User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Le fondamenta di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    5,374
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Liberali, e quindi anarchici

    di Carlo Lottieri


    In quest'epoca di crisi degli Stati, non sono soltanto l'unità italiana o quella britannica ad essere messe in discussione. In qualche circolo culturale, e soprattutto grazie ad alcuni intellettuali controcorrente, la stessa idea dello Stato comincia ad essere contestata.

    Sotto certi aspetti pare di tornare indietro di quasi un secolo. Allora il panorama intellettuale presentava le utopie anarchiche di un Francesco Saverio Merlino o di un Camillo Berneri, oltre alle agitazioni libertarie di quei sindacalisti rivoluzionari che Filippo Turati accusa appunto di essere più anarchici che socialisti. Negli stessi anni, soprattutto, fiorivano studi e ricerche fortemente influenzati dall'ultra-liberalismo del Giornale degli Economisti e di quegli studiosi (da Gustave de Molinari a Yves Guyot, da Vilfredo Pareto a Maffeo Pantaleoni) che Léon Walras definì efficacemente con l'espressione "anarchici della cattedra". Tanto liberali e tanto coerenti da immaginare, in qualche caso, una società interamente basata sulla proprietà privata e sul contratto.

    Se il vecchio anarchismo europeo di matrice socialista è oggi ormai in disarmo e ha perso ogni attrattiva, è soprattutto sul versante liberale che l'anti-statalismo sta prendendo piede, in particolare tra i giovani. Ma si tratta di un liberalismo del tutto estraneo ai complessi d'inferiorità da cui erano affetti i liberali post-crociani e i cultori italiani di Ralf Dahrendorf, gli economisti keynesiani e i politologi abituati a considerare la democrazia parlamentare un orizzonte insuperabile: tutti intellettuali in diverso modo attratti dall'azionismo, dal liberalsocialismo, da un gobettismo tanto ingenuo quanto maldigerito.

    Il liberalismo libertario non vuole avere nulla a che fare con la tradizione italiana e, più in generale, con il giacobinismo, il nazionalismo e il laicismo che hanno segnato la cultura politica dell'Europa continentale. Al punto che l'unico liberale del Novecento che sta veramente a cuore a questi estremisti del liberalismo è Bruno Leoni: un intellettuale sicuramente geniale e molto apprezzato negli Stati Uniti, che ha scritto in lingua inglese il proprio lavoro più importante (La libertà e la legge, del 1961) e ha dovuto attendere più di trent'anni prima di vedere quest'opera tradotta in italiano. Il merito di questa iniziativa è di un piccola casa editrice di Macerata, la Liberilibri, e del professor Raimondo Cubeddu, studioso della scuola austriaca ed anche autore di un Atlante del liberalismo (edito da Ideazione) che al libertarismo dedica molte e illuminanti pagine.

    A parte Leoni, però, sono ben pochi gli autori italiani in cui i libertari si riconoscono: lo stesso Luigi Einaudi, d'altra parte, appare troppo timido e moderato a questi innamorati della libertà individuale e della concorrenza di mercato.

    I pensatori di riferimento, allora, sono prevalentemente americani. E questo non è certo casuale, se si considera che soltanto negli Stati Uniti è veramente sopravvissuta quella tradizione giuridico-politica che ha origine in John Locke e che è basata sulla tesi che gli individui possiedono diritti naturali inviolabili. Per un americano, è normale pensare che le istituzioni politiche debbano servire unicamente alla tutela dei diritti della persona e, in particolare, alla salvaguardia della vita, dell'incolumità e della proprietà. Alle orecchie di un californiano o di un cittadino del Vermont non suona certo strana né estremistica quella frase del presidente Jefferson secondo cui il miglior governo è quello che governa meno, né quell'altra di Thoreau, che aggiunse che il governo ideale è dunque quello che non governa per nulla.

    Oltre Oceano queste idee hanno sempre avuto buona accoglienza e hanno sempre suscitato interesse. Perfino negli anni del dirigismo roosveltiano, così, i luoghi comuni dell'ugualitarismo di Stato sono stati messi a dura prova da un intellettuale coraggioso come Albert Jay Nock, mentre è proprio durante il dopoguerra welfarista che sono state poste le premesse per quella rivolta culturale libertaria che ha avuto in Murray N. Rothbard il suo protagonista più significativo.

    Ed è proprio nel nome di Rothbard che oggi, anche da noi, il liberalismo torna a scoprire quanto lo Stato sia illegittimo e quanto l'ordine che emerge spontaneamente in una società libera, priva di monopoli legali e di minoranze impadronitesi del potere, sia superiore ad ogni sistema pianificato. Per Rothbard, insomma, lo Stato è una semplice banda di ladri e di prepotenti che pretende di disporre della nostra vita e delle nostre risorse, impedendoci di costituire imprese e stipulare contratti.

