User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Dal Festival di Venezia...

    Dopo l'ottimo Magdalen del bravo Mullan(di cui consiglio vivamente la visione non trattandosi minimamente di un film anticlericale, anzi direi molto cattolico)ecco un altro ottimo regista, Larry Clark, già balzato agli onori delle cronache per il bel film "Kids".Purtroppo "Bully", a quanto mi risulta, non è mai stato distribuito qui in Italia

    Dal "IlNuovo.it"

    Buona lettura e sopratutto buona visione

    VENEZIA - Torna lo scandalo al Festival del cinema di Venezia, dopo Magdalene di Peter Mullan, considerato un attacco contro la repressione della Chiesa cattolica.

    Questa volta, lo scandalo si chiama Ken Park. Un film che ha raccolto consensi, ma anche sgomento e che mette in mostra con dovizia di particolari sesso esplicito ed incontri sessuali a tre. Situazioni al limite dell'inverosomile.

    Nel film, l'immagine shock di un rapporto orale tra una mamma e il giovane fidanzato della figlia; un giovane si masturba mentre guarda una partita di tennis in tv; un incontro incestuoso tra padre e figlio.

    Ed infine un' orgia a tre e un ragazzo che si eccita dopo aver ucciso i nonni, colpevoli di annoiarlo.

    Uno scandalo annunciato: la pellicola è diretta dall'americano Larry Clark che già aveva stupito con Kids e Bully.

    Il provocatorio Ken Park, in concorso nella sezione Controcorrente, nelle intenzioni dell'autore, vuole illustrare la gioventù, un po' sfortunata, della provincia americana.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    allevatore
    Data Registrazione
    09 Mar 2002
    Località
    campagna lombardo-veneta
    Messaggi
    4,930
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il tipico film da noleggiare e vedersi con la famigliola la vigilia di Natale.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by asburgico
    Il tipico film da noleggiare e vedersi con la famigliola la vigilia di Natale.
    Perchè no?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking ancora su "Ken Park" pork

    Dal Corriere di oggi

    «Siamo noi la porno-generazione»

    E il regista di «Ken Park» contrattacca: scandalosa è la realtà, non il mio film


    DA UNO DEI NOSTRI INVIATI

    VENEZIA - «Sì, i ragazzi di Ken Park esistono davvero. Nel Texas, lo stato da cui vengo io, ne ho conosciuti molti. Alcune delle loro storie sono finite nel copione. Quella dello strangolamento autoerotico, ad esempio. Una pratica sempre più diffusa tra i giovani americani, un mio amico ci ha lasciato le penne». Senza enfasi, Tiffany Limos, la bella Peaches che nel film di Larry Clark ed Ed Lachman si ribella alle ossessioni di un padre morboso e bigotto facendo sesso affollato, racconta al Lido i dietro le quinte di un set iperrealistico, senz’ombra di fiction.


    «Nessuna controfigura, quello che si vede sullo schermo è quello che è successo davvero. Parlo anche a nome degli altri ragazzi del cast: nudità e sesso non ci turbano. Non ho avuto nessun imbarazzo a girare quelle scene, a farmi toccare da tutti. Siamo una porno-generazione, fin da piccoli ci hanno messo davanti gli sculettamenti di Britney Spears, i nudi continui della pubblicità. La bimbetta di pochi anni che nel film passa pomeriggi solitari guardando in tv le fanciullette in tanga, non ci metterà molto a imitarle. Se il mondo di oggi è questo, non vedo perché il cinema dovrebbe censurarlo». Il suo stesso personaggio, Peaches, di inventato ha solo il nome.


    Racconta Larry Clark, 59 anni, che dopo aver mostrato in Kids tutto quello che l’America non avrebbe voluto sapere sui suoi figli, adesso fa lo stesso strappando il velo sulle vere facce di padri e madri: «Scandaloso e intollerabile non è il mio film ma la realtà. Io non ho fatto altro che denunciarla - sostiene -. Queste violenze accadono in troppe case, spesso insospettabili. E non da ora.


    Quando andavo a scuola, tra gli anni ’50 e ’60, tutti sapevamo di una ragazza che veniva picchiata con la Bibbia da genitori fanatici religiosi. E di un’altra sistematicamente violentata dai cinque fratelli. E di tanti altri che arrivavano in classe con occhi neri e cicatrici per le botte ricevute. Tutti sapevamo, ma nessuno parlava. L’America non vuole mai capire cosa sta dietro ai suoi mali. Le violenze familiari hanno tratti ciclici: chi le subisce probabilmente le infliggerà a sua volta. L’unico modo di spezzare questa catena è portarla alla luce del sole».


    «Il più sconvolto da questo film sono proprio io - prosegue - Come padre di tre figli, come nonno di un nipotino, non posso restare estraneo. La domanda se non stavamo usando violenza ai giovani attori, tutti maggiorenni, ce la siamo posta a lungo. Con loro abbiamo discusso scena per scena. So di aver fatto un film duro ma onesto».


