User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: chi sono i libertari?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Mar 2002
    Località
    estremo occidente
    Messaggi
    15,083
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post chi sono i libertari?

    CHI SONO I LIBERTARI?
    di Fabio Massimo Nicosia

    L’egemonia della "sinistra" (rigorosamente da virgolettare) sul mondo dell’industria culturale in Italia e’ fatto noto. Basta visitare un "remainders" per rendersi conto della marea di libri inutili (lotta di classe in Nicaragua, prospettive della produzione in Angola, ecc.), che i vari Einaudi e Feltrinelli hanno sfornato negli ultimi venticinque anni. Altrettanto riconosciuta è la marginalità in tutti questi anni, anche per la subalternità del "liberalismo" ufficiale, della cultura non marxista e non "democratica" nel mercato editoriale.
    Tale deprimente stato di cose fa si che siano da noi totalmente sconosciuti i filoni più vitali del moderno pensiero liberale e libertario, occultando il loro possibile proporsi come radicale alternativa alle grigie ideologie dominanti, ravvivando con dosi di radicalità libertaria la tuttora incerta cultura politica delle forze politiche anti-stataliste e anti-burocratiche.
    Ci riferiamo qui in particolare a un originale filone di pensiero, giunto ormai da decenni a maturazione negli Stati Uniti, denominato libertarianism o, più specificamente, anarchocapitalism).
    Benchè non si tratti in senso stretto di un sistema (sennò che libertarismo sarebbe?), sorprende l’organicità di un pensiero, il quale,muovendo dai diritti inviolabili di proprietà dell’individuo, giunge a implicazioni conseguenti in ogni campo: economia, giustizia e sicurezza, tutela dell’ambiente, ecc.
    Il tutto con una freschezza e una vivacità, oltre che in termini francamente affascinanti, da suggerire di proporre con forza il pensiero libertarian non solo come criterio di giudizio della bontà delle scelte di governo, ma anche come strumento che, nel proporre soluzioni pratiche, è in grado, al contempo, di "farci sognare".
    Il più noto libertarian e anarco-capitalista contemporaneo è Murray Rothbard, morto a 68 anni il 7 gennajo 1995. Economista, filosofo morale, politico e del diritto, allievo del grande economista della scuola liberale austriaca von Mises, ha scritto diversi saggi e trattati, i più noti dei quali sono Man Economy and State (1962), Power and Market (1969), For A New Liberty -The Libertarian Manifesto (1973), nonchè The Ethics of Liberty (1982), presto tradotto dalla casa ed. Liberilibri di Macerata. La sua produzione è vastissima, e comprende saggi sui cicli economici, sulla moneta, sul fisco, ecc.
    La sua teoria politica costituisce uno sviluppo coerente della dottrina di Locke dell’autoproprietà. Il diritto di proprietà in senso ampio (proprietà anzitutto di sè e dei frutti del proprio lavoro) è il caposaldo della teoria rothbardiana; a partire dalla titolarità di tale diritto fondamentale si sviluppa il libero mercato, rappresentato dalla rete degli scambi volontari e pacifici dei titoli di proprietà. A fronte della trama contrattuale fondata sul consenso degli interessati, si pongono gli "aggressori" e gli "invasori", tutti coloro i quali esercitano i "mezzi politici" della coercizione in luogo dei "mezzi economici" della cooperazione. E il piu pericoloso di tali aggressori e’ lo stato. L’antico interrogativo della filosofia politica ("che cosa consente di distinguere lo stato da una banda di briganti?") è risolto da Rothbard in danno dello stato: lo stato e’ peggio di una banda di briganti, perchè l’oppressione che assicura nei confronti di un dato territono ha caratteri di continuità e di sistematicità che nessuna "banda" sarebbe in grado di esprimere. Sicchè può dirsi che lo stato non e’ che una banda di briganti, che riesca a imporre il proprio dominio monopolistico in un dato territorio.
    Lo stato e’ infatti l’unica organizzazione la quale rivendica il potere legittimo di acquisire risorse non attraverso il consenso (atti di scambio o di donazione), ma attraverso la coercizione. Noi accettiamo dallo stato comportamenti che considereremmo criminali ove posti in essere da qualsiasi altro soggetto: sottrarre coattivamente risorse attraverso la tassazione dei frutti del proprio lavoro, espropriare e confiscare terre, ecc.
    Rothbard ha denunciato con decisione il ruolo che gli intellettuali hanno svolto nei secoli per giustificare innanzi all’opinione pubblica l’idea di stato e di governo, rafforzando la credenza che "non si può fare a meno del governo", attraverso formule mistificatorie quali "lo stato siamo noi". Nozioni come quella di "stato", di "governo" e di "collettività’" sono esse stesse mistificatorie, dato che tali entità non "esistono", esistendo solo i singoli individui. Dire che il "governo" ha il potere di far questo o quello significa perciò solo riconoscere tale potere a singoli individui. Da qui la negazione del concetto di proprietà pubblica dei beni. Se il "pubblico" non esiste, la proprietà è sempre di qualcuno. Se di un bene si afferma il carattere "pubblico", vuol dire perciò che si sta occultando il vero "proprietario", di chi prende le decisioni sull’uso del bene, che e’ il politico o il burocrate.
    Da qui la proposta che tutti i beni, ivi comprese le strade, siano posseduti privatamente e che tutte le attività, ivi compresi i servizi di giustizia e di sicurezza, siano forniti da privati in regime di concorrenza, dato che non v’è attività che sia attualmente svolta dallo "stato" che non possa essere svolta da un privato. E ciò per la semplice ragione che, "stato" o "privato", saranno sempre uomini concreti a svolgere quell’attività; con la differenza, però, che lo stato rivendica il monopolio nell’esercizio di quelle attività e considera criminale chi gli fa concorrenza; mentre il privato non può impedire a nessuno di porsi in competizione con lui, e il cittadino potrà sempre scegliere - anche con riferimento alla giustizia e alla sicurezza - di cambiare fornitore. Va sottolineato come le pagine di Rothbard, ma anche di altri anarco-capitalisti come David Friedman, sono ricche di argomenti e di esempi di come in concreto tali servizi possano funzionare in regime di concorrenza. E’ costante nei libertarians il tentativo di dimostrare come le loro proposte non siano affatto utopistiche e inattuabili, avendo la storia conosciuto momenti importanti di organizzazione libera della società e di produzione non coercitiva e monopolistica del diritto e della giustizia.
    Di grande interesse appaiono in particolare le riletture della vicenda del (per parafrasare il titolo di un noto saggio libertario) "non così selvaggio, selvaggio west". Il suo sistema di organizzazione privata della comunità - dimostrano recenti indagini empiriche - era molto più efficiente di quanto non si sospetti; e gli stessi morti uccisi furono assai meno di quanto non appaia dalla cinematografia, la quale pure ha mostrato la plausibilità di una società fondata sul rispetto dei diritti di proprietà e sulla fornitura privata dei servizi di sicurezza e giustizia, come già propose nel 1849 l’economista laissez-faire Gustave de Molinari.
    Infine, va ricordato che, secondo gli anarco-capitalisti, il rispetto della proprietà privata è il criterio migliore per tutelare l’ambiente (l’insieme delle singole proprietà) dall’aggressione dell’inquinamento. Strano, dunque, che i verdi siano collettivisti in economia e schierati a sinistra.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    up........ riporto la discussione in cima.. mi sembra interessante.....
    X

