User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito prezzi +15% +23%, e come si campa?

    Già prima che i palazzi italiani del potere chiudessero per ferie si parlava del prossimo «autunno caldo» sul fronte politico, sociale ed economico. Ma quella temuta stagione è arrivata addirittura in anticipo, arrecando grattacapi di non poco conto soprattutto a chi detiene il timone del Paese.A scaldare gli animi e ad animare i dibattiti è innanzitutto l'inflazione: invece di raffreddarsi secondo le previsioni del Governo, ha fatto registrare un balzo in avanti. L'ha certificato l'Istat, con il suo «paniere» accusato di non essere adatto a fotografare il reale andamento dei prezzi, e l'Eurostat ha tracciato un quadro ancora più nero.Da parte loro, le associazioni dei consumatori denunciano un'inflazione tripla di quella rilevata dagli istituti statistici. Che siano queste ultime le cifre più reali lo sanno bene le famiglie italiane e tutti i cittadini. Si trovano, infatti, con un potere d’acquisto ridotto di mese in mese. E in settembre scatterà una nuova raffica di aumenti delle tariffe: assicurazioni auto e moto più 15 per cento, trasporti ferroviari più 4.5 per cento, bollette del telefono più 6.9 per cento, della luce più 3.3 per cento, del gas più 2.1 per cento.Perché tutti questi aumenti? Gli aumenti, invero, sono dovuti non a questioni di carattere tecnico, bensì ad una sorta di sciacallaggio da parte di chi ha approfittato della situazione alle spalle dei più deboli.Si resta di stucco davanti ad alcuni dati rilevati dall’Ismea e diffusi dalla Coldiretti a proposito del mercato di frutta e verdura nel giugno di quest’anno rispetto al 2001. Se gli importi pagati ai contadini sono spesso minori di quelli dell’anno scorso, i listini nei negozi sono schizzati alle stelle. Con punte da follia: carote più 827 per cento, zucchine più 567 per cento, cetrioli più 483 per cento e via elencando. I meloni sono aumentati del 42 per cento dai fruttivendoli quando ai produttori sono stati pagati il 28.6 per cento in meno. Definire tutto ciò scandaloso è poco.Che fare? Il Governo sembra avere le armi spuntate. Le promesse di Berlusconi dal Meeting di Rimini sul blocco delle tariffe (ma solo dal prossimo anno) e di adeguamento dei salari non all’inflazione programmata (1.4 per cento) ma a quella calcolata dall’Istat (2.3 per cento ad agosto) sono ritenute difficilmente praticabili. E fa sorridere la proposta del ministro Tremonti di stampare banconote da un euro per farne comprendere meglio il reale valore e arrestare così la spirale inflattiva.In realtà, l’aumento dei prezzi è solo una faccia dei problemi economici dell’Italia. La ripresa si fa attendere. Intanto crescono il fabbisogno dello Stato e il deficit pubblico, mentre le entrate tributarie sono inferiori al previsto. Sarà anche tutta colpa della difficile congiuntura internazionale, ma andando così le cose il Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) ed anche il «Patto per l’Italia» rischiano di restare lettera morta. Così pure l’«impegno preciso» di «meno tasse per tutti».L’Unione Europea non ne vuole sapere di modifiche al Patto di stabilità ed allora, per far cassa, rispuntano ipotesi di condoni fiscali ed edilizi che si affiancherebbero ai già attuati provvedimenti per il rientro dei capitali dall’estero e l’emersione delle aziende in nero.Questa volta, tuttavia, c’è forte dissenso all’interno della stessa compagine governativa. Il ministro per le Infrastrutture, Pietro Lunardi, ha espresso la propria ferma contrarietà, definendo un’eventuale nuova sanatoria degli abusi edilizi come torto ai cittadini rispettosi delle leggi. «Perdere di vista questo aspetto — ha affermato — ci farebbe ripiombare in un passato dove a farla franca sono stati solo e soltanto i furbi». Se lo dice lui...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ospite

    Predefinito Re: prezzi +15% +23%, e come si campa?

