Corriere Adriatico - dal 1860 il quotidiano delle Marche

Giannotti: i cittadini della Valmarecchia staranno peggio


Ancona Roberto Giannotti, consigliere regionale Pdl, è stato tra i sostenitori più convinti della secessione. Ma ora il vento sta cambiando e anche dentro il Pdl qualcuno comincia a porsi qualche interrogativo. “Il ricorso della Regione è un atto formalmente dovuto ma politicamente improprio - accusa Giannotti - perchè significa andare contro la volontà popolare e contro quella del Parlamento”. Giannotti non ha dubbi. “Questo grande gesto di affezione verso l’integrità territoriale doveva essere fatto prima per evitare il disagio di quei cittadini”.

Quanto alle contraddizioni emerse anche nel suo partito, che pure ha votato a favore del distacco, Giannotti sottolinea che “c’è anzitutto un livello di responsabilità della sinistra istituzionale molto evidente” e per il “resto, questo è un grande partito e ci sono posizioni diverse ma la posizione del Pdl è questa e nell’esprimerla io mi sono richiamato alla base del Pdl: è naturale che non posso contestare chi ha un pensiero differente dal mio”.

Il consigliere regionale insiste. “Abbiamo sempre sostenuto di voler rispettare la volontà popolare - sottolinea - e i margini per aprire una situazione simile a quella della Valmarecchia in altre zone non ci sono a condizione però che la Regione Marche faccia il suo dovere. E’ chiaro, invece, che se persiste questa disattenzione, il rischio che questa storia si ripeta può essere reale”.

Un possibile effetto risiko del caso Valmarecchia su tutto il territorio nazionale? Giannotti lo esclude in modo categorico. “La storia di quest’area - chiarisce - è molto particolare e specifica. Non sono un pentito ma ho solo fatto bene a rispettare la volontà popolare. In ogni caso, riconosco che il distacco rappresenta una perdita per una regione come le Marche e forse con il passaggio all’Emilia Romagna i cittadini della Valmarecchia finiranno per stare peggio”. Sul problema dei costi, infine, il consigliere punta il dito contro la Regione. “I costi - rimarca - dipendono proprio da atti come il ricorso. E’ inutile chiudere la stalla dopo che i buoi sono usciti. Dovevano pensarci prima”.

F.B.,