User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Una Conversione per tutti

    Ho passato quest'estate in totale rilassamento, per lo più steso su spiagge neanche molto assolate, e mi hanno fatto compagnia diverse letture. Tra esse spicca senza dubbio un libello di grande successo negli ultimi mesi: parlo della storia personale raccontata da Leonardo Mondadori a Vittorio Messori e riassunta da quest'ultimo nel lavoro dal titolo eloquente di "Conversione".
    Un racconto commovente, che suscita senza dubbio invidia in chi, pur sforzandosi, non riesce ad essere investito dall'illuminazione divina: si perchè Mondadori ribadisce a più riprese che tutto è gioia dal giorno della sua conversione, nonostante non gli siano mancati, e non gli manchino, motivi di angoscia profonda.
    Infatti la sua condizione di "privilegiato" non lo pone certo al riparo dalle sofferenze della vita, e neanche in contrasto con l'ortodossia cattolica che, va ricordato, niente ha a che fare con il pauperismo.
    Insomma, il volume (naturalmente edito da Mondadori al costo di 10 €) lo consiglio a tutti: a chi crede, a chi vorrebbe ma per il momento non ci riesce (come il sottoscritto) e a chi magari pensa che il massimo del cristianesimo stia nel camping estivo di don Vitaliano.
    Riporto qui anche le recensioni (apparse su Libero e Ideazione) di Alberto Mingardi e Carlo Stagnaro: le avevo lette a tempo debito, e ringrazio i due per avermi fatto scoprire una storia personale da cui molti avrebbero da imparare.

    Il Vangelo? c'è l'elogio della piccola impresa

    di Alberto Mingardi

    "Ideologicamente ritardati": basta questa definizione schietta del cardinale Biffi per raccontare i mille colori dell’anticapitalismo nostrano. Dalla sinistra massimalista alla destra sociale, sono tanti i nomi, le sigle, le etichette che si ricamano addosso gli acchiappanuvole dell’ideologia. Laici, laicissimi apostoli di quella religione del consenso e del terrore che per anno zero ha il 1789. Ma anche molti cattolici, divisi fra il richiamo del mistero e la tentazione di un abracadra umanissimo, le magie impossibili del socialismo più o meno reale.

    Ci vorrebbe un antidoto, servirebbe una vaccinazione. Forse c’è. La si può trovare curiosando fra le pagine di "Conversione" (Mondadori), caso letterario del momento. Leonardo Mondadori, top manager, bon vivant, milanese da bere, racconta a Vittorio Messori, aristocratico del giornalismo cattolico, il suo scarpinare felice sul sentiero che porta alla Verità. Una storia privatissima: il dono della fede, la riscoperta di quelli che si liquidano fastidiosamente come "valori", questo capicollare fra le braccia della Gioia, g maiuscola, negato ai più – quelli cui mancano l’occasione, e il nerbo, di credere.

    Eppure, in questa storia di errore e speranza, in questo dialogo caleidoscopico sui massimi sistemi del quotidiano, spuntano insegnamenti semplici, rivelazioni choc. "Conversione" non è un libro politically correct, proprio perché la conversione – se non diventa un credere negli uccellini e nelle caprette, nell’ipocrisia new age di una religione senza tonache e funzioni, in un Dio fast-food che è solo un "personal trainer" dell’anima – non può essere politically correct.

    Questa religiosità così rigorosa, ortodossa? sì ortodossa, di cui fa orgogliosa mostra Leonardo Mondadori è già uno schiaffo ai preti in blue jeans, ai missionari dell’ecumenismo, ai sacerdoti no global. Epperò i ceffoni si sprecano, in questo libretto smilzo, anticonformista, prezioso.

    La prima sberla arriva quando Messori polverizza il mito dell’impegno, imprescindibile puntello del "credo" del cattocomunista perfetto. "L’impegno nella polis", figlio e padre del primato della politica, "ha provocato disastri terribili, con le sue ideologie rosse , nere e di ogni colore , elevate a religioni secolari e produttrici di cataste di morti e di sofferenze inenarrabili. Non va demonizzato; ma, con altrettanta certezza, va demitizzato". Parole a mezz’aria, che lasceranno a labbra socchiuse non pochi lettori, come all’improvviso abbandonati alla deriva, derubati della rassicurante certezza che la salvezza possa sgattaiolare fuori da un’urna elettorale, che la virtù diventi "legge" in Parlamento.