  3. #3
    RenzoAudisio
    Ospite

    Predefinito

    Chissà se Nicosia parteciperà alla convention dei libertari... chissà se l'avv. Fabio Massimo Nicosia ha smesso di dare di testa e di litigare con Leonardo Facco (suo malgrado)...

    Comunque sia, questo articolo, a differenza di altri suoi più felici scritti, non mi piace molto perchè vuol far coincidere il termine il termine "libertario" con "Libertarian" e soprattutto perchè vuole ridurre il libertarismo ad una corrente ideologica, per di più riferendosi a vecchi schemi politologici, come "destra" e "sinistra" ormai obsoleti anche per l'ammuffita politica corrente.
    In un mondo LIBERTARIO, ovvero dove l'individuo è libero, dico libero anche di vivere in pace la propria ideologia senza rompere i coglioni a nessuno e senza che nessuno gli rompa i coglioni, è evidente che non potrebbe mai primeggiare alcuna ideologia e dunque che, a differenza di ciò che sostiene Nicosia, il LIBERTARISMO non coincide con una Ideologia (come ad esempio il Liberalismo estremo oppure il Libertarianism) cioè non è una ideologia ma proprio un "SISTEMA".
    Un sistema ovviamente molto diverso dai sistemi che conosciamo nella pratica come la "democrazia" oppure la "tirannia". Diciamo un Sistema "libertario" e tanto basta.
    I verdi come dice Nicosia non sono certo dei libertari... ma non lo sono nella stessa misura i radicali o i leghisti, per i quali posso provare simpatie ideologiche pur non votandoli e pur restando libertario. Libertari non possono essere neppure i forzitalioti oppure i rifondazionisti e nemanco qualsiasi altro partito politico che opera per imporre la propria ideologia (di destra o sinistra poco importa) attraverso la democrazia o la dittatura.


