nuove" (quelle
    libertarie e quelle etno, appunto, di cui tutto si può dire fuorché fossero,
    o siano, mainstream). E' naturale, almento entro certi limiti, che visioni
    del mondo così diverse abbiano cozzato; non vedo però dove sia il problema:
    anche in Forza Italia o nei DS o in Rifondazione Comunista convivono anime
    anche molto differenti, che tuttavia riconoscono l'unità come un valore, o,
    meglio, come un mezzo utile al perseguimento di quei fini che condividono.
    Poi, ognuno per la sua strada.

    Nel nostro caso, la differenza è chiara e radicale: i libertari credono nel
    libero mercato, gli etnici sono (quando va bene) scettici; eppure tutti, per
    ragioni differenti e a volte opposte, si trovano d'accordo nel dire che
    l'autonomia va bene, il federalismo meglio e la secessione è il top. In
    questo senso, il dialogo fa solo bene, perchè serve (anche strumentalmente)
    a mostrare che il padanismo non ha altra caratterizzazione se non quella di
    lotta di liberazione (nazionale, culturale, fiscale,...).

    Ora, mi pare chiaro che tra questi due "poli" la Lega abbia fatto, per
    qualche ragione che non conosco e non mi interessa, una "scelta di campo". A
    partire dal '99 il movimento di Bossi si è orientato, in maniera sempre più
    massiccia, verso tematiche "etniche" (sostenendo, per esempio, tesi
    anti-capitalistiche, etniciste, avversando l'immigrazione in funzione del
    dato "culturale", occupandosi di questioni che fino ad allora aveva ignorato
    o quasi--dall'aborto al divorzio) a discapito delle tematiche che invece
    potremmo definire "libertarie" (diritto di secessione a prescindere dal dato
    etnico, resistenza fiscale, sostegno al libero mercato, deregulation,
    ecc..). Nel frattempo, la Lega ha perso voti.

    Attenzione: non voglio dire che li abbia persi A CAUSA delle proprie
    posizioni etniche--so bene che "post quem" non significa "propter quem" e
    non sono così ingenuo da pensare che la massa degli elettori segua con
    attenzione il dibattito culturale interno ai partiti. Sono persuaso che le
    cause siano molteplici; ma che tra esse abbia uno spazio notevole non tanto
    l'aver abbracciato certe idee, quanto l'averne progressivamente rifiutate
    altre: con ciò precludendosi una parte di elettorato che non ha più
    percepiuto, da parte della LN, l'attenzione verso certi problemi concreti
    (es.: la contestazione fiscale è sostanzialmente sparita dagli argomenti
    leghisti).

    Penso che dibattiti come questo facciano solo bene, e che se noi abbiamo
    qualche speranza di far rinascere il padanismo (oggi DI FATTO assente dalla
    scena politica italiana) dobbiamo forzosamente passare attraverso un'analisi
    CRITICA del nostro passato vicino e lontano. Ci abbiamo provato sui Quaderni
    Padani, e qualcosa è venuto fuori (anche se, secondo me, si era avvertita
    allora l'assenza di un punto di vista "etnico" sulla sconfitta della Lega
    alle ultime politiche). Però bisogna andare avanti: anche perché io credo
    che vi sia un grande spazio politico per chi intende sollevare la "questione
    settentrionale". Ora, e qui chiudo, penso che questa ML debba essere vista
    come uno strumento di analisi in funzione di ciò; il livello della lista è
    mediamente piuttosto alto, e immagino che possano nascere confronti (anche
    liti) appassionanti e utili. E' errato, d'altronde, voler conservare una
    "unità di facciata" che si nutre della soppressione (fittizia) di ogni
    differenza, o della sterilizzazione della ML attraverso l'imposizione di un
    codice di comportamento eccessivamente rigido, che di fatto riduce questo
    utile strumento a poco più di un metodo (pur efficace) attraverso cui
    ciascuno comunica agli altri le iniziative che organizza o di cui è a
    conoscenza.