    Grazie alle iniziative editoriali di Aldo Canovari, responsabile della Liberilibri, questa letteratura liberale comincia ad essere conosciuta. Oltre a Leoni e a Rothbard (L'etica della libertà, del 1982, e Per la nuova libertà, del 1973), Canovari ha pubblicato Nock (Il nostro nemico, lo Stato), Bastiat (Contro lo statalismo), David Friedman (L'ingranaggio della libertà), Block (Difendere l'indifendibile), Jouvenel (L'etica della redistribuzione), Trenchard e Gordon (Cato's Letters), Novak (Verso una teologia dell'impresa), ecc. E sono in cantiere testi di Ayn Rand, di Lysander Spooner e di altri autori fondamentali della tradizione libertaria.

    Questa esplosione di traduzioni è accompagnata dal lavoro di alcuni nostri studiosi, che stanno in vario modo divulgando e rielaborando le teorie del liberalismo classico e - in alcuni casi - dello stesso anarco-capitalismo rothbardiano. Oltre al già ricordato Cubeddu, vanno ricordati quegli studiosi della Luiss di Roma che (per merito, in particolare, di Dario Antiseri, di Lorenzo Infantino e dell'editore Rubbettino di Soveria Mannelli) stanno portando all'attenzione del mondo intellettuale nostrano le ragioni della prasseologia di Ludwig von Mises (maestro di Rothbard), del fallibilismo di Karl Popper e dell'individualismo metodologico di Raymond Boudon.

    Dopo decenni di calma piatta e, insomma, dopo il gran proliferare di una cultura variamente neo-marxista, strutturalista e progressista, la scena intellettuale comincia ad animarsi. Articoli e saggi di intonazione libertaria sono facilmente riconoscibili anche su alcune importanti riviste di cultura politica: da Biblioteca della Libertà (diretta da Angelo M. Petroni) a Federalismo & Società (diretta da Mauro Marabini), a Ideazione (diretta da Domenico Mennitti). Ed è su queste pagine che alcuni giovani ricercatori dichiaratamente avversi allo Stato moderno propongono critiche sempre più aperte nei riguardi della fiscalità (considerata una rapina bella e buona), della solidarietà pubblica (usata per legittimare lo strapotere dei politici e dei burocrati), della regolamentazione (giudicata un'aggressione alla libertà contrattuale), dell'ecologia di Stato (colpevole di ostacolare un'oculata gestione dei beni ambientali), ecc.

    Queste discussioni teoriche, certamente, conoscono pure qualche ricaduta politica, nel senso più ristretto del termine. Il cielo della teoria e il terreno della pratica militante, insomma, finiscono in più di un'occasione per venire a contatto. Una delle prime occasioni di dibattito tra anarchici "tradizionali" e anarco-liberali si ebbe quando su "A - rivista anarchica" apparve una lunga lettera di un giovane libertario bolognese, Guglielmo Piombini, che sul numero di maggio del 1995 argomentò a difesa del mercato e della proprietà privata, giudicati strumenti fondamentali per salvaguardare l'autonomia della società civile e porre solidi argini di fronte alla prepotenza degli apparati di Stato. Fece seguito una risposta di Pietro Adamo e, nei numeri successivi, il dibattito si ampliò, contribuendo a fare venire alla luce molte idee e tradizioni culturali che fino a quel momento non avevano avuto alcuna cittadinanza all'interno della nostra cultura.

    Ma se la tradizione anarchica continua tuttora a esibire ostilità o diffidenza verso il capitalismo radicale dei libertari, una diversa simpatia viene mostrata da qualche ambiente liberale di Forza Italia. Si è già parlato di Ideazione: intesa come rivista e come casa editrice. Ma le stesse iniziative culturali di Massimiliano Finazzer Flory, favorevole all'apertura di un nuovo dialogo tra i federalisti del centro-destra e i secessionisti padani, si basano in larga misura sulla forte valorizzazione di questo nuovo liberalismo che intende porre al centro del dibattito la tutela della proprietà e della libertà individuale.

    Anche i leghisti, al pari dei radicali, iniziano d'altra parte a mostrare grande interesse per tali idee. In occasione delle elezioni padane si è così assistito alla presentazione di alcune liste che avevano proprio in Rothbard e nel libertarismo il loro riferimento ideale. Una di queste, intitolata "Padania liberale e libertaria", ha ottenuto un risultato sorprendente, portando all'elezione di una dozzina di candidati. Responsabile di questa iniziativa è un giornalista del quotidiano della Lega, Leonardo Facco, che in qualità di editore sta dandosi molto da fare per diffondere il libertarismo, che ha pubblicato pure un volume (Nazione, cos'è) in cui è incluso un saggio di Rothbard sul tema della secessione e dirige un nuovo trimestrale (Enclave) interamente consacrato alle ragioni del libertarismo padano. Sui Quaderni padani, diretti da Gilberto Oneto e promossi dalla "Libera Compagnia Padana", sono quindi usciti articoli apertamente libertari: a testimonianza del fatt o che le proposte del liberalismo più coerente stanno trovando un proprio spazio nell'universo leghista, dove sono rispettate e dove è vivo un serio dibattito sull'esigenza di superare il centralismo della vecchia statualità.