  4. #4
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by RenzoAudisio

    I verdi come dice Nicosia non sono certo dei libertari... ma non lo sono nella stessa misura i radicali o i leghisti, per i quali posso provare simpatie ideologiche pur non votandoli e pur restando libertario. Libertari non possono essere neppure i forzitalioti oppure i rifondazionisti e nemanco qualsiasi altro partito politico che opera per imporre la propria ideologia (di destra o sinistra poco importa) attraverso la democrazia o la dittatura.

    si, ma i libertari sono soltanto dei sognatori cui piace filosofeggiare, oppure vogliono che il loro modo di vedere la libertà dell'uomo possa avverarsi ed essere messo in pratica??
    Se la risposta è la seconda, mi sembra ovvio che ci si debba organizzare in qualche modo per portarla al termine....
    Quindi se, come tu dici, i libertari non possono essere "qualsiasi altro partito politico che opera per imporre la propria ideologia attraverso la democrazia" la conseguenza è solo una.. il libertarismo rimarrà soltanto una teoria.. chiacchiere da salotto....
    X

  5. #5
    RenzoAudisio
    Ospite

    Predefinito

    No Alexeievic la libertà non può essere un mio modo di vedere la libertà dell'Uomo, impostazione, questa, decisamente "politica", impositiva di una libertà che sarebbe contraddittoria dunque falsa, al massimo potrà essere un mio modo di vedere la mia libertà e questo ripetuto per ciascun individuo, ovvero per ciascun concreto soggetto della libertà.
    Sei capitato in un covo di sognatori, a discutere forse con il più estremista che potessi incontrare.

    Certo che si può "organizzare in qualche modo per portarla al termine" ma sarebbe sciocco pensare di poterlo fare contro la libertà stessa, imponendo ad alrti... all'Uomo... il nostro modo di vivere la libertà.
    E sarebbe ancora più grave ed insensato premettere questa possibilità già nelle nostre teorie che stanno alla base dell'azione.

    Guarda in casa tua Alexeievic a proposito di chiacchere da salotto... i radicali sono una forza politica che non conta e non conterà mai un fico secco, perchè culturalmente marginale, che viene oppressa nelle sue legittime aspirazioni di libertà proprio dal Sistema Legalitario che sostiene e giustifica, e dal quale riceverà se va bene appena qualche finanziamento o qualche appalto qua e la a Radio Radicale come si danno ai cani da guardia le briciole che avanzano dal desco.
    Siete simpatici ma non avete pudore.
    Meglio un libertarismo credibile che rimane una teoria per il futuro, che sputtanarsi inutilmente diventando servi del Sistema.

  6. #6
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    molto di cio' che dici è vero, ma lottare, o avere almeno l'illlusione di farlo, è sempre meglio che sapere già in partenza che stiamo sognando... ed allora invece che sognare il libertarismo, sogno di far parte della saga di Star Trek... che cambia? sempre sogno è..... no, vedi... penso che a costo delle cose negative che tu citi, credo che bisogna partecipare alla vita politica... certo.. si ottiene lo 0,000001 di cio' che si sogna.... sempre meglio che sognare e basta.... non trovi?
    X

  7. #7
    RenzoAudisio
    Ospite

    Predefinito

    Essere dei sognatori non esclude necessariamente contribuire alla loro futura realizzazione, anzi. Mi pare d'aver dimostrato che se il libertarismo rivendica la libertà di ciascun individuo, non può coincidere ad un obiettivo ideologico politico.
    Se sapessi di poter realizzare democraticamente non dico lo 0,000001% del mio obiettivo ideologico individuale ma il suo 99,999999% rinuncerei a questo mio strapotere politico sulle restanti infinitesimali minoranze pur di non opprimerle. Figuriamoci il contrario!
    Non ci siamo capiti Alexeievic, il vostro 0,000001% piuttosto che 1,2% o 2,2% o che sarà serve solo per giustificare un Sistema che disapprovo e che avverso nello stesso interesse delle vostre idee e della mia ideologia (libertarian o comunista che possa essere o diventare).

  8. #8
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non ci siamo capiti Alexeievic, il vostro 0,000001% piuttosto che 1,2% o 2,2% o che sarà serve solo per giustificare un Sistema che disapprovo e che avverso nello stesso interesse delle vostre idee e della mia ideologia (libertarian o comunista che possa essere o diventare).
    giuro di non aver capito... se puoi, riformula.. grazie...
    X

 

 

Discussioni Simili

  1. I libertari sono proprio ammeregani.
    Di Mike Suburro nel forum Fondoscala
    Risposte: 152
    Ultimo Messaggio: 21-04-11, 20:07
  2. Perché gli italiani non sono libertari?
    Di OrsoNelBosco nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 08-02-10, 20:37
  3. A quale partito politico sono vicini i socialisti libertari?
    Di robertoguidi nel forum Socialismo Libertario
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 20-04-09, 17:20
  4. Ma gli squatter sono libertari?
    Di Totila nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 17-09-05, 02:13
  5. Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 02-08-04, 23:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226