    Originally posted by friuli
    Già prima che i palazzi italiani del potere chiudessero per ferie si parlava del prossimo «autunno caldo» sul fronte politico, sociale ed economico. Ma quella temuta stagione è arrivata addirittura in anticipo, arrecando grattacapi di non poco conto soprattutto a chi detiene il timone del Paese.A scaldare gli animi e ad animare i dibattiti è innanzitutto l'inflazione: invece di raffreddarsi secondo le previsioni del Governo, ha fatto registrare un balzo in avanti. L'ha certificato l'Istat, con il suo «paniere» accusato di non essere adatto a fotografare il reale andamento dei prezzi, e l'Eurostat ha tracciato un quadro ancora più nero.Da parte loro, le associazioni dei consumatori denunciano un'inflazione tripla di quella rilevata dagli istituti statistici. Che siano queste ultime le cifre più reali lo sanno bene le famiglie italiane e tutti i cittadini. Si trovano, infatti, con un potere d’acquisto ridotto di mese in mese. E in settembre scatterà una nuova raffica di aumenti delle tariffe: assicurazioni auto e moto più 15 per cento, trasporti ferroviari più 4.5 per cento, bollette del telefono più 6.9 per cento, della luce più 3.3 per cento, del gas più 2.1 per cento.Perché tutti questi aumenti? Gli aumenti, invero, sono dovuti non a questioni di carattere tecnico, bensì ad una sorta di sciacallaggio da parte di chi ha approfittato della situazione alle spalle dei più deboli.Si resta di stucco davanti ad alcuni dati rilevati dall’Ismea e diffusi dalla Coldiretti a proposito del mercato di frutta e verdura nel giugno di quest’anno rispetto al 2001. Se gli importi pagati ai contadini sono spesso minori di quelli dell’anno scorso, i listini nei negozi sono schizzati alle stelle. Con punte da follia: carote più 827 per cento, zucchine più 567 per cento, cetrioli più 483 per cento e via elencando. I meloni sono aumentati del 42 per cento dai fruttivendoli quando ai produttori sono stati pagati il 28.6 per cento in meno. Definire tutto ciò scandaloso è poco.Che fare? Il Governo sembra avere le armi spuntate. Le promesse di Berlusconi dal Meeting di Rimini sul blocco delle tariffe (ma solo dal prossimo anno) e di adeguamento dei salari non all’inflazione programmata (1.4 per cento) ma a quella calcolata dall’Istat (2.3 per cento ad agosto) sono ritenute difficilmente praticabili. E fa sorridere la proposta del ministro Tremonti di stampare banconote da un euro per farne comprendere meglio il reale valore e arrestare così la spirale inflattiva.In realtà, l’aumento dei prezzi è solo una faccia dei problemi economici dell’Italia. La ripresa si fa attendere. Intanto crescono il fabbisogno dello Stato e il deficit pubblico, mentre le entrate tributarie sono inferiori al previsto. Sarà anche tutta colpa della difficile congiuntura internazionale, ma andando così le cose il Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) ed anche il «Patto per l’Italia» rischiano di restare lettera morta. Così pure l’«impegno preciso» di «meno tasse per tutti».L’Unione Europea non ne vuole sapere di modifiche al Patto di stabilità ed allora, per far cassa, rispuntano ipotesi di condoni fiscali ed edilizi che si affiancherebbero ai già attuati provvedimenti per il rientro dei capitali dall’estero e l’emersione delle aziende in nero.Questa volta, tuttavia, c’è forte dissenso all’interno della stessa compagine governativa. Il ministro per le Infrastrutture, Pietro Lunardi, ha espresso la propria ferma contrarietà, definendo un’eventuale nuova sanatoria degli abusi edilizi come torto ai cittadini rispettosi delle leggi. «Perdere di vista questo aspetto — ha affermato — ci farebbe ripiombare in un passato dove a farla franca sono stati solo e soltanto i furbi». Se lo dice lui...
    CdL
    Confraternità
    di
    Ladri

    regole per l'ammissione..

    la Cdl e una confraternità fondata sull'ipocrisia .
    sono ammessi tutti coloro che degli ideali ne fanno l'uso più renumerativo possibile , in bustarelle , truffe , ladraggio e sciacallaggio.
    e ammesso , anzi ne è obbligatorio l'uso della menzogna verso i propri sostenitori al fine di arrivare alla mira prefissa il posto in parlamento con le relative renumerazioni dirette ed indirette
    ..............

  3. #3
    Patrie dal Friul
    Data Registrazione
    11 Jul 2002
    Località
    Udin
    Messaggi
    1,148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Confraternita di la dri o no, non so

    ma una assicurazione autombilistica fatta da un mio parente, questo anno costa 150€ in piu'.Non e' possibile una sitauzione del genere, inoltre la luce , in Italia gia' costava il 30% in piu' io mi riferisco alla Gemania, e ora , ci propinano altri aumenti

    ma non e' che vogliono farci pagare anhce una "tassa sulla vita " in futuro?

    Io medito un poco, ma i conti non mi tornano

 

 

Discussioni Simili

  1. Che s’ha da fa’, pe’ campa’...
    Di DUKE nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-05-13, 13:52
  2. Che s'à da fà pe campà
    Di isoica nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 25-04-10, 19:52
  3. Ma guarda che se deve fa' pe' campa'..
    Di Fuori_schema nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-03-06, 11:19
  4. potere sionista / che s'ha da fa pe' campa'!
    Di cariddeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 03-03-04, 02:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226