    No. C’è un messaggio nascosto nel libro, abbozzato in controluce, tutto da decifrare. Né la politica né l’economia sono "cristiane" per definizione: ma fra le due, è più probabile che ci si possa incamminare sulle orme di Gesù coltivando la seconda anziché la prima. Messori applaude al "sano interesse concreto di ciascuno", levatrice di prosperità e pluralismo più di qualsiasi bene comune, e lo fa persino quando è tabù, s’inalbera in un elogio del mercato dove questo guai se si azzarda a entrare. E’ la cultura, che s’immagina patrimonio di tutti, da dispensarsi a ciascuno secondo i suoi bisogni, attraverso lo Stato.

    Invece i cattolici, sussurra Messori, custodi di un serbatoio di verità potenzialmente letali per il leviatano("il cristianesimo, nel suo vero significato, distrugge lo Stato", dice Tolstoj) proprio i cattolici dovrebbero capire che "l’ingresso della ‘cultura’ nel deprecato mercato può rivelarsi un fattore di libertà". "La società aperta (...) passa anche dal libro non considerato dissimile dal fustino di detersivo, fabbricato solo se gradito a un numero sufficiente di casalinghe". Eccolo qui, capovolto, messo a testa in giù, il fiero dogma del laicismo, la ragion d’essere della scuola pubblica, l’abc di quel "comunismo intellettuale" che ha tanto successo su entrambi i lati dello spettro politico.

    Non finisce qui: perché sarebbero solo opinioni, se Messori non spalancasse le Scritture. Si direbbe che ha provato a riconciliare Gesù e Adam Smith, il punto è che non ce n’è bisogno. Nel mirino, c’è la lettura pauperista dei Vangeli, quella che Cristo sarebbe stato il primo socialista, un divino proletario, e Marx in fondo è un velocista mentre Pietro è un maratoneta, ma vanno nella stessa direzione.

    Anzitutto, Cristo – spiega Messori – non era certo un proletario: Giuseppe nei Vangeli è "tékton", falegname ma anche imprenditore, titolare di un’impresa più media che piccola. Quello in cui cresce Gesù è insomma "un ambiente sottratto alla povertà da un’operosità intelligente". E non se ne distacca negli anni della predicazione: i dodici "non vivevano alla giornata", avevano ricchi benefattori e un’amministrazione precisa. Un po’ come la Chiesa di ieri e di oggi, cui ancora si rimprovera, come a San Paolo "questa abbondanza che viene da noi amministrata".

    Non ci può essere lotta di classe se si scruta nel cuore degli individui. Messori ricorda persino che nella buona novella ci sono "ricchi buoni" (come tanti amici, e seguaci, di Gesù) e "poveri cattivi", come la massa rabbiosa che "vota Barabba". Il peccato è un’esperienza universale, se ne infischia delle dichiarazioni dei redditi.

    Quella di Vittorio Messori non è accondiscendenza, desiderio di compiacere l’uomo e ricco e potente che si trova a raccontare, a spiegare in primo luogo a se stesso, in questo "Conversione". E’ la voglia di scrollarsi di dosso il giogo pesante di quella mortificazione della vita economica che si accompagna, in certi cristiani, all’eresia di sognare il paradiso sulla terra.




