User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question L'ISTAT falsifica le statistiche?

    Disoccupazione:Bankitalia contesta i dati Istat
    Secondo uno studio compiuto da Bankitalia, il reale tasso di disoccupazione sarebbe più preoccupante di quello ufficiale: attestandosi al 12,7% sarebbe due punti sopra ai dati diffusi dall'Istat


    MILANO - Nuovo allarme disoccupazione. O meglio, l'allarme sarebbe ancora più preoccupante. Secondo uno studio pubblicato dalla Banca d’Italia, infatti, ci sarebbe anche il lavoro tra i capitoli su cui le ultime ricerche statistiche sarebbero state troppo ottimistiche. Il tasso di disoccupazione potrebbe risultare sensibilmente più alto di quello ufficialmente registrato: di due punti esatti (poco al di sotto del 13%), mentre nel Mezzogiorno si superebbe addirittura il 26% di disoccupati.

    L' indagine di Bankitalia, in pratica, contesta soprattutto la metodologia statistica ufficiale, che non include fra i disoccupati coloro che non hanno avviato una concreta ricerca di lavoro entro il mese che precede la rilevazione stessa. Ecco, quindi, i dati diffusi da Banditali: nel nostro paese 53,5 persone su 100 hanno un lavoro, mentre i disoccupati veri e proprio sono il 6,4%. Un altro 3,1%, sempre sul totale della popolazione, indica tutti coloro che hanno fatto un tentativo di cercare un posto di lavoro, ma a distanza di oltre un mese dall' intervista (non inclusi, appunto, fra i disoccupati ai fini statistici). Ancora, il 5,2% degli italiani è da considerare “scoraggiato”, nel senso che ''la maggior parte di loro non cerca un lavoro poichè non ritiene di poterlo trovare''. Infine, il 31,8% viene definito “unattached”, con riferimento al fatto che poco meno di un terzo della popolazione del nostro Paese ''non manifesta alcun interesse per il mercato del lavoro'', cioè non cerca un impiego e non è disponibile a lavorare.

    L'indagine sottolinea che, in ogni caso, la ripartizione nelle diverse aree geografiche del Paese di tutte queste diverse categorie e' fortemente squilibrata. Nel Mezzogiorno, infatti, appena il 42% della popolazione è occupata (contro il 59,9% del Centro-Nord), mentre l' 11,3% del totale è disoccupato (3,7% appena nel resto del Paese). I disoccupati potenziali rappresentano il 5,8% (1,6% nel Centro-Nord), gli scoraggiati il 6,7% (4,4% nel resto d' Italia) e coloro che non hanno alcun interesse a lavorare il 34,2% (30,4% nelle altre aree). Fra le altre considerazioni, l' indagine conferma che la possibilità di trovare un lavoro per chi è disoccupato nel Centro-Nord è molto più alta rispetto a chi si trova in un' analoga condizione nel Mezzogiorno. Nel primo caso, infatti, si può trovare un posto, nell' arco di un trimestre, in una percentuale pari al 18,7% del totale. Al contrario, al Sud si scende all' 8,6%, mentre nella media nazionale ci si attesta sul 12,4%.

    (24 AGOSTO 2002, ORE 190)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L'ISTAT falsifica le statistiche?

    Originally posted by WASP_
    Disoccupazione:Bankitalia contesta i dati Istat
    Secondo uno studio compiuto da Bankitalia, il reale tasso di disoccupazione sarebbe più preoccupante di quello ufficiale: attestandosi al 12,7% sarebbe due punti sopra ai dati diffusi dall'Istat


    MILANO - Nuovo allarme disoccupazione. O meglio, l'allarme sarebbe ancora più preoccupante. Secondo uno studio pubblicato dalla Banca d’Italia, infatti, ci sarebbe anche il lavoro tra i capitoli su cui le ultime ricerche statistiche sarebbero state troppo ottimistiche. Il tasso di disoccupazione potrebbe risultare sensibilmente più alto di quello ufficialmente registrato: di due punti esatti (poco al di sotto del 13%), mentre nel Mezzogiorno si superebbe addirittura il 26% di disoccupati.

    L' indagine di Bankitalia, in pratica, contesta soprattutto la metodologia statistica ufficiale, che non include fra i disoccupati coloro che non hanno avviato una concreta ricerca di lavoro entro il mese che precede la rilevazione stessa. Ecco, quindi, i dati diffusi da Banditali: nel nostro paese 53,5 persone su 100 hanno un lavoro, mentre i disoccupati veri e proprio sono il 6,4%. Un altro 3,1%, sempre sul totale della popolazione, indica tutti coloro che hanno fatto un tentativo di cercare un posto di lavoro, ma a distanza di oltre un mese dall' intervista (non inclusi, appunto, fra i disoccupati ai fini statistici). Ancora, il 5,2% degli italiani è da considerare “scoraggiato”, nel senso che ''la maggior parte di loro non cerca un lavoro poichè non ritiene di poterlo trovare''. Infine, il 31,8% viene definito “unattached”, con riferimento al fatto che poco meno di un terzo della popolazione del nostro Paese ''non manifesta alcun interesse per il mercato del lavoro'', cioè non cerca un impiego e non è disponibile a lavorare.

    L'indagine sottolinea che, in ogni caso, la ripartizione nelle diverse aree geografiche del Paese di tutte queste diverse categorie e' fortemente squilibrata. Nel Mezzogiorno, infatti, appena il 42% della popolazione è occupata (contro il 59,9% del Centro-Nord), mentre l' 11,3% del totale è disoccupato (3,7% appena nel resto del Paese). I disoccupati potenziali rappresentano il 5,8% (1,6% nel Centro-Nord), gli scoraggiati il 6,7% (4,4% nel resto d' Italia) e coloro che non hanno alcun interesse a lavorare il 34,2% (30,4% nelle altre aree). Fra le altre considerazioni, l' indagine conferma che la possibilità di trovare un lavoro per chi è disoccupato nel Centro-Nord è molto più alta rispetto a chi si trova in un' analoga condizione nel Mezzogiorno. Nel primo caso, infatti, si può trovare un posto, nell' arco di un trimestre, in una percentuale pari al 18,7% del totale. Al contrario, al Sud si scende all' 8,6%, mentre nella media nazionale ci si attesta sul 12,4%.

    (24 AGOSTO 2002, ORE 190)
    Bè ma si sa che gli istituti di statistica, al soldo degli stati, DA SEMPRE e A SECONDA DI COME TIRA IL VENTO non falsificano ma quantomeno addomesticano le statistiche...d'altronde, considerando che tecnicamente il procedimento per il comune mortale è di ardua comprensione, puoi bene immaginare coem parametri e pesi vari possano essere abilmente "aggiustati" in modo da ottenere risultati il più comodo possibile...non è una novità...è un po' come i sondaggi...però questi dell'istat sono più professionali

 

 

Discussioni Simili

  1. Il fatto quotidiano falsifica la vicenda del ponte nord?
    Di Garat nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 133
    Ultimo Messaggio: 13-11-12, 15:34
  2. La Santanchè falsifica il curriculum ?
    Di ilgiardiniere nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 155
    Ultimo Messaggio: 25-03-11, 22:39
  3. un artista padano falsifica un correggio
    Di WANDA nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 19-09-08, 23:54
  4. Le banca rossa MPS falsifica le firme dei clienti
    Di arittutela nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 07-12-07, 17:56
  5. Venezuela: Cnn Falsifica Foto Contro Chavez
    Di L'Uomo Tigre nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-12-03, 19:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226