User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Un giovane eroe

  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    53,958
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Un giovane eroe

    Ripropongo una notizia già diffusa quando eravamo ospiti altrove.

    SABATO 22 MARZO 2008
    Un giovane eroe



    UN GIOVANE TEDESCO SI RIBELLA ALLA DITTATURA DELLA SHOAH

    Lo stesso giorno in cui cominciava il processo all’avvocato tedesco Sylvia Stolz, il 15 Novembre 2007, un giovane tedesco residente a Heilbronn, nel Baden-Württemberg, si è auto-denunciato alla polizia per aver diffuso un testo revisionista a tre destinatari della sua zona: il sindaco, un prete cattolico, un pastore protestante. L’11 Febbraio del 2008 il detto giovane ha ricevuto, come di prammatica, l’atto d’accusa del tribunale cantonale della sua città. Ma bisogna soprattutto registrare la dichiarazione commovente ed eroica dell’imputato che circola da qualche giorno su Internet. Ecco il testo:

    Mi chiamo Dirk Zimmermann, ho 36 anni, sono felicemente sposato, ho due bei figli, amo tante cose della vita, e tuttavia mi sono auto-denunciato alla polizia. No, non ho commesso delle truffe, non ho nemmeno commesso dei furti e degli omicidi. Mi sono esposto a una denuncia penale perché ho inviato a tre persone della mia zona, che neppure conosco, degli esemplari di un libro proibito in Germania. Il reato in questione si chiama “Volksverhetzung” [istigazione del popolo, equivalente all’”istigazione all’odio razziale”]. E’ in funzione di questo paragrafo sull’istigazione all’odio razziale che una certa opinione su un certo soggetto della storia recente costituisce un reato passibile di repressione giudiziaria. E’ dunque un reato d’opinione. Il soggetto in questione è quello dell’Olocausto: lo sterminio industriale degli ebrei europei all’epoca del nazionalsocialismo. Il libro che ho divulgato in pubblico s’intitola “Conferenze sull’Olocausto”. Il suo autore è Germar Rudolf, in prigione – dopo il Novembre 2005 – per aver pubblicato questo studio. Laureato in chimica, Germar Rudolf sostiene la tesi secondo cui non c’è stato alcun genocidio degli ebrei, vale a dire nessuno sterminio industriale. Non c’è stato sterminio degli ebrei né prima né durante la seconda guerra mondiale. Le autorità hanno dunque confiscato questo libro. Ma io mi pongo la domanda: quale verità ha bisogno di essere protetta da leggi penali? Ma c’è di più: Sylvia Stolz, avvocato di Germar Rudolf [e in precedenza anche di Ernst Zündel] è stata parimenti accusata di “istigazione all’odio razziale”; ella è stata condannata il 14 Gennaio 2008 a tre anni e mezzo di prigione e, il giorno stesso della sentenza, ella è stata condotta immediatamente in galera. Se persino gli avvocati sono trascinati in tribunale per aver esercitato le proprie funzioni – e imprigionati – bisogna che sorga infine una resistenza contro queste misure arbitrarie! Ho dunque deciso un giorno che era venuto il momento di auto-denunciarmi: è stato il giorno in cui è cominciato il processo a Sylvia Stolz. Lo ripeto ancora una volta: in base alle leggi della repubblica federale di Germania mi sono messo nella condizione di essere processato. Ma allo stesso modo in cui sono un criminale intellettuale sono anche un libero pensatore ed è in modo del tutto consapevole che mi assumo la responsabilità del mio gesto. E’ certo che non so come lo stato reagirà contro di me visto che mi sono auto-denunciato; preferirei, sicuramente, i vantaggi della vita di tutti i giorni e non amo mettere in pericolo la mia famiglia né me stesso. Tuttavia, ho il diritto di pensare con la mia testa e di pormi delle domande. Questo diritto è inviolabile, è intangibile. E’ solamente ponendosi delle domande e cercando di vedere più chiaro nei problemi che ci si può sbarazzare di un dubbio e di giungere alla verità con una decisione libera. E visto che ciò non viene permesso, posso dire questo: la mia posizione, quanto all’Olocausto, è molto chiara. Non credo a quello che mi viene detto e benché il fatto di esprimere pubblicamente dei dubbi sia un delitto, io dubito.


    Fonte: Bocage
    PUBBLICATO DA ANDREA CARANCINI A 5.09 2 COMMENTI

    Andrea Carancini: Risultati di ricerca per un giovane tedesco si ribella alla dittatura della shoah
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    MaxRed
    Ospite

    Predefinito Rif: Un giovane eroe

    "Ma io mi pongo la domanda: quale verità ha bisogno di essere protetta da leggi penali?"