    Conversione: il realismo cristiano di un uomo qualunque
    di Carlo Stagnaro

    Si chiama Leonardo Mondadori, ma potrebbe avere qualsiasi altro nome, l'uomo che dialoga con Vittorio Messori in "Conversione. Una storia personale". Un libro dedicato alla vita, narrata con serenità e senza fronzoli, di una persona che solo per caso è il presidente del maggiore gruppo editoriale italiano. Un padre di tre figli avuti da due diverse mogli, un marito due volte divorziato, un poverocristo come tutti noi a cui Dio ha voluto concedere grandi opportunità, dall'agiatezza economica alla possibilità di frequentare i cenacoli intellettuali più esclusivi, ma che ha anche dovuto affrontare enormi sofferenze (a partire, si capisce, dai tre tumori che avvelenano la sua vita da alcuni anni). Leonardo Mondadori è un uomo che, dieci anni fa, si è guardato indietro e ha visto solo disordini e fallimenti, appena mascherati dallo sfarzo di una vita apparentemente godereccia. Un uomo qualunque, insomma, che dopo aver cercato ogni tipo di felicità materiale avverte la mancanza di qualcosa di più solido - di un Volto cui affidarsi. Che si rende conto di aver ridacchiato molte volte, ma di non aver mai sperimentato l'esperienza profonda di quella gioia che solo la fede può donare. E' di fronte a questa grazia che tutta la sua precedente esistenza passa in secondo piano, per cedere il passo a una missione di apostolato e testimonianza. E' tutta lì, in fin dei conti, la vicenda del nipote prediletto di Arnoldo Mondadori. "Per me, la pratica della vita cristiana è stata per decenni messa da parte - egli confessa. Poi, ecco la riscoperta e l'avanzare sempre più - e sempre più con convinzione e gioia - in questa strada evangelica ritrovata".

    "Conversione" è un libro fatto di parole semplici, come tutte le opere di Messori. Un libro in cui la parolona è sovente una parolaccia - non c'è spazio per il "sincretismo" o l'"irenismo" o chissà che; ogni attenzione è rivolta ai termini facili del catechismo: la comunione, l'esame di coscienza, la messa. E' questo un libro che non si cimenta nell'arrampicata libera sugli specchi della lettura "non letterale" dei Vangeli per razionalizzare e meccanizzare l'incontro con Cristo, ma che cerca nei fatti, grandi e piccoli, della vita quotidiana il riflesso della parola di Dio. I due autori, dunque, non si vergognano di trattare argomenti anche "scandalosi": l'indissolubilità del matrimonio, la castità, il Paradiso e l'Inferno, il ritorno a una religiosità "antica", segnata dalla preghiera e dalla confessione e riscaldata da una speciale devozione a Maria. Una religiosità che può emergere in tutto il suo splendore e in tutta la sua gioia solo grazie all'abbraccio della Chiesa Cattolica, sempre pronta ad accogliere il figliol prodigo e ad ammazzare per lui il vitello grasso.

    Leonardo, poi, deve il proprio riavvicinamento alla fede alla lettura di Escrivà de Balaguer, fondatore dell'Opus Dei, e al suo insegnamento limpido e intriso di un profondo, comune buonsenso. E' forse anche per questo che Mondadori non ha subito l'"effetto San Francesco": la mania un po' kitsch e un po' mondana, che talvolta coglie i convertiti à la page, di abbandonare tutti i propri averi e ritirarsi su qualche cucuzzolo esotico per sperimentare l'esperienza del dialogo con gli stambecchi e le donnole. Rischiando peraltro di perdere prima ancora di averlo trovato il dialogo con Dio. Leonardo non corre questo pericolo. Egli ha fatto proprio l'insegnamento del beato Escrivà: primeggiare nel proprio lavoro e mettersi al servizio del Signore; non rinunciare alle ricchezze ma usarle per fare il bene; non adottare uno stile di vita esibizionista ma essere partecipi della "stranezza di non essere strani". Insomma, non fuggire dal mondo ma viverlo con la massima intensità. Su questo, anzi, i due autori hanno sentito l'obbligo di soffermarsi, non fosse altro perché "più di un secolo di propaganda marxista ha lasciato le sue tracce inquinanti anche su non poca pastorale cristiana".