    Che la Forza sia con voi,
    cs


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come al solito Carlo arriva diretto al punto senza troppi fronzoli...apre la ferita e, sadico e freddo, ci conficca dentro il coltello della verità.

    Io non ho nulla da controbattere a tutto ciò che ha scritto l'eminente "liguraccio" se non sottolineare che, ahimè, si fa sempre più forte nel sottoscritto la convinzione che il Padanismo (così come lo intendiamo noi) ha oggi un forte "tappo" che gli impedisce di correre libero nelle menti dei Padani tutti: dai, non fatemi scrivere da chi è rappresentato questo "tappo"....


    Nel mio generale pessimismo però, non voglio credere che tutto sia perduto...e auspico il dialogo tra le diverse anime, uno sforzo che ci permetta di vedere realizzato un "sogno"....vivere liberi nella terra Padana, ognuno con le sue convinzioni ma liberi e mai più itagliani.

    Per questo lavoro ogni giorno, per questo continuo a crederci.

    Che lo SFORZO sia con voi...altrochè forza!!


    RM
    --------------
    The Warrior

  3. #3
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io mi asterrò dal voto da quì alla nascita di un movimento autonomista trasversale alla società padana.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Intanto di là titolano "Carlo Stagnaro contro l'etnonazionalismo nella ML di Padanismo (copiato da qua) se fossero iscritti alla ML se ne sarebbero accorti ben prima di leggerlo su questo forum.

  5. #5
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by LosVonRom
    Io mi asterrò dal voto da quì alla nascita di un movimento autonomista trasversale alla società padana.
    direi quindi ' in secula seculorum'...

    ...nel frattempo quello che resta della padania la governeranno gli antipadanisti ...

    ... comunque non sara' un 'agonia lunga .. allah e' grande e misericordioso ...

  6. #6
    Veneto indipendente
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Serenissima Euganea
    Messaggi
    5,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non si può non condividere l'analisi intelligente di Carlo Stagnaro.
    Tuttavia, quando iniziai a votare Lega all'inizio degli anni novanta, non si parlava nè di etnonazionalismo, nè di liberismo e tanto meno di padanismo. Si parlava solo di federalismo
    Si parlava un linguaggio semplice che entrava facilmente nel cuore delle persone perchè ne interpretava i reali sentimenti di scontento, tipo.
    - Roma ladrona
    - Basta tasse basta roma
    In quei tempi l'inflazione era ancora a due cifre. Quasi ogni giorno usciva una nuova tassa. La burocrazia era (e lo è tuttora) soffocante specie per la piccola impresa.
    La Lega aveva buon gioco a sostenere che paghi 100 di tasse per avere servizi da 10 (da terzo mondo), il resto va a mantenere la mafia ed i voti di scambio al Sud. Il malgoverno, le tangenti (ci sono ancora oggi, cosa credete?), gli sprechi in ogni settore, un Sud pigro e portato non ad "avere un lavoro" ma ad "occupare un posto statale sicuro" dove si lavora (si fa per dire) sei ore al giorno.
    Le cariche di controllo del territorio (prefetti, provveditori scolastici, comandanti di polizia, vigili del fuoco, carabinieri, guardia di finanza, magistrati e chi ne ha più ne metta), occupate quasi esclusivamente da meridionali: uno squilibrio intollerabile che ci faceva (ci fa) sentire schiavi. Ecco allora lo slogan.
    - Padroni a casa nostra
    - Colonizzazione basta
    - Terroni a casa (o via i terroni dal Veneto)
    Con questi semplici argomenti il consenso alla Lega montava, poi venne la secessione, il giuramento di venezia del 15 settembre 1996, il referendum per l'indipendenza della Padania del 25 maggio 1997, l'elezione del parlamento di Chignolo Po.
    Sapevamo per esperienza che la Lega era un movimento ampiamente trasversale, ma con il parlamento di Chignolo uscirono allo scoperto le varie tendenze e si candidarono sei o sette "partiti" (a voler guardare le esigenze avrebbero potuto essere di più).
    Il parlamento padano funzionò bene e produsse due peoposte di costituzione per la Padania, una secessionista ed una federalista.
    Secondo me, qui si bloccò la storia in salita del movimento Lega Nord.
    Due fatti non previsti:
    Nel 1998 l'Itaglia, pur non avendo i numeri, fu accettata nella moneta unica ("entrò in Europa"), poi venne la guerra alla Serbia che per noi segnò l'inizio di un'invasione extracomunitaria di vaste proporzioni, come se le nostre frontiere non esistessero più.
    Ora la Lega
    - Non è più trasversale.
    - Si è nettamente schierata a l centrodestra e con determinati poco stimabili partiti, la cui storia tutti conosciamo (se si fosse schierata a sinistra non avrebbe trovato miglior accasamento).
    - Non è più antitasse, antiroma, antiterroni (quelli che ci controllano in casa nostra e ci colonizzano), antiburocrazia.
    Insomma la Lega non ama più il Nord, ci ha abbandonato, non ci rappresenta più: si può sapere perchè la dobbiamo ancora votare?
    Eppure dal 1992 nulla è cambiato sul malcontento della gente.
    L'inflazione è ancora alta (lo sanno bene le massaie), solo che per evitare la protesta falsano i dati e ti dicono che è bassa.
    - Le tasse, il malcostume, la burocrazia, i soldi del Nord che se ne vanno al Sud per mille rivoli, gli sprechi, la colonizzazione terronica....... ecc.
    Tutto è rimasto intatto, come se la Lega non fosse mai esistita, anzi peggio, perchè la Lega è ora andata a governare questo lerciume.
    La palude romana, ricordate? Si chiamava così.
    Lontani da Roma SECESSIONE
    Ha ragione Stagnaro: le idee (almeno certe) sono ancora vive, ma non c'è più nessuno capace di rappresentarle validamente in una unione cementata da pochi punti forti di "idem sentire".