    Meditate gente....

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Un giovane eroe

    Finalmente un tedesco che si comporta da Tedesco e non da goym :mmm:.

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    53,958
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Un giovane eroe

    Citazione Originariamente Scritto da MaxRed Visualizza Messaggio
    "Ma io mi pongo la domanda: quale verità ha bisogno di essere protetta da leggi penali?"
    La Menzogna.

    Citazione Originariamente Scritto da MaxRed Visualizza Messaggio
    Meditate gente....
    Sottoscrivo e rilancio.
    Ultima modifica di Eridano; 11-09-09 alle 07:56
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    594
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Un giovane eroe

    Riporto da Giustizia Giusta - Sylvia Stolz, un avvocato in galera per negazionismo

    Sylvia Stolz è ormai in prigione da quasi un anno nel carcere di Heidelberg, Germania, sotto l’accusa di “negazionismo” dei crimini nazisti. Ma differentemente da David Irving – il noto storico inglese che nel 2005 di passaggio per l’Austria venne condannato per lo stesso reato a tre anni e fu liberato “appena” un anno dopo grazie all’abiura delle sue tesi – e di altri personaggi che si sono voluti cimentare con il rischioso discorso dell’ “Olocausto”, la Stolz non vanta alcun titolo di studiosa, e non è nemmeno una dilettante più o meno ideologizzata di storia della II guerra mondiale.

    Sylvia Stolz infatti è un avvocato, e in questa veste aveva incontrato due altri condannati in Germania per reati di opinione, il tedesco Germar Rudolf e il fiammingo Siegfried Verbeke, prima di decidere di difendere di fronte a un Tribunale tedesco un terzo “negazionista”, Ernest Zundel: una storia incredibile, quella di Zuendel, che inizia in Canada dove l’oggi 67enne scrittore viveva ed aveva vinto una causa in cui era stato accusato di falsificazione storica; prosegue poco dopo con un misterioso incendio della propria casa, da cui la sua fuga di fatto negli Stati Uniti e infine – ecco l’ultimo capitolo – l’estradizione coatta in Germania, dove viene condannato a cinque anni di galera per quelle stesse tesi già “assolte” dalla corte di Toronto.

    La Stolz ha difeso Zuendel e ha pensato quel che pensa qualsiasi bravo avvocato: che bisogna in qualche modo anche entrare nel merito del reato contestato, dimostrando non la “verità” storica (non dovrebbe essere questo il compito di quale che sia Tribunale) ma la piena legittimità di un dibattito su quale che sia questione storiografica. Così dice anche la Costituzione tedesca. Ma è a questo punto che l’articolo 130 del Codice Penale tedesco – che in combinato con il 226 punisce con la prigione da 1 a 5 anni chiunque “neghi” crimini quali quelli definiti dall’ormai abusatissimo Tribunale di Norimberga – ha travolto anche lei: tre anni e mezzo di prigione, e la sospensione per ben 5 anni dalla professione di avvocato. Una morte civile, motivata con espressioni di sapore inquisitorio: la condannata, ha sentenziato il giudice Rolf Glenz, avrebbe usato il processo Zuendel per sostenere lei stessa le tesi negazioniste, tanto è vero che “ha un riflesso istintivo per rilasciare dichiarazioni di estrema destra”

    Comunque la si voglia mettere, il caso Stolz è di una gravità inaudita per i principi di un’Europa che ciancia ogni giorno di libertà e di democrazia da esportare in tutto il mondo. Si può dubitare per eccesso di zelo o per moderatismo convinto di qualche opinione della giovane legale, su Obama – da lei definito un pupazzo – o sulla inutilità della “rappresentanza parlamentare”: ma chi l’ha visitata in carcere come Gerard Menuhin, figlio del famoso violinista Yehudi Menuhin - un ebreo “contro” per parafrasare il titolo di un film di Francesco Rosi - ha riferito di pasti assai poco gradevoli, di letture obbligate di Hegel, e insomma di condizioni di detenzione che sfiorano un possibile sadismo carcerario, una malattia che forse colpisce con più piacere i colpevoli di “negazionismo” che l’assassino della cella accanto.