    Ripercorrendo le vicende evangeliche, la vita di Gesù e di coloro che gli furono vicini (fisicamente e spiritualmente) Messori mostra che fra di loro vi erano ricchi e poveri, senza alcuna distinzione. I primi non venivano condannati in quanto tali, anzi; spesso è stato solo grazie alla loro benevolenza che il cristianesimo ha potuto emergere e consolidarsi. La ricchezza è, come tutte le cose terrene, uno strumento di cui gli uomini dispongono e che può dunque essere usato per compiere il bene o per fare il male. "Beati [sono] coloro - egli scrive - che possono avere anche beni ma che ne sono distaccati, non ripongono in essi la loro fiducia. Nella prospettiva religiosa, non inquinata da categorie politiche moderne, vero miserabile è il peccatore, colui che meno è ricco di una Grazia divina che, per giunta, nemmeno desidera e cerca". Ma il fedele è sempre ricco di questa Grazia, e il fatto che disponga o no di beni materiali nulla conta al fine di un giudizio che spetta solo a Dio. Anzi, affermare che solo i poveri hanno "diritto" al Regno dei Cieli è una forzatura illecita di coloro che "vorrebbero fare del Vangelo un manuale del rivoluzionario o del sindacalista".

    "Conversione" è un libro segnato da un impietoso realismo cristiano proprio perché racconta le ricchezze e le miserie, in una parola la vita, di un pover'uomo come tutti. Nasce da qui il suo essere scomodo: e c'è da scommettere che farà storcere il naso a più d'uno. Farà arrabbiare i fanatici del laicismo e del suo dio secolare e bastardo: lo Stato, quello che ha tolto le ostie dai tabernacoli per mettervi le flebo, che ha sostituito alla confessione le sedute psichiatriche e alla tonaca del sacerdote il camice bianco del medico. Ma scatenerà pure l'ira dei fautori di un cattolicesimo buonista, "dialogante", fariseo, dimentico dell'impossibilità di subordinare una astratta "etica cristiana" al messaggio salvifico della Croce. Lo scopo dichiarato del volume è aiutare coloro che cercano la fede. E se anche uno solo riuscisse a vedere Dio grazie alle parole, semplici e scandalose, di Messori e Mondadori, questi avrebbero pienamente vinto la propria sfida con il mondo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    FIAT VOLUNTAS TUA
    Data Registrazione
    11 Mar 2002
    Località
    Sacro Romano Impero
    Messaggi
    3,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Caro Ari6, sarò molto sbrigativo, ( mi piacerebbe parlarne più diffusamenta con te) e ti indico due strade per credere:

    ASPETTARE E PORTARE PAZIENZA: non vuol dire, però, non far nulla. Significa sforzarsi di capire dove, come e quando quel qualcosa che è così naturale, in te non è sbocciato o se, sbocciato in tempi non maturi, si è raggelato con il sopraggiungere dell'inverno.


    VOLONTA': e' la stessa strada che percorre il credente. Oggi si pensa che chi credenon abbia mai dubbi, sia sempre tranquillo nella fede..... è solo il periodo dell'innamoramento del Cristo, la luna di miele... poi viene l'amore: più raddici e meno fiamme. E allora, nei momenti di sbandamento, bisogna continuare... continuare... continuare...Pensa, perfino San Pio da Petralcina aveva di 'sti problemi, eppure......

    Se non ti dispiace, stasera vorrei pregare per te! Dio ti dia la gioia del Suo incontro, e l'onore della Croce del Figlio Unigenito.
    Sono sicuro: accadrà, però aspettati qualcosa di sconvolgente.... io già credevo, ma la GRAZIA è ginta con tale ... permettimi.... VIOLENZA, che ora sono più integralista (pur nel peccato che mi perseguita!) di tanti altri, che nel cammino mi avevano preceduto!

    Ma che posso farci? Quando ami, ami! E Dio non permette "storielle" con lui: o una cosa seria o niente!
    Accadrà, e allora piangerai la sera per la gioia di essere con LUI, e i dolori, e gli affanni ci saranno, ma avranno un senso.... tutto avrà il suo senso. Come una bella architettura, e la pietra "scartata" diverrà testata d'angolo!

    Un abbraccio nel Signore!
    "

  3. #3
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie, grazie davvero per le bellissime parole.

  4. #4
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ho letto con profondo piacere questo thread. Grazie per averlo postato

  5. #5
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Prego. Io mi sono stupito di emozionarmi per certe cose e sono felice di vedere che ad altri succede altrettanto.