    Le iniziative che abbiamo descritto delineano un quadro che resta ancora inadeguato a fronteggiare la cultura egemone, di destra e di sinistra, molto determinata a mantenere ben saldi i dogmi dello Stato e della sovranità. Eppure questo gruppetto di case editrici e di riviste rappresenta comunque un significativo centro di resistenza intellettuale. Negli anni Settanta, d'altra parte, l'unico tentativo di far conoscere le idee libertarie vide protagonista Riccardo La Conca e si concretizzò nei cinque numeri della sua rivista, Claustrofobia, sulla quale apparvero saggi di Rothbard, Childs, Lavoie, Block, ecc. Dopo quell'episodio, per circa quindici anni vi fu il silenzio più totale.

    Oggi, quanto meno, i libertari sono usciti dalle catacombe. E già questo appare un segnale positivo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grande Lottieri, anche se la sua fiducia in Forza Italia rasenta l'illusione (sono in buona compagnia... ).

  3. #3
    hussita
    Ospite

    Predefinito

    Originally posted by ARI6
    Grande Lottieri, anche se la sua fiducia in Forza Italia rasenta l'illusione (sono in buona compagnia... ).
    ho pensato la stessa cosa
    solo che non ho mai avuto fiducia in FI


  4. #4
    Le fondamenta di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    5,374
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by hussita


    ho pensato la stessa cosa
    solo che non ho mai avuto fiducia in FI

    Perché non eri a conoscenza che presto sarò io a cambiare Forza Italia :P

  5. #5
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sempre che prima F.i. non cambi te

    Vedo molti forzisti, anhe giovani, che stan seguendo l'involuzione di forza i-talia: da liberali e socialdemocratici

    Direi che è d'obbligo

    Sa£udi serenissimi da Pippo III.

  6. #6
    Globalization Is Freedom
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    2,486
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'unica speranza per questo paese di m***a è che quel poco di sano che ancora resta, nonostante tutto, nella Lega, in FI e altrove si saldi in un blocco trasversale liberale, sempre pronto a intervenire compattamente a difesa delle libertà individuali e contro lo statalismo selvaggio che questo governo non ci sta certo risparmiando.
    "Non spargerai false dicerie; non presterai mano al colpevole per essere testimone in favore di un'ingiustizia. Non seguirai la maggioranza per agire male e non deporrai in processo per deviate la maggioranza, per falsare la giustizia. Non favorirai nemmeno il debole nel suo processo" (Esodo 23: 1-3)

  7. #7
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Pippo III
    Vedo molti forzisti, anhe giovani, che stan seguendo l'involuzione di forza i-talia: da liberali e socialdemocratici
    Ne vedo anch'io, e spesso ne resto sconfortato.
    Ma poi penso alla prima "lezione" di politica datami da un forzista locale: "Se qualcosa non va bene, non serve lamentarsi ma impegnarsi per cambiarla". Ecco, io credo che il modo migliore per non far dilagare l'involuzione di FI sia intervenire cercando di coinvolgere giovani liberali all'interno del partito, gente che funga da contrappeso alle vecchie volpi del garofanone o dello scudocrociato e sappia rappresentare un costante dissenso verso le politiche stataliste che prima venivano attuate "di nascosto" e ora si annunciano con gaudio.
    Rimango scettico sull'entità dei risultati raggiungibili, ma credo che un tentativo lo si debba fare e apprezzo chi, come Pauler, ci sta provando: io ancora non ho avuto il coraggio.

  8. #8
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In bocca al lupo a chi tenterà la sorte

  9. #9
    Moderatore Libertarissimo
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Covo dei "Sovversivi"
    Messaggi
    1,141
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In bocca al lupo a chi tenterà la sorte

 

 

Discussioni Simili

  1. Libri liberali,liberisti, libertari, libertarian,anarchici in formato PDF
    Di LIBERAMENTE nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 04-05-18, 15:35
  2. Anarchici quindi solidali
    Di Ran Tasipi nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 19-09-08, 19:00
  3. Riformatori Liberali: i liberali ed i radicali liberisti nel Centro-Destra
    Di GionataPacor (POL) nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 03-01-08, 14:11
  4. Liberali, e quindi Anarchici.
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-11-07, 15:40
  5. Liberali, quindi Anarchici.
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-10-07, 00:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226