    Ma, fatta la tara alle dure e comunque ben comprensibili denunce dell’avvocato Stolz, la vergogna per l’Europa delle libertà civili e dei principi garantisti resta: a un primo livello c’è la codificazione del reato di “negazionismo” contenuta nell’art. 130 (che vuol dire “negare”? Quali i confini fra la banalizzazione del crimine storico, e la sua contestualizzazione? Chi decide della verità storica, il giudice?) e quella ancora più magmatica di “genocidio” dell’art. 226, copiata più o meno letteralmente dalla Convenzione sul genocidio del 1948: il fatto è che in una casistica così ampia come quella indicata dalla locuzione per la quale si avrebbe “genocidio” quando c’è il “tentativo di distruggere in tutto o in parte” un gruppo etnico, religioso etc. può rientrare qualsiasi, ma proprio qualsiasi conflitto odierno, anche e soprattutto in considerazione dell’enorme sviluppo tecnologico degli armamenti degli ultimi decenni. Tutto dunque si sposta sul piano massmediatico: è la grande stampa e chi la controlla, prima ancora dei Tribunali, a decidere di volta in volta quel che è e quel che non è “genocidio”. C’è genocidio nel Darfur del Sudan islamico; non c’è genocidio nel Congo orientale occupato dal Ruanda pro-americano. C’è genocidio nella Jugoslavia di Milosevic; non nell’Iraq occupato e bombardato da americani e inglesi. E’ genocidio quello ovvio di Hitler; non è genocidio “al minuto secondo”, di Hiroshima e Nagasaki.


    Su un piano più specifico il caso Stolz presenta i tratti inauditi di un processo e condanna di un avvocato nell’esercizio delle sue funzioni. Nel convegno su “Le opinioni imbavagliate” del 7 luglio scorso, promosso dal Comitato 21 e 33 presso l’Ordine degli Avvocati di Roma, due avvocati, Francesca Romana Fragale e Elisabetta Rampelli dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura hanno evocato e stigmatizzato una strana tendenza presente in alcuni casi giudiziari italiani, ad attribuire al legale lo stesso tipo di reato contestato al proprio assistito. Fragale in particolare sottolineava, con tanto di citazione da un testo di diversi secoli fa, che i processi dei tempi dell’Inquisizione funzionavano proprio così e finivano perciò per impedire una vera difesa dell’incolpato di turno.


    Ecco dunque il terzo livello della questione, il preoccupante scenario che sembra diffondersi sempre più in tutta l’Europa come ricordava un paio di settimane fa Mellini: un Europa laica di fronte alla Chiesa cattolica che chiede di includere nella propria Carta costituzionale il tema delle “radici cristiane” della sua civiltà; e che sicuramente ha un tasso di democrazia elevato rispetto a tante altre realtà del pianeta. Ma che tuttavia, quando si affronta un quale che sia tema legato alla tragedia della II guerra mondiale, fa riemergere i tratti di un dogmatismo e di un’intolleranza inquietanti. C’è invero da rabbrividire a sentire un deputato del PD sostenere, con riferimento al pur criticabile filone negazionista, che "in Italia c'è un problema, che è l'art. 21 della Costituzione che difende la libertà di espressione".

    Sarebbe opportuno considerare con attenzione la gravità della situazione: la possibilità cioè – è uno schema apparentemente impossibile, e tuttavia confermato da una pluralità di episodi repressivi degli ultimi anni – che la democrazia europea sia in qualche modo “a macchia di leopardo”, perché non diffusa a tutto campo, ma segmentarizzata e esistente solo su alcuni scacchieri tematici. Una democrazia cioè che si accompagna a una sorta di “totalitarismo settoriale”, alimentato da forme di misticismo molto pericolose che riguardano la storia recente e meno recente del continente: che non è ben percepito dalla massa solo perchè poco se ne parla, ma che nondimeno è tale, visto che – come nel caso Stolz - sfocia alla fine nella violazione plateale dei più banali e basilari principi dello Stato di Diritto.
    Ty fian dwma fiatua! - Sono un uomo libero, abitante di una nazione libera! - Dumnorix

    Se roma desidera dominare il mondo, questo vuol forse dire che tutti vogliano esserne suoi schiavi? - Caratacos

    9 Giorni, 9 Rune, 9 Virtù

 

 

Discussioni Simili

  1. Eroe
    Di Frankie D. nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 07-01-13, 20:48
  2. Eroe
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-12-08, 15:06
  3. La lettera di Guy Môquet: il giovane eroe della Resistenza
    Di Myrddin-Merlino nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22-10-07, 20:42
  4. La lettera di Guy Môquet: il giovane eroe della Resistenza
    Di Myrddin-Merlino nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-10-07, 20:21
  5. Eroe...
    Di Skarm nel forum Musica
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-11-05, 23:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226