  6. #6
    Estremista della libertà
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Stanza dei bottoni del Forum "Libertarismo"
    Messaggi
    18,289
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Unhappy E' morto Leonardo Mondadori

    Da www.corriere.it


    Il presidente dell'omonima casa editrice si è spento nella sua casa milanese. Lo scorso marzo aveva riscoperto la fede

    Leonardo Mondadori (Ansa)
    MILANO - Leonardo Mondadori è morto questa mattina a Milano, aveva 56 anni. Il presidente della Casa editrice di Segrate era gravemente malato da tempo. Presidente della Arnoldo Mondadori Editoriale dal 1991, era entrato nell'azienda editoriale di famiglia nel 1972. Lascia tre figli, Martina, Francesco e Filippo. Nel marzo 2002 Leonardo Mondadori aveva annunciato la propria riscoperta della fede in un libro intervista con Vittorio Messori dal titolo «Conversione, una storia personale», pubblicato dalla stessa casa editrice.
    I funerali si terranno lunedì 16 dicembre, alle ore 11, nella parrocchia di San Carlo al Corso. Ne da notizia la famiglia

    ATTIVITA' PROFESSIONALE - Laureato in filosofia nel 1970, Nel '79 è diventato consigliere della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e dall'82 al '91 ha ricoperto la carica di vicepresidente del gruppo Mondadori. Nel 1984 è stato presidente e amministratore delegato di Retequattro e quattro anni dopo ha fondato la sua casa editrice, la «Leonardo Editore». Nel 1991 dopo la cosiddetta «battaglia di Segrate» per il controllo della Mondadori, viene nominato presidente della Casa editrice, carica che ha ricoperto fino alla fine. Leonardo Mondadori aveva ricoperto cariche anche nella Electa e nella Einaudi Gallimard e dal 1997 era vicepresidente della Giulio Einaudi Editore.

    PASSIONE PER L'ARTE - Appassionato di arte e da sempre promotore di eventi artistici e culturali, era dal '96 consigliere della società per le Belle Arti Museo Permanente di Milano e nel '97 è stato presidente della Biennale Internazionale dell'Arte Contemporanea di Firenze. Nel marzo di quest'anno era uscito il libro-dialogo a due voci con Vittorio Messori che aveva venduto oltre 100 mila copie e in cui Leonardo Mondadori raccontava la sua riscoperta della fede.


    Mi dispiace, mi dispiace moltissimo.
    Quel libro mi aveva fatto scoprire la straordinaria umanità di Mondadori. Ne sono certo, è morto col sorriso sulle labbra.

  7. #7
    membro
    Data Registrazione
    07 Mar 2002
    Località
    Como Muggiò
    Messaggi
    6,049
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: E' morto Leonardo Mondadori

    Originally posted by ARI6
    Da www.corriere.it

    [Mi dispiace, mi dispiace moltissimo.
    Quel libro mi aveva fatto scoprire la straordinaria umanità di Mondadori. Ne sono certo, è morto col sorriso sulle labbra.




    Non credo sia un caso che il Signore l'abbia chiamato a sè..

  8. #8
    FIAT VOLUNTAS TUA
    Data Registrazione
    11 Mar 2002
    Località
    Sacro Romano Impero
    Messaggi
    3,748
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dio l'abbia in pace. E' stato un uomo che, quantunque lontano per anni, alla fine a ceduto all'amore di Dio.... mi chiedo chi abbia fatto di più:
    lui in 5 anni, o quelli che danni si dicono cattolici, facendosi una religione tutta per sé, che, alla fine, significa amare qualcuno secondo le NOSTRE volontà, i NOSTRI desideri, e non già come L'AMOTO vuole......

    Non ha importanza rispondere subito alla chiamata, ma rispondere con abbandono. "ECCOMI... sia fatta di me la TUA VOLONTA' ".

    Ricordiamolo nelle nostre preghiere....
    "

  9. #9
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    molto interessante.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 09-09-06, 18:13
  2. La conversione
    Di niocat55 (POL) nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-07-06, 03:34
  3. Conversione
    Di solozero nel forum Cattolici
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30-04-06, 12:31
  4. Conversione
    Di Foa Jr nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-04-06, 10:55
  5. Conversione
    Di Lattanziano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-01-06, 11:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226