    Serenissimi padani saluti

  7. #7
    Padania libera dai padioti
    Data Registrazione
    14 Jun 2002
    Messaggi
    2,329
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by larth


    direi quindi ' in secula seculorum'...

    ...nel frattempo quello che resta della padania la governeranno gli antipadanisti ...

    ... comunque non sara' un 'agonia lunga .. allah e' grande e misericordioso ...
    CAro larth, purtroppo la governano già gli antipadanisti.

    E un padanista che deve stare a al governo a Roma con il 3,9 %
    mi dice che spazi di manovra può avere anche a livello locale dove magari ha il 10 % ?

    Comunque mi asterrò dal voto fino alle prossime elezioni .

    Nel mio post precedente mancava la faccina.

  8. #8
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by LosVonRom

    CAro larth, purtroppo la governano già gli antipadanisti.

    E un padanista che deve stare a al governo a Roma con il 3,9 %
    mi dice che spazi di manovra può avere anche a livello locale dove magari ha il 10 % ?

    Comunque mi asterrò dal voto fino alle prossime elezioni .

    Nel mio post precedente mancava la faccina.

    resta il fatto che essendo la politica l' arte del possibile ( e l' impossibile articolo di fede ..) con il tre.9 fai il possibile, che e' sempre meglio di niente ...

    ....puntando ovviamente a sopravvivere in attesa del MIRACOLO GRANDE che dara' la PADANIA LIBERA ai purissimi padanisti alla stagnaro ....

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-12-06, 01:18
  2. Vi è mai capitato di essere il terzo incomodo?
    Di Oli nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 23-10-05, 12:36
  3. di Carlo Stagnaro!
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-05-03, 22:38
  4. Carlo Stagnaro contro l'etnonazionalismo dalla ML di Padanismo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 08-08-02, 21:03
  5. A Gorizia il terzo incomodo Scarano stà con la CdL!
    Di Gianfranco nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 01-06-02, 14:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226