    Sarà difficile vederlo. Negli Usa, dopo tutti i divieti che gli pioveranno addosso, uscirà solo nei canali d’essai. E anche nel resto del mondo non avrà vita facile. Angoscioso e disperato per tutto il tempo, nel finale Ken Park lascia però intravedere un barlume di speranza. «Qualcuno resta sul campo ma altri forse si salveranno: quelli che hanno trovato il coraggio di parlare, di appoggiarsi gli uni agli altri. "Partiremo per altre terre, cercheremo un posto dove tutto questo non accade", si promettono. Forse un sogno, forse un nuovo inizio».

    Giuseppina Manin


    Spettacoli

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Aug 2009
    Messaggi
    809
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking ancora su "Ken Park" pork

    Dal Corriere di oggi

    «Siamo noi la porno-generazione»

    E il regista di «Ken Park» contrattacca: scandalosa è la realtà, non il mio film


    DA UNO DEI NOSTRI INVIATI

    VENEZIA - «Sì, i ragazzi di Ken Park esistono davvero. Nel Texas, lo stato da cui vengo io, ne ho conosciuti molti. Alcune delle loro storie sono finite nel copione. Quella dello strangolamento autoerotico, ad esempio. Una pratica sempre più diffusa tra i giovani americani, un mio amico ci ha lasciato le penne». Senza enfasi, Tiffany Limos, la bella Peaches che nel film di Larry Clark ed Ed Lachman si ribella alle ossessioni di un padre morboso e bigotto facendo sesso affollato, racconta al Lido i dietro le quinte di un set iperrealistico, senz’ombra di fiction.


    «Nessuna controfigura, quello che si vede sullo schermo è quello che è successo davvero. Parlo anche a nome degli altri ragazzi del cast: nudità e sesso non ci turbano. Non ho avuto nessun imbarazzo a girare quelle scene, a farmi toccare da tutti. Siamo una porno-generazione, fin da piccoli ci hanno messo davanti gli sculettamenti di Britney Spears, i nudi continui della pubblicità. La bimbetta di pochi anni che nel film passa pomeriggi solitari guardando in tv le fanciullette in tanga, non ci metterà molto a imitarle. Se il mondo di oggi è questo, non vedo perché il cinema dovrebbe censurarlo». Il suo stesso personaggio, Peaches, di inventato ha solo il nome.


    Racconta Larry Clark, 59 anni, che dopo aver mostrato in Kids tutto quello che l’America non avrebbe voluto sapere sui suoi figli, adesso fa lo stesso strappando il velo sulle vere facce di padri e madri: «Scandaloso e intollerabile non è il mio film ma la realtà. Io non ho fatto altro che denunciarla - sostiene -. Queste violenze accadono in troppe case, spesso insospettabili. E non da ora.


    Quando andavo a scuola, tra gli anni ’50 e ’60, tutti sapevamo di una ragazza che veniva picchiata con la Bibbia da genitori fanatici religiosi. E di un’altra sistematicamente violentata dai cinque fratelli. E di tanti altri che arrivavano in classe con occhi neri e cicatrici per le botte ricevute. Tutti sapevamo, ma nessuno parlava. L’America non vuole mai capire cosa sta dietro ai suoi mali. Le violenze familiari hanno tratti ciclici: chi le subisce probabilmente le infliggerà a sua volta. L’unico modo di spezzare questa catena è portarla alla luce del sole».


    «Il più sconvolto da questo film sono proprio io - prosegue - Come padre di tre figli, come nonno di un nipotino, non posso restare estraneo. La domanda se non stavamo usando violenza ai giovani attori, tutti maggiorenni, ce la siamo posta a lungo. Con loro abbiamo discusso scena per scena. So di aver fatto un film duro ma onesto».


    Sarà difficile vederlo. Negli Usa, dopo tutti i divieti che gli pioveranno addosso, uscirà solo nei canali d’essai. E anche nel resto del mondo non avrà vita facile. Angoscioso e disperato per tutto il tempo, nel finale Ken Park lascia però intravedere un barlume di speranza. «Qualcuno resta sul campo ma altri forse si salveranno: quelli che hanno trovato il coraggio di parlare, di appoggiarsi gli uni agli altri. "Partiremo per altre terre, cercheremo un posto dove tutto questo non accade", si promettono. Forse un sogno, forse un nuovo inizio».

    Giuseppina Manin


    Spettacoli

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 16-09-12, 14:15
  2. Festival di Venezia
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 10-09-12, 22:49
  3. Blasfemia comunista al festival del cinema di Venezia
    Di 100% Antikomunista nel forum Cronaca
    Risposte: 124
    Ultimo Messaggio: 04-09-12, 04:55
  4. Festival di Venezia: festival radical-progressista.
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-09-04, 09:08
  5. Festival di Venezia: pillole e curiosità
    Di S. M. Ejzenstejn nel forum Hdemia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-09-02, 22:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226